Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
natural killer

[701/702] La regina dei vampiri

Recommended Posts

Il Maxi di Manfredi dello scorso anno mi aveva fatto "incazzare" con Borden. Da curatore aveva pubblicato due prodotti che non esito a definire orridi. E se ci aggiungiamo l'ultima storia sulla regolare, di cui non ricordo nulla se non che aveva dei buchi logici da paura, capirete quanta voglia avessi di cimentarmi con questa storia sui vampiri di un autore che, su Tex, si è troppo spesso dimostrato velleitario e pretenzioso.

 

E questa storia tra l'altro non comincia benissimo. Tex e company vengono chiamati dal Morisco, e il giorno dopo il loro arrivo già trovano sul sentiero due vittime dei loro avversari, lì belli caldi e pronti ad essere trovati in un territorio molto vasto: eccoveli serviti, la storia può iniziare. Forse avrei cercato un modo diverso per mettere in contatto i nostri con i loro avversari. E poi il personaggio di Ikal, che nonostante il suo acceso fanatismo alla fine non si fa pregare più di tanto a cambiare bandiera. Eppure...


Eppure questa storia mi è piaciuta. Bella l'atmosfera, belli i personaggi, dal negromante allo sfortunato capitano dei rurales, per non parlare della vecchia megera:

Manfredi mette su una storia che cattura, si fa leggere bene, intriga, diverte. I comprimari funzionano, gli avversari funzionano, e infine i nostri pards funzionano, nei dialoghi, nell'azione, nell'umorismo. Ammetto peraltro che il piacere di leggere questa storia è stato sicuramente agevolato da disegni semplicemente fantastici, entusiasmanti, molto molto evocativi: Bocci superlativo!

 

Una nota su Etzli, per dire che sono in disaccordo con Ymalpas. Uno dei personaggi che ho odiato di più è il signor Espectro, che odiava e ammazzava gli indiani senza un perché. Espectro è un personaggio senza storia, compie azioni senza che il lettore ne conosca le motivazioni. Anch'io, come Ymalpas, voglio capire, pretendo che lo sceneggiatore non lasci buchi. Per questo mi lamento - e non poco - di un Espectro. Ma di questa bruja manfrediana no. Sappiamo che è una bruja, che ritiene sacre le vestigia degli antichi e vuole proteggerle dai profanatori. E' una fanatica che crede nel ritorno degli dei, ed è pronta a compiere sacrifici umani per agevolare l'avvento della dea della morte. Conosciamo le sue motivazioni, i suoi moventi. Per me è "completa". E' una bruja con dei poteri arcani: una creatura probabilmente non del tutto umana. Credo che Manfredi abbia voluto lasciare un alone di mistero su questa figura arcana, rafforzandone in tal modo la già affascinante aura di mistero, spiegandoci però la cosa più importante: le motivazioni e gli obiettivi.

 

Un'ultima nota totalmente OFF TOPIC: ho notato che spesso viene utilizzata, a commento di alcuni post, la faccina che significa "Confuso": ma cosa vuol dire nei fatti questa faccina? Sembra quasi che chi la mette voglia dire che il post che commenta non è chiaro, che è "confuso", per l'appunto, che non è ben scritto. Come a dire che è un post che fa storcere gli occhi tanto è scritto male o tanto è nebuloso o tanto è incoerente. Lo trovo molto molto antipatico, e poco rispettoso. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella storia, si legge gradevolmente dall inizio alla fine, soprattutto il secondo albo. Superlativi i disegni di Bocci, bene la trama, molto buona l azione dei protagonisti e dei comprimari, esito incerto fino alle ultime pagine della storia. Due albi ben densi e concentrati.

Unica pecca macroscopica notata, come da altri gia riferito, il non-nudo di Patricia sull altare. A discapito dell opinione di tanti bacchettoni, i due seni al vento li erano "doverosi" e la forzatura è stata nasconderli.

 

Voto storia 7.5

Voto disegni 10

 

Personaggi preferiti: l enigmatico capitan Garrido, l indomita Patricia e la misteriosa Eztli. 

La figura del Morisco, invece, solo di contorno.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">19 ore fa</span>, Leo dice:

Un'ultima nota totalmente OFF TOPIC: ho notato che spesso viene utilizzata, a commento di alcuni post, la faccina che significa "Confuso": ma cosa vuol dire nei fatti questa faccina? Sembra quasi che chi la mette voglia dire che il post che commenta non è chiaro, che è "confuso", per l'appunto, che non è ben scritto. Come a dire che è un post che fa storcere gli occhi tanto è scritto male o tanto è nebuloso o tanto è incoerente. Lo trovo molto molto antipatico, e poco rispettoso. 

Personalmente io la uso solo per dire che "io sono confuso", ma per colpa mia, non per dire che il post è confuso. Fine O.T. e scusate.

<span style="color:red;">14 ore fa</span>, Il dottor Sandoral dice:

Unica pecca macroscopica notata, come da altri gia riferito, il non-nudo di Patricia sull altare. A discapito dell opinione di tanti bacchettoni, i due seni al vento li erano "doverosi" e la forzatura è stata nasconderli.

Ma tu vuoi proprio che Dix ci lasci in maniera definitiva?:lol:

  • Haha (0) 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">14 ore fa</span>, Il dottor Sandoral dice:

Bella storia, si legge gradevolmente dall inizio alla fine, soprattutto il secondo albo. Superlativi i disegni di Bocci, bene la trama, molto buona l azione dei protagonisti e dei comprimari, esito incerto fino alle ultime pagine della storia. Due albi ben densi e concentrati.

Unica pecca macroscopica notata, come da altri gia riferito, il non-nudo di Patricia sull altare. A discapito dell opinione di tanti bacchettoni, i due seni al vento li erano "doverosi" e la forzatura è stata nasconderli.

 

 

Potrei farti mille esempi in cui questa scelta stilistica era più che doverosa, ma avrai visto qualche film "adatto a tutti" anche tu.

 

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Letto la storia tutta di un fiato come mi capita raramente.

Bella, bella, bella.

Me la sono goduta come un bel film horror di un paio d'ore.

Fantastici i disegni, ma anche Manfredi molto bravo.

Decisamente un buon inizio 700.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Storia ottimamente disegnata, ma veramente facilotta, primva di colpi di scena significativi e piena di risuluzioni noiose.

Stormi di vampiri tenuti a bada da colt e nativi americani che lanciano lance senza prendere neppure un albero, figurarsi i protagonisti, che pistole alla mano li massacrano con tale mattanza che la caccia al bisonte è meno cruenta.

So bene che Tex e compagni sono e saranno sempre infallibili, però per favore inserite qualche piccola difficoltà, qualche graffio, qualche ferita...

In stostanza una storia molto ben confezionata, a tratti divertente, ma veramente vista e strarivista e purtroppo banale.

Pur con sostanziali pagine in meno, Ruju con "l'uomo dalle pistole d'oro" ha infinitamente meglio di questa storia di Manfredi... poi va bè, ammento anche che il fantastico abbinato al west non mi fa proprio impazzire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa storia mi è piaciuta abbastanza: sicuramente ottimi i disegni.

I quattro pards ben gestiti, tuttavia per me ha avuto poco spessore la figura del Morisco, non trovate? L'ho trovato un po' marginale... Peccato.

 

A me non dà fastidio non sapere l'origine di Eztli e dei suoi poteri: sappiamo bene quali sono i suoi obiettivi e tanto mi basta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A mio parere questa storia di Manfredi è ottima. Come suo estimatore su Magico Vento, sono contento che continui a scrivere su Tex

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Commento: primo albo ottimo, secondo in calo. Comunque sopra la sufficienza. Con tre albi anziché due sarebbe uscita molto meglio.

 

PS Curiosa la pubblicità al Maxi :P .

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">20 minuti fa</span>, Mister P dice:

PS Curiosa la pubblicità al Maxi :P .

 

E perché? Mica i Maxi si svolgono in un universo parallelo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Mister P dice:

Commento: primo albo ottimo, secondo in calo. Comunque sopra la sufficienza. Con tre albi anziché due sarebbe uscita molto meglio.

 

PS Curiosa la pubblicità al Maxi :P .

 

Per me è proprio il contrario: per allungare a due albi le storie spesso perdono mordente, figurarsi con tre!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
On 8/4/2019 at 10:25, Havasu dice:

"Nè carne e nè pesce",potrebbe benissimo intitolarsi il mio commento a "La regina dei vampiri". Sono in completa sintonia con Ymalpas e Barbanera. Lo spunto poteva anche essere efficace,soprattutto il commercio di patacche (il teschio mi ha ricordato molto quello "di cristallo", presente nell'ultima avventura di Indiana Jones) con cui Ballard sovvenziona le sue spedizioni,però......Eztli non è mai sembrata un'antagonista degna di questo nome,un'innocua pupazzetta se messa a confronto con i Figli della Notte,Mitla,Rakos/Sokar,Zhenda,Padma,per tacere dei Dickart&Dickart,i suoi accoliti spazzati via non solo dai pards ma persino dai Rurales,la presenza di El Morisco è passata quasi inosservata,il tempio trovato ed espugnato con irrisoria facilità.  Mi è piaciuta la figura del capitano Garrido,ancor di più quella di Patricia,di cui l'unico particolare stonato è quella sorta di cintura di accappatoio messa lì a mo' di reggiseno (?!).  Bocci bene,a tratti solo il viso di Tex non mi convince.   Ah,dimenticavo,quello è un "carro",non un "furgone" e ,#Valerio#,se per te questa avventura è nettamente superiore a "Sei divise nella polvere"...........mah !

 

Condivido in toto, storia dalle buone premesse ma affossata da un nemico praticamente innocuo coadiuvato da una banda di scappati di casa come raramente si son visti.. Peccato, occasione sprecata.

 

Sei divise nella polvere gioca un altro campionato :D

Edited by Chinaski89

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">16 ore fa</span>, Mister P dice:

Commento: primo albo ottimo, secondo in calo. Comunque sopra la sufficienza. Con tre albi anziché due sarebbe uscita molto meglio 

La penso come Mister P. La sceneggiatura é buona e i disegni ottimi, ma ci sono troppi elementi per una storia di due albi, col risultato che molti restano in secondo piano, in particolare Eztli, praticamente una comparsa, che viene dal nulla e nel nulla ritorna.

Peccato, il primo albo mi aveva lasciato ottime aspettative. E poi alcuni personaggi sembrano non essere chiari per l' autore, i loro comportanenti sembrano virarli in una direzione che poi non viene seguita. E poi c' è Tex che dice che qualcuno non dice tutta la verità... ma a chi si riferiva? Al professore? Ma se non lo aveva neanche incontrato.

Per me un 7

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo mesi sono riuscito a leggere una storia completa degli ultimi inediti, e - forse anche per la lunga astinenza - sono rimasto soddisfatto di questa "Regina dei vampiri".

Certo, non siamo di fronte a un capolavoro, e probabilmente nel secondo albo la strega resta troppo in secondo piano. Tuttavia non ho sentito affatto il bisogno di spiegazioni sulla figura di Etzli: è una strega che comanda pipistrelli-vampiri, mi basta sapere questo; e d'altronde l'aver mantenuto il mistero su questa figura, appartenente al mondo del soprannaturale, non solo le da un fascino maggiore, ma evita anche spiegazioni troppo spinte verso il magico che magari sarebbero parse improbabili. Il “non detto” mi è parso cosa buona, insomma.

L’elemento in cui la storia di Manfredi è davvero bella, a mio avviso, è l’utilizzo dei quattro pards. Dopo aver letto questi due albi trovo ancor più bislacchi i motivi per cui questo sceneggiatore preferiva scrivere solo storie con Tex e Carson, o la sua idiosincrasia nei confronti di Kit Willer, dato che è riuscito a mettere in risalto ogni membro del quartetto, esaltandone le personalità e le doti individuali. Tiger, ad esempio, l’elemento più freddo e in un certo senso letale del quartetto, è stato tratteggiato da Manfredi alla perfezione.

Certo, non so se Manfredi si sia ripreso dalle sue due ultime storie sulla regolare, per me tra le cose più mediocri del Tex degli ultimi anni (non ho letto il Maxi con la sua storia), ma questa storia mi ha un po’ riconciliato con lo sceneggiatore: e onestamente, anche la sventagliata di piombo ignorantissima con cui i pards mettono fine all’esistenza della potentissima strega, mi ha divertito molto.

 

Il capitolo disegni, insieme alla gestione manfrediana dei pards, rappresenta il punto certamente più alto di questi albi: Bocci è davvero un grande disegnatore, un cesellatore di forme che allo stesso tempo sa rendere benissimo il dinamismo di cui una storia di Tex si compone – basta rivedere le scene spettacolari con gli attacchi dei pipistrelli.

Ammetto che nei confronti di Bocci, dopo aver letto la sua prova sul color, era un tantino freddo, ma questa prova mi ha del tutto convinto (magari col tempo migliorerà nella resa dei cappelli, che non sempre mi convincono): in particolare la sua rappresentazione di Tiger mi sembra davvero azzeccata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Similar Content

    • By natural killer
      Due avventure, due spietate bande di fuorilegge, due impavidi pards pronti a fermarle!
       
      Periodicità: semestrale
      MAXI TEX N° 23
      uscita: 05/10/2018
      Copertina: Claudio Villa

       
       
      Deserto Mohave
      Soggetto e sceneggiatura: Gianfranco Manfredi
      Disegni: Alessandro Nespolino
      Agli ordini del carismatico Maelstrom, una banda di evasi dal carcere di Saint Quentin si è insediata nel cuore del territorio dei Mohaves, ha rapito due ragazze e le tiene prigioniere nei pressi di una grande miniera d’oro abbandonata nota come "Colosseum". Pain, Eclipse, Marble, Bolt, Sight, Trick… Ognuno di loro porta sulla fronte il simbolo del proprio micidiale talento per uccidere...
       


       
      L’ultimo giorno
      Soggetto e sceneggiatura: Tito Faraci
      Disegni: Yannis Ginosatis
      Solo un ultimo, sereno giorno di lavoro separa il capostazione Sommers dalla sua nuova vita, in un ranch del Montana… Dalla stazione di Stonewell, però, passa il bandito Ted Malvin. Tex e Carson sono pronti a caricarlo su un treno per spedirlo dietro le sbarre. Ma Malvin è l’unico a conoscere dove si nasconde un prezioso bottino...
       

       

       
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.