Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
natural killer

[Magazine 70 anni] Il segreto di Lilith - Dinamite

Recommended Posts

Il migliore Almanacco/Magazine da quando sono usciti. Concordo che la prima storia era da serie regolare, non sono d'accordo, visto anche il costo di copertina, che gli scarti devono tutti finire qui.

Le brutte storie dovrebbero essere cestinate

Edited by Loriano Lorenzutti
Errore di battitura

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissimo magazine

La prima storia bella e i disegni sempre ottimi di Civitelli

La seconda stupenda migliore della prima e i disegni di Dotti sempre piu belli

Oserei dire che stavolta Dotti l ho preferito a Civitelli 

Voto al magazine 9

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">11 ore fa</span>, Luca Brovelli dice:

Bellissimo magazine

La prima storia bella e i disegni sempre ottimi di Civitelli

La seconda stupenda migliore della prima e i disegni di Dotti sempre piu belli

Oserei dire che stavolta Dotti l ho preferito a Civitelli 

Voto al magazine 9

 

 

Ancora non l'ho letta ma, se ti può consolare, io preferisco sempre Dotti a Civitelli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bel magazine, con alti e bassi.

 

BASSI 

 

La storia di Lilyth

 

Devo dire che mi ha deluso, per via della marcata forzatura che riscontro nella storia, che a mio parere la rende davvero poco credibile e indigesta: l'attesa degli sgherri nel trading post. Il frate è morto da tempo; è verosimile che degli uomini abbiano aspettato al trading post (per quanto tempo? La storia fa pensare che siano passati anni) che finalmente qualcuno si facesse vivo per recuperare il tesoro perduto? Per tutto quel tempo un boss ha creduto bene di far aspettare lì dei suoi uomini nella speranza che qualcuno - che peraltro non poteva essere il frate, morto da anni - tornasse a prendersi i gioielli?  Mi pare davvero molto, molto forzata la scelta narrativa di Boselli. Qualcuno potrebbe obiettare: è lo stesso espediente utilizzato da Borden ne Il Passato di Carson, e lì con ancora maggiore esagerazione, visto che sono passati venticinque anni. E invece no, nella superba prima storia dell'attuale curatore la cosa appare più credibile, perché Chester va a fare un giro alla miniera di Bannock di tanto in tanto, consapevole che, se Clemmons ritornerà, starà in miniera non meno di un mese, perché deve avere il tempo per scavare le tonnellate di roccia con cui seppelli' il suo tesoro. In un mese e più, è possibile che Chester, nei suoi giri occasionali e senza impegno verso Bannock, lo intercetti. Qui invece, Tex e Lilyth ci mettono mezza giornata per trovare il tutto,  e guarda un po'?  Trovano dei banditi ad attenderli...

La trovo una forzatura eccessiva, in una storia che non mi ha emozionato affatto.

 

I Tex di...

 

Ritengo una grave dimenticanza non aver parlato affatto del Tex di Berardi. Mi direte: ma ha fatto una sola storia. Già, peccato che quella storia sia tra le più belle della saga, e che quell'unico contributo valga molto più di quanto dato a Tex da altri sceneggiatori che invece sono stati citati. 

 

I ritratti

 

Sono personaggi western, non interpretazioni di Tex. Io Tex non ce lo vedo mai.

 

GLI ALTI 

 

La storia di Dinamite: bellissima. Come fatto notare da Carlo Monni e da altri, la scena finale è superba: prima avvincente e adrenalinica, poi commovente ed epica. Non ho bisogno di sapere che l'infarto sia tra le cause primarie della morte dei cavalli per dire che la scena è epica: Dinamite è anziano, ma sacrifica sé stesso per servire Tex un'ultima volta. Muore non per una banale pallottola, ma per troppa generosità: non può esserci un modo migliore di morire. 

 

Le tavole di Di Gennaro 

 

Molto evocative. Perfette per la celebrazione di una ricorrenza.

 

Gli articoli di Genovesi e Boselli

 

Molto "intimo" il primo, non ci si può non riconoscere. Interessante il secondo.

 

Tutto sommato un bel Magazine, sono soddisfatto. La brutta storia di Lilith per me è un'occasione sprecata, ma è compensata dalla generosità di un vecchio amico, quel Dinamite di cui finalmente oggi conosciamo la fine. 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un Magazine sontuoso,impreziosito dagli ottimi disegni di Civitelli e Dotti e dalla straordinaria avventura che ha come protagonista Dinamite. Concordo con Leo nel definire molto esile la storia con Lilith,in particolare,come è stato già evidenziato,riguardo la forzatura sull'attesa dei Comancheros sia al Trading Post che al Pueblo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 2/10/2018 at 20:15, Leo dice:

Le tavole di Di Gennaro 

 

Molto evocative. Perfette per la celebrazione di una ricorrenza.

 

 

 

quella con i quattro pards bellissima, meriterebbe un poster.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Permettetemi una critica : ma i 4 volti hanno tutti esattamente la stessa bocca ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono riuscito a leggere solo la storia di Dinamite, e che dire... bellissima!

Senza dubbio una delle più emozionanti degli ultimi anni, e anche tra le più sorprendenti: non mi sarei mai aspettato di assistere alla morte di Dinamite! Credo sia la prima volta che un comprimario storico della saga - anche se Dinamite appartiene comunque al passato del personaggio - viene fatto morire. Il tutto, poi, al termine di una scena spettacolare, dove davvero mi è sembrato di vedere una coppia di autori affiatati e in uno stato di grazia evidente, con cui mi complimento.

Senza dubbio, tra le storie brevi degli ultimi anni che ho letto, questa è l'unica può aspirare al rango di capolavoro, o comunque di pietra miliare della saga.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vedi che ogni tanto possiamo essere completamente d'accordo? Ma non ti ci abituare eh?:lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Letto oggi: la storia di Lilyth si fa leggere tutta d'un fiato, ben sceneggiata e magistralmente disegnata da Civitelli, ci mostra quant'era "peperina" la moglie indiana di Tex.

La seconda storia splendidamente disegnata da Dotti, ci fa vedere la fine del primo, mitico, cavallo di Tex. Ammetto, ci sono un po'' rimasto male, ma alla fine, anche stavolta, salva il suo padrone da una pallottola e se stesso dal rapimento, giumente e puledri compresi, giungendo alla fine della pista non per mano dell'uomo, ma per cause naturali, come un infarto per troppo sforzo.

Curiosità a fine lettura ( e qui potrà chiarire Borden): all'inizio Kit e il suo amico indiano parlano tra di loro, Kit racconta di quando che.....e inizia il flashback su Dinamite e i rapimenti.

A fine storia, Kit e l'indiano sono ancora insieme, commentano l'epilogo triste di Dinamite, e non capisco perché Kit è disegnato con il braccio al collo, come se avesse da poco terminato lo scontro a fuoco coi banditi, in cui, ricorderete, era stato ferito per primo.  All'inizio della storia il braccio al collo non c'è.....

Svista?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono due scene diverse. All'inizio Dinamite è VIVO! Sveglia,amigp! Come può essere la stessa scena?!:lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 14/10/2018 at 09:49, borden dice:

Sono due scene diverse. All'inizio Dinamite è VIVO! Sveglia,amigp! Come può essere la stessa scena?!:lol:

 

Oh....me tapino, non posso darti torto,, mi sono fatto ingannare dal fatto che sia prima, che dopo, Kit parli con lo stesso personaggio e nello stesso contesto. 

....non devo leggere prima di andare a dormire, sennò capita di fare figure barbine, come questa! :D

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Leggendo la storia di Lilyth ho avuto come l'impressione che per ambientarla avessero preso il "set" di Painted desert.

A parte questo, come dite anche voi, buon volume ed ottima storia su Dinamite.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">45 minuti fa</span>, Occhi nella Notte dice:

Leggendo la storia di Lilyth ho avuto come l'impressione che per ambientarla avessero preso il "set" di Painted desert.

A parte questo, come dite anche voi, buon volume ed ottima storia su Dinamite.

 

Si sa, l'Arizona è un po' tutta simile a se stessa.., ma guarda un po'... :lol:;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
On ‎14‎/‎10‎/‎2018 at 09:49, borden dice:

 

Piacevolissimo questo Magazine, con due storie di buon livello, incentrate su due personaggi fondamentali della saga, Lilyth e Dinamite.

La prima, “Il segreto di Lilyth”, ambientata ovviamente nel passato, ci offre una caratterizzazione della moglie di Aquila della Notte in linea con quella che, nelle sue brevissime apparizioni, ci aveva dato il suo creatore GLB. La stessa, infatti, è coraggiosa e dotata di un caratterino che, pur non essendo vivace, è pacato ma fermo, così come si conviene alla compagna di un eroe. Non era facile, inoltre, creare il giusto soggetto per farla tornare, ma l’autore ci riesce perfettamente.

Anche la seconda storia del Magazine, “Dinamite”, è ben costruita, e Boselli riesce a trovare una spiegazione molto convincente del motivo per cui il celebre cavallo non fosse più cavalcato da Tex. A questo vi aggiunge un commovente finale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E finalmente l'ho letto anch'io. Capolavoro la storia di Dinamite, Boselli e' veramente un grande. Quella di Lilyth l'ho trovata molto debole (per non dilungarmi, rimando al commento di Leo), ed e' un peccato, perche' a me piacerebbe molto il recupero del personaggio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da notare i nomi dei due cospiratori: Bolter e Greene. Ispirati dagli uomini-jet Usain Bolt e Maurice Greene? :Ave:

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">19 minuti fa</span>, "Indio" Mac Kelly dice:

Da notare i nomi dei due cospiratori: Bolter e Greene. Ispirati dagli uomini-jet Usain Bolt e Maurice Greene? :Ave:

 

 

OK. Ma è un caso, o qualcuno ti ha detto che è stato fatto apposta?:wacko:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non lo so: da buon appassionato di atletica e di Giochi Olimpici, appena ho letto i nomi ho pensato a Bolt e Greene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh... Allyson Sydor e Ned Overend erano i nomi di due campioninissimi della mountain bike anni '90... e a quanto pare Civitelli è un appassionato di ciclismo... (a voi rintracciare la storia dove appaiono, ma è assai nota) ;) 

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

<3 Il presagio <3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma i nomi dei personaggi non li decide l' autore?

Civitelli è il disegnatore del presagio e delle storie con Lilyth.

Anche io seguo il ciclismo.

 

  • Confused (0) 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">22 minuti fa</span>, Betta 53 dice:

Ma i nomi dei personaggi non li decide l' autore?

 

E giustappunto Civitelli è l'autore del soggetto originale de "Il presagio". ;)

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

In uno dei primi numeri di Nathan Never (in cui gli autori sono i tre sardi Serra, Medda e Vigna) due personaggi si chiamavano Vargas e Oliveira (allora giocatori del Cagliari) ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vargas? Io mi ricordavo Dely Valdés...:lol:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Similar Content

    • By natural killer
      Una società segreta criminale soffoca nelle sue spire la contea di Los Angeles!
      TEX
      N° : 705
      Periodicità: mensile
      LA MASCHERA DI CERA
      uscita: 06/07/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 110
      Codice a barre: 977112156104690705
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Michele Benevento
      Copertina: Claudio Villa

      Un agente della Pinkerton è stato misteriosamente ucciso. Rowland, lo sceriffo di Los Angeles, si chiede perché due famosi rangers, Tex e Carson, e un agente Pinkerton in incognito, Mac Parland, si siano scomodati a venire nella sua tranquilla città. Non più così tranquilla, però, da quando ci sono loro!… Un malese sotto l’influsso della droga attenta alla vita della bruna cantante Lavinia Jones… Mac Parland scompare misteriosamente sulla collina di Bunker Hill… E Joan Fischer, la bionda figlia del dottore, da poco arrivata in città, viene rapita da un’orrenda creatura…
       
       

       
       
       

       
       
       

       

       
       
       
    • By natural killer
      Un misterioso killer uccide uno a uno i membri della banda dei “Cowboys”…
      SPECIALE TEX
      N° : 34
      Periodicità: annuale
      DOC!
      uscita: 20/06/2019
      Formato: 21x29,7 cm, b/n
      Pagine: 240
      Codice a barre: 977112365504090034
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Laura Zuccheri
      Copertina: Laura Zuccheri

      Doc Holliday: dentista, giocatore e pistolero. Ritiratosi a Leadville, Colorado, dopo la famosa guerra della Cochise County culminata nella sparatoria dell’OK Corral, il leggendario dottore con la pistola si guadagna da vivere al tavolo da gioco. Ma il passato ritorna: prima la sua scatenata e gelosa ex ragazza, Big Nose Kate. E poi due tenaci rangers, Tex e Carson, che lo cercano per chiarire il mistero su alcuni efferati omicidi compiuti con un trapano da dentista. Ma i superstiti della banda dei “Cowboys” continuano a morire e i loro nomi a essere cancellati con un tratto di penna sul taccuino nero di Doc. Tra il Colorado e il New Mexico le Colt riprendono a ruggire nelle mani di Johnny Ringo, Bud Snow, i fratelli Hicks e altri famigerati badmen del West, sino alla sanguinosa resa dei conti a Skeleton Canyon.
       

       
       

      https://www.sergiobonelli.it/tex/2019/04/23/albo/doc-1004559/
    • By natural killer
      Anche le canaglie hanno un’anima… e una seconda possibilità!
      TEX
      N° : 703
      Periodicità: mensile
      LA SECONDA VITA DI BOWEN
      uscita: 07/05/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 110
      Codice a barre: 977112156104690703
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Gianluca Acciarino
      Copertina: Claudio Villa

      Tex non è uno sbirro come gli altri. Sa leggere nel cuore degli uomini. E ha visto qualcosa di buono nel cuore del freddo sicario Kenneth Bowen, quando ha capito come si prendeva cura del piccolo orfano Tim Mitchell… A San Francisco, dove si è trasferito col ragazzo, Bowen si è rifatto una vita. Ha un lavoro onesto e una donna che si preoccupa per lui. Tom Devlin, il capo della polizia, lo sorveglia per conto di Tex… Ma le vite violente lasciano ferite insanabili. Bowen ha dei nemici e, quando il passato tonerà a chiedergli il conto, dovrà fare una scelta…
       

       
       
       

       

       
       
      https://www.sergiobonelli.it/tex/2019/04/01/albo/la-seconda-vita-di-bowen-1004417/
      Ruju dà un seguito al ragazzo rapito che Faraci aveva lasciato in sospeso a Madison Creek
      La continuità è garantita da Gianluca Acciarino
      L'ambientazione cittadina a Frisco è per me particolarmente intrigante...
    • By natural killer
      Una frontiera di fuoco, tra disertori messicani e comancheros…
      TEX WILLER
      N° : 5
      Periodicità: mensile
      I DUE DISERTORI
      uscita: 20/03/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 64
      Codice a barre: 977261184704690005
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Bruno Brindisi
      Copertina: Maurizio Dotti

      In Messico ribolle la guerra civile, ma anche i territori americani del Sudovest non se la passano tanto bene, percorsi come sono da disertori degli eserciti in lotta, da bande di indiani e di spietati comancheros…  Diretto a Saint Thomas per rivedere Tesah, Tex si trova impegnato un po’ contro tutti, in una cavalcata senza un attimo di tregua in sella al fedele Dinamite…
       

       

       

       

    • By natural killer
      Tra passato e presente, la sorte del sacro tesoro dei pellerossa…
       
       
      TEX
      N° : 700
      Periodicità: mensile
      L'ORO DEI PAWNEE
      uscita: 07/02/2019
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Fabio Civitelli
      Copertina: Claudio Villa

       
       
       

       

       

       

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.