Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum
natural killer

[Maxi Tex N.22] La grande corsa

Messaggi consigliati/raccomandati

La storia alla fine non è male e l'assassino misterioso la rende stuzzicante; per quanto riguarda i disegni rispetto per l'artista ma a me non sono proprio piaciuti, le tavole di "Alaska" in confronto erano un capolavoro.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Leggere un fumetto disegnato da Diso per me è come reincontrare un vecchio amico (è lo stesso effetto che mi faceva Ferri, e che mi fa Ticci) e quando ritrovo il suo segno peculiare e inconfondibile io sono sempre contento.

Detto ciò, questioni affettive a parte, non si può negare che nelle sue tavole, a 86 anni suonati, vi sia oggettivamente un vistoso calo, ma per me il disegnatore romano è ancora efficace: nonostante alcune (poche) vignette venute proprio male e nonostante la sua pennellata abbia perso in precisione e fluidità il suo storytelling è sempre pulito ed efficace. Se questa storia si legge piacevolmente per me è merito anche della parte grafica che non si perde in inutili orpelli e preziosismi (come ormai fanno tanti disegnatori di Tex ) ma punta dritta al sodo, mettendosi al servizio del racconto. Peccato solo che alcuni visi di Tex siano stati rifatti (male) dalla redazione, che inoltre deve avergli detto di disegnare Tex sempre con il cappello visto non se lo toglie nemmeno al saloon.

 

La storia mi è sembrata ispirata al film western ‘Stringi i denti e vai’,  però a differenza del film tralascia l’introspezione psicologica a favore della pura azione, il che ovviamente non è un problema. Ruju giostra la trama da diversi angolazioni ma per me alla fine si incarta: se il killer è l’ex-cacciatore di taglie chi ha ucciso marito e moglie del trading post? E’ se è stato lui chi li ha seppelliti? E l’indiano quindi era o non era suo complice? E’ solo una mia impressione o in questa storia la coerenza narrativa è andata a farsi benedire e ci sono buchi logici grandi come crateri?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Arrivo, come al solito, in ritardo a commentare il maxi Tex di Ruju e Diso. Che dire, la storia è davvero molto bella (ma con un difetto, rilevante, di cui dirò dopo), è coinvolgente, parte da un’idea originale e la sviluppa in una lunga avventura che si legge piacevolmente. Il punto di forza, tra gli altri, è l’intrecciarsi di due trame principali - la grande corsa con l’antagonista principale, evidente fin dalle prime tavole, e la sottotrama del killer misterioso. Bello anche il ruolo riservato a Carson, che una storia del genere rischiava di lasciare a margine con le mani in mano ma ha invece un ruolo decisamente attivo.

 

Sui disegni si è già detto molto, e anch’io li ritengo scadenti. Peccato perché il tratto di Diso non mi dispiace affatto, ma qui si percepisce davvero frettolosità e mancanza di cura per le tavole. A volte si fatica a riconoscere alcuni personaggi, che cambiano fisionomia da una tavola all’altra; c’è una mancanza quasi totale di dettagli, sfondi, e cura dei particolari.

 

La storia ha un solo, grande problema, che nasce dalla volontà (evidente in molte delle storie di Ruju e Faraci) di voler a tutti i costi inserire un colpo di scena, o plot twist che dir si voglia, che ribalti le carte in tavola e lasci di stucco il lettore. Ecco, questa ricerca a tutti i costi del colpo ad effetto, spesso - come in questo caso - si risolve soltanto in una forzatura. Qui si vuole cercare di mantenere fino all’ultimo l’incertezza sull’identità dell’assassino misterioso, confondendo le carte e inserendo un ribaltamento finale che, oltre che poco credibile, crea delle incongruenze con quanto narrato in precedenza.

@Leo ha ben spiegato questo punto nel suo post qui sopra. Alle sue perplessità, ne aggiungo una: l’uccisione della coppia che gestisce il trading post, nella notte dopo che il gruppo si è ormai allontanato, è del tutto incomprensibile. Se Mad Cat e Remo Bryant sono rimasti insieme dopo aver lasciato il trading post, come ha fatto il secondo ad assassinare la coppia senza che il primo se ne accorgesse? E perché i due sono tornati indietro, perdendo tempo prezioso (ore, verosimilmente) nei confronti degli altri concorrenti? Per me questa scena non sta proprio in piedi. E in un giallo una cosa del genere non è ammissibile: il lettore si crea un’idea di chi possa essere l’assassino sulla base degli indizi seminati dall’autore, ma qui uno arriva alla fine della lettura con la sensazione che l’autore abbia barato.

 

Nonostante questo, la storia mi è piaciuta lo stesso, l’idea di fondo è ottima e la narrazione di Ruju è coinvolgente e divertente. Peccato  solo per quelli che a mio avviso sono difetti di costruzione della storia.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto con ritardo questa storia perché i disegni non invitavano certo alla lettura.... il tratto quasi "abbozzato" di alcune tavole fa pensare ad un lavoro svolto di fretta (e male). Che senso ha far diventare biannuale il maxi per poi presentare certi obbrobri? Inoltre la storia merita appena la sufficienza. Io proporrei il maxi ogni due anni... Forse riusciremmo a leggere (e vedere) qualcosa di meglio. Giudizio: il peggior Maxi di sempre.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">4 ore fa</span>, Landi dice:

Inoltre la storia merita appena la sufficienza.

Giudizio: il peggior Maxi di sempre.

Che senso hanno questi commenti superflui e radicali? Sui disegni inappropriati siamo d'accordo quasi all'unanimità ma valutare la storia con una misera sufficienza è a dir poco assurdo! Rispetto il parere di ogni persona ma almeno mi piacerebbe sapere come mai valuti questo albo come il peggior Maxi di sempre. Quali sono i pro e i contro della, a mio avviso, bella e innovativa storia?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Se parliamo dei disegni, a mio parere quelli dell'ultimo Ortiz erano peggiori , se parliamo dei testi, ci sono certi obbrobri di Nizzi su cui è meglio calare un velo pietoso. 

Come storia è decisamente molto carina con dei disegni ancora accettabili seppur a malapena sufficienti, quindi non è il peggior Maxi di sempre.

  • Mi piace (+1) 1

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">19 minuti fa</span>, Carlo Monni dice:

Se parliamo dei disegni, a mio parere quelli dell'ultimo Ortiz erano peggiori , se parliamo dei testi, ci sono certi obbrobri di Nizzi su cui è meglio calare un velo pietoso. 

Come storia è decisamente molto carina con dei disegni ancora accettabili seppur a malapena sufficienti, quindi non è il peggior Maxi di sempre.

Come già analizzato, la maggior parte delle tavole secondo me è fin troppo abbozzata per raggiungere la sufficienza ma la minoranza è talmente ben fatta da riuscire a compensare un pochettino. Alcune tavole dell'ultimo Ortiz, che a me è sempre piaciuto, lasciavano effettivamente l'amaro in bocca e forse sono qualitativamente inferiori rispetto a questo Maxi. La storia poi alza la media dell'albo perciò continuo a conordare sul fatto che non sia il peggior Maxi di sempre.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">15 ore fa</span>, JohnnyColt dice:

Che senso hanno questi commenti superflui e radicali? Sui disegni inappropriati siamo d'accordo quasi all'unanimità ma valutare la storia con una misera sufficienza è a dir poco assurdo! Rispetto il parere di ogni persona ma almeno mi piacerebbe sapere come mai valuti questo albo come il peggior Maxi di sempre. Quali sono i pro e i contro della, a mio avviso, bella e innovativa storia?

Tex che è sempre attaccato alla gonna della concorrente (non ricordo il nome non me ne vogliate), una persona che per vendicarsi cerca l'albero genealogico dell'assassino dei suoi cari... Una gara di miglia e miglia in cui si fa solo lo sprint finale... Basta cosi?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">18 ore fa</span>, Dix Leroy dice:

Siccome Diso sforna a getto continuo, con due Maxi all'anno almeno ne abbiamo uno

non disegnato da lui!

In questo momento però Diso NON sta facendo Tex, bensì Mister No (fonte: la pagina FB del pilota ;)), anche se pare che le storie a sua firma ancora in giacenza siano ben tre... :)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Allora, mi sono deciso questo pomeriggio ad affrontare il Maxi.

Per la storia, i dialoghi e i personaggi niente da dire, non ho mai sbadigliato

(le storie lunghe che piacciono alla maggioranza, spesso mi sanno solo di scene allungate ad arte)

e nei maxi mi succede raramente. Il colpo di scena  e i falsi indizi li ritengo ben congegnati.

Guardando con attenzione l'aspetto grafico (prima avevo solo sfogliato il volume)

ho notato che SE Roberto Diso si attarda su una vignetta la sa ancora rifinire.

Il problema è che vuole al più presto passare a quella successiva, tanto che

in redazione si è ritenuto necessario rifare qualche volto, soprattutto di Tex e Carson

(in maniera minore), non mi sembra che nei precedenti suoi lavori fosse stato necessario.

Le mani dei grafici impegati sono a mio parere molti e nessuno ha saputo "rifare" Diso

(una volta c'erano imitatori migliori), ma quei Tex estranei mi sono molto piaciuti

(non gli indiani della quarta vignetta di pag. 147, così sono capace anche io!),

in particolare l'ultima vignetta di pag 127 che sicuramente non può essere di Diso.

So di dire una vaccata, ma se facessero fare al maestro solo le matite lui si 

annoierebbe di meno (e forse produrrebbe ancora di più), e si potrebbero svezzare

nuove leve alle chine, purché poi non si ripeta lo scempio di "Alaska!".

Ribadisco che quando Diso riproduce paesaggi, bestie e animaletti è un grande,

le marmotte di pag. 239 sono adorabili e mi sono fermato un bel pezzo ad ammirarle.

Modificato da Dix Leroy

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Contenuto simile

    • Da natural killer
      Due pesi e due misure sulla bilancia della giustizia!
      COLOR TEX
      N° : 13
      Periodicità: semestrale
      PIOMBO E ORO
      uscita: 07/08/2018
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Sandro Scascitelli
      Copertina: Claudio Villa
      Colori: Oscar Celestini

      Prima di oltrepassare il Rio Grande con il bottino, Channing fa piazza pulita dei suoi complici grazie al suo braccio destro, lo spietato tiratore di precisione Krauser. In Messico, ad accoglierlo a braccia aperte, c’è il suo socio Malvado. I due spadroneggiano su una misera cittadina di contadini, costringendo i poveri peones a lavorare nella miniera d'oro nella quale hanno investito il frutto delle loro malefatte. Ma sulla loro pista ci sono Tex Willer e Kit Carson, pronti a trasformare l'oro insanguinato in piombo rovente!
       

       
       

       
       

       
       

       
    • Da natural killer
      Il passato del fantomatico Mister π!
      TEX
      N° : 693
      Periodicità: mensile
      IL RITORNO DI PROTEUS
      uscita: 07/07/2018
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Bruno Ramella
      Copertina: Claudio Villa

      Proteus evade dal carcere di Yuma e torna a intessere la sua fitta trama di intrighi… Tex Willer e Kit Carson giungono a Flagstaff seguendo la pista di sangue mascherata dai suoi tranelli e dai suoi travestimenti, mentre riaffiora il drammatico passato e l’educazione criminale dell’inafferrabile uomo dai mille volti!

       

       

      http://www.sergiobonelli.it/tex/2018/06/06/albo/il-ritorno-di-proteus-1002995/
       
      Il ritorno di Proteus, ma anche il passato di Mister π
       
      Mettiamoci comodi!
    • Da natural killer
      Johnny Wharton è diviso tra due mondi, quello dei bianchi e quello degli Apaches!
      TEX
      N° : 691
      Periodicità: mensile
      CUORE APACHE
      uscita: 08/05/2018
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Yannis Ginosatis
      Copertina: Claudio Villa

      Un ragazzo indiano rimasto orfano e allevato da una famiglia bianca dell’Est torna in Arizona. Johnny vuole ritrovare le tracce del suo passato. S’imbatte invece in Tex, Carson e Cochise, e, diventato agente provvisorio di una riserva indiana, si batte con loro contro i bianchi corrotti. Ma il destino sta per bussare alla porta…
       
      http://www.sergiobonelli.it/tex/2018/04/04/albo/cuore-apache-1002712/
       
       




  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.