Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
natural killer

[Magazine 70 anni] Il segreto di Lilith - Dinamite

Recommended Posts

Guest Ken51

beh... morte infartuale, morte banale ... dopo tante battaglie ... morire cosi' ... vabbuo' che la vita e' banale... figurati la morte ... mi ha ricordato la morte di Ken Parker, dopo tutto cio' che ha passato, a 60 anni venire ucciso da una sciacquetta ...

 

una morte piu' "epica" (che so, una pallottola in fronte ...) sarebbe stata piu' consona ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, Ken51 dice:

beh... morte infartuale, morte banale ... dopo tante battaglie ... morire cosi' ... vabbuo' che la vita e' banale... figurati la morte ... mi ha ricordato la morte di Ken Parker, dopo tutto cio' che ha passato, a 60 anni venire ucciso da una sciacquetta ...

 

una morte piu' "epica" (che so, una pallottola in fronte ...) sarebbe stata piu' consona ...

 

Concordo pienamente, in particolare per la pallottola in fronte. Come accennato in precedenza, la storia non avrebbe potuto concludersi diversamente. Anche se sappiamo bene che, nei fumetti come nella vita, non bisogna mai dire mai. In ogni caso, il ricordo legato a Dinamite sarà sia del protagonista, come è giusto che sia, che di noi lettori.

 

Per Dinamite, Hip Hip HURRÀ!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto legittimo. A me sembrava sinceramente sbagliato e un po' sgradevole che si prendesse la pallottola dedicata a Tex. La morte per infarto improvviso è d'altronde la prima per frequenza nei cavalli, specialmente quelli atletici, come ben sanno ahimè coloro che amano questi animali, e oltre che scientifica, mi  sembrava più nobile. Questione di punti di vista, naturalmente. Così Dinamite dà letteralmente tutto se stesso e non muore per mano di un killer ma si sacrifica per l'amato Tex. 

Edited by borden

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grande Dinamite. Aiutare il suo "pard" un'ultima volta, per un grande senso del dovere.

Per secoli mi sono chiesto quale fosse stato il suo destino, ora posso leggere le nuove storie

(del "presente" e del "passato") senza chiedermelo più.

E ora che non c'è più e tornando a una facezia di qualche settimana fa:

"Dinamite" o "Dàinamait"?

Edited by Dix Leroy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finalmente un vero Magazine di Tex che si scrolla di dosso quell'alone di Almanacco del West che ancora caratterizzava i primi tre numeri.

Per celebrare Tex niente di meglio che qualcosa che parli solo di Tex.

Le stupende illustrazioni del maestro Di Gennaro che ripercorrono la storia di Tex, dalla rivisitazione della prima mitica striscia sul Rainbow Canyon fino all'attuale quartetto, aprono alla grande questo volumetto che prosegue con la intimistica testimonianza di Fabio Genovesi che racconta la sua appartenenza alla cerchia dei texiani puri e duri.

Interessante anche il confronto tra i diversi sceneggiatori di Tex nella lucida analisi di Luca Barbieri e la presentazione della nuova collana Tex Willer ad opera di Mauro Boselli che alla giovinezza di Tex  mischia anche la sua raccontandoci il suo approccio alla casa editrice che lo avrebbe visto diventare autore e curatore di Tex.

E come ogni spettacolo pirotecnico che si rispetti i botti migliori sono riservati alla fine con una sequenza strabiliante di omaggi grafici al nostro ranger da parte di grandi disegnatori che hanno fatto la storia del fumetto.

 

E poi ci sono le due storie a fumetti, scritte entrambe da Boselli e disegnate con grande professionalità da Civitelli e Dotti dedicate rispettivamente a Lilyth e al fedele Dinamite.

Due storie degne di figurare in questo che a mio vedere si candida ad essere il migliore dei Magazine finora usciti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sinceramente ho trovato migliore sia per disegni che per intreccio la storia di Dinamite, poi il finale........... Meraviglia. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">4 minuti fa</span>, Dix Leroy dice:

Grande Dinamite. Aiutare il suo "pard" un'ultima volta, per un grande senso del dovere.

Per secoli mi sono chiesto quale fosse stato il suo destino, ora posso leggere le nuove storie

(del "presente" e del "passato") senza chiedermelo più.

E ora che non c'è più e tornando a una facezia di qualche settimana fa:

"Dinamite" o "Dàinamait"?

 

Dinamite eh, niente scherzi! già a suo tempo fu complicato trasformare Tiger in Taigher...

  • Haha (0) 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">6 minuti fa</span>, natural killer dice:

 

Dinamite eh, niente scherzi! già a suo tempo fu complicato trasformare Tiger in Taigher...

Per stavolta niente esterofilia, sono d'accordo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Più che altro(so di essere un pò cattivello) pensavo al salvataggio di Tex da parte di Dinamite più o meno come è stato narrato, con la pallottola in fronte datagli, però, direttamente da Tex per farlo smettere di soffrire, quello sì che sarebbe stato un momento sia emozionante che malinconico. Ovviamente, la scelta di far morire il Cavallo in questa maniera è stata più "dolce" ma non così tanto da non far scendere una lacrima, ed anche di più, al sottoscritto. Ammetto, però, di averlo fatto dall'inizio alla fine, anche solo per la scoperta di dove era, effettivamente, andato a cavalcare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Commento le due storie, non ho ancora letto gli articoli.

 

Lilyth : buona storia, complicità tra gli sposi, degna figlia di un capo indiano e degna moglie di eroe del west.

            Civitelli : sempre un piacere per gli occhi!

 

Dinamite : ottima chiusura di una degna militanza.

                   E' l' unico pard che può morire.

                   E muore di fatica e vecchiaia, con la sua corsa più veloce di sempre

                   Ci lascia i suoi eredi.

                   Buona, come sempre, la performance di Carson!

 

                   Dotti: finalmente un Kit bello!

                              E d' ora in aventi lo voglio così!

                              la pag 151 da antologia! in particolare il volto e lo sguardo di Tex!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Triste la storia di dinamite, purtroppo necessaria per il proseguio della storia, e rende tutto molto più realistico...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Ken51
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

Tutto legittimo. A me sembrava sinceramente sbagliato e un po' sgradevole che si prendesse la pallottola dedicata a Tex. La morte per infarto improvviso è d'altronde la prima per frequenza nei cavalli, specialmente quelli atletici, come ben sanno ahimè coloro che amano questi animali, e oltre che scientifica, mi  sembrava più nobile. Questione di punti di vista, naturalmente. Così Dinamite dà letteralmente tutto se stesso e non muore per mano di un killer ma si sacrifica per l'amato Tex. 

Grazie dell'esauriente spiegazione, signor Boselli; ignoravo che l'infarto improvviso fosse la prima causa di morte nei cavalli ... Chiarimento importante. Adesso vedo la storia sotto un altro punto di vista e devo ammettere che e' un bell'omaggio a Dinamite ed alla storia stessa di Tex. Mi sono inoltre reso conto di non avere detto che i disegni di Dotti sono superlativi 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, borden dice:

Tutto legittimo. A me sembrava sinceramente sbagliato e un po' sgradevole che si prendesse la pallottola dedicata a Tex. La morte per infarto improvviso è d'altronde la prima per frequenza nei cavalli, specialmente quelli atletici, come ben sanno ahimè coloro che amano questi animali, e oltre che scientifica, mi  sembrava più nobile. Questione di punti di vista, naturalmente. Così Dinamite dà letteralmente tutto se stesso e non muore per mano di un killer ma si sacrifica per l'amato Tex. 

Dinamite è invincibile, come Tex.

Non poteva morire ammazzato, assolutamente no.

Sacrificarsi con un'ultima cavalcata, quasi soprannaturale, conferisce alla sua "dipartita" un'epicità senza pari.

P.S.: Mauro :P, come hanno fatto Jason e i suoi razziatori a penetrare nella riserva navajo senza essere visti dalle numerose sentinelle :capoguerra:sparse lungo tutti i suoi confini?

Ricordati però che le donne non si picchiano neanche con un fiore :calumet:.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A proposito dell'episodio con co-protagonista Dinamite... Il giovane navajo che accompagna Kit Willer all'inizio è lo stesso Nehdi recentissimamente comparso ne L'ultima vendetta e, andando a ritroso fino al 2007, in Morte nella nebbia? O si tratta di un incredibile caso di triplice coincidenza nel nome e nella somiglianza fisica :P???

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">8 ore fa</span>, Letizia dice:

Dinamite è invincibile, come Tex.

Non poteva morire ammazzato, assolutamente no.

Sacrificarsi con un'ultima cavalcata, quasi soprannaturale, conferisce alla sua "dipartita" un'epicità senza pari.

P.S.: Mauro :P, come hanno fatto Jason e i suoi razziatori a penetrare nella riserva navajo senza essere visti dalle numerose sentinelle :capoguerra:sparse lungo tutti i suoi confini?

Ricordati però che le donne non si picchiano neanche con un fiore :calumet:.

 

 

 

Sono stati in gamba.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

Sono stati in gamba.

 

:D :D :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma... non è che la camicia di Tex sia in copertina che a pag.6 (giuramento ai Rangers) è sbagliata??? :unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">17 ore fa</span>, juanraza85 dice:

A proposito dell'episodio con co-protagonista Dinamite... Il giovane navajo che accompagna Kit Willer all'inizio è lo stesso Nehdi recentissimamente comparso ne L'ultima vendetta e, andando a ritroso fino al 2007, in Morte nella nebbia? O si tratta di un incredibile caso di triplice coincidenza nel nome e nella somiglianza fisica :P???

 

Tu cosa pensi?:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
45 minuti fa, Carlo Monni dice:
18 ore fa, juanraza85 dice:

A proposito dell'episodio con co-protagonista Dinamite... Il giovane navajo che accompagna Kit Willer all'inizio è lo stesso Nehdi recentissimamente comparso ne L'ultima vendetta e, andando a ritroso fino al 2007, in Morte nella nebbia? O si tratta di un incredibile caso di triplice coincidenza nel nome e nella somiglianza fisica :P???

 

Tu cosa pensi?:D

 

Diciamo che se già difficilmente sono portato a credere ad una coincidenza, credere a due mi è ancora più arduo, quindi figuriamoci credere a ben TRE coincidenze (continuiamo convenzionalmente a chiamarle così) :D:D:D..!!! Scherzi a parte, personalmente sono più che favorevole ad una ricorrenza anche dei personaggi di mero contorno nell'universo texiano. Per spiegare meglio il concetto, a mio modesto parere non sarebbe male che nei luoghi che Tex ed i pards bazzicano con maggior frequenza (la riserva in primis, i forti dell'esercito ove si recano più spesso, cittadine non lontane dalla riserva come Flagstaff e Gallup) vi fossero sempre alcuni personaggi fissi e luoghi di riferimento, in modo tale da ingenerare anche una sorta di "pseudo-continuity".

 

Ad esempio, personalmente gradirei molto se nella riserva, e più specificamente nel villaggio centrale dove risiede Tex, vi si potessero trovare all'occorrenza presenze "fisse" di varia importanza (non solo l'eterno Nuvola Rosa, per intenderci, ma anche gente come i vari Cochito e Jaimas), piuttosto che avere sceriffi stabili nelle suddette cittadine - sulla falsariga di quanto si sta opportunamente facendo, ad esempio, con Phoenix e Tucson - ed ufficiali ricorrenti nei forti dell'Arizona.

 

Naturalmente, si tratta di una mera opinione personale, ben lungi dall'essere una conditio sine qua non, ma qualora alla SBE la prendessero in considerazione sarei il primo a fare un plauso ;)

Edited by juanraza85

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

23 minuti fa, juanraza85 dice:

ed ufficiali ricorrenti nei forti dell'Arizona.

A me basterebbe non vedere più il Maggiore Morrow...(non mi è mai piaciuto,fin dalla prima apparizione con Nolitta).

Invece mi manca tremendamente il vecchio Phil Davis...so che Borden non ama tanto i personaggi Deus ex machina, ma il vecchio Generale è un personaggio affascinante,l unico tacchino gallonato dalla parte degli Indiani...

E non mi dispiacerebbe rivedere pure quel balordo guerrafondaio di Stonewell...magari preso a calci nel di dietro :old::soldatonordista:

Edited by Barbanera

Share this post


Link to post
Share on other sites

Due belle storie. Carina quella di Lilyth(e carina anche l'interpretazione civitelliana) e davvero notevole quella di Dinamite. Due storie che meritavano le 110 pagine e la serie regolare. Per il magazine ci sarebbero non pochi scarti, ehm, tra cui scegliere. Capisco che sono i 70 anni e siamo a settembre (a proposito, un pensiero anche a Sergio Bonelli) e che queste avventure siano state pensate per la ricorrenza, ma che spreco!!! Il finale della storia di Dinamite è un qualcosa di indescrivibile, ci sono rimasto veramente male per la sua morte, ma si è sacrificato per il suo padrone e per i suoi, numerosi, figli: quasi un pard in carne e ossa! per lui ci voleva una storia che non fosse la classica storia banale del cavallo, ma una storia memorabile, di amore, amicizia, dedizione e estremo sacrificio che Mauro Boselli è riuscito a tirare fuori, ancora una volta, dal cilindro, e che continua per la sua forza evocativa ad alimentare il mito di Tex.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">8 minuti fa</span>, ymalpas dice:

finale della storia di Dinamite è un qualcosa di indescrivibile, ci sono rimasto veramente male per la sua morte, ma si è sacrificato per il suo padrone e per i suoi, numerosi, figli: quasi un pard in carne e ossa! per lui ci voleva una storia che non fosse la classica storia banale del cavallo, ma una storia memorabile, di amore, amicizia, dedizione e estremo sacrificio 

Un rapporto simile a quello tra Bucefalo e Alessandro Magno

E per la prima volta da quando leggo Tex,dopo aver letto questa storia, mi sono commosso...

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">30 minuti fa</span>, juanraza85 dice:

 

Diciamo che se già difficilmente sono portato a credere ad una coincidenza, credere a due mi è ancora più arduo, quindi figuriamoci credere a ben TRE coincidenze (continuiamo convenzionalmente a chiamarle così) :D:D:D..!!! Scherzi a parte, personalmente sono più che favorevole ad una ricorrenza anche dei personaggi di mero contorno nell'universo texiano. Per spiegare meglio il concetto, a mio modesto parere non sarebbe male che nei luoghi che Tex ed i pards bazzicano con maggior frequenza (la riserva in primis, i forti dell'esercito ove si recano più spesso, cittadine non lontane dalla riserva come Flagstaff e Gallup) vi fossero sempre alcuni personaggi fissi e luoghi di riferimento, in modo tale da ingenerare anche una sorta di "pseudo-continuity".

 

Ad esempio, personalmente gradirei molto se nella riserva, e più specificamente nel villaggio centrale dove risiede Tex, vi si potessero trovare all'occorrenza presenze "fisse" di varia importanza (non solo l'eterno Nuvola Rosa, per intenderci, ma anche gente come i vari Cochito e Jaimas), piuttosto che avere sceriffi stabili nelle suddette cittadine - sulla falsariga di quanto si sta opportunamente facendo, ad esempio, con Phoenix e Tucson - ed ufficiali ricorrenti nei forti dell'Arizona.

 

Naturalmente, si tratta di una mera opinione personale, ben lungi dall'essere una conditio sine qua non, ma qualora alla SBE la prendessero in considerazione sarei il primo a fare un plauso ;)

 

A Gallup c'è mamma Rose con le sue famose bistecche alte tre dita e le montagne di patatine fritte.

Per non parlare delle torte di mele.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">3 minuti fa</span>, Letizia dice:

A Gallup c'è mamma Rose con le sue famose bistecche alte tre dita e le montagne di patatine fritte.

Per non parlare delle torte di mele

A Tucson c è il Vieja Sevilla...le bistecche sono ancora più alte :P

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, Letizia dice:

A Gallup c'è mamma Rose con le sue famose bistecche alte tre dita e le montagne di patatine fritte.

Per non parlare delle torte di mele.

 

Cita

A Tucson c è il Vieja Sevilla...le bistecche sono ancora più alte :P

 

Anche personaggi del genere, ancor più di contorno (e magari - visto che Letizia e Barbanera hanno parlato di bistecche e patatine - anche di secondo, passatemi la pessima battuta :P), sarebbero dal mio punto di vista più che graditi in un'ottica di "pseudo-continuity"...

 

21 minuti fa, ymalpas dice:

Due storie che meritavano le 110 pagine e la serie regolare. Per il magazine ci sarebbero non pochi scarti, ehm, tra cui scegliere.

 

In linea di principio posso essere d'accordo, probabilmente una lunghezza di 110 pgine avrebbe giovato soprattutto alla storia con Lilyth. D'altro canto, però, è inutile ribadire che si trattava di un Magazine dall'intento soprattutto celebrativo, per cui direi come ulteriore banalità che la scelta era pressoché obbligata...

Edited by juanraza85

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Similar Content

    • By natural killer
      Una società segreta criminale soffoca nelle sue spire la contea di Los Angeles!
      TEX
      N° : 705
      Periodicità: mensile
      LA MASCHERA DI CERA
      uscita: 06/07/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 110
      Codice a barre: 977112156104690705
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Michele Benevento
      Copertina: Claudio Villa

      Un agente della Pinkerton è stato misteriosamente ucciso. Rowland, lo sceriffo di Los Angeles, si chiede perché due famosi rangers, Tex e Carson, e un agente Pinkerton in incognito, Mac Parland, si siano scomodati a venire nella sua tranquilla città. Non più così tranquilla, però, da quando ci sono loro!… Un malese sotto l’influsso della droga attenta alla vita della bruna cantante Lavinia Jones… Mac Parland scompare misteriosamente sulla collina di Bunker Hill… E Joan Fischer, la bionda figlia del dottore, da poco arrivata in città, viene rapita da un’orrenda creatura…
       
       

       
       
       

       
       
       

       

       
       
       
    • By natural killer
      Un misterioso killer uccide uno a uno i membri della banda dei “Cowboys”…
      SPECIALE TEX
      N° : 34
      Periodicità: annuale
      DOC!
      uscita: 20/06/2019
      Formato: 21x29,7 cm, b/n
      Pagine: 240
      Codice a barre: 977112365504090034
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Laura Zuccheri
      Copertina: Laura Zuccheri

      Doc Holliday: dentista, giocatore e pistolero. Ritiratosi a Leadville, Colorado, dopo la famosa guerra della Cochise County culminata nella sparatoria dell’OK Corral, il leggendario dottore con la pistola si guadagna da vivere al tavolo da gioco. Ma il passato ritorna: prima la sua scatenata e gelosa ex ragazza, Big Nose Kate. E poi due tenaci rangers, Tex e Carson, che lo cercano per chiarire il mistero su alcuni efferati omicidi compiuti con un trapano da dentista. Ma i superstiti della banda dei “Cowboys” continuano a morire e i loro nomi a essere cancellati con un tratto di penna sul taccuino nero di Doc. Tra il Colorado e il New Mexico le Colt riprendono a ruggire nelle mani di Johnny Ringo, Bud Snow, i fratelli Hicks e altri famigerati badmen del West, sino alla sanguinosa resa dei conti a Skeleton Canyon.
       

       
       

      https://www.sergiobonelli.it/tex/2019/04/23/albo/doc-1004559/
    • By natural killer
      Anche le canaglie hanno un’anima… e una seconda possibilità!
      TEX
      N° : 703
      Periodicità: mensile
      LA SECONDA VITA DI BOWEN
      uscita: 07/05/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 110
      Codice a barre: 977112156104690703
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Gianluca Acciarino
      Copertina: Claudio Villa

      Tex non è uno sbirro come gli altri. Sa leggere nel cuore degli uomini. E ha visto qualcosa di buono nel cuore del freddo sicario Kenneth Bowen, quando ha capito come si prendeva cura del piccolo orfano Tim Mitchell… A San Francisco, dove si è trasferito col ragazzo, Bowen si è rifatto una vita. Ha un lavoro onesto e una donna che si preoccupa per lui. Tom Devlin, il capo della polizia, lo sorveglia per conto di Tex… Ma le vite violente lasciano ferite insanabili. Bowen ha dei nemici e, quando il passato tonerà a chiedergli il conto, dovrà fare una scelta…
       

       
       
       

       

       
       
      https://www.sergiobonelli.it/tex/2019/04/01/albo/la-seconda-vita-di-bowen-1004417/
      Ruju dà un seguito al ragazzo rapito che Faraci aveva lasciato in sospeso a Madison Creek
      La continuità è garantita da Gianluca Acciarino
      L'ambientazione cittadina a Frisco è per me particolarmente intrigante...
    • By natural killer
      Una frontiera di fuoco, tra disertori messicani e comancheros…
      TEX WILLER
      N° : 5
      Periodicità: mensile
      I DUE DISERTORI
      uscita: 20/03/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 64
      Codice a barre: 977261184704690005
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Bruno Brindisi
      Copertina: Maurizio Dotti

      In Messico ribolle la guerra civile, ma anche i territori americani del Sudovest non se la passano tanto bene, percorsi come sono da disertori degli eserciti in lotta, da bande di indiani e di spietati comancheros…  Diretto a Saint Thomas per rivedere Tesah, Tex si trova impegnato un po’ contro tutti, in una cavalcata senza un attimo di tregua in sella al fedele Dinamite…
       

       

       

       

    • By natural killer
      Tra passato e presente, la sorte del sacro tesoro dei pellerossa…
       
       
      TEX
      N° : 700
      Periodicità: mensile
      L'ORO DEI PAWNEE
      uscita: 07/02/2019
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Fabio Civitelli
      Copertina: Claudio Villa

       
       
       

       

       

       

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.