Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum
paco ordonez

La serie regolare è alla canna del gas?

Messaggi consigliati/raccomandati

Grazie signor Monni della doverosa precisazione. Da come è stato scritto nella storia: Generale Tippecanoe senza Old e senza virgolette non si capiva bene il riferimento. Per quanto riguarda la faccenda del saputello so che lei è uno che ricorda tutto di Tex, anche quando in una vecchia avventura c'erano di mezzo i quaccheri piuttosto che altra confessione religiosa. Vuol dire che casomai fossi in difficoltà con le citazioni farò riferimento alla sua cultura enciclopedica.

A questo proposito mi chiedo se si sia accorto di un errore dovuto forse a GLB o al letterista nell'avventura con la Wild Bunch, che non è mai stato emendato nelle successive ristampe.

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quindi non se ne è accorto, ma non è importante ai fini di questo topic. Invece ci terrei a sentire la sua opinione in merito alla situazione sceneggiatori, oggetto di discussione proposto da Paco Ordonez.. Stante le sue entrature nella casa editrice magari se ne è fatto un'idea più precisa.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">11 minuti fa</span>, Kershaw dice:

Quindi non se ne è accorto, ma non è importante ai fini di questo topic. Invece ci terrei a sentire la sua opinione in merito alla situazione sceneggiatori, oggetto di discussione proposto da Paco Ordonez.. Stante le sue entrature nella casa editrice magari se ne è fatto un'idea più precisa.

A che gioco giochiamo? Se citi un dettaglio ne fai partecipi tutti, altrimenti che entri a fare in un forum? O abbiamo trovato il fenomeno?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
21 minuti fa, Kershaw dice:

Quindi non se ne è accorto, ma non è importante ai fini di questo topic. Invece ci terrei a sentire la sua opinione in merito alla situazione sceneggiatori, oggetto di discussione proposto da Paco Ordonez.. Stante le sue entrature nella casa editrice magari se ne è fatto un'idea più precisa.

 

Non ho tutte le entrature che credi.. Quanto alla mia opinione ... questa discussione è assurda. L'intera serie di Tex sta vivendo un periodo di vitalità notevole, la qualità generale delle storie è a livelli elevati come non accadeva da quasi trent'anni. Ci sono storie meno buone e questo è inevitabile ma ribadisco che il livello è alto.

Ovviamente il giudizio è sempre soggettivo ed influenzato dai propri gusti etc. Uno come Wasted Years, che non apprezza lo stile di Boselli, la vedrà all'opposto del ì al quesito del titolo del topic.sottoscritto e magari sarà pronto a rispondere sì.

Chiarisco che a me quello che scrive Boselli piace quasi sempre. In  quasi 24 anni che è su Tex  credo di non aver trovato mai una storia sua che fosse brutta. Qualcuna più deludente di altre magari ma brutta no.. Dopo una falsa partenza su due Almanacchi Ruju ha realizzato storie sempre di buon livello, trovo che Manfredi sia bravissimo e mi sono piaciute anche le ultime che non hanno fatto storcere il naso a qualcuno.

Dei nuovi sceneggiatori o aspiranti tali riparleremo domani... anzi tra qualche ora ...  con calma.

 

3 minuti fa, Wasted Years dice:

A che gioco giochiamo? Se citi un dettaglio ne fai partecipi tutti, altrimenti che entri a fare in un forum? O abbiamo trovato il fenomeno?

 

Oddio, prepariamoci all'Apicalisse: sono d'accordo con te.:lol::P

Modificato da Carlo Monni

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ma qui uno arrivato fresco fresco sul forum come prima cosa si mette a far le pulci a presunti errori di Boselli (avendo letto a fondo la "Storia del West", sia chiaro), e sbagliando pure la correzione!, in un topic che non c'entra un fico secco e in cui si parla di tutt'altro?

 

Cerchiamo di non dar seguito a questi interventi puramente provocatori, dai. Ho detto prima che facciamo chiacchiere da bar, ma non siamo mica allo stadio.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">8 minuti fa</span>, pecos dice:

Ma qui uno arrivato fresco fresco sul forum come prima cosa si mette a far le pulci a presunti errori di Boselli (avendo letto a fondo la "Storia del West", sia chiaro), e sbagliando pure la correzione!, in un topic che non c'entra un fico secco e in cui si parla di tutt'altro?

 

Cerchiamo di non dar seguito a questi interventi puramente provocatori, dai. Ho detto prima che facciamo chiacchiere da bar, ma non siamo mica allo stadio.

 

Forza Juve!!!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, Carlo Monni dice:

Per la cronaca, William Henry Harrison, il vincitore della battaglia di Tippecanoe e Presidente degli Stati Uniti per circa un mese era soprannominato Old Tippecanoe e questo soprannome era usato anche durante la sua campagna elettorale del 1840, quindi non  c'è nessun errore di Boselli.

Grazie, Carlo.Ovviamente Kershaw ignora molte cose ed è un saputello, oltre a essere un malignetto che fa discutibili e penose illazioni.Ruju sarebbe un mediocre e uno yes man? E Nizzi? Andiamo! E ho citato tra quelli che si cimentano i nomi di Mignacco e di Rauch. Se pensi che siano dei mediocri, vaglielo a dire in faccia...  B)

 

Certo se, putacaso, in via del tutto ipotetica, noi della Casa editrice si fosse chiesto a qualcuno di scrivere Tex, e questo, qualcuno avesse risposto: lo  faccio sì, ma a modo mio, voglio assoluta carta bianca e senza sottostare ad alcun curatore, che cosa, sempre del tutto in via ipotetica, avrebbe risposto, non il curatore, ma la Casa editrice nelle persone dei suoi tre Direttori? Un caso Serpieri c'è già stato e resta un unicum. Se si ripete, io mi dimetto e i piedi li scaldo in montagna tra una sciata e l'altra!:lol:

 

 

11 ore fa, Dix Leroy dice:

 

Io ho espresso una opinione e lui la sua.

Mi ha spiegato meglio cosa è Tex per lui e quindi so meglio cosa aspettarmi.

D'altra parte Nizzi non amava il "filone magico" e ha cresciuto una generazione

che è dello stesso parere. Per me Tex dovrebbe essere di più, ma vedo che è

radicata l'idea che il fantastico è per Zagor, il sovrannaturale è Dampyr,

la cultura indiana è Magico Vento, l'orrore è Dylan Dog, il giallo è Julia.

Tex dovrebbe essere tutto invece è solo il west.

Ma io l'ho visto sparare ai dinosauri, alle mummie e alle anaconde giganti

e conoscere usi e costumi e tradizioni di tutte le tribù indiane.

Mi spiego meglio.Io  ADORO la cultura indiana, quella vera, che comprende anche  Dog Soldiers, le armi, le costruzioni., gli Anasazi, la magia,. la caccia, la mitologia, i diversi abbigliamenti, le storie, le favole e i discorsi,. ecc...

Detesto la cultura indiana cosiddetta quando è rivista alla luce delle credenze new age tipo il cerchio magico, i quattro punti dell'universo, il panteismo, il peyote ecc.., che mettono d'accordo  gli opposti estremismi, e che a me, sinceramente, fanno... Mi fermo qui. 

 

 

Modificato da borden

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Probabilmente non ho capito bene le regole d'ingaggio del forum. Dalle parole di Pecos mi pare chiaro che vige l'Ipse Dixit, quindi guai a criticare l'operato del Boselli nazionale.

Non mi pare di avere usato epiteti nei confronti dei partecipanti o di essere stato maleducato, in compenso mi sono visto dare del saputello, fenomeno, malignetto che fa discutibili e penose illazioni.

A Borden rispondo così: "Quando parlano di te non devi capire chi sei tu, ma chi sono gli altri". Sei un esperto in filosofia, quindi sai chi è l'autore. Un consiglio spassionato: riposa, perché hai l'aria stanca (nell'incontro hai fatto la battuta su una tua prossima pensione, no?) e ti vedo sull'orlo di una crisi di nervi.

Quanto a Pecos: se la citazione fosse stata corretta non l'avrei di certo segnalata. In compenso mi è parso di capire che a te nonché ad Andrea67 "La Storia del West", una delle migliori serie che la Bonelli abbia mai editato con uno sceneggiatore da urlo, D'Antonio, non sia piaciuta. Peccato!

Per WY: non ho dato seguito alla faccenda dell'errore in "Morte nella neve" perchè non vorrei che dopo avermi dato del fenomeno anche tu mi tacciassi di essere un saputello, senza peraltro sapere chi ci sta da questa parte. Comunque non ho alcun problema a segnalartelo: a pag. 146 dell'edizione di Repubblica in due vignette si parla di "Deal Charley" personaggio realmente affiliato alla Wild Bunch. Trattasi di O.C. Hanks (Orlando Camilla Hanks aka Charley Jones) il cui nickname era "Deaf Charley" visto che era sordo da un'orecchia. 

Svista di GLB, refuso del letterista? Quien sabe!

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

A me sembra che il nuovo utente sia un pochino provocatorio. 

 

Anche a me la discussione mi sembra che sia un po' pessimista, come già scritto in precedenza. In ogni caso a dicembre 2018 potremmo fare un bilancio di questo settantesimo e secondo me sarà un'annata positiva, al più cominciata in sordina.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">48 minuti fa</span>, Kershaw dice:

Per WY: non ho dato seguito alla faccenda dell'errore in "Morte nella neve" perchè non vorrei che dopo avermi dato del fenomeno anche tu mi tacciassi di essere un saputello, senza peraltro sapere chi ci sta da questa parte. Comunque non ho alcun problema a segnalartelo: a pag. 146 dell'edizione di Repubblica in due vignette si parla di "Deal Charley" personaggio realmente affiliato alla Wild Bunch. Trattasi di O.C. Hanks (Orlando Camilla Hanks aka Charley Jones) il cui nickname era "Deaf Charley" visto che era sordo da un'orecchia. 

Svista di GLB, refuso del letterista? Quien sabe!

 

Io non ti ho dato del fenomeno, ho solo detto che questo modo di interagire in un forum non è corretto e mi domandavo se avessi deciso di discutere con noi o se avessi deciso di fare il fenomeno. Ti ringrazio della precisazione, e se vuoi aggiungere un epiteto alla lista, dopo aver giustamente levato fenomeno, ti inviterei a non fare la vittima. Comunque qualcuno che riesce a mettere tanto d'accordo me e Monni certamente è un utente fuori dall'ordinario. Vedremo come si rivelerà.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo rimane assolutamente difficile creare nuove storie e anche avvincenti dopo tutti questi anni dove si è scritto di tutto....ma comunque a mio parere le ultime storie di Tex risultano molto scarne di contenuti....ma come dice Birra non siamo professionisti delle sceneggiature e quindi rimane solo un parere da "lettore" !!!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Just now, James Kirk dice:

Purtroppo rimane assolutamente difficile creare nuove storie e anche avvincenti dopo tutti questi anni dove si è scritto di tutto....ma comunque a mio parere le ultime storie di Tex risultano molto scarne di contenuti....ma come dice Birra non siamo professionisti delle sceneggiature e quindi rimane solo un parere da "lettore" !!!

Se il giudizio determinante fosse quello degli addetti ai lavori il jazz e la musica impegnata la farebbero da padrone. Invece chi va ai concerti e compra le canzoni sono gli stolti e incolti ascoltatori che costringono a vendere le chitarre ai musicisti fusion e vanno appresso ai musicisti pop.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">13 minuti fa</span>, Wasted Years dice:

Se il giudizio determinante fosse quello degli addetti ai lavori il jazz e la musica impegnata la farebbero da padrone. Invece chi va ai concerti e compra le canzoni sono gli stolti e incolti ascoltatori che costringono a vendere le chitarre ai musicisti fusion e vanno appresso ai musicisti pop.

certo è basilare alla fine il giudizio del compratore finale dato che è quello che alla fine caccia i soldi :)

Infatti devo riconoscere che compro saltuariamente il tex mensile proprio perchè le storie non mi convincono e soprattutto non sono a colori (oramai sono diventato colore dipendente) !!!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Kershaw dice:

Probabilmente non ho capito bene le regole d'ingaggio del forum. Dalle parole di Pecos mi pare chiaro che vige l'Ipse Dixit, quindi guai a criticare l'operato del Boselli nazionale.

 

Ulteriore intervento puramente provocatorio, per cui mi pare evidente che siamo di fronte ad un troll. O, se sei in buona fede, dovresti capire da solo che entrare in un forum e prendere una discussione qualsiasi per lanciare frecciatine ad un autore, con argomenti che non hanno NULLA a che fare con la discussione in oggetto, è un approccio non particolarmente corretto né in accordo con le regole del forum.

 

E, soprattutto, non permetterti da ultimo arrivato di criticare con parole velenose l'operato del forum.

 

ps: per me la "Storia del West" è un capolavoro, ma non lo prendo di certo come testo di riferimento da un punto di vista storico.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

L'idea mi è venuta ormai tanti anni fa.

Secondo voi è una cosa idiota proporre di far disegnare ad un altro disegnatore una storia nota, con stili, inquadrature, disegni differenti dall'originale?

Insultatemi pure se ho detto una grossa cavolata.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">3 ore fa</span>, Kershaw dice:

Per WY: non ho dato seguito alla faccenda dell'errore in "Morte nella neve" perchè non vorrei che dopo avermi dato del fenomeno anche tu mi tacciassi di essere un saputello, senza peraltro sapere chi ci sta da questa parte. Comunque non ho alcun problema a segnalartelo: a pag. 146 dell'edizione di Repubblica in due vignette si parla di "Deal Charley" personaggio realmente affiliato alla Wild Bunch. Trattasi di O.C. Hanks (Orlando Camilla Hanks aka Charley Jones) il cui nickname era "Deaf Charley" visto che era sordo da un'orecchia. 

 

Dopotutto, ma chissenefrega?! La mia idea è che questa attenzione maniacale ai dettagli storici da parte dei lettori sia una iattura del Tex contemporaneo. Dovendo far quadrare le storie di Tex con la STORIA gli autori sono incredibilmente limitati nella loro ispirazione. Fosse per me tornerei volentieri ai tempi del "Rainbown Canyon" e del "confine tra Arizona e Texas" ma con la fantasia a briglia sciolta. 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

L’8 marzo, nel corso del suo incontro con il pubblico, Boselli ha ricordato l’articolo «Il Bonelli», di Ferruccio Alessandri (in «Linus West», Supplemento al n. 56 di «Linus», Milano, Milano Libri Edizioni, Novembre 1969, pp. 90-91), in cui si può leggere, a p. 90, un passo che spiega perfettamente l’importanza e la funzione dei dettagli nelle narrazioni a fumetti.
A proposito delle sceneggiature di Gianluigi Bonelli, scrsse Alessandri:
« […] E i testi sono un capolavoro di chiarezza, dove nulla è gratuito, tutto è spiegato, ogni cosa ha una concatenazione logica con le altre. I ragazzi a queste cose ci badano.
«I professionisti si notano da certi particolari non necessari, da certi puntigli sul loro lavoro, come quell’attore che aveva dichiarato soddisfatto di aver finalmente trovato l’intonazione soddisfacente per una battuta in una commedia in cui recitava da un anno e che, a chi gli faceva notare che era ormai l’ultimo giorno di repliche, rispondeva orgoglioso: “Ma c’è ancora questa sera!”. Be’, una volta ho trovato il Bonelli appiccicato a una grande carta degli Stati Uniti, a far calcolo delle distanze e a rilevare la geografia tra due punti, tanti chilometri, tanti fiumi, un altopiano, qui si possono fermare per la notte, il tutto per determinare se Tex e Kit Carson ci mettevano tre o quattro giorni per andare da lì a lì a cavallo, e finalmente tornare trionfante alla scrivania a scrivere: “Tre giorni dopo giungono…”. Pignoleria? No, professionismo in questo paese di dottori e dilettanti, regno del pressapoco.
«Il professionismo ha fatto diventare il Bonelli un esperto del West. […]»
Seguono due esempi dell’interesse che Gianluigi Bonelli aveva per la storia del West e degli Indiani, e della conoscenza che ne aveva.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Contenuto simile

    • Da natural killer
      Quest'anno anche la SBE è accreditata nella carovana del Giro
       

    • Da JohnnyColt
      E' da qualche giorno che mi chiedo se Tex possa davvero competere con i vari manga o con i vari comics che tanto ora vanno tra i giovani. Tex non è prettamente un fumetto per "vecchi" però rappresenta una nicchia di lettori, una nicchia appassionata di western e di azione un poco canzonata. Tex tra l'altro, è l'eroe tutto d'un pezzo che oggi si osteggia, si preferiscono personaggi dubbiosi e per alcuni aspetti deboli, si preferiscono personaggi più contemporanei e legati alla vita globalizzata e ipertecnologica. Se Tex negli anni '60 rappresentava un modello da seguire per migliaia di ragazzini, se Tex dava speranza in un mondo migliore a cui tutti potevano aspirare, oggi che cosa rappresenta? Che cosa può offrire Tex alle nuove generazioni ? Cosa può trasmettere ai giovani che preferiscono la frivolezza di un manga o di un comic?
      Personalmente penso che quei valori che Tex esprimeva negli anni '50/'60/'70 possano avere ancora oggi un'importanza rilevante, penso che farebbe bene far leggere Tex a più giovani affinchè possano comprendere le ragioni di libertà e giustizia che fanno agire Tex, affinchè possano comprendere che non esiste popolo superiore o popolo inferiore ma vi è una sola razza umana composta da buoni e cattivi (siano essi bianchi, rossi, neri o gialli), affinchè possano comprendere l'inutilità della guerra e degli stermini di popoli che ancora purtroppo esistono. 
      In un mondo globalizzato e ipertecnologico come quello odierno, in un mondo profondamente razzista e classista Tex può davvero rappresentare un modello da seguire per le nuove generazioni rincitrullite da slogan politici, musica opinabile e reality show. Secondo voi è possibile far avvicinare quei giovani che preferiscono i comics e i manga perchè vanno di moda o il tutto si conclude con una mera questione di gusti?
      Per me le vendite parlano chiaro, i gusti c'entrano ma fino ad un certo punto. Credo sia più consono parlare di moda.
    • Da natural killer
      Nel 1969 usciva il Supplemento al n.56 della rivista Linus con il titolo LinusWest.
       

       
      All'interno è contenuta la storia del Kit Carson di Albertarelli (1937) e la ristampa della storia di Tex La valle della luna (1962) con le strisce rimontate a dodici vignette per pagina
       

       
      La copia anastatica dell'albo si trova in edicola abbinata alla Gazzetta dello Sport
    • Da JohnnyColt
      Il clima si fa rovente, a sud del confine
       
      TEX
      N° : 690
      Periodicità: mensile
      LE SCHIAVE DEL MESSICO
      uscita: 07/04/2018
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Giuseppe Prisco
      Copertina: Claudio Villa

      Anita vuole ritrovare sua sorella, che è stata rapita dal crudele Saldivar. Tex e Carson varcano il Rio Grande per affrontare una banda di feroci desperados!
       


       
      Letta tutto d'un fiato grazie alla variant ordinata sul sito Bonelli e arrivata questo pomeriggio.
      Siccome la storia uscirà tra un po' mi limiterò a scrivere mie considerazioni su Ruju e Prisco, senza particolari spoiler sulla storia in sè.
      Storia di un solo albo che mancava da tanto e che soprattutto ha riportato una grande albo nel mensile di Tex.
      Storia davvero ben scritta, lineare ma con diversi colpi di scena azzeccati, ritmo perfetto che esplode (letteralmente) nel finale in tutta la sua grandezza...
      Ruju qui ha ritrovato sé stesso realizzando un albo che è la quinta essenza di ciò che sostengo io da tempo: non servono sempre e per forza due albi per fare una grande storia! Largo agli albi singoli e ai 3 albi!
      Caratterizzazione dei personaggi davvero ben fatta, soprattutto dei due antagonisti. Finale per fortuna non velocizzato o tronco, con un buon ritmo e una resa dei conti forse prevedibile ma realizzata secondo me molto bene.
      Dal lato disegni sono davvero molto soddisfatto di Prisco: ottime ambientazioni, tra il dettagliato e il fluido (un poco alla Ticci), tagli fotografici che starebbero benissimo su un Texone, elementi che escono dalla gabbia che danno freschezza al tutto, caratterizzazione grafica di Carson eccezionale e realizzazione molto accurata delle ragazze fatte prigioniere.
      VOTO COMPLESSIVO 8-
      Il - è dovuto a due elementi, uno riguardante Ruju e l'altro rguardante Prisco:
      (SPOILER) all'inizio della storia si dice che la roccaforte di Tejas è un piccolo villaggio disabitato perciò viene in mente subito un posto insepugnabile, con parecchie guardie attorno ad esso. Ciò non è perchè a detta di un membro della banda, notizia che troverà conferma, vi sono solamente delle sentinelle in un fienile (Sì, avete capito bene, un fienile. Difendere una città con due sentinelle dentro ad un fienile non credo sia una grande mossa strategica tant'è che Tex e Carson hanno velocemente ovviato al problema); la caratterizzazione grafica di Tex è stata molto incostante: in una vignetta il volto di Tex ricordava molto un Ticci, in un'altra un Fusco e a volte, a tratti, ho visto anche la pulizia di un Civitelli. Ci sta, è la prima storia per Prisco e l'ha disegnata a mio dire molto bene ma mi sarebbe piaciuta ugualmente più coerenza. Serve solo ulteriore caratterizzazione al viso di Tex, nulla più. Copertina standard molto carina, con un bel gioco di luci. La versione Variant invece è splendida con un effetto legno relistico e interessante. Brava Bonelli!
       
      Una striscia che ho particolarmente gradito:

       
    • Da JohnnyColt
      Le ultime due storie uscite sulla serie mensile hanno deluso le aspettative risultando banali e scritte forse con poca attenzione. In questi giorni, di conseguenza, ho sentito spesso il termine IMPUBBLICABILE: per voi che cosa vuole dire veramente una storia IMPUBBLICABILE?
      Personalmente ritengo tali quelle storie con un'idea molto banale alla base, magari scoppiazzata qua e là, con errori temporali e magari disegni poco adatti...
      Voi cosa ne pensate? Quali storie in tutta la vita editoriale di Tex ritenete davvero impubblicabili?
       
       
  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.