Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
ymalpas

[Tex Willer N. 1 / 2 / 3 / 4] Vivo o morto!

Recommended Posts

<span style="color:red;">9 ore fa</span>, ComixComunity dice:

Ciao a tutti.

Scusate la domanda "fuori tempo massimo", ma io avevo preso la "cover regular" di TW 1. Ora trovo che viene indicata la variant di Villa a 112 pagine.

 

Possibile? Vista la differenza di costo, oltre alla cover diversa ci siano dei contenuti extra? (anche se secondo me è un refuso derivato dalla lunghezza degli albi della serie regolare. Ma...).

 

Altra cosa: nella sezione Anteprima non mi pare aggiornato l'elenco degli albi in uscita per quest'anno. Possibile? Dove eventualmente dovrei guardare? 

 

Grazie.

Gianpaolo

 

Beh, la smentita viene dal curatore quindi è ufficiale, comunque le variant del Tex Willer le ho tutte e non c'è una pagina in più

in nessuna (ma io consiglio sempre di procurarsi almeno quella con l'avviso di taglia).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me una delusione questa prima storia...o meglio, fila tutto benissimo per i primi due volumi, poi quando si tratta di innestare il racconto con il classico "Totem Misterioso" si susseguono tutta una serie di ingenuità, inverosimiglianze e comportamenti illogici (es. Coffin cicca Tex da mezzo metro colpendolo di striscio alla tempia ; Coffin & i manigoldi hanno per le mani Tesah e non trovano di meglio che seppellirla nel deserto con la testa di fuori ; Coffin che spara a Dente di Lupo -parzialmente ciccandolo- ma non finisce Tex e Tesah legandoli ai due pali, perchè si etc. etc.) che se non sfiguravano nell'originaria impostazione stilizzata ed essenziale del Tex a striscia, in un racconto più dettagliato e realistico come questo ho trovato alquanto stridenti, come due entità distinte difficili ad amalgamarsi...Inoltre mi piacerebbe che si utilizzasse l'opportunità di questa nuova collana per ritornare a vedere un po' il Tex scorretto,  sborone e cattivo dei primi 100 numeri, quello che non si faceva scrupoli anche ad ammazzare a sangue freddo, sparare alla schiena, e che a volte pestava barman e sfasciava saloon per semplice diletto...e invece, stando almeno a questa prima storia abbiamo un cavalier gentile senza macchia che si fa scrupoli ad uccidere tagliagole della peggior risma (preferendo sparare sui poveri cavalli), spara alle mani per disarmare e colpisce col calcio della pistola per intontire, persino più posato della sua versione saggia e matura.:blink: Spettacolari le tavole di De Angelis, tra i miei disegnatori preferiti in assoluto, e molto bene come è tratteggiato il personaggio di Tesah, ma anche lì sembra che ci sia qualcosa di irrisolto nel suo rapporto con Tex <_< E qui Tex non ha ancora il giogo auto-imposto del rispetto della memoria della moglie Lilyth, ricordiamolo ! Ovviamente ho acquistato tutti i numeri successivi e proseguirò a leggere la collana, anche perchè penso che le potenzialità siano grandissime, e credo che con le prossime storie totalmente "nuove" Boselli e co. potranno maggiormente sbizzarrirsi e portare la serie al pieno del suo potenziale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Testa di Vitello dice:

ingenuità, inverosimiglianze e comportamenti illogici

Sembra che tu non abbia letto i primi albi di Tex.

Le tre "i", ingenuità, inverisimiglianza, illogicità, si riferiscono a fatti avvenuti nelle prime strisce, disegnate da Galep e ideate da GLB.

Cosa doveva fare Boselli?

Cambiare il passato di Tex e smentire GLB?

Eppoi, ma sì, cambiamo il carattere di Tex: facciamo che spari nella schiena a uomini magari disarmati, donzelle indifese, indiani ubriachi et similia.

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, Testa di Vitello dice:

.Inoltre mi piacerebbe che si utilizzasse l'opportunità di questa nuova collana per ritornare a vedere un po' il Tex scorretto,  sborone e cattivo dei primi 100 numeri, quello che non si faceva scrupoli anche ad ammazzare a sangue freddo, sparare alla schiena, e che a volte pestava barman e sfasciava saloon per semplice diletto

 

Ma dove??

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">3 ore fa</span>, Testa di Vitello dice:

Per me una delusione questa prima storia...o meglio, fila tutto benissimo per i primi due volumi, poi quando si tratta di innestare il racconto con il classico "Totem Misterioso" si susseguono tutta una serie di ingenuità, inverosimiglianze e comportamenti illogici (es. Coffin cicca Tex da mezzo metro colpendolo di striscio alla tempia ; Coffin & i manigoldi hanno per le mani Tesah e non trovano di meglio che seppellirla nel deserto con la testa di fuori ; Coffin che spara a Dente di Lupo -parzialmente ciccandolo- ma non finisce Tex e Tesah legandoli ai due pali, perchè si etc. etc.) che se non sfiguravano nell'originaria impostazione stilizzata ed essenziale del Tex a striscia, in un racconto più dettagliato e realistico come questo ho trovato alquanto stridenti, come due entità distinte difficili ad amalgamarsi...Inoltre mi piacerebbe che si utilizzasse l'opportunità di questa nuova collana per ritornare a vedere un po' il Tex scorretto,  sborone e cattivo dei primi 100 numeri, quello che non si faceva scrupoli anche ad ammazzare a sangue freddo, sparare alla schiena, e che a volte pestava barman e sfasciava saloon per semplice diletto...e invece, stando almeno a questa prima storia abbiamo un cavalier gentile senza macchia che si fa scrupoli ad uccidere tagliagole della peggior risma (preferendo sparare sui poveri cavalli), spara alle mani per disarmare e colpisce col calcio della pistola per intontire, persino più posato della sua versione saggia e matura.:blink: Spettacolari le tavole di De Angelis, tra i miei disegnatori preferiti in assoluto, e molto bene come è tratteggiato il personaggio di Tesah, ma anche lì sembra che ci sia qualcosa di irrisolto nel suo rapporto con Tex <_< E qui Tex non ha ancora il giogo auto-imposto del rispetto della memoria della moglie Lilyth, ricordiamolo ! Ovviamente ho acquistato tutti i numeri successivi e proseguirò a leggere la collana, anche perchè penso che le potenzialità siano grandissime, e credo che con le prossime storie totalmente "nuove" Boselli e co. potranno maggiormente sbizzarrirsi e portare la serie al pieno del suo potenziale.

 

 

Fammi sapere. Certo è buffo che quel che non ti  piace sia proprio puro GL Bonelli. A me personalmente pare che funzioni pure quello. E il Tex cattivo delle origini  l'hai visto solo tu, proprio perché, lo ribadisco, il Tex cavalleresco , che non spara ai cavalli ecc... è QUELLO DI  GL BONELLI!

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">40 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

Fammi sapere. Certo è buffo che quel che non ti  piace sia proprio puro GL Bonelli. A me personalmente pare che funzioni pure quello. E il Tex cattivo delle origini  l'hai visto solo tu, proprio perché, lo ribadisco, il Tex cavalleresco , che non spara ai cavalli ecc... è QUELLO DI  GL BONELLI!

Esatto.

Quello che cerca "Testa di Vitello" (ma si può apostrofare una persona in questo modo cercando di portargli rispetto?)

è una nuova interpretazione delle origini del personaggio, magari pensata secondo gli odierni dettami del fumetto.

Cosa che a me inorridirebbe e non poco!

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">52 minuti fa</span>, Dix Leroy dice:

Quello che cerca "Testa di Vitello" (ma si può apostrofare una persona in questo modo cercando di portargli rispetto?)

Be si può sempre chiamarlo Pietro ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amico mio, se fossi Tex e se fossimo nel mondo immaginario di Tex,ti apostroferei con il nome che hai scelto come pseudonimo,e ti darei un bello sganassone,anzi un bel papagno :P:P:old:

 

Naturalmente scherzo amico,ma questa versione del Nostro è dannatamente simile all'originale.

  • Haha (0) 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">14 ore fa</span>, borden dice:

 

 

Fammi sapere. Certo è buffo che quel che non ti  piace sia proprio puro GL Bonelli. A me personalmente pare che funzioni pure quello. E il Tex cattivo delle origini  l'hai visto solo tu, proprio perché, lo ribadisco, il Tex cavalleresco , che non spara ai cavalli ecc... è QUELLO DI  GL BONELLI!

 

Borden, provo a spiegarmi..."Vivo o morto" inizia nel solco del lavoro di narrazione e ampliamento delle avventure del Tex giovanile che da "Il magnifico fuorilegge" in poi stai portando avanti, e che fino a questo punto ho sempre apprezzato moltissimo...dove personalmente è calato il mio coinvolgimento, è nel momento in cui la narrazione si sovrappone a quella del primo numero, diventando una sorta di "remake" del Totem Misterioso...certo le ingenuità, i comportamenti illogici di Coffin etc. erano tutti presenti nell'originale di GLB, ma laddove funzionavano in un fumetto a striscia di fine anni 40, anche in virtù della sua scrittura estremamente frammentata e stilizzata (ed erano in una certa misura "richiesti" dalla natura stessa a striscia che obbligava ad un accumulo di colpi di scena e cliffhanger continui), li ho trovati un po' stridenti in una narrazione più compatta ed organica come quella del "nuovo" Tex...ma forse sono pignolo io:D

Riguardo al discorso del Tex "cattivo" (e rispondo cumulativamente anche agli altri che mi hanno redarguito:);))...chiaramente Tex è sempre stato dotato di nobiltà d'animo, innato senso della giustizia e fortissima integrità morale, ma...per esempio...in Tex n.3, "Fuorilegge", nella striscia "Tex l'uomo ciclone", il Nostro scaraventa un barman su un tavolo, quasi ammazzandolo, semplicemente perchè questi si era permesso di chiedergli di pagare in anticipo...più avanti si unisce alla rivoluzione di Montales, e non si fa scrupoli a trucidare decine di rurales messicani, sprezzantemente apostrofati come "sbirri"...in Tex n.2 "Uno contro venti" (Striscia "Uno contro venti") Tex spara alle spalle a dei nemici in fuga -uccidendoli- al grido di "cani ! cani ! Tutti all'inferno !" e faccio solo questi esempi, perchè sono i primi che ho sotto mano, ma sicuramente se mi mettessi a rileggere i primi 50 numeri, chissà quanti altri ne salterebbero fuori...Insomma, il primissimo Tex era si il personaggio eroico e altruista che tutti conosciamo, ma dotato di un carattere sicuramente più impulsivo e fumantino (nonchè un fuorilegge a tutti gli effetti, per quanto fuorilegge "buono"), e semplicemente mi piacerebbe che si approfittasse di questa collana del Tex giovane per tornare a vedere un po' di quella irruenza e sana prepotenza che caratterizzava il Nostro prima che l'amore di Lilyth, la paternità etc. lo ammorbidissero un po';)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh,devo ammettere che "Testa di Vitello" non ha tutti i torti. Ricordo benissimo quando Tex ("L' eroe del Messico") per far evadere Montales spazza via dal cortile della caserma tre rurales,uno addirittura colpendolo alla schiena,oppure  ("Doppio Gioco") quando ,nella versione non censurata,uccide a sangue freddo un bandido che stava torturando un emissario sempre di Montales.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
2 ore fa, Havasu dice:

Beh,devo ammettere che "Testa di Vitello" non ha tutti i torti. Ricordo benissimo quando Tex ("L' eroe del Messico") per far evadere Montales spazza via dal cortile della caserma tre rurales,uno addirittura colpendolo alla schiena,oppure  ("Doppio Gioco") quando ,nella versione non censurata,uccide a sangue freddo un bandido che stava torturando un emissario sempre di Montales.

 

Ma certe cose le fa ancora!!!!

4 ore fa, Testa di Vitello dice:

 

Borden, provo a spiegarmi..."Vivo o morto" inizia nel solco del lavoro di narrazione e ampliamento delle avventure del Tex giovanile che da "Il magnifico fuorilegge" in poi stai portando avanti, e che fino a questo punto ho sempre apprezzato moltissimo...dove personalmente è calato il mio coinvolgimento, è nel momento in cui la narrazione si sovrappone a quella del primo numero, diventando una sorta di "remake" del Totem Misterioso...certo le ingenuità, i comportamenti illogici di Coffin etc. erano tutti presenti nell'originale di GLB, ma laddove funzionavano in un fumetto a striscia di fine anni 40, anche in virtù della sua scrittura estremamente frammentata e stilizzata (ed erano in una certa misura "richiesti" dalla natura stessa a striscia che obbligava ad un accumulo di colpi di scena e cliffhanger continui), li ho trovati un po' stridenti in una narrazione più compatta ed organica come quella del "nuovo" Tex...ma forse sono pignolo io:D

Riguardo al discorso del Tex "cattivo" (e rispondo cumulativamente anche agli altri che mi hanno redarguito:);))...chiaramente Tex è sempre stato dotato di nobiltà d'animo, innato senso della giustizia e fortissima integrità morale, ma...per esempio...in Tex n.3, "Fuorilegge", nella striscia "Tex l'uomo ciclone", il Nostro scaraventa un barman su un tavolo, quasi ammazzandolo, semplicemente perchè questi si era permesso di chiedergli di pagare in anticipo...più avanti si unisce alla rivoluzione di Montales, e non si fa scrupoli a trucidare decine di rurales messicani, sprezzantemente apostrofati come "sbirri"...in Tex n.2 "Uno contro venti" (Striscia "Uno contro venti") Tex spara alle spalle a dei nemici in fuga -uccidendoli- al grido di "cani ! cani ! Tutti all'inferno !" e faccio solo questi esempi, perchè sono i primi che ho sotto mano, ma sicuramente se mi mettessi a rileggere i primi 50 numeri, chissà quanti altri ne salterebbero fuori...Insomma, il primissimo Tex era si il personaggio eroico e altruista che tutti conosciamo, ma dotato di un carattere sicuramente più impulsivo e fumantino (nonchè un fuorilegge a tutti gli effetti, per quanto fuorilegge "buono"), e semplicemente mi piacerebbe che si approfittasse di questa collana del Tex giovane per tornare a vedere un po' di quella irruenza e sana prepotenza che caratterizzava il Nostro prima che l'amore di Lilyth, la paternità etc. lo ammorbidissero un po';)

 

 

La vedrai. A me pare che Tex contini a uccidere a destra e a manca e che sia piuttosto violento. Ho appena riletto il Texone di Villa. Lui e i pards non le mandano a dire...  Ma, come hai detto tu, mancando le scorciatoie ingenue dell'epoca e la stilizzazione,. per forza di cose l'effetto è diverso e diverso dev'essere l'approccio alle scene. Claro?

 

 

 

 

Edited by borden

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, borden dice:

Ho appena riletto il Texone di Villa

 

Ovviamente parli della tua sceneggiatura. Non dare false speranze alla gente .:P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo sia ovvio che parli della sceneggiatura. Dopo 15/20 anni se l'era certamente dimenticata.....

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">5 minuti fa</span>, francob dice:

Credo sia ovvio che parli della sceneggiatura. Dopo 15/20 anni se l'era certamente dimenticata.....

 

Beh, in realtà credo che l'abbia finita l'anno scorso .

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Carlo Monni dice:

 

Ovviamente parli della tua sceneggiatura. Non dare false speranze alla gente .:P

 

 

No: sceneggiatura e tavole fino a p. 192, la mando al lettering incrociando le dita...

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">44 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

No: sceneggiatura e tavole fino a p. 192, la mando al lettering incrociando le dita...

 

 

 

Solo 32 tavole alla fine. Si comincia ad intravedere una fioca luce in fondo al tunnel.:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 19/6/2019 at 09:57, Testa di Vitello dice:

 

Borden, provo a spiegarmi..."Vivo o morto" inizia nel solco del lavoro di narrazione e ampliamento delle avventure del Tex giovanile che da "Il magnifico fuorilegge" in poi stai portando avanti, e che fino a questo punto ho sempre apprezzato moltissimo...dove personalmente è calato il mio coinvolgimento, è nel momento in cui la narrazione si sovrappone a quella del primo numero, diventando una sorta di "remake" del Totem Misterioso...certo le ingenuità, i comportamenti illogici di Coffin etc. erano tutti presenti nell'originale di GLB, ma laddove funzionavano in un fumetto a striscia di fine anni 40, anche in virtù della sua scrittura estremamente frammentata e stilizzata (ed erano in una certa misura "richiesti" dalla natura stessa a striscia che obbligava ad un accumulo di colpi di scena e cliffhanger continui), li ho trovati un po' stridenti in una narrazione più compatta ed organica come quella del "nuovo" Tex...ma forse sono pignolo io:D

 

Accettata la scelta, a mio avviso giusta, di Sergio Bonelli Editore e di Boselli, che non hanno voluto dare vita a un reboot o a un remake di Tex, ma hanno inteso "riempire" i vuoti lasciati dal Gianluigi Bonelli, era inevitabile che venissero riproposte le ingenuità e i comportamenti illogici che troviamo nel fumetto degli anni '40.

 

Anzi, a mio avviso il merito di Boselli, nello sceneggiare Vivo o Morto, è proprio quello di aver inserito con grande naturalezza quelle scene in una nuova, articolata avventura.

 

Si potrà dire che si sarebbe potuto anche scegliere, in alternativa, di non far incrociare le storie narrate in Tex Willer con quelle raccontate nei primi numeri storici di Tex. Ma probabilmente sarebbe venuta meno la "saldatura" tra la nuova collana e quella storica, che invece mi pare essere un punto di forza di Tex Willer.

 

  • +1 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">23 ore fa</span>, borden dice:

 

Ma certe cose le fa ancora!!!!

 

 

La vedrai. A me pare che Tex contini a uccidere a destra e a manca e che sia piuttosto violento. Ho appena riletto il Texone di Villa. Lui e i pards non le mandano a dire...  Ma, come hai detto tu, mancando le scorciatoie ingenue dell'epoca e la stilizzazione,. per forza di cose l'effetto è diverso e diverso dev'essere l'approccio alle scene. Claro?

 

 

 

 

Claro que si...Aquila della Notte resta sempre il nostro castigamatti preferito ;);)

Piuttosto felicissimo della notizia-bomba che il texone di Villa è praticamente ultimato:D con Tex e pards particolarmente scatenati, pare di capire^_^

 

<span style="color:red;">2 ore fa</span>, F80T dice:

 

Accettata la scelta, a mio avviso giusta, di Sergio Bonelli Editore e di Boselli, che non hanno voluto dare vita a un reboot o a un remake di Tex, ma hanno inteso "riempire" i vuoti lasciati dal Gianluigi Bonelli, era inevitabile che venissero riproposte le ingenuità e i comportamenti illogici che troviamo nel fumetto degli anni '40.

 

Anzi, a mio avviso il merito di Boselli, nello sceneggiare Vivo o Morto, è proprio quello di aver inserito con grande naturalezza quelle scene in una nuova, articolata avventura.

 

Si potrà dire che si sarebbe potuto anche scegliere, in alternativa, di non far incrociare le storie narrate in Tex Willer con quelle raccontate nei primi numeri storici di Tex. Ma probabilmente sarebbe venuta meno la "saldatura" tra la nuova collana e quella storica, che invece mi pare essere un punto di forza di Tex Willer.

 

Ma infatti la scelta non solo la accetto (e ci mancherebbe altro !!) ma la condivido e appoggio al 100%...dove "Vivo o morto" non mi ha convinto,  peraltro, è proprio laddove si fa "remake" del Totem misterioso...ma da adesso in poi, mi pare di capire, si tornerà a raccontare avventure nuove "riempiendo i vuoti"..quindi benissimo così;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 18/6/2019 at 15:28, Testa di Vitello dice:

e invece, stando almeno a questa prima storia abbiamo un cavalier gentile senza macchia che si fa scrupoli ad uccidere tagliagole della peggior risma (preferendo sparare sui poveri cavalli)

Dunque, spronato dalla lettura di questa storia mi sono andato a rispolverare "Il Totem misterioso" ed effettivamente devo ammettere che, contrariamente a quanto ricordavo, la scena in cui Tex spara ai cavalli dei suoi inseguitori nel fiume per non uccidere gli uomini era già presente nell'originale di GLB, quindi su questo punto mi cospargo il capo di cenere.:P

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

E fai bene a cospargertelo! Credo che nessuno avesse capito che era quello il tuo punto... e perdipiù sbagliato!

E già te l'avevo detto, con queste parole:"Certo è buffo che quel che non ti  piace sia proprio puro GL Bonelli.  Il Tex cattivo delle origini  l'hai visto solo tu, proprio perché, lo ribadisco, il Tex cavalleresco , che non spara ai cavalli ecc... è QUELLO DI  GL BONELLI!"

 

 

 Ehm... Si suppone che, quando uno fa un paragone tra due storie, SE LE RICORDI. :rolleyes: Ah! Ah! Nessun problema! Stiamo parlando di avventure a fumetti!

Edited by borden

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">55 minuti fa</span>, borden dice:

 Ah! Ah! Nessun problema! Stiamo parlando di avventure a fumetti

C'è qualcosa di più serio?;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 minuti fa</span>, Letizia dice:

C'è qualcosa di più serio?;)

 

 

No, in realtà penso che sia un discorso serissimo. Cerco solo di  non passare per un matto nerd... :lol:

 

 

 

 

 

 

<span style="color:red;">2 minuti fa</span>, Letizia dice:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, borden dice:

No, in realtà penso che sia un discorso serissimo. Cerco solo di  non passare per un matto nerd... :lol:

 

Matto?

A me piace Tex, a te piace Tex.

A me Tex fa spendere soldi, a te Tex fa guadagnare soldi.

Chi è il matto?:huh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nessuno dei due,

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 3/7/2019 at 15:42, borden dice:

E fai bene a cospargertelo! Credo che nessuno avesse capito che era quello il tuo punto... e perdipiù sbagliato!

E già te l'avevo detto, con queste parole:"Certo è buffo che quel che non ti  piace sia proprio puro GL Bonelli.  Il Tex cattivo delle origini  l'hai visto solo tu, proprio perché, lo ribadisco, il Tex cavalleresco , che non spara ai cavalli ecc... è QUELLO DI  GL BONELLI!"

Eh lo so, ma Il Totem non lo rileggevo tipo da secoli, la memoria è quello che è:D

On 3/7/2019 at 15:42, borden dice:

Ehm... Si suppone che, quando uno fa un paragone tra due storie, SE LE RICORDI

E non fa una grinza:lol:;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Similar Content

    • By ymalpas
      Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Alessandro Piccinelli
      Periodicità mensile: Agosto / Settembre 2017
      Inizia nel numero 682 e finisce nel numero 683
       
      La storia del ritorno di Lupe e della figlia.
       
       
       

       
       
       
      © Testi e immagini della Sergio Bonelli Editore.
    • By ymalpas
      Soggetto e sceneggiatura:Mauro Boselli
      Disegni: Corrado Mastantuono
      Periodicità mensile: Gennaio, Febbraio e Marzo 2015
       
       
       
       
      In Texas, la Luna piena colore del sangue annuncia la scorreria notturna di un predone, Il comanche Charvez, tornato dalla morte per riprendere con se il figlio quindicenne Daniel, cresciuto con la madre Ada e il patrigno Rick, vecchi amici di Tex. Il ranger si mette sulle sue tracce!
       
       
       
       
       
      © Sergio Bonelli Editore
       
       
       
       
          
    • By Sam Stone
      Torna la formula autunnale del Color Tex: quattro episodi completi, tutti a colori! Color Tex
        Stelle di latta e altre storie Uscita: 20/11/2014
      Copertina: Giulio De Vita
      Il sesto numero della serie di Color Tex ripresenta l'originale formula che ha riscosso immediato successo con il n. 4: quattro episodi completi, interamente a colori, ognuno relizzato da autori differenti, molti al loro esordio con le storie del Ranger!
       
      Stelle di latta
      Soggetto e sceneggiatura: Michele Medda
      Disegni: Michele Benevento
      Colori: Oscar Celestini
       
      C’è chi è onorato di servire la Legge e chi getta la propria stella nella polvere...
       
      Incontro a Tularosa
      Soggetto e sceneggiatura: Moreno Burattini
      Disegni: Giuseppe Camuncoli
      Colori: Beniamino Delvecchio
       
      Tre uomini si danno appuntamento con la morte in un pueblo del Nuovo Messico...
       
      Nel buio
      Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Luca Rossi
      Colori: Romina Denti
       
      È peggiore il buio della solitudine o quello sordo e cieco del pregiudizio?
       
      Randy il fortunato
      Soggetto e sceneggiatura: Roberto Recchioni
      Disegni: Andrea Accardi
      Colori: Oscar Celestini
       
      Aveva la fortuna delle canaglie.. sinché Tex non diventò la sua ombra!...
       
       
      Tavole in anteprima:
       


       
      Testi e immagini sono Copyright Sergio Bonelli Editore
    • By Sam Stone
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura:Mauro Boselli
      Disegni di:Lito Fernandez
      Copertina: Claudio Villa

      A Sitka, nei fiordi dell'Alaska, un'incomprensione tra la pittoresca ciurma di capitan Roscoe e i Tlingit del sakem Kowee ha scatenato un'autentica guerriglia, nella quale sono coinvolti anche Gros-Jean e la sua figlioccia eskimo Dawn. Giunti in aiuto degli amici, Tex e Carson scoprono che all'origine di tutto c'è il rapimento di alcune ragazze indiane. Nessuno crede davvero che i colpevoli siano i leggendari spiriti malingi della foresta, i Kuchtaqa... Ma poi anche Dawn e la figlia di Kowee scompaiono misteriosamente... E, oltre le montagne ghiacciate più a nord, un mostruoso dio cannibale sta per fare di loro le sue spose...

      Copyright SBE 2013

      In edicola da Ottobre 2013
    • By bressimar
      Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Alfonso Font
      Periodicità annuale: Ottobre 2001


      Chi è il divoratore di anime dall'occhio d'oro? E perchè Jim Brandon, dopo aver letto l'enigmatico messaggio che ne fa menzione, abbandona i suoi uomini e si allontana, da solo e in borghese, nei territori del Nord' Tex e Carson, chiamati da Gros-Jean, si gettano subito sulle tracce dell'amico scomparso, su cui grava, oltretutto, l'infamante sospetto della diserzione, ma dovranno fare molta attenzione? Ai pericoli dell'inverno che arriva si aggiunge, infatti, una minaccia misteriosa e sinistra: quella dello Spirito del Vento, il terribile Wendigo!



      [ Nota: il messaggio iniziale di questa discussione è stato modificato per consentire l'inserimento dei dati della storia ]



      Altra storia ambientata in questi posti che solo a prendere in mano l'albo mi viene freddo... e tutti con le loro giacchette di pelo sopra alla camicia... mah..
      scherzi a parte io francamente non ho apprezzato troppo questa storia, forse un po' troppo fantasiosa per i miei gusti, anche se la trama mi è parsa ben sviluppata e con un buon ritmo.. il fatto è che preferisco storie più tradizionali e canoniche...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.