Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum
natural killer

[Romanzi A Fumetti 07] Giustizia a Corpus Christi

Messaggi consigliati/raccomandati

Ragazzi Marco Torricelli è un disegnatore di Zagor del quale ha finora realizzato 35 albi compresi il primo Zagorone e il Maxi Il segreto dei Druidi

Ora sta realizzando un episodio del prossimo numero de I racconti di Darkwood, di cui ha reso pubblica in anteprima una tavola bellissima

 

zagor_10.jpg

 

 

 

Però qui si parlava del cartonato di Mastantuono...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Letto. Definirlo floppone sarebbe troppo, però è indubbio, imho, che i suoi soldi non li vale. Belli i colori, il volto di Tex esce dritto da Topolino, tutti con la faccia di

plastica. Si inizia con un linciaggio in fieri e la solita fama di Tex che faceva tremare gli avversari fin dall'asilo. E i soliti due angeli custodi ranger, tanto per fare una fotocopia di nueces valley. Poi immancabile spiegone ex cathedra sulla differenza tra su dillu e su passu torrau, molta action, Sam Willer che alleva Dinamite e fa discorsi da vecchia zitella. Finto linciaggio, uno che usurpa Tex usurpando una stella, vedovella che Sam le rimette pepe. Morte di uno che non c'entrava un piripacchio per dessert. Piacevole ma tortuosa da leggere, tutto sommato non riuscita, solito garbuglio boselliano, copia molto meno riuscita del maxi. Inari mesu frundidu.

Modificato da Wasted Years

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Invece per me un'altra buona prova di Boselli. Mi piace come sta ricostruendo il passato di Tex, questi albi hanno un sapore di "antico", mi ricordano i vecchi Tex che leggevo nei vecchi tempi. Spero che Boselli continui con i prossimi di cui non sappiamo un emerito accidente! Adesso qualche avventura con dinamite, con il rodeo, con Arkanasas Joe che se si era spinto fino al Canada per vendicarlo qualcosa insieme dovevano averla anche combinata, qualche avventura con Kit Carson con il pizzetto nero... Spero che possa variare di tanto in tanto anche l'ambientazione, perché in questi cartonati con questi colori fantastici mi piacerebbe vedere anche un po' di verde, di blu marino, metti anche qualche storiella cittadina. I buchi narrativi nella saga non mancano e se un cartonato serve a spiegarceli, metti il passato di El Muerto come più strampalata delle idee, io sono contento, le possibilità sono sterminate e Boselli mi sembra in uno stato di grazia, nella sua piena maturità.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Una serie,questa dei cartonati,che non mi entusiasma per nulla e 8,90 euro mi sembrano eccessivi per quelle 4 pagine che lo compongono.Tralasciando la storia,ribadisco la mia perplessita su Mastantuono.Non mi e' mai piaciuto e continua a non piacermi per niente manco a colori.Quei volti che disegna non li ho mai capiti...!!!!!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
On 8/3/2018 at 18:22, ymalpas dice:

Invece per me un'altra buona prova di Boselli. Mi piace come sta ricostruendo il passato di Tex, questi albi hanno un sapore di "antico", mi ricordano i vecchi Tex che leggevo nei vecchi tempi. Spero che Boselli continui con i prossimi di cui non sappiamo un emerito accidente! Adesso qualche avventura con dinamite, con il rodeo, con Arkanasas Joe che se si era spinto fino al Canada per vendicarlo qualcosa insieme dovevano averla anche combinata, qualche avventura con Kit Carson con il pizzetto nero... Spero che possa variare di tanto in tanto anche l'ambientazione, perché in questi cartonati con questi colori fantastici mi piacerebbe vedere anche un po' di verde, di blu marino, metti anche qualche storiella cittadina. I buchi narrativi nella saga non mancano e se un cartonato serve a spiegarceli, metti il passato di El Muerto come più strampalata delle idee, io sono contento, le possibilità sono sterminate e Boselli mi sembra in uno stato di grazia, nella sua piena maturità.

 

 

Beh, sono tutte idee possibili e interessantissime. Che faccio? Do retta a te o agli altri che non si  sa bene che cosa vogliano?  Bisognerebbe chiedere loro, uno per uno, quali trame e quali ritorni sono graditi e quali no! Lupe no? La Montoya no? Satania no? E Tesah, che prima sembrava tutti chiedessero a gran voce?! (che abbiano dei problemi con le donne?). Pat sì? Mefisto sì o no? Yama forse no? Proteus chi lo sa? E  Coffin? E Arkansas Joe?

 

Ma secondo voi gli autori di Barman chiedono il permesso ai lettori di riesumare Joker o l'Enigmista?

 

 

safe_image.php?d=AQAM_OK-S_g8f4U_&w=111&
 

Questo è il video delle presentazione, ma c'è molto di più.Ditemi su cosa non siete d'accordo-.

 

 

 

 

Modificato da borden

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

 

 

safe_image.php?d=AQAM_OK-S_g8f4U_&w=111&
 

Questo è il video delle presentazione, ma c'è molto di più.Ditemi su cosa non siete d'accordo-.

 

 

 

 

Tra poco me la guardo tutta :)

Comunque Mauro... è impossibile accontentare tutti.

Se fai qualcosa di nuovo, i tradizionalisti imbracciano i forconi,

Se lasci tutto uguale, in giro poi si dirà che Tex è sempre la solita solfa...

 

Mettendomi nei tuoi panni, direi che non ti invidio :P

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

Ma secondo voi gli autori di Barman chiedono il permesso ai lettori di riesumare Joker o l'Enigmista?

 

Ho capito perché certe volte non capisco cosa scrive, accade che compila le trame di Tex con lo swipe o con il t9, gli autori di Barman, che sarebbe il mio artista preferito specie se bravo a fare i cocktails, posso riesumare chicchessia, senza chiederlo a me, anche se riesumano una bottiglia del 1947, annata famosa per i rossi (che suppongo sarebbe da diluirsi pena bere del petrolio).:D:P

Barman e alcolici a parte, direi che certamente la casa editrice può fare quello che le pare, ma ad alcuni vecchi reprobi impropriamente definiti tradizionalisti appare chiaro che tutta questa segmentazione del mercato sia orientata a moltiplicare l'offerta e non a tenere alta la qualità del Tex per eccellenza, che è per loro l'inedito. Che ormai è uno dei tanti albi, il meno appariscente e, viste le ultime, spesso il meno interessante. Segmentare il mercato in un mercato di collezionisti significa tirare il collo a chi colleziona e non cercare di attirare nuovi lettori, è evidente. E sentirsi mucca da mungere e non lettore con cui scusarsi per aumenti inevitabili fa rimpiangere il Sergione. Dite quello che volete, ma è così.

 

Riguardo al passato direi che una storia ambientata nel nueces ogni anno sarebbe gradevole, stare sempre su questo "balla de riu" per me è una esagerazione, il revival va bene con misura. Siamo stati abituati così, se vedessi 6 storie di Mefisto ogni anno direi che inizierei a pensare ad un inflazionamento.

Chiaramente sono sempre il solito esagerato, no?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
On 8/3/2018 at 15:48, Wasted Years dice:

Letto. Definirlo floppone sarebbe troppo, però è indubbio, imho, che i suoi soldi non li vale. Belli i colori, il volto di Tex esce dritto da Topolino, tutti con la faccia di

plastica. Si inizia con un linciaggio in fieri e la solita fama di Tex che faceva tremare gli avversari fin dall'asilo. E i soliti due angeli custodi ranger, tanto per fare una fotocopia di nueces valley. Poi immancabile spiegone ex cathedra sulla differenza tra su dillu e su passu torrau, molta action, Sam Willer che alleva Dinamite e fa discorsi da vecchia zitella. Finto linciaggio, uno che usurpa Tex usurpando una stella, vedovella che Sam le rimette pepe. Morte di uno che non c'entrava un piripacchio per dessert. Piacevole ma tortuosa da leggere, tutto sommato non riuscita, solito garbuglio boselliano, copia molto meno riuscita del maxi. Inari mesu frundidu.

Continuo a non capire il tuo astio per Tex Giovane, WY, è un'ottima storia che vale di più del prezzo cartonato. Per me risulta un'ottima prova del grande Borden e ti dico di più, visti i recenti standard del mensile, ben vengano queste grandi storie...

Modificato da JohnnyColt

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
26 minuti fa, JohnnyColt dice:

Continuo a non capire il tuo astio per Tex Giovane, WY, è un'ottima storia che vale di più del prezzo cartonato. Per me risulta un'ottima prova del grande Borden e ti dico di più, visti i recenti standard del mensile, ben vengano queste grandi storie...

Ti invito formalmente ad evitare di scrivere in questo modo. Astio è una brutta parola che significa " Sentimento di malanimo e di rancore covato verso persona da cui si ritiene d'avere ricevuto gravi torti, o causato da invidia o gelosia". Tu puoi capire o non capire, di questo poco mi importa,  ma non puoi accusarmi in questo modo di prevenzione. Anzi, mi aspetterei un intervento della moderazione. Forse hai scritto in buona fede, allora se non conosci un termine, evita di usarlo nei miei confronti.

Abbi pazienza ma occorre stoppare subito chi inizia in questa modalità.  Per aver lasciato correre nella mia vita molto spesso ho dovuto pentirmi.

Ciò premesso, io ritengo questa storia abbastanza noiosa, nonostante la durata, e ho chiaramente odiato la parte riguardante Sam Willer. Mi ricorda moltissimo la rappresentazione brufolotica di Piccolo Falco ed è un personaggio che con questo uso considero rovinato. Non mi piace la caratterizzazione

Un'altra critica che posso muovere è la seguente:

image.thumb.png.c5e98f15d23a0999220512536ffc5ed4.png

 

Ho letto questa pagina una decina di volte prima di capirla, e stento ancora a capirla adesso che ho letto diverse volte l'albo.  Si parla di gente che ancora non è saltata fuori e si dà una spiegazione alquanto fumosa sul perché si debba fare fuori Tex. Personalmente trovo passaggi simili in tutte le opere tanto decantate di Boselli. Diceva il mio maestro Roberto Giobbi che occorre molto lavoro per rendere semplice qualcosa, qua di questo lavoro non si trova traccia. Non sono riuscito spesso a capire quale vignetta seguisse ad una precedente, e tutto sommato la storia è una "diferencia entre guardame las vacas" (tanto per imitare lo stile dell'albo) di Nueces Valley.

 

 

Modificato da Wasted Years

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Wasted Years dice:

Ti invito formalmente ad evitare di scrivere in questo modo. Forse hai scritto in buona fede, allora se non conosci un termine, evita di usarlo nei miei confronti.

Ciò premesso, io ritengo questa storia abbastanza noiosa, nonostante la durata, e ho chiaramente odiato la parte riguardante Sam Willer. 

Un'altra critica che posso muovere è la seguente:

image.thumb.png.c5e98f15d23a0999220512536ffc5ed4.png

Discorso linguistico a parte, che non voleva affatto offendere, continuo a non comprendere il tuo problema. Non mi sembra che abbia nulla, la tavola da te postata, come mi sembra stranissimo il tuo odio verso la parte di Sam, parte che io ritengo la migliore di tutto l'albo e che da vera verve ad una comunque ottima storia. Davvero non riesco a capire queste uscite, mi piacerebbe davvero comprenderle per vedere la storia da un punto di vista differente ma non riesco.

Anzi, ti dirò di più: in questi ultimi due cartonati ho annusato davvero tantissimo del Tex delle origini. 

Modificato da JohnnyColt
Completezza

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Amico mio, continui a usare termini che non  mi piacciono. Odio di che? Le uscite incomprensibili sono le tue, non le mie. Non ho capito perchè dovrei spiegarti io le tue sensazioni. La tavola che ho postato è un esempio perclaro di discorso oscuro e noioso, ma ciò che davvero non mi quadra è:

1) non vedo perché la mia opinione debba essere definita un mio problema, io sono in pace con me stesso

2) non capisco perché, se la tua comprensione è limitata come da tua ammissione, mi debba preoccupare io.

Io non riesco a capire perché diavolo non rispetti le opinioni che non combaciano con la tua. Non sarai un cattivo soggetto ma è l'ennesima volta che quando parli percepisco una certa asprezza di tono, quasi fossi in posizione UP rispetto al prossimo.

Non credo che perderò ulteriore tempo nel rispondere ad argomentazioni che suonano "il tuo pensiero non combacia con il mio, e non riesco a capire come possa essere tu tanto stolto da pensare quello che pensi", ti auguro una buona prosecuzione di forum.

Edito perché non avevo visto il tuo edit: manco nei sogni più rosei in questo cartonato c'è il Tex delle origini, c'è la vulgata boselliana dello stesso, che non è affatto lo stesso.

 

Modificato da Wasted Years

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Va a finire che questa sera me lo leggo questo dannato cartonato.

WY, non credo che Johnny voglia venire alle mani con te, è che non ti conosce

e con te bisogna stare mooooolto attenti a come si scrive,

perché la forma e la sostanza spesso non coincidono.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Un altro tassello della gioventù di Tex, che tra qualche tempo rileggeremo 'in fila' con gli altri scritti da GLB, SB e Boselli stesso 

Come per il cartonato precedente, si vede che - come anche nel Magnifico Fuorilegge - Boselli si diverte a scrivere con più libertà rispetto al tex maturo, recuperando anche una certa spregiudicatezza tipica non solo dell'età anagrafica di un Tex ventenne ma anche dell'incisività dei dialoghi del tex delle origini di GLB (dove anche il formato a 'striscia' obbligava ad essere più concisi possibile, per poter portare a casa la pagnotta. Non ho avuto alcuna difficoltà a seguire il dipanarsi della storia, incluso il finale che a qualcuno ha lasciato perplesso: in realtà si trattava dell'ultimo superstite della banda, che Tex non ha riconosciuto per non averlo mai visto da vicino, mentre invece il fuorilegge lo riconosceva eccome per avergli sparato addosso più di una volta. 

Superlativa la resa grafica, sia per il formato alla francese che fuoriesce del tutto dalla gabbia bonelliana e sia per la prestazione di Mastantuono, che ha trovato la sua dimensione definitiva nel rendere sia il west che il giovane Tex, come avevano fatto Andreucci ed Alberti prima di lui, e superlativa anche la resa dei chiaroscuri - ambientazioni notturne, diurne, e crepuscolari - che della colorazione. La serie del cartonato costa quel che costa ma effettivamente sono (con qualche eccezione, che comunque non scende sotto la media) dei piccoli gioiellini.

 

Storia: 7+

Resa grafica (quindi non solo i disegni in sè e per sè): 8,5

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 minuto fa</span>, Dix Leroy dice:

Va a finire che questa sera me lo leggo questo dannato cartonato.

WY, non credo che Johnny voglia venire alle mani con te, è che non ti conosce

e con te bisogna stare mooooolto attenti a come si scrive,

perché la forma e la sostanza spesso non coincidono.

La forma è sostanza. Se uno mi dice che non è d'accordo con me gli offro una birra. Se uno mi dice che non si capacita di come possa avere io pensato una tale aberrazione finisce che gliela verso in testa. Leggila perchè è interessante, ho specificato sopra che anche io ci vedo una certa brillantezza nella scrittura di questa storia, ma la trovo meno lineare di Nueces Valley, molto meno immediata e disegnata in un modo che non comprendo.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ripropongo due tuoi messaggi:

<span style="color:red;">3 ore fa</span>, Wasted Years dice:

Ciò premesso, io ritengo questa storia abbastanza noiosa, nonostante la durata, e ho chiaramente odiato la parte riguardante Sam Willer.

 

<span style="color:red;">48 minuti fa</span>, Wasted Years dice:

Amico mio, continui a usare termini che non  mi piacciono. Odio di che? Le uscite incomprensibili sono le tue, non le mie.

 

Ti ho detto che non comprendo la tua posizione ma che mi piacerebbe capirla. Non sono stato nè acido nè tantomeno polemico perciò io mi fermo qua in questa polemica che non mi appartiene. Mi scuso con te se hai percepito arroganza o altro nel mio discorso pacifico.

Buona Giornata

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Prima di tutto una cosa che mi diverte da tempo:

Mentre sto facendo mille cose con il pc, ogni tanto stacco leggendo le varie discussioni in questo sito.

Apro e ogni tanto trovo nelle notifiche che "Tizio ti ha citato" e penso sempre:

"Questo mi ha denunciato (citato in giudizio)" e ora mi ci toccherà litigare!

Io per esempio ho imparato a conoscere Wasted Years che non è cattivo

(o un troll), ma si incendia con una semplice parola buttata lì.

Mi ha spiegato che non è sua una deformazione professionale (come in effetti pensavo),

ma è proprio fatto così. Come io che non mi incendio facilmente, ma quando succede

è dura per tutti, soprattutto per me che odio odiare.

Conosco una persona (laureato, di alto profilo, ottima posizione, abbiamo solo fatto la naia assieme)

che è impossibile non litigarci assieme: al primo aggettivo

o avverbio o verbo coniugato male ti dichiara guerra termonucleare.

Poi scopre, con tanta fatica, che eravamo della stessa opinione.

Per il cartonato: è una gioia per i miei occhi di vecchio fumettaro,

ma dietro c'è anche una storia e quindi occorre sedersi nella poltrona,

evitare qualsiasi distrazione e immergercisi dentro.

Poi ti (vi) saprò dire cosa ne penso io.

 

  • Mi piace (+1) 1

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Just now, JohnnyColt dice:

 

 

 

Ti ho detto che non comprendo la tua posizione ma che mi piacerebbe capirla. Non sono stato nè acido nè tantomeno polemico perciò io mi fermo qua in questa polemica che non mi appartiene. Mi scuso con te se hai percepito arroganza o altro nel mio discorso pacifico.

Buona Giornata

Va bene, ne prendo atto. Non ho voglia di polemizzare manco io. Sono forse troppo suscettibile in questo periodo e posso rivelarmi appiccicoso. Dipende dalla vita, suppongo.

Lasciamo cadere la questione e ti porgo le mie scuse se sono stato eccessivo.

A risentirci.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Nella cover di Mastantuono nessuno ha notato che ci sono delle cose che non quadrano?

L'ombra della manica di Tex come fa a esserci con il sole alle spalle? Il fucilino striminzito, come quelli che ci portava Santa Lucia nelle mani di Dan Bannion. E le pistole di Tex che sembrano così diverse l'una dall'altra. In più come fanno ad usarle con quegli spessi guanti da lavoro che ricoprono le loro mani, quelli per intenderci che Kit Willer dovrebbe ma non usa quando cattura con il lazo lo stallone selvaggio ne "La prigioniera derl deserto" con Tiger che gli dice che rischia di rompere l'osso del collo all'animale? Vogliamo scherzare, vero? E la fondina con pistola di Jim Callahan dove appoggia? Sembra essere sospesa per aria. 

A Pag. 21 Bannion sembra avere mezzo volto coperto dalla maschera di Zorro. In più in certe inquadrature il volto del giovane Tex mi sembra alquanto caricaturale (Pag. 10-11-16-17).

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">10 ore fa</span>, Letizia dice:

 

WY, non sono d'accordo con te.

Neanch'io. In quanto ai nemici di Barman, in effetti mi sono sbagliato: sono la bellissima e letale Tequila Sunrise, il disperato comunista Cuba Libre e il rozzo, implacabile Sprizz!:P

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

ess, ma tutti assetati? In Sardegna odiamo i conti dispari delle birre, se uno offre una birra l'altro a sua volta offre una birra, ma il primo si scoccia perché toccava a lui e per pareggiare i conti mi è successo di mollare la macchina e chiamare un taxi. Nei luoghi dove i taxi ci sono, perché ho dovuto fare anche chilometri a piedi senza reggermi in piedi. Alla prima occasione prenderemo tutti pensione vicino al ristorante.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Contenuto simile

    • Da natural killer
      Un vecchio rivale dei tempi del rodeo… Un nemico dimenticato…
      TEX
      N° : 695
      Periodicità: mensile
      L'ULTIMA VENDETTA
      uscita: 07/09/2018
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Giovanni Ticci
      Copertina: Claudio Villa
      Colori: Oscar Celestini

      Kit salva un ragazzo Pima aggredito nella riserva Navajo… E Tex rievoca i tempi in cui, concorrendo nel rodeo di Laredo, cercava di strappare la palma di campione al famoso Moss Keegan… La rivalità tra loro sfocia in aperto scontro. Braccato dalla legge per colpa del bieco sceriffo Mallory, Tex ritrova Keegan sulla sua strada. Come amico o come nemico? E riuscirà Tex a compiere l’ultima vendetta su Mallory, complice degli assassini del fratello Sam? Un albo a colori del grande Ticci per festeggiare degnamente il settantennale di Tex!
       
       
       
       

       
       
       

       
       

       
       

       
  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.