Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[701/702] La regina dei vampiri


Recommended Posts

E' infondata sì, ma qualcuno l'ha sentito da Manfredi stesso? Nel video?  È assurdo, Manfredi sta scrivendo il Texone di Freghieri, per esempio.

 

 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 215
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

E man mano che calano le produzioni seriali da edicola (e cala quindi il lavoro fisso e regolare per gli sceneggiatori) sarà sempre più difficile mantenersi facendolo come lavoro (già adesso, per molt

Dal vocabolario Teccani:   "furgóne s. m. [dal fr. fourgon, di etimo incerto]. – Veicolo interamente coperto, usato per il trasporto di merci, bagagli, [...] ecc. Oggi è termine comunem. usa

Oh beh...   Da dove veniva il dottor Sandoval? L'alieno de La Valle della Luna? Come fanno ad essere ancora vivi i dinosauri in una remota valle? I fiori della morte? Qua

1 ora fa, borden dice:

 

SCUSATE, ma CHI ha detto che Manfredi se ne va? :huh:Da che cosa l'avete dedotto?

 

E chi lo sa? In una sua recente intervista dice che al momento sta lavorando ad altri progetti ma non ha mai detto che ha smesso con Tex. C'è un un passaggio in cui dice che oggi non è più scontato come una volta che appena hai finito una storia ne inizi subito un'altra e qualcuno ha equivocato mi sa.

Link to post
Share on other sites

L'ho ascoltata. Dice chiaramente che non sta lavorando con noi... "Che cosa avrà voluto dire?..."  :D

Link to post
Share on other sites

Magari il giorno di quell'intervista  non ha lavorato per la Bonelli, riprendendo magari a lavorarci il giorno dopo .😃🙋‍♂️

 

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">21 minuti fa</span>, Piombo Caldo dice:

Magari il giorno di quell'intervista  non ha lavorato per la Bonelli, riprendendo magari a lavorarci il giorno dopo .😃🙋‍♂️

 

 

 

Ma così dà un'impressione non esattissima...

Link to post
Share on other sites

A dire il vero, leggendo i commenti di febbraio 2019 su questo post, già si accennava a una probabile decisione di Manfredi di lasciare Tex; lo stesso Monni (che è sempre molto informato) nel topic "Sei divise nella polvere" mi aveva risposto che la saltuaria presenza dello sceneggiatore sulla saga, in futuro non lo sarebbe più stata. E' Vero che Carlo non aveva specificato se il significato della sua frase fosse dovuto all'eventuale abbandono (poteva pure essere interpretata al contrario), ma rivedendo i suoi commenti di due anni fa su questo post, la prima interpretazione mi era parsa probabile. L'intervista in effetti non l'avevo affatto presa in considerazione, perchè è sottinteso che la pausa temporanea è dovuta solo al fatto che la produzione editoriale al momento è satura. Una serie di elementi che mi hanno portato a equivocare, ma sono ben lieto di essermi sbagliato e che avremo ancora modo di leggerlo su Tex. :D

Edited by Condor senza meta
Link to post
Share on other sites

Aveva già lasciato una volta, ma poi è tornato. La regina dei vampiri credo sia  la prima dopo il ritorno.

 

 

Edited by borden
Link to post
Share on other sites

Nell'intervista dice chiaramente: "Non sto lavorando per la Bonelli... per una serie di motivi che non sto a dire". Poi racconta che sta scrivendo una serie western per il mercato estero (Brasile) disegnata da Pedro Mauro, che uscirà nel 2022. Sembra voglia dire che non sta scrivendo adesso perché la Bonelli non ha necessità di nuove storie, però poi forse riprenderà...

Commento mio personale: mi dispiace perché Gianfranco Manfredi è secondo me uno dei migliori sceneggiatori bonelliani (Magico Vento, Volto nascosto, alcune storie - non tutte - di Cani sciolti...), non utilizzarlo è uno spreco.

Per Tex purtroppo non ha fatto grandissime storie,  secondo me (solo discrete), però sempre meglio di altri sceneggiatori...

Io, come ho scritto da un'altra parte, lo vedrei bene anche come uno degli sceneggiatori che potrebbe continuare la miniserie di Deadwood Dick, personaggio molto nelle sue corde. Temo però che la Bonelli, soprattutto in questo periodo, abbia altri progetti... Ma sbaglia!

Link to post
Share on other sites

Di Manfredi mi piacciono tantissimo , per la serie regolare: Sei divise nella polvere, e la Regina dei Vampiri , altrettanto belle sono il Cartonato: Montana coadiuvato ai disegni da De Vita ed a cui si è ispirato Boselli per la storia che sta scrivendo per Tex Willer , probabile seguito e che vedremo l'anno prossimo. Mi piacque anche il suo "Texone" , con il Killer psicopatico e le dolci donne in cerca di marito  . Altre storie sono buone ma non eccezionali.

Link to post
Share on other sites

Mi sembra ieri che gli ho assegnato il Texone, ma scopro che l'ha finito! Beh, poteva farsi vivo...

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">10 minuti fa</span>, ciro dice:

Di Manfredi mi piacciono tantissimo , per la serie regolare: Sei divise nella polvere, e la Regina dei Vampiri , altrettanto belle sono il Cartonato: Montana coadiuvato ai disegni da De Vita ed a cui si è ispirato Boselli per la storia che sta scrivendo per Tex Willer , probabile seguito e che vedremo l'anno prossimo. 

Inizia tra due mesi titolo "Montana"

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">10 minuti fa</span>, borden dice:

Mi sembra ieri che gli ho assegnato il Texone, ma scopro che l'ha finito! Beh, poteva farsi vivo...

 

Parlatene. Magari è una cosa risolvibile.

  • +1 1
Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">48 minuti fa</span>, MacParland dice:

Inizia tra due mesi titolo "Montana"

Ha ragione! ancora non mi sono convinto che il 2020 sia passato:D

Link to post
Share on other sites
On 22/1/2021 at 19:54, Carlo Monni dice:

 

Parlatene. Magari è una cosa risolvibile.

 

 

Lui sa o dovrebbe sapere che può mandare dei soggetti e anche  (per Tex gli è successo DUE volte in trent'anni) che magari gli possono venire motivatamente respinti. Se ogni volta se ne va e fa l'offeso non abbiamo tempo di corrergli dietro. Caschiamo dalle nuvole perché ci aspettavamo un suo soggetto nuovo. Se avessi dovuto andarmene ogni volta che Sergio mi ha respinto un soggetto, sarei uscito dalla Bonelli il secondo giorno e poi almeno una trentina di volte. Idem Nizzi. E persino Sergio con Canzio.

Link to post
Share on other sites
On 22/1/2021 at 19:54, Carlo Monni dice:

 

Parlatene. Magari è una cosa risolvibile.

Già

Link to post
Share on other sites
37 minuti fa, Diablorojo82 dice:

Già

 

C'è il Covid. 

 

La mia posizione è espressa nel post precedente se qualcuno ha la pazienza di capire.

 

 

Edited by borden
Link to post
Share on other sites

E io che credevo che fosse un problema di soldi o di divergenze sulla gestione delle sue opere (Cani Sciolti)

Link to post
Share on other sites
42 minuti fa, Claude dice:

E io che credevo che fosse un problema di soldi o di divergenze sulla gestione delle sue opere (Cani Sciolti)

 

 

Ma può darsi anche. Però è anche un autore di Tex. Io posso solo fargli fare Tex, no?

Edited by borden
Link to post
Share on other sites
  • Sceriffi

Mah, da quello che dice nell'intervista sembrerebbe che si aspettasse di essere chiamato da qualcuno in Bonelli che gli chiedesse nuovi soggetti, e che non è successo. Dice proprio che una volta gli venivano chieste nuove sceneggiature senza che avesse terminato quelle che stava scrivendo, perché "nessuno doveva restare senza lavoro". Mentre, da quello che capisco, Borden non corre dietro agli autori, ma si aspetta che siano loro a presentare i soggetti.

 

Boh, spero che sia solo un'incomprensione e che Manfredi torni a scrivere nuove storie di Tex: sia perché è un autore che mi piace tantissimo, sia perché in questi tempi di iperproduzione avere uno sceneggiatore di razza come lui garantisce comunque storie di qualità.

Link to post
Share on other sites

Credo che il discorso "nessuno deve restare senza lavoro" (che è stato anche un po' l'incubo di diversi sceneggiatori, costretti a produrre in fretta anche in mezzo alle ferie tavole da sceneggiare per disegnatori che avevano finito in anticipo) fosse gestito a livello di casa editrice, non a livello di singola testata. Se si guarda la produzione degli autori non legati ad uno specifico personaggio si vede che hanno fatto un po' di tutto, spostati di testata in testata oppure a fare anche speciali, "le storie", romanzi a fumetti, etc. 

(Immagino un po' per esigenze di programmazione, un po' anche per i desideri degli stessi autori che si propongono )

 

Se si guarda in particolare Manfredi, è stato diverse volte l'autore di punta e il creatore (ma non il curatore, che di quasi tutte era Queirolo) di diverse serie: Magico Vento, Volto Nascosto, Shanghai Devil, Coney Island, Adam Wild, Cani Sciolti, (oltre a diversi numeri de Le Storie, ordinari o speciali) con apparizioni nelle serie di altri più sporadiche e fatte soprattutto all'inizio (le prime storie per Bonelli fatte su Dylan Dog e Nick Raider) e negli ultimi tempi su Tex. Quindi nel suo caso mi pare che il "non lasciarlo senza lavoro" consistesse di solito nel fargli fare nuove serie.

 

Da quello che dice Manfredi nell'intervista, questo tipo di "cura" dell'autore da parte della casa editrice non esiste più (almeno nel suo caso, ma dubito che sia l'unico, con il calo della produzione di storie, nuove pagine da fare per tutti non ce ne sono). Si era detto tante volte in passato che Bonelli produceva un sacco di serie e albi che rendevano poco (se non andavano proprio in perdita) invece di concentrarsi sulle serie di punta, anche per dare lavoro alla propria "scuderia" di autori. (e per "presidiare" lo spazio in edicola). Il non farlo più potrebbe avere risvolti abbastanza drammatici per un sacco di gente: al livello di dover cambiare lavoro (già la maggior parte dei disegnatori di fumetti non guadagna tantissimo, se poi lavorano 4 mesi all'anno gli conviene andare a portare le pizze in motorino).

 

(Nel caso di Manfredi, che può lavorare per altri, più che cambiare lavoro apparentemente si tratta di cambiare editore. Editore, non testata. il problema è a livello di casa editrice, probabilmente per casino di Cani Sciolti, che è stato gestito malissimo a livello di rapporto con i lettori, quindi probabilmente non sarà stato gestito tanto bene nemmeno con gli autori)

Link to post
Share on other sites

In effetti c'è chi davvero sta facendo il rider, vedi Diego Cajelli... 

Link to post
Share on other sites
On 25/1/2021 at 12:48, Ulzana dice:

In effetti c'è chi davvero sta facendo il rider, vedi Diego Cajelli... 

 

Cioè, davvero Diego Cajelli sta facendo il rider perché non ha lavoro?!

Nessuno in Italia che  gli offra un lavoro da sceneggiatore?!

Link to post
Share on other sites
27 minutes ago, Poe said:

 

Cioè, davvero Diego Cajelli sta facendo il rider perché non ha lavoro?!

Nessuno in Italia che  gli offra un lavoro da sceneggiatore?!

 

Premesso che non so nulla delle ultime vicende di Diego Cajelli, dipende anche da QUANTO lavoro e QUANTO viene pagato...

 

In generale, in Italia trovare lavoro è facilissimo. Il difficile è trovare qualcuno che poi lo paga in maniera decente, il lavoro...

  • +1 1
Link to post
Share on other sites
  • Similar Content

    • By natural killer
      Due avventure, due spietate bande di fuorilegge, due impavidi pards pronti a fermarle!
       
      Periodicità: semestrale
      MAXI TEX N° 23
      uscita: 05/10/2018
      Copertina: Claudio Villa

       
       
      Deserto Mohave
      Soggetto e sceneggiatura: Gianfranco Manfredi
      Disegni: Alessandro Nespolino
      Agli ordini del carismatico Maelstrom, una banda di evasi dal carcere di Saint Quentin si è insediata nel cuore del territorio dei Mohaves, ha rapito due ragazze e le tiene prigioniere nei pressi di una grande miniera d’oro abbandonata nota come "Colosseum". Pain, Eclipse, Marble, Bolt, Sight, Trick… Ognuno di loro porta sulla fronte il simbolo del proprio micidiale talento per uccidere...
       


       
      L’ultimo giorno
      Soggetto e sceneggiatura: Tito Faraci
      Disegni: Yannis Ginosatis
      Solo un ultimo, sereno giorno di lavoro separa il capostazione Sommers dalla sua nuova vita, in un ranch del Montana… Dalla stazione di Stonewell, però, passa il bandito Ted Malvin. Tex e Carson sono pronti a caricarlo su un treno per spedirlo dietro le sbarre. Ma Malvin è l’unico a conoscere dove si nasconde un prezioso bottino...
       

       

       
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.