Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
ymalpas

[Tex Willer N. 1 / 2 / 3 / 4] Vivo o morto!

Recommended Posts

Vivo o morto! (Tex Willer n. 1/2/3/4) Texwil11       Vivo o morto! (Tex Willer n. 1/2/3/4) Texwil12

Vivo o morto! (Tex Willer n. 1/2/3/4) Tw310       Vivo o morto! (Tex Willer n. 1/2/3/4) Texwil13

  • Thanks (+1) 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutte bellissime, con menzione speciale per le prime due

Share this post


Link to post
Share on other sites

su starshop.it il secondo cartonato di TEX WILLER  "I DUE DISERTORI" già in pre vendita a €23,40, USCITA PREVISTA PER IL 14/11/2019

01437TWDD0001.JPG?name=tex-willer-i-due-  

 

Eccolo! io corro ad acquisatrlo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Devi essere molto lontano da una libreria, mancano ancora due mesi e mezzo.:laugh:

Ma forse questa notizia non era da inserire qui.

 

Edited by Loriano Lorenzutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Letta questa prima storia in 4 parti.

Davvero bella, ritmi incalzanti, un Tex fresco, giovane, volenteroso e scavezzacollo ma con ben chiare e salde le basi che andranno poi nel tempo a sviluppare la personalità del Tex adulto della serie storica. Sono davvero felice di aver deciso di recuperare tutti gli albi di questa serie che, almeno da quanto ho letto fin'ora, è davvero valida. Belle le copertine ed anche i disegni.

Pensiero personale ad alta voce: come ho fatto a vivere tutti questi anni senza leggere prima le avventure di questo fantastico personaggio (giovane o adulto che sia)?  :craniate:

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sono procurato i primi quattro albi di Tex Willer con questa sorta di rivisitazione del Totem Misterioso. Ottima la sceneggiatura di Boselli e molto accattivanti i disegni di De Angelis. È un Tex un tantino diverso dalla serie mensile e credo che mi piacerà. Magari se ho tempo faccio una mia personale recensione così faccio arrabbiare un po' Borden.

Vorrei rivolgere, se possibile, un paio di domande a Borden per soddisfare la mia perversa curiosità. Non posso farle nella sua sezione perciò spero che possa rispondermi qui. Se ha già risposto a qualcosa del genere in altre pagine del forum, basta che lui o qualche utente mi indirizzi, ve ne sarò grato.

 

Le domande sono queste (adesso mi rivolgo direttamente a Borden).

Domanda numero uno, riguarda John Coffin.

Naturalmente, ne Il Totem Misterioso di GLB era un perfetto sconosciuto, salvo essere ritirato in ballo nella storia sul passato di Tex, dove lo troviamo complice di Rebo, l’assassino di Sam Willer. Questo calza a pennello perchè nel Tex numero uno è chiaro che i due si conoscono e tra loro non corre buon sangue. Nella tua sceneggiatura, Coffin dice di avercela con Tex per i fatti di Robber’s Neck, ma nè lui nè Tex fanno mai accenno alla faccenda di Rebo e Sam. Il bounty hunter nella miniera sa che Tex ha ucciso per vendicare il padre e il fratello e Tex dichiara di conoscere Coffin come un emerito farabutto, ma non parla del suo coinvolgimento nella morte del fratello.

La domanda è: hai volutamente lasciato cadere la cosa o c’è sotto qualcosa che mi sfugge? Il fatto che nelle ristampe del Passato di Tex si usa il nome Moffin e non Coffin, quasi a separare i due personaggi, c’entra qualcosa? Come forse c’entra la spinosa questione della cittadina che ne il Totem Misterioso è Calver City in Arizona, poi resta Calver City ma in Texas ne La Costa dei Barbari, per trasformarsi in Culver City nel Tuttotex dello stesso albo e rimanerci ne Ritorno a Culver City (511), mentre in Tex Willer è Culver City ma in Arizona?

 

Seconda domanda, riguardo i Pawnee.

Noto con piacere che usi il termine Tirawa per indicare la divinità principale dei Pawnee, eliminando l’orripilante doppio accostamento Manito-Wakantanka di GLB. Dal momento che nella storia sono rappresentati Apache e Pawnee in costumi consoni alla realtà, che la capanna di Orso Grigio è una loggia di terra (e non una baracca con tavoli e sedie come nel Totem Misterioso) e che è dato a Tirawa quel che è di Tirawa, posso sperare una maggiore attenzione sugli usi e costumi dei Nativi anche per il Tex mensile? Non siamo certo al top, ma certo non si poteva stravolgere completamente la storia di GLB.

 

Un plauso per come sei riuscito a collocare i Pawnee in Arizona e per come hai svicolato sui dieci anni trascorsi dal primo incontro di Tex con Tesah bambina.

Grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho fatto cenno al fratello perché non ne fa cenno Bonelli, ma quando Coffin tornerà se ne parlerà eccome.

 

La correzione in Moffin fu una cattiva scelta della Redazione che volle farne due diversi personaggi. Uno sbaglio, succede.

 

Grazie e spero che ti piacciano anche le seguenti. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a te per avere risposto alla (prima :D) domanda e per l'anticipazione di un ritorno di Coffin.

Buon lavoro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sulla questione Calver Culver io ho ancora le idee confuse. Mi sembra di aver capito che  Calver city e' in Arizona  invece Culver city  e' in Texas,  pero nelle  varie pubblicazioni si sono fatti tanti errori che hanno creato confusione. Ad edempio sulla serieTex willer non avrebbe dovuto essere Calver city la cittadina? Non fucilatemi se non ci ho capito niente.!!:blink:

!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti spiego. Tex e Sam vivono in Texas. Ma le avventure del giovane Tex di GL e mie sono ambientate in Arizona. Sam VENDE il ranch paterno (dettaglio che pochi ricordano e che probabilmente anche Nizzi e Civitelli dimenticarono)e si  trasferisce lontano, presso Culver o Calver City, che quindi NON è nella Nueces Valley e che, dato che ci si svolge anche la prima avventura di Tex con Coffin, è pertanto in Arizona. 

 

Mia conclusione: c'è una sola Culver City, in Arizona. Non ha niente a che fare col Texas ed è lontana dall'originario ranch di Ken Willer. Quindi  in Ritorno  a Culver City di Nizza e Civitelli c'è un fatale errore di fondo. E' l'ambiente del Totem Misterioso, ma NON è l'ambiente del ranch di  Ken e Gunny.-

 

Poi tutto si può discutere, ma io sono sempre per GL Bonelli, quindi ritengo canonico Il Totem Misterioso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Già, basterebbe eliminare l'avventura di Ritorno a Culver City e le cose andrebbero più o meno a posto.

Peccato che Bonelli situò per bene il nuovo ranch di Sam, oltre il corso del Brady Creek e il bivio per Rochelle (McCulloch County, Texas).

Ma qualcosa il Bos inventerà, anche per questo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">24 minuti fa</span>, borden dice:

Ti spiego. Tex e Sam vivono in Texas. Ma le avventure del giovane Tex di GL e mie sono ambientate in Arizona. Sam VENDE il ranch paterno (dettaglio che pochi ricordano e che probabilmente anche Nizzi e Civitelli dimenticarono)e si  trasferisce lontano, presso Culver o Calver City, che quindi NON è nella Nueces Valley e che, dato che ci si svolge anche la prima avventura di Tex con Coffin, è pertanto in Arizona. 

 

Mia conclusione: c'è una sola Culver City, in Arizona. Non ha niente a che fare col Texas ed è lontana dall'originario ranch di Ken Willer. Quindi  in Ritorno  a Culver City di Nizza e Civitelli c'è un fatale errore di fondo. E' l'ambiente del Totem Misterioso, ma NON è l'ambiente del ranch di  Ken e Gunny.-

 

Poi tutto si può discutere, ma io sono sempre per GL Bonelli, quindi ritengo canonico Il Totem Misterioso.

A ok ho capito, pero ti chiedo perche non hai tenuto Calver city come nella storia del Totem misterioso?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
1 ora fa, navajo warrior dice:

Già, basterebbe eliminare l'avventura di Ritorno a Culver City e le cose andrebbero più o meno a posto.

Peccato che Bonelli situò per bene il nuovo ranch di Sam, oltre il corso del Brady Creek e il bivio per Rochelle (McCulloch County, Texas).

Ma qualcosa il Bos inventerà, anche per questo.

 

 

Ahimè, neanch'io sono perfetto, le contraddizioni sono troppe

 

Però mi devi ricordare DOVE lo scrive.

 

 

1 ora fa, Piombo Caldo dice:

A ok ho capito, pero ti chiedo perche non hai tenuto Calver city come nella storia del Totem misterioso?

 

 

Perché alla fine c'era il TITOLO con CULVER. Ed è CULVER Nel Passato di Tex

 

Ripeto, impossibile sanare le contraddizioni

Edited by borden

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">25 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

Ahimè, neanch'io sono perfetto, le contraddizioni sono troppe

 

Però mi devi ricordare DOVE lo scrive.

 

 

 

 

Perché alla fine c'era il TITOLO con CULVER. Ed è CULVER Nel Passato di Tex

 

Ripeto, impossibile sanare le contraddizioni

Albo Tex Gigante La Costa dei Barbari, numero 85, pagina 36. E qui Bonelli chiama Calver City la città. poi sarà Culver City solo su Tuttotex.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Just now, navajo warrior dice:

Albo Tex Gigante La Costa dei Barbari, numero 85, pagina 36. E qui Bonelli chiama Calver City la città. poi sarà Culver City solo su Tuttotex.

 

 

Gran casino. Beh, nel passato di Tex non lo dice. Bravo a ricordartelo, andrò a cercare quella frase, ma è inutile e fuorviante, a conti fatti.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ricordati che la storia Il Passato di Tex comincia sul numero 83 (Il Passato di Tex) e prosegue sul numero 84 (Il Re del Rodeo) e si conclude sul numero 85 ( La Costa dei Barbari).

e comunque hai ragione sul fuorviante e inutile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
18 minuti fa, navajo warrior dice:

Ricordati che la storia Il Passato di Tex comincia sul numero 83 (Il Passato di Tex) e prosegue sul numero 84 (Il Re del Rodeo) e si conclude sul numero 85 ( La Costa dei Barbari).

e comunque hai ragione sul fuorviante e inutile.

 

Trovato!  Ammetto  che non mi ero mai reso conto che fossero VERE località del Texas. E comunque Rochelle risale al 1879, secondo Wikipedia, quindi è uno dei tanti anacronismi.

 

 

Edited by borden

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto.

Va bè, mica si può aggiustare tutto, no?

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, borden dice:

 

 

Ahimè, neanch'io sono perfetto, le contraddizioni sono troppe

 

Però mi devi ricordare DOVE lo scrive.

 

 

 

 

Perché alla fine c'era il TITOLO con CULVER. Ed è CULVER Nel Passato di Tex

 

Ripeto, impossibile sanare le contraddizioni

Ne Il passato di Tex che ho io e' Calver city

Share this post


Link to post
Share on other sites

Corretto in Culver nelle ristampe

Share this post


Link to post
Share on other sites

Urca, che pasticcio :blink:.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A volte capita che per correggere presunti errori se ne creino altri .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now

  • Similar Content

    • By ymalpas
      Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Alessandro Piccinelli
      Periodicità mensile: Agosto / Settembre 2017
      Inizia nel numero 682 e finisce nel numero 683
       
      La storia del ritorno di Lupe e della figlia.
       
       
       

       
       
       
      © Testi e immagini della Sergio Bonelli Editore.
    • By ymalpas
      Soggetto e sceneggiatura:Mauro Boselli
      Disegni: Corrado Mastantuono
      Periodicità mensile: Gennaio, Febbraio e Marzo 2015
       
       
       
       
      In Texas, la Luna piena colore del sangue annuncia la scorreria notturna di un predone, Il comanche Charvez, tornato dalla morte per riprendere con se il figlio quindicenne Daniel, cresciuto con la madre Ada e il patrigno Rick, vecchi amici di Tex. Il ranger si mette sulle sue tracce!
       
       
       
       
       
      © Sergio Bonelli Editore
       
       
       
       
          
    • By Sam Stone
      Torna la formula autunnale del Color Tex: quattro episodi completi, tutti a colori! Color Tex
        Stelle di latta e altre storie Uscita: 20/11/2014
      Copertina: Giulio De Vita
      Il sesto numero della serie di Color Tex ripresenta l'originale formula che ha riscosso immediato successo con il n. 4: quattro episodi completi, interamente a colori, ognuno relizzato da autori differenti, molti al loro esordio con le storie del Ranger!
       
      Stelle di latta
      Soggetto e sceneggiatura: Michele Medda
      Disegni: Michele Benevento
      Colori: Oscar Celestini
       
      C’è chi è onorato di servire la Legge e chi getta la propria stella nella polvere...
       
      Incontro a Tularosa
      Soggetto e sceneggiatura: Moreno Burattini
      Disegni: Giuseppe Camuncoli
      Colori: Beniamino Delvecchio
       
      Tre uomini si danno appuntamento con la morte in un pueblo del Nuovo Messico...
       
      Nel buio
      Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Luca Rossi
      Colori: Romina Denti
       
      È peggiore il buio della solitudine o quello sordo e cieco del pregiudizio?
       
      Randy il fortunato
      Soggetto e sceneggiatura: Roberto Recchioni
      Disegni: Andrea Accardi
      Colori: Oscar Celestini
       
      Aveva la fortuna delle canaglie.. sinché Tex non diventò la sua ombra!...
       
       
      Tavole in anteprima:
       


       
      Testi e immagini sono Copyright Sergio Bonelli Editore
    • By Sam Stone
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura:Mauro Boselli
      Disegni di:Lito Fernandez
      Copertina: Claudio Villa

      A Sitka, nei fiordi dell'Alaska, un'incomprensione tra la pittoresca ciurma di capitan Roscoe e i Tlingit del sakem Kowee ha scatenato un'autentica guerriglia, nella quale sono coinvolti anche Gros-Jean e la sua figlioccia eskimo Dawn. Giunti in aiuto degli amici, Tex e Carson scoprono che all'origine di tutto c'è il rapimento di alcune ragazze indiane. Nessuno crede davvero che i colpevoli siano i leggendari spiriti malingi della foresta, i Kuchtaqa... Ma poi anche Dawn e la figlia di Kowee scompaiono misteriosamente... E, oltre le montagne ghiacciate più a nord, un mostruoso dio cannibale sta per fare di loro le sue spose...

      Copyright SBE 2013

      In edicola da Ottobre 2013
    • By bressimar
      Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Alfonso Font
      Periodicità annuale: Ottobre 2001


      Chi è il divoratore di anime dall'occhio d'oro? E perchè Jim Brandon, dopo aver letto l'enigmatico messaggio che ne fa menzione, abbandona i suoi uomini e si allontana, da solo e in borghese, nei territori del Nord' Tex e Carson, chiamati da Gros-Jean, si gettano subito sulle tracce dell'amico scomparso, su cui grava, oltretutto, l'infamante sospetto della diserzione, ma dovranno fare molta attenzione? Ai pericoli dell'inverno che arriva si aggiunge, infatti, una minaccia misteriosa e sinistra: quella dello Spirito del Vento, il terribile Wendigo!



      [ Nota: il messaggio iniziale di questa discussione è stato modificato per consentire l'inserimento dei dati della storia ]



      Altra storia ambientata in questi posti che solo a prendere in mano l'albo mi viene freddo... e tutti con le loro giacchette di pelo sopra alla camicia... mah..
      scherzi a parte io francamente non ho apprezzato troppo questa storia, forse un po' troppo fantasiosa per i miei gusti, anche se la trama mi è parsa ben sviluppata e con un buon ritmo.. il fatto è che preferisco storie più tradizionali e canoniche...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.