Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum

Messaggi consigliati/raccomandati

<span style="color:red;">10 ore fa</span>, ymalpas dice:

Non penso che le storie in 220 tavole nascano dal fatto che si tema che lettori occasional siano abituati a letture "all at once". O almeno non solo da quello. Più che altro  è una questione redazionale, incastrare storie comporta molto lavoro in più e poi non sempre i disegnatori, con la loro lentezza, aiutano.

 

Se una storia di due albi ha una conclusione che va oltre le 220 pagine, mettiamo occupi le 10 prime pagine del terzo albo, se la storia è valida, il lettore sarà obbligato a comprare  un albo in più per poter leggere la conclusione anche se magari non era interessato a farlo per i più svariati motivi (per esempio nuova storia con i disegni di Font o Ginosatis). Una delle regole d'oro del feuilleton ottocentesco  pubblicato nei quotidiani a puntate era proprio quello di rimandare al giorno dopo la conclusione della vicenda creando e alimentando continuamente la suspence. Questo artificio si nota anche nelle primissime storie di Tex a striscia, dove l'interesse dell'editore e di GL Bonelli è di assicurarsi in primo luogo che il lettore compri la settimana dopo la nuova striscia. Nel nuovo Tex Magazine che come forum pubblicheremo alla fine della settimana, c'è un artciolo che ti spiega per filo e per segno come GL Bonelli riusciva ad evitare, settimana dopo settimana, la fuga dei lettori, ma ben al contrario faceva si che il numerio di appassionati crescesse mano a mano che passava il tempo.

Leggerò volentieri il magazine e in particolare questo articolo. Grazie per la segnalazione!

 

Tuttavia, se da una parte c'è la capacità dell'autore nel catturare i lettori, vorrei aggiungere che il pubblico a cui GLB si rivolgeva è piuttosto diverso da quello di oggi. Complici altre forme di svago (televisione poi internet e social network),  il numero di potenziali lettori del tuo fumetto è calato negli anni e spesso la lettura è sporadica e considata di secondo piano.

 

La mia sensazione è che quell'aspetto di serialità che lavora sulla suspanse e a mantenere alto l'interesse per la puntata successiva sia oramai dominio delle serie tv e in parte di serie youtube. Io continuo a preferire il fumetto, ma credo di far parte della minoranza. Per questo ipotizzavo che il numero di occasionali o comunque con scarse conoscenze della serie costituisca una percentuale rilevante rispetto ad anni fa.

Come giustamente dici però, ci sono anche motivi tecnici che fanno preferire  un numero di pagine standard.

 

Su carta, questi aspetti sopravvivono meglio altrove come, per esempio, nei fumetti (manga) giapponesi e in alcuni comics americani. Nei primi la ricerca dello spunto che cattura per gli episodi successivi (cliffhanger) è ancora più marcata, viste le molte serializzazioni settimanali.

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">10 ore fa</span>, Dix Leroy dice:

Tex deve rimanere fedele a se stesso, ai suoi canoni e alle caratteristiche che sono immutabili.

Tex ormai dura da troppi anni e non può piacere per forza tutto, perché egli è mutato a seconda di cosa piaceva a chi lo realizzava.

Questa storia a me sembra di Tex perché non si può prendere un altro protagonista e fargli vivere la stessa storia: non finirebbe allo stesso modo, quindi egli è stato necessario.

Ma quelle volte che Tex arriva, fa e briga, ma chiunque (eroe ovviamente) al suo posto avrebbe fatto lo stesso,avendo ugualmente una bella storia da leggere, la buttiamo?

E' esattamente ciò che sto andando a dire da qualche giorno. Tex ha caratteristiche immutate e non soltanto è l'autore il fulcro del successo. Tex ha cambiato lettori e a cambiato società. La società odierna non è quella degli anni '50. Che sia una storia differente dal solito è indubbio, che non sia il Tex dei Bonelli è indubbio, che sia Tex leggermente più in disparte è indubbio ma è comunque una storia di Tex perchè Tex rimane il centro della storia, la chiave di volta, se avessero messo un altro personaggio sarebbe stato solo ininfluente!

Cita

Io ho letto solo una manciata di storie di Superman anni quaranta/cinquanta e continuo a ritenerle orrende, eppure adoro Superman!

Nell'ampio bacino di lettori di Tex sono ipercerto che ci siano dei casi come te con Superman! Perchè bisogna ritenersi superiore ad un altro lettore se lui preferisce le storie più moderne? Sarà un fatto di società, magari le storie più vecchie le conosce poco, magari preferisce tratti diversi da Galep, fatto sta che qualcuno che preferisce le storie moderne c'è, qualsiasi siano le motivazioni che stanno dietro a questo parere. Amen, de gustibus...

<span style="color:red;">11 ore fa</span>, Barbanera dice:

Mah,se ti può consolare frequentando questo forum ed altri simili ho capito che,seppur leggessi Tex da 27 anni,tanti aspetti del personaggio mi erano sfuggiti.il confronto mi piace,anche duro,basta sia educato.quindi tieni duro!

Penso che ci sia sempre da imparare ad ogni età.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, Dix Leroy dice:

 

con la madre di Johnny (se non a mostrarci che anche gli Apaches avevano famiglie "allargate"),

e ricordavo che tra gli indiani chi aveva problemi mentali non veniva emarginato, poiché più

in contatto degli altri con il "Grande Spirito".

 

Gli uomini forse. Le donne ne dubito molto.

 

Cita

Siamo sicuri che le provviste dispensate alle riserve fossero marchiate come quelle destinate

all'esercito? A chiunque verrebbe la tentazione di non darle in beneficenza, oppure ai soldati

verrebbe il pensiero che vengano sottratte ingiustamente alle loro scorte!

 

 

Se erano provviste fornite direttamente dall'amministrazione statunitense - Dipartmento degli Affari Indiani, immagino - erano marchiate sì.

Forse non US Army (esercito) ma certo US DoIA o qualcosa del genere.

Poi chi 'comprava' al dettaglio nello store del paese comprava 'sfuso', o il commerciante disonesto trasferiva il contenuto dalle casse o dai sacchi marchiati ad altri non marchiati, od altro

Modificato da gilas2

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Il Monni, giusto lei.

Non trova che il tratto di Ginosatis sia molto simile a quello di Barry Kitson?
A me lo ricorda molto anche se ho rovistato un po' le mie raccolte prima di trovare

gli albi e ricordarne il nome. D'altra parte non compro più "americanate" da parecchio tempo.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
On 11/6/2018 at 17:00, Kershaw dice:

Il finale de Le Colline dei Sioux Nizzi l'ha preso paro paro dal serial televisivo, ormai mitico, La Conquista del West, negli episodi che vedono come coprotagonista il Capo Santangkai interpretato da Ricardo Montalban.

Per quanto riguarda la storia di Cuore Apache sono d'accordo con Ymalpas e tutti coloro che l'hanno più o meno criticata. Il fatto che di regola non possa dipanarsi per più di due albi non dovrebbe essere così penalizzante per uno sceneggiatore che sappia il proprio mestiere. Io ogni volta che leggo una storia di Ruju mi chiedo quanto ne sappia sul West e se poi gli piaccia oppure no. Qui parte da un assunto che è già errato fin dalle premesse. La battaglia di Apache Pass è del luglio 1862 e Cochise è morto in riserva nel giugno del 1874. Quindi se Johnny quando l'hanno portato via aveva solo quattro anni, volendo dare per buona la presenza di Cochise, dovrebbe averne solo 16 al momento dell'azione. Inoltre la sua formazione è stata quella di un bianco per almeno 18/20 anni e quindi come è possibile che il suo sangue apache possa costituire una parte così fondamentale della sua catarsi finale? In più dopo essere stato radiato da West Point ha studiato da avvocato, non ha sentito subito il richiamo delle sue origini, quindi la sua cultura e formazione sono da uomo bianco e dovrebbero consentirgli di capire che la strada della rivolta è ormai una battaglia persa per i nativi. Meglio per tutti se si battesse contro i soprusi nelle aule di tribunale. Invece il ragazzo sceglie di tornare alle sue origini, illudendosi di poter assaltare i ranch e rubare derrate alimentari da portare nella riserva senza uccidere alcuno, quasi fosse un novello Robin Hood. Mi pare che Ruju conosca poco il popolo apache. A pag. 58 il guerriero torturato si lamenta? Ma dove lo mettiamo lo stoicismo che era proprio di tutti i nativi, ma di questi in particolare? A pag.63 Howi dice che Johnny parla la loro lingua con un accento strano. Ma come, è stato assente per vent'anni e dopo pochi giorni già si esprime con l'idioma apache? E la vecchia madre di Johnny che si para davanti a Carson esortandolo a lasciar stare il suo bambino? E Tex che le si rivolge chiamandola signora? O Johnny che la chiama buona donna? Siamo nel vecchio West o tornati ai tempi della piccola fiammiferaia? Purtroppo sono tante le mancanze per farne una buona storia. Per non parlare della partecipazione dei pards e di Cochise, ridotti alla stregua di meri comprimari, che arrivano troppo tardi per salvare Johnny. Ymalpas ha ragione nel dire che questo non è Tex. Un mio amico, che ne ha abbandonato la lettura dopo il N. 200, sostiene che quando si cerca di gonfiare la parte dei comprimari significa che non si ha più molto da dire sul character principale. Speriamo dunque che il prosieguo dell'annata ci riserbi qualcosa di meglio.

 

Quoto quasi tutto, sulla storia. Non concordo con quel tuo amico sui comprimari: i comprimari del primo Boselli, ad esempio, erano eccellenti ed erano incastonati in grandi storie. Erano credibili, avevano motivazioni concrete, verosimili, si muovevano come uomini e non marionette. Glenn Corbett, il sublime Shane, Ray Clemmons, ma anche il più recente Jethro. Se poi mi propini quest'avvocato che, sporcatasi la faccia, diventa il peggiore degli apache, il problema non è il comprimario, ma la concezione della storia in sé! 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">9 ore fa</span>, Leo dice:

i comprimari del primo Boselli, ad esempio, erano eccellenti ed erano incastonati in grandi storie. Erano credibili, avevano motivazioni concrete, verosimili, si muovevano come uomini e non marionette. Se poi mi propini quest'avvocato che, sporcatasi la faccia, diventa il peggiore degli apache, il problema non è il comprimario, ma la concezione della storia in sé! 

Guarda che Cuore Apache è di Ruju, non di Boselli...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Storia poco più che sufficiente di un Ruju che sicuramente conosce la materia, non fa errori grossolani, però da' l'impressione di non osare, offrendo un finale amaro, ma senza pathos. A dire il vero, tutta la storia manca di pathos ed inoltre vede i due pards troppo passivi rispetto agli eventi. Ci sono, è vero, un po' di scazzottate e sparatorie che li vedono protagonisti, ma è come se fossero di contorno alla trama principale, orchestrata invece da un altro soggetto.
E dire che aveva avuto la fortuna di avere un gran disegnatore, a suo agio con il tema trattato, a cui va invece il mio plauso incondizionato.
Voto alla storia: 6,5
Voto ai disegni: 9,5

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Contenuto simile

    • Da natural killer
      Due avventure, due spietate bande di fuorilegge, due impavidi pards pronti a fermarle!
       
      Periodicità: semestrale
      MAXI TEX N° 23
      uscita: 05/10/2018
      Copertina: Claudio Villa

       
       
      Deserto Mohave
      Soggetto e sceneggiatura: Gianfranco Manfredi
      Disegni: Alessandro Nespolino
      Agli ordini del carismatico Maelstrom, una banda di evasi dal carcere di Saint Quentin si è insediata nel cuore del territorio dei Mohaves, ha rapito due ragazze e le tiene prigioniere nei pressi di una grande miniera d’oro abbandonata nota come "Colosseum". Pain, Eclipse, Marble, Bolt, Sight, Trick… Ognuno di loro porta sulla fronte il simbolo del proprio micidiale talento per uccidere...
       


       
      L’ultimo giorno
      Soggetto e sceneggiatura: Tito Faraci
      Disegni: Yannis Ginosatis
      Solo un ultimo, sereno giorno di lavoro separa il capostazione Sommers dalla sua nuova vita, in un ranch del Montana… Dalla stazione di Stonewell, però, passa il bandito Ted Malvin. Tex e Carson sono pronti a caricarlo su un treno per spedirlo dietro le sbarre. Ma Malvin è l’unico a conoscere dove si nasconde un prezioso bottino...
       

       

       
    • Da natural killer
      Due pesi e due misure sulla bilancia della giustizia!
      COLOR TEX
      N° : 13
      Periodicità: semestrale
      PIOMBO E ORO
      uscita: 07/08/2018
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Sandro Scascitelli
      Copertina: Claudio Villa
      Colori: Oscar Celestini

      Prima di oltrepassare il Rio Grande con il bottino, Channing fa piazza pulita dei suoi complici grazie al suo braccio destro, lo spietato tiratore di precisione Krauser. In Messico, ad accoglierlo a braccia aperte, c’è il suo socio Malvado. I due spadroneggiano su una misera cittadina di contadini, costringendo i poveri peones a lavorare nella miniera d'oro nella quale hanno investito il frutto delle loro malefatte. Ma sulla loro pista ci sono Tex Willer e Kit Carson, pronti a trasformare l'oro insanguinato in piombo rovente!
       

       
       

       
       

       
       

       
    • Da natural killer
      Il passato del fantomatico Mister π!
      TEX
      N° : 693
      Periodicità: mensile
      IL RITORNO DI PROTEUS
      uscita: 07/07/2018
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Bruno Ramella
      Copertina: Claudio Villa

      Proteus evade dal carcere di Yuma e torna a intessere la sua fitta trama di intrighi… Tex Willer e Kit Carson giungono a Flagstaff seguendo la pista di sangue mascherata dai suoi tranelli e dai suoi travestimenti, mentre riaffiora il drammatico passato e l’educazione criminale dell’inafferrabile uomo dai mille volti!

       

       

      http://www.sergiobonelli.it/tex/2018/06/06/albo/il-ritorno-di-proteus-1002995/
       
      Il ritorno di Proteus, ma anche il passato di Mister π
       
      Mettiamoci comodi!
    • Da natural killer
      Da Tucson a San Francisco: salite in sella, ha inizio la grande corsa!
      MAXI TEX
      N° : 22
      Periodicità: semestrale
      LA GRANDE CORSA

       
      uscita: 04/04/2018
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Roberto Diso
      Copertina: Claudio Villa

      Il “San Francisco Examiner” ha organizzato un grande evento: una gara a cavallo da Tucson, in Arizona, sino a San Francisco, in California. I concorrenti dovranno superare le insidie di indiani selvaggi e della natura spietata: in palio, un sostanzioso premio in denaro. Per aiutare il giovane Kevin Caldwell, pestato a sangue dagli uomini del losco signorotto locale Ozzie Duke, Tex accetta di correre al suo posto, in groppa a West Wind, il magnifico Appaloosa del ragazzo. Un’ombra di morte, però, si staglia sugli agguerriti concorrenti: tra di loro si nasconde un feroce assassino e non tutti riusciranno a tagliare il traguardo...
       
      http://www.sergiobonelli.it/tex/2018/02/28/albo/la-grande-corsa-1002559/
       
       
  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.