Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum
ymalpas

I Soggetti di Tex da parte dei lettori del forum di Tex

Messaggi consigliati/raccomandati

Il ritorno di Ella Watson:

Tex viene chiamato nella infermeria del carcere ove il Col. Watson, che li sconta la condanna, è gravemente ferito, questi scongiura Tex di intervenire in aiuto della figlia Ella, perché l'attentatore che lo ha ferito l'ha indicata come futura vittima di un rapimento per ricatto e vendetta.... 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Soggetto minimale.

Un saloon. Solitario in un tavolo in fondo un uomo beve il suo whisky. Sembra impermeabile all'animazione del locale. Tutto questo sinché vede proprio quell'uomo entrare. Colui che l'ha spedito per due anni a spaccare pietre in una chain gang e, peggio, diventare vittima degli altri detenuti. Non gli perdona di averlo salvato da un linciaggio per quel furto di cavalli se poi le conseguenze sono state peggiori. Probabile che quel Ranger manco si ricordi di lui... è sempre sulla pista di qualche grosso delinquente o di indiani sul sentiero di guerra, lui è solo un rubagalline a confronto.

Tex entra nel saloon, da solo. Ha depositato dei soldi in banca a Gallup, in compagnia di due fidi guerrieri Navajo. Ora, mentre i due preparano i cavalli per la partenza, Tex va a bersi velocemente una birra fresca e salutare il vecchio Howard, il gestore del locale. Una questione di cinque minuti.

No, non è possibile che il Ranger sia a Gallup per quanto sta per accadere. Ci sono tanti motivi per cui può essere capitato in città... forse per portare allo sceriffo un grosso criminale, uno ben più pericoloso di lui, l'uomo che ora lo fissa da dietro la bottiglia. Quanti passi sono? Una quindicina, non di più. Il Ranger sta parlando col vecchio Howard, manco si è accorto di lui. No, non è il posto adatto per sparargli.
Fuori, dal vicolo. Il whisky è già stato pagato. Uscirà dalla porticina che porta sul retro, con la scusa di andare alla comoda. Si alza, cercando di ostentare la massima calma. Forse troppo artificiosa. Per un secondo gli sembra di vedere un guizzo nell'occhio del Ranger, che pure è sempre rivolto verso il barista. Esita un secondo. Poi si rende conto che anche altri potrebbero notarlo e procede. O la va o la spacca. Esce.

Tre minuti dopo, Tex saluta Howard ed esce a sua volta, dalla porta principale. Dall'altro lato della strada vede i suoi Navajos accanto ai cavalli già sellati. Sta per attraversare la strada...
Ha fatto pochi passi che si gira pistola in pugno e vede chi si aspettava di vedere sgabuzzare dall'angolo dell'edificio del saloon. Uomo che preso dal panico spara senza manco prendere la mira e quindi senza colpire Tex. Poi si mette a correre lungo il vicolo inseguito dal Ranger che ha appena ordinato a uno dei suoi Navajo di seguirlo, mentre l'altro deve controllare i cavalli.

L'uomo è nascosto dietro una grossa botte che raccoglie l'acqua piovana da una grondaia. Pistola in pugno, spera che il Ranger non abbia fatto in tempo a vedere che si è rifugiato lì. Ma non è il Ranger a trovarlo, bensì il Navajo. Il banditello, terrorizzato, scatta e gli parte un colpo. L'indiano non viene nemmeno colpito, ma in compenso lui viene ferito pesantemente vicino allo stomaco. S'accascia. Arriva Tex che, resosi conto di quanto è accaduto, chiede al Navajo di aiutarlo a portarlo dal dottore.

Sono passate un paio d'ore. Il colpo lascia poche speranze, praticamente inoperabile, e l'uomo sta cominciando a delirare. Lo sceriffo, accorso, sa solo che si fa chiamare Barry e che è arrivato in paese circa un mese prima, senza un apparente occupazione. Uno che ama attaccarsi alla bottiglia e che non socializza con nessuno. Il volto dell'uomo non è nuovo a Tex, spera ancora in un momento di lucidità o che, più probabilmente, dalle frasi sconnesse di quell'uomo possa capire chi sia. Si avvicina e gli chiede come si chiama. L'uomo dice il suo vero nome, Al Moran, Tex si ricorda finalmente di lui e sta per andare quando sente una cosa interessante. Nel delirio l'uomo dice "e tu non sai nemmeno perché sono qui, Ranger, per il colpo che abbiamo progettato... e non lo sventerai mai".
Cambiamento di programma per Tex.

 

Continua

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">8 minuti fa</span>, francob dice:

Visto che i soggetti devono avere un massimo di 10 righe, questo deve essere per una storia breve.....

 

Ma a te chi l'ha deta questa bufala?

Si richiede che i i soggetti siano in media di due cartelle, ovvero circa due pagine ma non è una regola fissa.

Il mio soggetto su Manuela Montoya è di due pagine e mezzo.

Nizzi faceva (fa?) soggetti dettagliati anche di 9 pagine.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
On 21/4/2018 at 17:02, ymalpas dice:

Dopo 700 numeri scrivere nuove e originali storie di Tex diventa sempre più difficile.

 

Vi propongo dunque questa discussione a mo' di gioco.

 

Suggerite la vostra storia, ma attenti!

 

1 )  Deve essere rispettosa dei canoni della serie.

 

2 ) Deve  al massimo contenere un'idea iniziale di partenzao  suggerire un tema, ma non sviluppare la trama per intero.

 

3 ) Deve essere sviluppata in poche righe, fino a un massimo di cinque !

 

 

 

Penso si riferisse a questo;)

Modificato da Loriano Lorenzutti
  • Grazie (+1) 2

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

La compagnia ombra:

Tex ed i suoi pards sono alle prese con una banda di comancheros che sta vendendo armi dell’esercito americano agli indiani. Sgominati i comancheros Tex viene a sapere che dietro il traffico di armi c’è un’organizzazione criminale, nota come “la compagnia ombra”, formata da ex militari agli ordini di un ex ufficiale cacciato dall'esercito conosciuto come il “Colonnello” che, sfruttando la loro preparazione e conoscenza dell’ambiente militare, rubano le armi dell’esercito ed organizzano rapine a diligenze e treni portavalori. Per scoprire il più possibile sulla compagnia ombra Tex decide di proseguire le indagini seguendo due piste differenti e, per fare ciò, divide il gruppo in due coppie distinte, lui e Tiger da una parte e i due Kit dall’altra. Quando il Colonnello scopre di avere Carson e Kit sulle sue tracce capisce che Tex, che lui conosce bene, gli è ormai alle costole. A quel punto i due pards vengono attirati all’interno di un piccolo villaggio del New Mexico dove gli viene teso un agguato al termine del quale Carson, creduto morto, viene abbandonato sul posto dalla compagnia ombra che lascia il villaggio con Kit come prigioniero per usarlo come esca per attirare Tex in una trappola mortale.

  • +1 1

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">5 minuti fa</span>, Grande Tex dice:

Molto bello  anche questo. I miei facevano  cosi  schifo che  nessuno  li ha commentati.

Grazie GT, anche tu sei il primo che commenta un mio soggetto, nei miei precedenti ho beccato solo critiche negative da borden:D tu continua a postare soggetti che te li commentero' io, promesso:old:

  • +1 1

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, Carlo Monni dice:

 

Ma a te chi l'ha deta questa bufala?

Si richiede che i i soggetti siano in media di due cartelle, ovvero circa due pagine ma non è una regola fissa.

Il mio soggetto su Manuela Montoya è di due pagine e mezzo.

Nizzi faceva (fa?) soggetti dettagliati anche di 9 pagine.

Caro Monni, a parte il fatto che di bufala io amo solo  le mozzarelle, credo che tu abbia un po' la memoria corta.

Quello che tu hai presentato alla SBE è un fatto tuo e della direzione, che poco ha a che fare con questa specifica sezione.

L'autore di questa sezione è Sandro che, nel presentarla, ha scritto che i soggetti non dovevano superare le 5 righe. Poi le cose si sono progressivamente allungate.

Detto questo, buona mozzarella per questa sera!

  • Haha (0) 1

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Per facilitare a più utenti la collaborazione a questa discussione mi permetto di proporre alcune cose.

 

Venga spiegato per bene cosa è un canone e in particolare quello di Tex (qui, a parte qualcuno, siamo lettori e non scrittori professionisti)

Che nessuno si metta a proporre un soggetto con l'aspirazione che la storia venga pubblicata (si tratta di un gioco). Poi se succede, meglio!

Gli eventuali commenti servano a spiegare cosa non funziona nel soggetto proposto senza per questo demolirlo (si trattava di un gioco).

 

Parlando a livello personale, gli  interventi troppo lunghi non riesco proprio a seguirli (sono in grado di leggere un fumetto, ma per i racconti temo di non avere un adeguato Q.I.).

Da tempo qualsiasi idea mi venga in mente viene da subito scartata da me stesso per autocritica,

ma anche dal timore del giudizio altrui.

Modificato da Dix Leroy
  • Mi piace (+1) 1

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Io personalmente qui pubblico solo spunti di poche righe.ho creato altri soggetti,ma sono simili come lunghezza a quelli di Mister P.e non ho altro da dire :P:rolleyes:                

 

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Il mio è solo l'inizio. È una prima parte di poche righe descritta in maniera narrativa. Potevo dire le stesse cose in sei righe di cellulare - quattro di computer.

Comunque Tex sa di un colpo... ma da dove può partire per indagare?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Limitiamoci ai soggettini di poche righe - se poi ci scappa il racconto più lungo non succede nulla - pensiamo a chi ci legge prima di tutto!

 

Quanto ai soggetti, personalmente, ne ho postato diversi, ma tutti con quel qualcosa che in un modo o in un altro riconoscevo non li rendeva adatti a una pubblicazione sugli albi di Tex. 

 

Cioè, avessi l'idea che riterrei veramente giusta, non la posterei mai su questa pagina ma proverei a comunicarla in privato al curatore di Tex.

 

Questa discussione è dunque un puro divertissement, ci aiuta a capire quali sono i limiti delle nostre idee, gli errori in base al canone ecc

 

Chi punta a scrivere qualcosa con l'auspicio di vederla pubblicata pecca di presunzione, poi può anche succedere che il soggetto sia preso in conto, come già è successo, ma è l'eccezione non la regola.

 

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Tex riceve una chiamata dalla moglie indiana di un vecchio  amico che abita in Texas, e che é  stato impiccato per omicidio. La vedova e Tex,  conoscendolo, capiscono che ci deve  essere sotto qualcosa, e quindi Tex e Carson vanno in paese per indagare. L' uomo che l' amico di Tex è  accusato di avere  ucciso per rapina è  un ricco ranchero, in realtà  ucciso  da un nemico molto  più  insospettabile. Ma il perfido e sbrigativo giudice Norton, non sapendo chi è  il colpevole, e spinto dalle pressioni della famiglia dell' ucciso, ha impiccato il  primo sospetto capitatogli. Naturalmente  i due pards cercheranno sia di vendicare l' amico che di trovare  i veri assassini.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ymalpas dice:

Chi punta a scrivere qualcosa con l'auspicio di vederla pubblicata pecca di presunzione, poi può anche succedere che il soggetto sia preso in conto, come già è successo, ma è l'eccezione non la regola.

Infatti, ma se qualche "presuntuoso" non comincia il parco autori non si rinnova. Io ho provato a settembre dicendo esplicitamente che la mia idea era per una storia da 32 pp, quindi a breve respiro e senza pretese. Il fatto che Boselli mi abbia chiesto di modificarla più di una volta voleva dire che la trovava interessante (per poi dirmi che l'avrebbe sceneggiata lui!). Poi quando gli ho detto di avere un altro soggetto (stavolta  per un episodio da 78 pp per il Magazine) lui mi ha pure sollecitato a spedirlo, salvo rimandarne più volte la lettura :rolleyes:. Gli unici soggetti da me ideati che mi abbiano soddisfatto pienamente sono vecchissimi, uno era dedicato al ritorno di Proteus e risale alla fine dei Novanta (rimasto purtroppo a metà), l'altro era per una storia di Dylan Dog e risale a oltre dieci anni fa.

Anche un'idea che proposi a Moreno Burattini per Zagor nel 2004 e che fu bocciata sùbito, credo da Bonelli in persona, già immaginavo che non avrebbe mai passato il vaglio.

 

17 minuti fa, Grande Tex dice:

Tex riceve una chiamata dalla moglie indiana di un vecchio  amico

I primi effetti della storia newyorkese :P .

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">26 minuti fa</span>, Mister P dice:

I primi effetti della storia newyorkese :P

 

 Il soggetto di Grande Tex presenta più di una perplessità:

 

a ) difficile trovare coppie miste in città, per evidenti motivi.

b ) che sia la moglie indiana a "chiamare" Tex  suona strano, poco credibile: un'indiana civilizzata o una squaw ignorante difficile vedercela in questo ruolo.

c ) Il soggetto non spiega perché la donna è indiana. Se era cinese cambiava qualche cosa ?

d ) Il tema della rapina a un ricco ranchero che si fa ammazzare va spiegato meglio. I soldi ce li ha in banca? Ce li ha nel ranch ? Perché detiene con se una tale somma che possa fare gola al rapinatore ? Il soggetto non spiega niente.

e ) Il giudice Norton deve aver qualche motivo in più per impiccare l'amico di Tex. Altrimenti è un semplice fac simile di giudici che abbiamo già visto all'opera, da Maddox e Roy Bean. I lettori troverebbero da ridire. Storia già letta.

f ) Il soggetto non spiega chi è il nemico "insospettabile". Trattandosi del protagonista, è una lacuna enorme.

g) Anche mettendo a posto i punti elencati sopra resta una trama piuttosto esile da romanzo giallo che su Tex ci stà come i cavoli a merenda. Non andrei in brodo di giuggiole  a leggerla sul mensile.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sia chiaro che l'eventualità di trovare un nuovo autore esiste, anche se, pur avendone provati molti apparentemente promettenti, i risultati ahimè non sono mai tecnicamente ottimali. Troppe difficoltà tecniche e strutturali ecc... I fumetti sono difficili da fare e Tex è più difficile ancora - persino i professionisti cannano e voi lo sapete bene...

 

Per nuovo autore intendo autore COMPLETO, che sceneggi.

 

I soggetti in sé non mi servono poi tanto: se dovessi usare tutti quelli che mi avete mandato, arriveremmo al n.800 di Tex... Ma è un primo step...Solo che, parlando di storie LUNGHE,  i tempi si ALLUNGANO. Le brevi, invece.si possono fare più in fretta. E realizzerò quella breve di mister P... Deve solo continuare a ricordarmelo...

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">42 minuti fa</span>, Mister P dice:

Poi quando gli ho detto di avere un altro soggetto (stavolta  per un episodio da 78 pp per il Magazine) lui mi ha pure sollecitato a spedirlo, salvo rimandarne più volte la lettura

In attesa anche io,pard...

 

<span style="color:red;">1 ora fa</span>, ymalpas dice:

Cioè, avessi l'idea che riterrei veramente giusta, non la posterei mai su questa pagina ma proverei a comunicarla in privato al curatore di Tex.

Esatto.io personalmente ho iniziato per gioco e ho avuto culo (scusate l' eufemismo).poi ne ho mandati altri da me elaborati,si vedrà.Bos prima o poi si ricorderà di un soggetto grigio :P

<span style="color:red;">2 minuti fa</span>, borden dice:

fumetti sono difficili da fare e Tex è più difficile ancora - persino i professionisti cannano e voi lo sapete bene...

 

Esattamente

Potro peccare di presunzione nel dire questa frase,per cui tirate pure fuori le 45 e impallinatemi :lol:...

... quando scrivi una storia di Tex ti deve venire naturale.contano lo stile,certo,le capacità,logico,il mestiere...ma devi amare e rispettare il personaggio,devi cogliere il magico che questo eroe ispira.io quando ho scritto i soggetti mi sentivo insieme a Tex nell'avventura.e chiedevo a Tex come andare avanti nella storia.lo so, può sembrare stupido ed infantile,ma per me è stato così...e soprattutto,lui è un eroe,e lo devi SEMPRE rispettare.e onorare

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">51 minuti fa</span>, ymalpas dice:

Limitiamoci ai soggettini di poche righe - se poi ci scappa il racconto più lungo non succede nulla - pensiamo a chi ci legge prima di tutto!

 

Quanto ai soggetti, personalmente, ne ho postato diversi, ma tutti con quel qualcosa che in un modo o in un altro riconoscevo non li rendeva adatti a una pubblicazione sugli albi di Tex. 


Cioè, avessi l'idea che riterrei veramente giusta, non la posterei mai su questa pagina ma proverei a comunicarla in privato al curatore di Tex.

 

Questo è esattamente il criterio che seguo anch'io. I soggetti che ho ideato li ho trasmessi direttamente a Boselli (A proposito, Mauro, una rispostina magari... :wub::laugh:).

Il motivo credo che sia chiaro.

Tra l'altro, Borden ha già il suo bel daffare come curatore tutta la mattina, mi sembra crudele costringerlo a farlo anche quando viene qui per rilassarsi.:laugh:

Ciò non toglie che ogni tanto, come è capitato a Barbanera, l'idea buona non possa saltare fuori anche qui ogni tanto.

 

Cita

Questa discussione è dunque un puro divertissement, ci aiuta a capire quali sono i limiti delle nostre idee, gli errori in base al canone ecc

 

Ma qual è esattamente il canone? Tempo fa Boselli disse, non ricordo più dove, che il canone di base era rappresentatodalle storie scritte da GLB. Se una cosa è stata fatta da lui, allora può essere fatta anche da altri autori. Così, ad esempio,. Tex può andare fuori dal continente americano perché con GLB è finito addirittura in Oceania. Si può anche dire che si può fare ciò che non è espressamente  o anche solo implicitamente proibito .Ci sono cose che il Tex di GLB non ha fatto ma avrebbe potuto fare. Il difficile è capire quali.  ma è per questo che c'è Boselli.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Tex, suo figlio e Carson sono chiamati dallo sceriffo Milton di El Paso, che è un loro vecchio amico e sta per ritirarsi a vita privata, in occasione della grande Fiesta dei Giorni della Frontiera.
I tre pard, finalmente in trasferta per il solo diletto, arrivati in città, fanno conoscenza con un amico dell'ex sceriffo, il ranchero Morgan e della sua giovane figlia che è la ragazza del figlio di Milton.
In un saloon assistono ad una rissa in cui un giovane, Kansas Kid, sembra avere la peggio e lo tirano fuori dei guai.
In città c'è una gran folla attirata dai festeggiamenti e dai rodeos. A una delle gare (quella della resistenza in groppa al toro) si iscrivono anche Kit Willer e il giovane Kansas Kid.
Il giorno in cui i due giovani si cimentano con i tori (dove Kit risulta vincitore), la figlia di Morgan viene rapita, portata in una catapecchia su una collina nei dintorni di El Paso e viene chiesto un cospicuo riscatto.
Tex e Carson riescono ad individuare uno dei rapitori che però rimane ucciso da un suo complice che colpisce nell'ombra per evitare che l'amico, convinto dagli sganassoni di Tex, dicesse una parola di troppo.
Con un trucco basato sul codice morse, la ragazza scrive un indizio nella lettera che il padre ha richiesto per avere la certezza che la figlia è ancora viva e sta bene.
Il figlio di Tex capisce l'indizio e lo interpreta.
La stessa notte i tre pard si recano sulla collina dove troveranno anche il Kid e ci sarà un triste epilogo.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">30 minuti fa</span>, Letizia dice:

Tex, suo figlio e Carson sono chiamati dallo sceriffo Milton di El Paso, che è un loro vecchio amico e sta per ritirarsi a vita privata, in occasione della grande Fiesta dei Giorni della Frontiera.
I tre pard, finalmente in trasferta per il solo diletto, arrivati in città, fanno conoscenza con un amico dell'ex sceriffo, il ranchero Morgan e della sua giovane figlia che è la ragazza del figlio di Milton.
In un saloon assistono ad una rissa in cui un giovane, Kansas Kid, sembra avere la peggio e lo tirano fuori dei guai.
In città c'è una gran folla attirata dai festeggiamenti e dai rodeos. A una delle gare (quella della resistenza in groppa al toro) si iscrivono anche Kit Willer e il giovane Kansas Kid.
Il giorno in cui i due giovani si cimentano con i tori (dove Kit risulta vincitore), la figlia di Morgan viene rapita, portata in una catapecchia su una collina nei dintorni di El Paso e viene chiesto un cospicuo riscatto.
Tex e Carson riescono ad individuare uno dei rapitori che però rimane ucciso da un suo complice che colpisce nell'ombra per evitare che l'amico, convinto dagli sganassoni di Tex, dicesse una parola di troppo.
Con un trucco basato sul codice morse, la ragazza scrive un indizio nella lettera che il padre ha richiesto per avere la certezza che la figlia è ancora viva e sta bene.
Il figlio di Tex capisce l'indizio e lo interpreta.
La stessa notte i tre pard si recano sulla collina dove troveranno anche il Kid e ci sarà un triste epilogo.

 

 

Ecco un tipico soggetto in cui non si capisce nulla. Naìturalmente però la soluzione e il senso non si possono scrivere qui,. per timore di  spoiler, forse...Spero che sia questo il motivo...

 

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

Ecco un tipico soggetto in cui non si capisce nulla. Naìturalmente però la soluzione e il senso non si possono scrivere qui,. per timore di  spoiler, forse...Spero che sia questo il motivo...

 

 

Peccato, speravo che te ne fossi accorto almeno tu.

E' una sintesi molto stringata di un mio romanzo (Il figlio di Tex) che non hai letto (ecco perché ho detto peccato).

Il soggetto è però impubblicabile così com'è.

Ma con un paio di modifiche, uno bravo come te potrebbe tirarci fuori qualcosa di buono.

E non è una sviolinata a fini di lucro: il soggetto è gratis.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">4 ore fa</span>, Mister P dice:

primi effetti della storia newyorkese :P .

Ahahah chiamata in senso convocazione

 

<span style="color:red;">3 ore fa</span>, ymalpas dice:

 

d ) Il tema della rapina a un ricco ranchero che si fa ammazzare va spiegato meglio. I soldi ce li ha in banca? Ce li ha nel ranch ? Perché detiene con se una tale somma che possa fare gola al rapinatore ? Il soggetto non spiega niente.

 

 

<span style="color:red;">3 ore fa</span>, ymalpas dice:

Il soggetto non spiega chi è il nemico "insospettabile". Trattandosi del protagonista, è una lacuna enorme.

 

È  solo uno spunto  infatti.

 

<span style="color:red;">3 ore fa</span>, ymalpas dice:

per impiccare l'amico di Tex. Altrimenti è un semplice fac simile di giudici che abbiamo già visto all'opera, da Maddox e Roy Bean. I lettori troverebbero da ridire. Storia già letta.

f ) Il soggetto non spiega chi è il nemico

Tex è  fatto anche di questo:quanti  signoritti di paese ci sono stati? Quanti sceriffi corrotti? Almeno questo tipo di giudice  non si è  visto tanto spesso.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.