Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum
ymalpas

I Soggetti di Tex da parte dei lettori del forum di Tex

Messaggi consigliati/raccomandati

Just now, Letizia dice:

Tex, per eliminare un pericoloso brigante, si reca a La Spezia dietro richiesta di una misteriosa associazione segreta chiamata Forum.

Qui incontra il brigante che è il trisavolo di Letizia, lo uccide e Letizia non nascerà mai (una rompiscatole di meno).

 

Questa sì sarebbe una storia utile.

 

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Nessuna polemica. A me fa ridere la mentalità, il dictat di Nolitta che era convinto di sapere cosa volevano i texiani ed ha finito con far scrivere alcune delle più grandi schifezze della serie, unito al dictat del curatore, per cui è tutto troppo ardito oppure troppo banale (salvo che venga da lui stesso?MAH), unito a sandro che vede tutto fuori dai canoni, manco fossimo inquilini morosi.

Lamentati poi che leggiamo sempre le stesse menate, con l'aggravante che sceneggiatori con dialoghi brillanti e umorismo texiano non ce ne sono nella maniera più assoluta. C'è chi dice che è come cercare il tratto di Galep, io dico che, se per giunta lo disegnano certi disegnatori, Tex è un prodotto che IMHO da un po' non vale il suo prezzo.

Meditate gente.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, gilas2 dice:

Gli occhi della foresta


Un giorno alla riserva Navajo arriva una lettera di Jim Brandon

 

Jim Brandon che poi sparisce - misteriosamente - dalla storia.

 

Cita

...che gli chiede aiuto per conto di una vecchia conoscenza: Soublette (I ribelli del Canada) da trapper e cacciatore ha fatto fortuna ed ora in Canada ha una compagnia delle pellicce tutta sua, ma da qualche tempo i suoi trapper spariscono misteriosamente senza fare ritorno.

 

Chi ? Il vecchio alcolizzato che fa fortuna ? Ha trovato una montagna di pepite andandoci a sbattere?

 

Cita

Qualcuno viene ritrovato giorni o anche settimane dopo sfigurato e con segni riconducibili all'attacco di un branco di lupi.

 

Cio' che è in aperta contraddizione con la riga precedente. Dov'è il mistero ? E' necessario ? Non sarebbe anzi consigliabile, dato quello che vogliono ottenere, di farli facilmente ritrovare ?

 

Cita

Tex parte con Tiger e, una volta in Canada, anche con Soublette che non vede l'ora di rimettere i panni del trapper.

 

Con Tiger ? E perché non con Carson ?  Se in una storia la coppia "vincente" viene cambiata, mi aspetto dalla sostituzione che qualcosa da dire la abbia nella storia. Dalle tue righe, poche, effettivamente non si capisce.

 

Cita

Dopo un breve passaggio presso un piccolo avamposto delle giubbe rosse, dove Tex ne cante e ne suona quattro ad un antipatico ufficialetto impomatato che non ritiene la questione degna di merito

 

Cioè... ricevono una convocazione da un colonnello dei Mounties e poi si imbattono in un ufficialetto "impomatato" che non collabora ?

 

Cita

i tre ripartono e dopo varie peripezie scoprono che i responsabili sono fratello e sorella a capo di una tribu indiana in grado apparentemente di comunicare con i lupi,

 

Fratello e sorella a capo di una tribu indiana ? Non ci sarà lo zampino di Zhenda la strega ?

 

Cita

...in particolare col capo branco, un muscolare e singolare lupo albino dagli occhi rossi (in realtà sono gli indiani ad uccidere i trapper dal momento che non gradiscono intrusi nei loro territori soprattutto quando uccidono animali per ricavarne pellicce e profitto in maniera indiscriminata invece che per il solo sostentamento (un po come i cacciatori di bufali visti tante volte in tex),

 

Cioè indiani e lupi se l'intendono? citazione da "Diablero!" che peraltro era una antica leggenda, con la trasformazione supportata da tutto un cerimoniale . Qui si comanderebbe guardandosi con gli occhi ?

 

La causa degli omicidi è labile: indiani e trappers possono convivere in uno sterminato territorio per giunta ancora non del tutto esplorato. Non avrebbe senso che si pestino i piedi a vicenda. Motivazione labile.

 

Cita

lasciandoli poi feriti e senza ami in balia dei lupi che li finiscono materialmente). La storia si conclude con la tragica morte di uno dei due fratelli (scegliete voi come) e l'altro che sconvolto per la perdita rinuncia ai propri propositi bellicosi, con Soublette che da parte sua promette che gli eventuali trapper della sua compagnia sceglieranno altre zone oppure compreranno le pellicce direttamente dagli stessi indiani.

 

La storia dei ferimenti, magari con qualche mano artificiale dotata di artigli, l'ha già scritta Nolitta ne "Gli uomini giaguaro". 

Secondo punto: dal momento che comandano a degli animali tra i più selvatici, perché non farli attaccare  e uccidere i trappers invece che dividersi il compito a metà ?

Terzo punto: metti che muore la sorella, il fratello sconvolto si ritira ? Del tutto improbabile.

Sarebbe un finale disastroso.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Mercanti di Morte

Un Navajo di uno dei villaggi periferici della riserva giunge al villaggio centrale con terribili notizie: alcuni giovani del suo villaggio sono morti, ed altrettanti sono diventati ciechi. Tex e Tiger indagano, e scoprono velocemente che cio’ che accomuna i ragazzi sinistrati e’ che recentemente hanno bevuto dell’alcol comprato da mercanti di liquori. Tex riesce a reperirne un campione e lo manda al Morisco, che subito trova la ragione della catastrofe: il whisky e’ stato adulterato con alcol metilico (volendo, si puo’ far rinvenire anche una concentrazione significativa di meningococchi, ma non e’ importante). Tex e Tiger rintracciano i mercanti a Corpus Christi, dove ne distruggono il deposito (epico l’incendio che si riflette purpureo sulle acque della baia), non prima di aver appreso dal capobanda (col solito metodo del fiammifero acceso tra alluce e secondo dito del piede) che il whisky adulterato viene prodotto in una grande segheria vicina a Charleston, nel West Virginia, come prodotto secondario della lavorazione del legname. Chiamati anche Kit e Carson, i pard si mettono in viaggio, allertando anche le autorita’ militari locali. Lo scontro finale vede la defezione di quasi tutti i lavoratori della segheria, minacciati da Tex di dover bere a forza il whisky se non si arrendono subito (molti erano ovviamente inconsapevoli della faccenda). Il boss sceglie invece di perire tra le fiamme, insieme alla riluttante moglie ed ai figlioletti innocenti, piuttosto che consegnarsi alla legge.

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
31 minuti fa, Wasted Years dice:

Nessuna polemica. A me fa ridere la mentalità, il dictat di Nolitta che era convinto di sapere cosa volevano i texiani ed ha finito con far scrivere alcune delle più grandi schifezze della serie, unito al dictat del curatore, per cui è tutto troppo ardito oppure troppo banale (salvo che venga da lui stesso?MAH), unito a sandro che vede tutto fuori dai canoni, manco fossimo inquilini morosi.

Lamentati poi che leggiamo sempre le stesse menate, con l'aggravante che sceneggiatori con dialoghi brillanti e umorismo texiano non ce ne sono nella maniera più assoluta. C'è chi dice che è come cercare il tratto di Galep, io dico che, se per giunta lo disegnano certi disegnatori, Tex è un prodotto che IMHO da un po' non vale il suo prezzo.

Meditate gente.

 

Questa è la tua opinione caro Antonio e sembra che voglia convincerci che sia anche quella più reale. In realtà su tutti i forum si riconosce che la collana di Tex è la migliore tra quelle offerte dalla Bonelli, che le storie sono in genere accattivanti (come quella che è attualmente in edicola), le vendite restano altissime per un un settore in conclamata crisi da ormai anni e anni. Quando vado in edicola e osservo estasiato trenta o quaranta copie di Tex tutto questo catastrofismo non ce lo vedo. Si sono perse alcune caratteristiche, se ne sono guadagnate altre. A me Tex diverte ancora, e con il forum cerco di divertimi lo stesso, metti questo topic dove c'è anche un curatore che dà qualche buon consiglio di sceneggiatura, che resta però spesso inascoltato. Dobbiamo lamentarci anche di questo ?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
46 minuti fa, ymalpas dice:

 

Jim Brandon che poi sparisce - misteriosamente - dalla storia.

 

 

Chi ? Il vecchio alcolizzato che fa fortuna ? Ha trovato una montagna di pepite andandoci a sbattere?

 

 

Cio' che è in aperta contraddizione con la riga precedente. Dov'è il mistero ? E' necessario ? Non sarebbe anzi consigliabile, dato quello che vogliono ottenere, di farli facilmente ritrovare ?

 

 

Con Tiger ? E perché non con Carson ?  Se in una storia la coppia "vincente" viene cambiata, mi aspetto dalla sostituzione che qualcosa da dire la abbia nella storia. Dalle tue righe, poche, effettivamente non si capisce.

 

 

Cioè... ricevono una convocazione da un colonnello dei Mounties e poi si imbattono in un ufficialetto "impomatato" che non collabora ?

 

 

Fratello e sorella a capo di una tribu indiana ? Non ci sarà lo zampino di Zhenda la strega ?

 

 

Cioè indiani e lupi se l'intendono? citazione da "Diablero!" che peraltro era una antica leggenda, con la trasformazione supportata da tutto un cerimoniale . Qui si comanderebbe guardandosi con gli occhi ?

 

La causa degli omicidi è labile: indiani e trappers possono convivere in uno sterminato territorio per giunta ancora non del tutto esplorato. Non avrebbe senso che si pestino i piedi a vicenda. Motivazione labile.

 

 

La storia dei ferimenti, magari con qualche mano artificiale dotata di artigli, l'ha già scritta Nolitta ne "Gli uomini giaguaro". 

Secondo punto: dal momento che comandano a degli animali tra i più selvatici, perché non farli attaccare  e uccidere i trappers invece che dividersi il compito a metà ?

Terzo punto: metti che muore la sorella, il fratello sconvolto si ritira ? Del tutto improbabile.

Sarebbe un finale disastroso.

 

 

Sei assunto!  :lol:

 

 

 

44 minuti fa, Otami dice:

Mercanti di Morte

Un Navajo di uno dei villaggi periferici della riserva giunge al villaggio centrale con terribili notizie: alcuni giovani del suo villaggio sono morti, ed altrettanti sono diventati ciechi. Tex e Tiger indagano, e scoprono velocemente che cio’ che accomuna i ragazzi sinistrati e’ che recentemente hanno bevuto dell’alcol comprato da mercanti di liquori. Tex riesce a reperirne un campione e lo manda al Morisco, che subito trova la ragione della catastrofe: il whisky e’ stato adulterato con alcol metilico (volendo, si puo’ far rinvenire anche una concentrazione significativa di meningococchi, ma non e’ importante). Tex e Tiger rintracciano i mercanti a Corpus Christi, dove ne distruggono il deposito (epico l’incendio che si riflette purpureo sulle acque della baia), non prima di aver appreso dal capobanda (col solito metodo del fiammifero acceso tra alluce e secondo dito del piede) che il whisky adulterato viene prodotto in una grande segheria vicina a Charleston, nel West Virginia, come prodotto secondario della lavorazione del legname. Chiamati anche Kit e Carson, i pard si mettono in viaggio, allertando anche le autorita’ militari locali. Lo scontro finale vede la defezione di quasi tutti i lavoratori della segheria, minacciati da Tex di dover bere a forza il whisky se non si arrendono subito (molti erano ovviamente inconsapevoli della faccenda). Il boss sceglie invece di perire tra le fiamme, insieme alla riluttante moglie ed ai figlioletti innocenti, piuttosto che consegnarsi alla legge.

 

 

Ehm... I virus non vivono nell'alcool... Mai sentito dire di una cosa chiamata "disinfettante"?  

 

Per quanto riguarda un bruciabudella che rende a volte cieco chi lo beve, non c'è bisogno di scomodare El Morisco,,

 

Tex trova i trafficanti e li distrugge. ' Questa storia è già stata narrata spesso, ma, per la sua semplicità, come parte di una storia e non come storia in sé, 

 

 

Modificato da borden

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">17 ore fa</span>, borden dice:

Cerca sotto nei related:

 

SEI PAGINE DI FOLLIA

 

http://www.ubcfumetti.com/tex/?28479

Certo che questo recensore aveva recepito la storia proprio come un insulto personale! Ma forse Tex e' come il calcio: un tempo era per gioco, ma ora e' diventato maledettamente sul serio (io non mi sono ancora abituato al livello di conflittualita' del forum!)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
54 minuti fa, ymalpas dice:

 

Questa è la tua opinione caro Antonio e sembra che voglia convincerci che sia anche quella più reale. In realtà su tutti i forum si riconosce che la collana di Tex è la migliore tra quelle offerte dalla Bonelli.

Davvero? Strano, mi pare invece che ci sia malumore, invece. Io non desidero convincere nessuno, però secondo me molti comprano Tex perché gli dispiacerebbe un buco nella collezione. Ho mollato il maxi in edicola e ho preso dye montenegri, per inciso.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">40 minuti fa</span>, borden dice:

Ehm... I virus non vivono nell'alcool... Mai sentito dire di una cosa chiamata "disinfettante"?  

 

Cercavo di essere spiritoso, ma in effetti non mi e' venuta bene!

 

<span style="color:red;">40 minuti fa</span>, borden dice:

Per quanto riguarda un bruciabudella che rende a volte cieco chi lo beve, non c'è bisogno di scomodare El Morisco 

 

Gia' ai tempi di Tex se ne conoscevano le cause? Ma in effeti forse non e' importante per la storia.

Scusate tutti, ma come si fa a modificare un messaggio? Vedo che molti lo fanno, ed io non riesco a trovare il modo :(

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Questa è la mia prima discussione da che sono entrato a far parte di questa famiglia e vorrei partecipare al "gioco" dei soggetti di Tex da parte dei lettori di questo forum, naturalmente la storia non è proprio originalissima, ma tanto è un gioco, no?:)

IL FUOCO DELLA VENDETTA

Tex e Carson, di ritorno nella riserva Navajo al termine di una missione, si fermano, per una sosta, a Las Cruces, piccola cittadina al confine tra Texas e Nuovo Messico. Qui trovano lo sceriffo Cliff Bradford (apparentemente inetto e vigliacco) eletto grazie all’appoggio del potente Hank Turner, ricco possidente terriero. La popolazione di Las Cruces è formata, principalmente, da due classi sociali ben distinte, dai medio/piccoli  borghesi bianchi e dai poveri di colore ed è sotto il giogo di Hank Turner e del suo amico e connivente il ricco banchiere Sam Spiegelman. Con Tex e Carson ancora in città giunge la notizia che un uomo del paese, Jimmy Rogers, un tipo un po' ribelle ma tutt'altro che cattivo, è fuggito dal penitenziario dopo alcuni anni di detenzione e starebbe tornando per vendicarsi di Sam Spiegelman, responsabile della sua incarcerazione, avendo mentito su di un furto di denaro, e di Hank Turner che grazie alla complicità del banchiere, con la sua falsa accusa, si è potuto, finalmente, prendere Mary, la bellissima moglie di Jimmy. A peggiorare la situazione giunge la notizia che l'evaso, durante la fuga, avrebbe ucciso una guardia penitenziaria (notizia che in seguito risulterà falsa). Turner, quindi, decide di creare, con i suoi uomini più fedeli, una squadra di vigilantes per dare la caccia al fuggitivo che, nel frattempo, ha deciso di scappare in Messico rinunciando alla vendetta. Per fare questo Rogers si dirige verso la ferrovia e riesce a salire su un treno merci in movimento che si dirige in Messico, ma una volta a bordo viene buttato giù dal vagone occupato da altri clandestini. Non sapendo più dove andare si trova costretto a tornare al suo paese natio nonostante sappia che sarà il primo luogo dove lo cercheranno. Giunto a Las Cruces si nasconde nella stalla del maniscalco e costringe il ragazzo di colore che ci lavora ad andare a cercare la moglie Mary, che nel frattempo è diventata la signora Turner, affinché gli dia del denaro per fuggire. Lo sceriffo Bradford, che nonostante tutto si rivela coscienzioso e di buon senso, chiede la collaborazione dei due Pards per evitare che l’evaso venga linciato una volta catturato, ottenendo, però, il risultato di essere accusato dai concittadini di essere al servizio del potente Turner e da quest'ultimo di non essergli abbastanza grato per aver sponsorizzato la sua candidatura a sceriffo. Per questo motivo Turner ordina a 5 o 6 dei suoi vigilantes di dare una lezione a Bradford ed ai due Rangers che, naturalmente, si difendono a modo loro. Intanto la moglie di Turner fa sapere al marito dove trovare il fuggitivo facendo scattare una feroce e spettacolare caccia all’uomo con tutto il paese e lo stesso Turner, a capo dei suoi vigilantes, decisi a catturare e linciare il fuggiasco. Giunti sul posto cercano di stanare il ricercato con il fuoco ma, mentre vi è lo scontro corpo a corpo tra Turner e Rogers, l’incendio si propaga a tutta la stalla e, nel caos che ne segue, Turner viene colpito e ucciso da un pezzo di trave caduta dal soffitto infuocato. Tex e Carson riescono ad impedire il linciaggio e dopo aver riportato l’ordine in città promettono a Rogers che faranno di tutto per fargli avere giustizia. Bradford accompagna Rogers nel suo ufficio per metterlo al sicuro in cella, ma, quando è ormai sulla soglia dell’ingresso, Jimmy vede giungere l’ex moglie e, convinto di poter finalmente ricominciare una nuova vita con lei, una volta risolta la propria situazione, le si avvicina sorridendo, ma Mary, che ormai lo odia perché lo ritiene responsabile della morte del marito, estrae una piccola Derringer e gli spara a bruciapelo, uccidendolo. Lo sceriffo, profondamente colpito e disgustato da quanto accaduto si dimette e lascia la città con Tex e Carson.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Bella stronza, la signora Rogers. ;)Il motivo per cui Rogers torna in città è assurdo, il modo è grande e c'erano di sicuro altri posti dove andare. Se invece torna per vendicarsi, perché si nasconde come un poveraccio patetico? E in tutto questo, Tex e Carson fanno le belle statuine e non incidono in nulla o quasi.  Mi spiace, all wrong. Ma magari a WY piace.

Modificato da borden

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ymalpas dice:

 

Jim Brandon che poi sparisce - misteriosamente - dalla storia.

 

 

Chi ? Il vecchio alcolizzato che fa fortuna ? Ha trovato una montagna di pepite andandoci a sbattere?

 

 

Cio' che è in aperta contraddizione con la riga precedente. Dov'è il mistero ? E' necessario ? Non sarebbe anzi consigliabile, dato quello che vogliono ottenere, di farli facilmente ritrovare ?

 

 

Con Tiger ? E perché non con Carson ?  Se in una storia la coppia "vincente" viene cambiata, mi aspetto dalla sostituzione che qualcosa da dire la abbia nella storia. Dalle tue righe, poche, effettivamente non si capisce.

 

 

Cioè... ricevono una convocazione da un colonnello dei Mounties e poi si imbattono in un ufficialetto "impomatato" che non collabora ?

 

 

Fratello e sorella a capo di una tribu indiana ? Non ci sarà lo zampino di Zhenda la strega ?

 

 

Cioè indiani e lupi se l'intendono? citazione da "Diablero!" che peraltro era una antica leggenda, con la trasformazione supportata da tutto un cerimoniale . Qui si comanderebbe guardandosi con gli occhi ?

 

La causa degli omicidi è labile: indiani e trappers possono convivere in uno sterminato territorio per giunta ancora non del tutto esplorato. Non avrebbe senso che si pestino i piedi a vicenda. Motivazione labile.

 

 

La storia dei ferimenti, magari con qualche mano artificiale dotata di artigli, l'ha già scritta Nolitta ne "Gli uomini giaguaro". 

Secondo punto: dal momento che comandano a degli animali tra i più selvatici, perché non farli attaccare  e uccidere i trappers invece che dividersi il compito a metà ?

Terzo punto: metti che muore la sorella, il fratello sconvolto si ritira ? Del tutto improbabile.

Sarebbe un finale disastroso.

 

Fai prima a dire che la proposta non ti piace e basta. Visto che le stronchi con tanta goduria vorrei leggerne una tua così posso divertirmi  a stroncarla io ;)

 

Comunque:

- Qualcuno deve convocare Tex dal Canada. Può essere Jim Brandon (solitamente è lui), può essere anche Soublette stesso, può essere anche Gros Jean, chiunque vuoi che risieda in Canada. Non è fondamentale, e non sarebbe la prima volta che Jim Brandon si limita a convocare i pard senza poi apparire nella storia.

- Soublette ama sbronzarsi ogni tanto ma non era mica tanto un buono a nulla anzi era un signor trapper. Gros Jean, Pat McRyan ogni tanto una ciucca se la prendono (e se non ricordo male una volta o due anche Brandon) ma nessuno qui credo li consideri degli incapaci

- A volte ritrovano i cadaveri, a volte no, non tutti. Non è un elemento fondamentale, una volta che li danno in pasto ai lupi, i lupi li trascinano dove vogliono. A volte i lupi possono spolparli del tutto e persino seppellirne le ossa da qualche parte. L'interesse della tribù, e della coppia che ne è al comando, è di far girare la voce che chi si avventura in quelle zone fa una brutta fine ad opera dei lupi, anche a costo di far sparire il cadavere per sempre, comandati da un capobranco dalle caratteristiche insolite e quasi soprannaturali (un lupo albino con gli occhi rossi)

- Un fratello od una sorella, marito e moglie, zio e nipote, padre e figlia, non ha questa grande importanza. Va bene una qualsiasi coppia con legami di sangue. Una coppia, e non una persona sola perchè sarebbe troppo banale.

- I lupi possono essere selvatici ma anche addestrati. In Tex non sarebbe la prima volta, proprio a partire dalle due storie con protagonistta Zhenda. Ci sono stati altri esempi nel corso dei decenni di animali selvatici al servizio dell'antagonista di Tex. Non era questo il caso però nè di Mitla ed il Diablero nè degli uomini artiglio, in cui ad agire in maniera feroce erano esseri umani sotto l'effetto di sostanze allucinogene che li regredivano ad uno stato primitivo.

- Il movente non è così labile come sembra. In un'economia di una tribu nelle foreste del canada che si basa soprattutto sulla caccia (certo non sull'agricoltura), quando arrivano degli estranei e ti sterminano la tua principale fonte di sostentamento, se permetti un po' le balle ti girano

- la colpa va data in apparenza ai lupi perchè se si scopre che gli autori sono in realtà umani, arriva un battaglione di giubbe rosse e poi sono cavoli tuoi

- ma per farli materialmente uccidere dai lupi, devi ferire le vittime perchè vengano indebolite ed assalite dai lupi che sentono l'odore del sangue. Un lupo ci pensa cento volte prima di aggredire un uomo nel pieno delle sue forze e se può, lo evita. Con una preda ferita invece ha gioco facile. Le ferite iniziali puoi anche infliggerle senza apparente intervento umano con coltelli od artigli (che infatti si sono già visti nella storia degli uomini giaguaro e che non mi erano nemmeno passati per l'anticamera del cervello) ma buttandoli giù da una scarpata fitta di rovi ed arbusti in fondo alla quale i lupi sono pronti con coltello e forchetta. Oppure si può riprendere lil tema della 'corsa della freccia' con la vittima che vede un barlume di speranza, ed invece viene rapidamente raggiunto nella foresta ed immancabilmente dilaniato 

- Tex e Tiger perchè sono più 'sensibili' alla cultura indiana ed al ruolo che ha il lupo nelle sue tante metafore e leggende (vedi i link allegati sopra). Carson non lo sarebbe altrettanto e trovandosi il lupo albino nel mirino del fucile gli spara. O sarebbe molto più sorprendente se non gli sparasse, rispetto a Tex o Tiger, che tra l'altro qualche sfumatura da 'sciamano' in tempi recenti pare persino averla...

- per quel che poi mi riguarda, nel finale possono anche morire entrambi gli antagonisti, se le circostanze lo richiedono, capirai che problema.

 

Alla fine, seppure non me ne sia reso conto nell'elaborare il soggetto, rileggendolo ed elaborandolo si vede qualche chiaro riferimento a "Balla coi lupi'. 

Modificato da gilas2

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">53 minuti fa</span>, borden dice:

Bella stronza, la signora Rogers. ;)Il motivo per cui Rogers torna in città è assurdo, il modo è grande e c'erano di sicuro altri posti dove andare. Se invece torna per vendicarsi, perché si nasconde come un poveraccio patetico? E in tutto questo, Tex e Carson fanno le belle statuine e non incidono in nulla o quasi.  Mi spiace, all wrong. Ma magari a WY piace.

Como ca ti fu chiscande?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">35 minuti fa</span>, Wasted Years dice:

Como ca ti fu chiscande?

 

Google translate me la identifica come una frase in galiziano col significato di "Come ti sei nascosto?", ma immagino che sia errato... :D

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">5 ore fa</span>, Letizia dice:

Tex, per eliminare un pericoloso brigante, si reca a La Spezia dietro richiesta di una misteriosa associazione segreta chiamata Forum.

Qui incontra il brigante che è il trisavolo di Letizia, lo uccide e Letizia non nascerà mai (una rompiscatole di meno).

Ma esiste una linea ferroviaria tra Gallup e The Spice? Sennò non se ne fa nulla: trasferta troppo lontana.....

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, Otami dice:

 

Google translate me la identifica come una frase in galiziano col significato di "Come ti sei nascosto?", ma immagino che sia errato... :D

In Spagna mi chiedono spesso se sono Gallego, ma la frase è in dialetto sardo. Significa "perché mi tiri in ballo visto che non c'entro nulla ", letteralmente "ma ora chi ti stava cercando?"

Modificato da Wasted Years

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, gilas2 dice:

 

Fai prima a dire che la proposta non ti piace e basta. Visto che le stronchi con tanta goduria vorrei leggerne una tua così posso divertirmi  a stroncarla io ;)

 

Comunque:

- Qualcuno deve convocare Tex dal Canada. Può essere Jim Brandon (solitamente è lui), può essere anche Soublette stesso, può essere anche Gros Jean, chiunque vuoi che risieda in Canada. Non è fondamentale, e non sarebbe la prima volta che Jim Brandon si limita a convocare i pard senza poi apparire nella storia.

- Soublette ama sbronzarsi ogni tanto ma non era mica tanto un buono a nulla anzi era un signor trapper. Gros Jean, Pat McRyan ogni tanto una ciucca se la prendono (e se non ricordo male una volta o due anche Brandon) ma nessuno qui credo li consideri degli incapaci

- A volte ritrovano i cadaveri, a volte no, non tutti. Non è un elemento fondamentale, una volta che li danno in pasto ai lupi, i lupi li trascinano dove vogliono. A volte i lupi possono spolparli del tutto e persino seppellirne le ossa da qualche parte. L'interesse della tribù, e della coppia che ne è al comando, è di far girare la voce che chi si avventura in quelle zone fa una brutta fine ad opera dei lupi, anche a costo di far sparire il cadavere per sempre, comandati da un capobranco dalle caratteristiche insolite e quasi soprannaturali (un lupo albino con gli occhi rossi)

- Un fratello od una sorella, marito e moglie, zio e nipote, padre e figlia, non ha questa grande importanza. Va bene una qualsiasi coppia con legami di sangue. Una coppia, e non una persona sola perchè sarebbe troppo banale.

- I lupi possono essere selvatici ma anche addestrati. In Tex non sarebbe la prima volta, proprio a partire dalle due storie con protagonistta Zhenda. Ci sono stati altri esempi nel corso dei decenni di animali selvatici al servizio dell'antagonista di Tex. Non era questo il caso però nè di Mitla ed il Diablero nè degli uomini artiglio, in cui ad agire in maniera feroce erano esseri umani sotto l'effetto di sostanze allucinogene che li regredivano ad uno stato primitivo.

- Il movente non è così labile come sembra. In un'economia di una tribu nelle foreste del canada che si basa soprattutto sulla caccia (certo non sull'agricoltura), quando arrivano degli estranei e ti sterminano la tua principale fonte di sostentamento, se permetti un po' le balle ti girano

- la colpa va data in apparenza ai lupi perchè se si scopre che gli autori sono in realtà umani, arriva un battaglione di giubbe rosse e poi sono cavoli tuoi

- ma per farli materialmente uccidere dai lupi, devi ferire le vittime perchè vengano indebolite ed assalite dai lupi che sentono l'odore del sangue. Un lupo ci pensa cento volte prima di aggredire un uomo nel pieno delle sue forze e se può, lo evita. Con una preda ferita invece ha gioco facile. Le ferite iniziali puoi anche infliggerle senza apparente intervento umano con coltelli od artigli (che infatti si sono già visti nella storia degli uomini giaguaro e che non mi erano nemmeno passati per l'anticamera del cervello) ma buttandoli giù da una scarpata fitta di rovi ed arbusti in fondo alla quale i lupi sono pronti con coltello e forchetta. Oppure si può riprendere lil tema della 'corsa della freccia' con la vittima che vede un barlume di speranza, ed invece viene rapidamente raggiunto nella foresta ed immancabilmente dilaniato 

- Tex e Tiger perchè sono più 'sensibili' alla cultura indiana ed al ruolo che ha il lupo nelle sue tante metafore e leggende (vedi i link allegati sopra). Carson non lo sarebbe altrettanto e trovandosi il lupo albino nel mirino del fucile gli spara. O sarebbe molto più sorprendente se non gli sparasse, rispetto a Tex o Tiger, che tra l'altro qualche sfumatura da 'sciamano' in tempi recenti pare persino averla...

- per quel che poi mi riguarda, nel finale possono anche morire entrambi gli antagonisti, se le circostanze lo richiedono, capirai che problema.

 

Alla fine, seppure non me ne sia reso conto nell'elaborare il soggetto, rileggendolo ed elaborandolo si vede qualche chiaro riferimento a "Balla coi lupi'. 

Complimenti per la foga ammirevole con cui difendi il tuo soggetto. Tutto si  può ovviamente sistemare, nei fumetti.  Ma devo ammettere che avendo io, come il buon vecchio Sergio, una passione per i lupi, ho da tempo vietato storie e scene dove appaiono come cattivi, nonostante che alcuni degli sceneggiatori me li tirino fuori spesso come "tigri di Martini" (si dice quando uno non ha idee per andare avanti). Meglio gli orsi, gli dico in tal caso, quelli sì sono cattivi e pericolosi e attaccano l'uomo. I lupi no.

 

 

 

<span style="color:red;">4 minuti fa</span>, Wasted Years dice:

In Spagna mi chiedono spesso se sono Gallego, ma la frase è in dialetto sardo. Significa "perché mi tiri in ballo visto che non c'entro nulla ", letteralmente "ma ora chi ti stava cercando?"

 

 

Infatti mal me ne incolga. Ma sei tu che vai dicendo qua dentro che io boccio tutto a prescindere per i miei diktat come quelli di Sergio che ha prodotto schifezze ecc... ecc...  

 

Se dici che mi sono sbagliato per troppa severità e c'è una storia accennata in questo topic  che ti  piacerebbe leggere tra quelle sinora raccontate, dimmelo tu, prima di criticare.

 

Qual è?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

Bella stronza, la signora Rogers. ;)Il motivo per cui Rogers torna in città è assurdo, il modo è grande e c'erano di sicuro altri posti dove andare. Se invece torna per vendicarsi, perché si nasconde come un poveraccio patetico? E in tutto questo, Tex e Carson fanno le belle statuine e non incidono in nulla o quasi.  Mi spiace, all wrong. Ma magari a WY piace.

Avevo premesso che ho scritto questa storia sia per partecipare a questa discussione sia per puro divertimento:D, posso provare a spiegare però il ragionamento che ho fatto: l'evaso ha effettivamente come prima intenzione di vendicarsi, ma arrivato molto vicino al suo paese cambia idea perché capisce che è un tentativo che non può andare a buon fine visto che non è nemmeno armato e non ha altro che l'abbigliamento da detenuto e quindi cambia idea cercando di arrivare in Messico per rifarsi una vita, ma una volta che il tentativo fallisce non gli rimane che andare nell'unico posto che conosce, Las Cruces, che oltre ad essere il paese piu' vicino è quello dove qualcuno di sua conoscenza puo' dargli soldi, un cavallo, armi e quant'altro che gli permetta la fuga verso il Messico (e se l'ex moglie gli avesse procurato tutto questo, il ritorno avrebbe avuto senso). Per quanto riguarda Tex e Carson è normale che visti così sembrano delle comparse ma, a parte che ci sono state altre storie dove non sono stati protagonisti (Black Baron, Apache Kid per citarne un paio) potendo sviluppare la sceneggiatura ( io ho descritto solo la trama) si possono fare interagire con gli altri protagonisti, facendoli scontrare con il potente  e/o col banchiere oltre che con i cittadini bellicosi, si può sviluppare il rapporto tra lo sceriffo, che all'inizio sembra il burattino del padrone, ed i due pards che cambieranno idea nei suoi confronti e lo apprezzeranno per i principi morali dimostrati.

Detto questo sono comunque soddisfatto di avere ricevuto una critica da un vero sceneggiatore, se non altro ho stuzzicato la sua attenzione, e non è poco:)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">19 minuti fa</span>, Bob Rock dice:

Avevo premesso che ho scritto questa storia sia per partecipare a questa discussione sia per puro divertimento:D, posso provare a spiegare però il ragionamento che ho fatto: l'evaso ha effettivamente come prima intenzione di vendicarsi, ma arrivato molto vicino al suo paese cambia idea perché capisce che è un tentativo che non può andare a buon fine visto che non è nemmeno armato e non ha altro che l'abbigliamento da detenuto e quindi cambia idea cercando di arrivare in Messico per rifarsi una vita, ma una volta che il tentativo fallisce non gli rimane che andare nell'unico posto che conosce, Las Cruces, che oltre ad essere il paese piu' vicino è quello dove qualcuno di sua conoscenza puo' dargli soldi, un cavallo, armi e quant'altro che gli permetta la fuga verso il Messico (e se l'ex moglie gli avesse procurato tutto questo, il ritorno avrebbe avuto senso). Per quanto riguarda Tex e Carson è normale che visti così sembrano delle comparse ma, a parte che ci sono state altre storie dove non sono stati protagonisti (Black Baron, Apache Kid per citarne un paio) potendo sviluppare la sceneggiatura ( io ho descritto solo la trama) si possono fare interagire con gli altri protagonisti, facendoli scontrare con il potente  e/o col banchiere oltre che con i cittadini bellicosi, si può sviluppare il rapporto tra lo sceriffo, che all'inizio sembra il burattino del padrone, ed i due pards che cambieranno idea nei suoi confronti e lo apprezzeranno per i principi morali dimostrati.

Detto questo sono comunque soddisfatto di avere ricevuto una critica da un vero sceneggiatore, se non altro ho stuzzicato la sua attenzione, e non è poco:)

 

 

Rispondo a te come all'altro.Tutto si può sistemare, ci mancherebbe, ma quando si propone un soggetto queste lacune vanno risolte subito altrimenti sembra che semplicemente non sono state prese in considerazione e  la cosa finisce lì. Claro? 

 

Ti potrei obiettare per es. che è assurdo che uno così in gamba da evadere non riesca 1) a procurarsi un abito civile e vada in giro vestito come la Banda Bassotti e 2) si faccia gettare giù dal treno come un bamba da quattro vagabondi (perché poi 'sti cattivioni lo  facciano, il cielo lo sa)...

 

 

Per questo è molto più semplice che torni al paesello di sua iniziativa. Ma il resto della storia, così come tu l'hai scritto in una buona mezza pagina, è sconclusionato e poco adatto alla serie per azioni e motivazioni e carenza di texianità. Quella stessa mezza pagina ti poteva e doveva bastare per raccontarla meglio e nel modo giusto, se ne eri capace. 

 

Questa non ripresentarla più. Via con la prossima.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

Complimenti per la foga ammirevole con cui difendi il tuo soggetto. Tutto si  può ovviamente sistemare, nei fumetti.  Ma devo ammettere che avendo io, come il buon vecchio Sergio, una passione per i lupi, ho da tempo vietato storie e scene dove appaiono come cattivi, nonostante che alcuni degli sceneggiatori me li tirino fuori spesso come "tigri di Martini" (si dice quando uno non ha idee per andare avanti). Meglio gli orsi, gli dico in tal caso, quelli sì sono cattivi e pericolosi e attaccano l'uomo. I lupi no.

 

Mi sa che non riesco a spiegarmi... sigh sob... i lupi in sè non hanno un senso 'morale', non sono malvagi o cattivi (altrimenti sarebbero... uomini), o nemmeno buoni od amici dell'uomo (altrimenti sarebbero... cani). In questo caso, sono 'vittime' inconsapevoli dei piani degli antagonisti, e strumenti degli stessi. Tex, e Tiger, lo sanno e, di fronte all'opportunità di uccidere il capobranco, lo lasciano andare, perchè il nemico non è il lupo. Nel 'finire' le vittime di turno, non sono cattivi - anche se potrebbero apparire come tali - ma agiscono secondo la loro natura, come gli orsi o i puma che ogni tanto si affacciano. 

 

ps: in questo caso inoltre non sarebbero un semplice espediente narrativo (come ad esempio l'orso in Faccia di Cuoio e tanti altri casi) ma un elemento centrale dell'intera vicenda, a partire dal titolo, ma questo speravo di averlo chiarito fin dall'inizio

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

 

 

 

<span style="color:red;">20 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

Rispondo a te come all'altro.Tutto si può sistemare, ci mancherebbe, ma quando si propone un soggetto queste lacune vanno risolte subito altrimenti sembra che semplicemente non sono state prese in considerazione e  la cosa finisce lì. Claro? 

 

Ti potrei obiettare per es. che è assurdo che uno così in gamba da evadere non riesca 1) a procurarsi un abito civile e vada in giro vestito come la Banda Bassotti e 2) si faccia gettare giù dal treno come un bamba da quattro vagabondi (perché poi 'sti cattivioni lo  facciano, il cielo lo sa)...

 

 

Per questo è molto più semplice che torni al paesello di sua iniziativa. Ma il resto della storia, così come tu l'hai scritto in una buona mezza pagina, è sconclusionato e poco adatto alla serie per azioni e motivazioni e carenza di texianità. Quella stessa mezza pagina ti poteva e doveva bastare per raccontarla meglio e nel modo giusto, se ne eri capace. 

 

Questa non ripresentarla più. Via con la prossima.

Grazie dei consigli Borden, ma l'ho detto che ho buttato lì una storia per gioco e che non era nemmeno originale, non pretendevo mica che venisse pubblicata, non sono portato per la scrittura e, leggendo quello che ho scritto, si intuisce facilmente, ad ognuno il suo mestiere e scrivere non è sicuramente il mio. 

So long:D

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">3 ore fa</span>, gilas2 dice:

Fai prima a dire che la proposta non ti piace e basta. Visto che le stronchi con tanta goduria vorrei leggerne una tua così posso divertirmi  a stroncarla io ;)

 

Perché la metti sul piano personale ? Scrivi un soggetto lungo lungo quando basterebbero poche righe a contenere la tua idea, con la conseguenza che ogni riga che scrivi è attaccabile o quasi. Facilmente, aggiungo. E non c'è bisogno di lavorare per la SBE per vedere che come storia non si sposa con la logica, Borden è troppo buono nei miei confronti. Per quanto riguarda i miei soggetti che ti divertiresti a smontare, ne ho finora proposto tre: uno troppo incompleto per essere valutato, uno non malaccio ma col difetto di essere poco originale, un terzo che era una pura e semplice provocazione. Il quarto soggetto lo posto se e quando mi viene un'idea non troppo sballata.

 

Questo è il tuo soggetto senza fare a botte con la logica:

 

L'inverno è duro e nevica abbondantemente da diverse ore. Tex e Carson sono in Canada, di ritorno da una missione, quando-  mentre attraversano un bosco di conifere - vengono attirati dal rumore di spari. Incuriositi, accertano subito i fatti: si tratta di un folto gruppetto di Trappers intento a dare la caccia a dei lupi, tra i quali spicca un lupo albino dagli occhi rossi. Le carcasse degli annimali sono numerose. Tex che non sa spiegarsi tale rancore ne chiede ragione al capo dei trappers che gli spiega che i lupi si sono resi protagonisti di alcune morti tra di loro: diversi trappers infatti sono scomparsi senza lasciare tracce, mentre alcuni sono stati trovati morti e con profonde ferite se non mezzo divorati. Di ritorno al campo, in cui si sono raccolti i trappers della zona che lavorano tutti per un'unica compagnia, Tex ha modo di vedere il cadavere dell'ultima vittima prima della sepoltura e fa in tempo a rendersi conto che qualcosa non quadra. Indagine successiva. I responsabili, un piccolo gruppo di guerrieri guidati dal capo X, sono da individuare in una tribù di nativi, spinti dalla fame e dall'invadenza dei bianchi: hanno trovato un modo di liberarsi di loro senza attirare l'attenzione delle autorità. Mentre Tex cerca di riportare la pace tra trappers e indiani, i guerrieri che sono stati allontanati previamente dal loro campo, finiscono vittime dei lupi spaventati, guidati dall'albino che sembra avre una lucida intelligenza.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, gilas2 dice:

 

Mi sa che non riesco a spiegarmi... sigh sob... i lupi in sè non hanno un senso 'morale', non sono malvagi o cattivi (altrimenti sarebbero... uomini), o nemmeno buoni od amici dell'uomo (altrimenti sarebbero... cani). In questo caso, sono 'vittime' inconsapevoli dei piani degli antagonisti, e strumenti degli stessi. Tex, e Tiger, lo sanno e, di fronte all'opportunità di uccidere il capobranco, lo lasciano andare, perchè il nemico non è il lupo. Nel 'finire' le vittime di turno, non sono cattivi - anche se potrebbero apparire come tali - ma agiscono secondo la loro natura, come gli orsi o i puma che ogni tanto si affacciano. 

 

ps: in questo caso inoltre non sarebbero un semplice espediente narrativo (come ad esempio l'orso in Faccia di Cuoio e tanti altri casi) ma un elemento centrale dell'intera vicenda, a partire dal titolo, ma questo speravo di averlo chiarito fin dall'inizio

 

 

Capisco, ma in ogni caso,  senza porsi tante sottigliezze, il lettore avrebbe visto i lupi attaccare , no? Quindi li avrebbe visti cattivi. E tanto basta. 

 

 

PS La storia dell'uomo che comanda i lupi è talmente classica che io stesso l'avevo pensata a tredici anni. Credo che in Zagor qualcosa del genere sia stato fatto, in effetti. Ma Zagor consente di più, nel campo della fantasia.

 

 

Just now, ymalpas dice:

 

Perché la metti sul piano personale ? Scrivi un soggetto lungo lungo quando basterebbero poche righe a contenere la tua idea, con la conseguenza che ogni riga che scrivi è attaccabile o quasi. Facilmente, aggiungo. E non c'è bisogno di lavorare per la SBE per vedere che come storia non si sposa con la logica, Borden è troppo buono nei miei confronti. Per quanto riguarda i miei soggetti che ti divertiresti a smontare, ne ho finora proposto tre: uno troppo incompleto per essere valutato, uno non malaccio ma col difetto di essere poco originale, un terzo che era una pura e semplice provocazione. Il quarto soggetto lo posto se e quando mi viene un'idea non troppo sballata.

 

Questo è il tuo soggetto senza fare a botte con la logica:

 

L'inverno è duro e nevica abbondantemente da diverse ore. Tex e Carson sono in Canada, di ritorno da una missione, quando-  mentre attraversano un bosco di conifere - vengono attirati dal rumore di spari. Incuriositi, accertano subito i fatti: si tratta di un folto gruppetto di Trappers intento a dare la caccia a dei lupi, tra i quali spicca un lupo albino dagli occhi rossi. Le carcasse degli annimali sono numerose. Tex che non sa spiegarsi tale rancore ne chiede ragione al capo dei trappers che gli spiega che i lupi si sono resi protagonisti di alcune morti tra di loro: diversi trappers infatti sono scomparsi senza lasciare tracce, mentre alcuni sono stati trovati morti e con profonde ferite se non mezzo divorati. Di ritorno al campo, in cui si sono raccolti i trappers della zona che lavorano tutti per un'unica compagnia, Tex ha modo di vedere il cadavere dell'ultima vittima prima della sepoltura e fa in tempo a rendersi conto che qualcosa non quadra. Indagine successiva. I responsabili, un piccolo gruppo di guerrieri guidati dal capo X, sono da individuare in una tribù di nativi, spinti dalla fame e dall'invadenza dei bianchi: hanno trovato un modo di liberarsi di loro senza attirare l'attenzione delle autorità. Mentre Tex cerca di riportare la pace tra trappers e indiani, i guerrieri che sono stati allontanati previamente dal loro campo, finiscono vittime dei lupi spaventati, guidati dall'albino che sembra avre una lucida intelligenza.

 

 

 

Uhm. Non andare avanti altrimenti me la rendi interessante... (adesso qualcuno dirà che sto ingraziandomi Ymalpas. :lol:)

Modificato da borden

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Just now, ymalpas dice:

hanno trovato un modo di liberarsi di loro senza attirare l'attenzione delle autorità.

 

Ovviamente giovani e ingenui guerrieri che poco conoscono l'uomo bianco.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.