Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
natural killer

[705/707] La maschera di Cera

Recommended Posts

<span style="color:red;">24 minuti fa</span>, Tim Birra dice:

Confesso che la presenza dell'orango in Satania mi aveva colpito molto e mi era rimasta impressa. E' vero che all'epoca ero un ragazzino (metà anni 70) però devo dire che non mi ha disturbato minimamente la sua riproposizione, anzi.. Poi in futuro vedremo se è veramente funzionale alla storia o un omaggio a G.L. 

. Ho scoperto che questa storia l'ho letta nel luglio 1964, dodici anni, e l'orango mi era piaciuto moltissimo.

Ora a 67 forse mi farà sorridere e pensare che se anche non ci fosse la storia non ne risentirebbe.

Comunque ne saprò e ne sapremo di più alla fine della storia quando tirreno le somme.

Una cosa però è certa, questo è puro GLB, piaccia o non piaccia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 minuti fa</span>, Loriano Lorenzutti dice:

. Ho scoperto che questa storia l'ho letta nel luglio 1964, dodici anni, e l'orango mi era piaciuto moltissimo.

Ora a 67 forse mi farà sorridere e pensare che se anche non ci fosse la storia non ne risentirebbe.

Comunque ne saprò e ne sapremo di più alla fine della storia quando tirreno le somme.

Una cosa però è certa, questo è puro GLB, piaccia o non piaccia.

Secondo me questa discussione è troppo anticipata. Ancora non sappiamo cosa il Bos ne farà di questo orango. Sarà un espediente per far trovare a Tex il bandolo della matassa? (già si è visto il flashback di Gombo) O sarà determinante per il proseguo della storia. In realtà ancora non sappiamo se dietro la maschera c'è un uomo o una donna, e neanche se questo o questa è la figlia di Satania. Che lo sia io l'ho saputo da voi nelle discussioni del forum. E come voi non vedo l'ora di leggere i prossimi albi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il punto non è che ti piaccia o meno ma che c'è ed a mio personalissimo parere, in una storia che si rifà a Satania" doveva esserci e della plausibilità in tempi moderni mi frega meno di zero  (cit. :P).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso che si possa concordare tutti su due presupposti:

1) il mistero, la magia, l'occulto, addirittura la fantascienza sono componenti da sempre presenti nella saga di Tex;

2) chi si ritenga insoddisfatto della presenza di questi temi, è libero di lasciare in edicola l'albo.

 

E tuttavia, mi sembra del tutto naturale che ciascuno dei lettori di Tex abbia delle particolari inclinazione e prediliga alcune categorie di storie.

Io, per esempio, preferisco le avventure più realistiche - non importa se ambientate  all'aria secca del deserto, nei boschi del nord o in cittadine più o meno grandi - rispetto a quelle in cui deve essere più accentuata la sospensione dell'incredulità.

 

Per questo motivo, la comparsa del gigantesco primate ammaestrato non ha pienamente soddisfatto i miei gusti. Aspetto di capire che ruolo il nuovo Gombo abbia nella storia. Per il resto, non ho nulla di cui lamentarmi. Mi è piaciuto il flash back con la riproposizione delle vignette degli anni '50. La vicenda appassiona e alcune scene (per esempio quella della riunione dell'organizzazione) sono grandiose. Non vedo l'ora di capire chi si nasconda dietro la maschera di cera.

 

 

Mi pare di ricordare di aver letto qualche critica alla matita di Benevento. Io, dalla mia posizione di incòlto lettore di fumetti, ho molto apprezzato i disegni e ho trovato estremamente belle le scene ambientate tra le nebbie di Los Angeles.

Edited by Sam Stone

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci voleva uno scimmione per scatenare questo putiferio :lol:?

In realtà l'antica nemesi di Tex di cui parla il "prossimamente" è il figlio di Gombo, non l'avevate capito :lol:?

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un dettaglio, che fa capire quanto comunque questa storia NON sia "anni Cinquanta": Gombo era uno scimmione INESISTENTE in natura. In questa storia compare invece un orangutan gigante del Borneo, oggi forse estinto, ma realmente esistito.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">19 ore fa</span>, Carlo Monni dice:

Il punto non è che ti piaccia o meno ma che c'è ed a mio personalissimo parere, in una storia che si rifà a Satania" doveva esserci e della plausibilità in tempi moderni mi frega meno di zero  (cit. :P).

 

DOVEVA esserci? E perché mai? Che poi te ne freghi è più che legittimo ;)

 

<span style="color:red;">5 ore fa</span>, borden dice:

Un dettaglio, che fa capire quanto comunque questa storia NON sia "anni Cinquanta": Gombo era uno scimmione INESISTENTE in natura. In questa storia compare invece un orangutan gigante del Borneo, oggi forse estinto, ma realmente esistito.

 

Un orangutan del Borneo ammaestrato: è perlomeno improbabile. 

 

Ci tengo a ribadire che trovo non corretto che si dica che lo scimmione dovesse esserci per forza, che non poteva non esserci, che contestarlo significa non conoscere Tex, che non è sindacabile. 

Sono tutte affermazioni talebane, che non condivido per nulla. Il buon Gombo (che poi Gombo non è) è una scelta narrativa, legittima, che può piacere o meno.

PUO' PIACERE O MENO.

Non scomodiamo, per favore, imperativi assoluti o misconoscenze texiane. 

I talebani pure in Tex? E ddai!

 

A me Gombo nun me piace; la storia invece mi sta piacendo eccome. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">14 minuti fa</span>, Leo dice:

nun me piace

Per forza, c'hai du' metri de torace! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">22 minuti fa</span>, Letizia dice:

Per forza, c'hai du' metri de torace! :D

 

???

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">44 minuti fa</span>, Leo dice:

???

Non mi dire che non conosci "So' Caio Gregorio, er guardiano der Pretorio, far la guardia nun me piace, c'ho du' metri de torace".

  • Haha (0) 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, Letizia dice:

Non mi dire che non conosci "So' Caio Gregorio, er guardiano der Pretorio, far la guardia nun me piace, c'ho du' metri de torace".

Letizia ti facevo più giovane :P

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 minuti fa</span>, Loriano Lorenzutti dice:

Letizia ti facevo più giovane :P

Io SONO più giovane.

Ma mi interessa l'archeologia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah la nostra lady Leti: deve essere un personaggio interessante.

 

Purtroppo non posso ancora commentare la storia e dovrò aspettare ancora una settimana. A me non dovrebbe dispiacere la presenza di un orango gigante, a quanto pare possono raggiungere l'altezza di 1.8 m

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto fa pensare(pure troppo) che dietro la maschera ci sia una delle due donne. Mia ipotesi: o esce un'altra figura ancora non vista o Borden ci sfodera proprio Cora Gray!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, capellidargento dice:

Tutto fa pensare(pure troppo) che dietro la maschera ci sia una delle due donne. Mia ipotesi: o esce un'altra figura ancora non vista o Borden ci sfodera proprio Cora Gray!!

 

No.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Carlo Monni dice:

 

No.

Quanti no, uno o due?

Nel caso di un no solo, è il primo o il secondo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">8 minuti fa</span>, Letizia dice:

Quanti no, uno o due?

Nel caso di un no solo, è il primo o il secondo?

 

No, non è qualcuno che non si è mai visto prima e, non è una rediviva Cora Gray.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">18 minuti fa</span>, Carlo Monni dice:

 

No, non è qualcuno che non si è mai visto prima e, non è una rediviva Cora Gray.

Peccato,sarebbe stato un bel colpo di teatro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mr. Doom è una donna ed è la figlia di Satania. Ma chi è la figlia di Satania: Lavinia Jones o Joan Fischer?

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">11 ore fa</span>, Carlo Monni dice:

Mr. Doom è una donna ed è la figlia di Satania. Ma chi è la figlia di Satania: Lavinia Jones o Joan Fischer?

Questo dubbio è certamente interessante. Ma mi intriga di più sapere cosa c'è dietro questa scelta di seguire le orme materne. Sono sicuro che Borden ci sorprenderà, con una storia epica. Dopo quel poco che abbiamo visto nel primo albo, mi pare più interessante la figura della figlia del dottore. Vedremo....

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">15 ore fa</span>, Carlo Monni dice:

Mr. Doom è una donna ed è la figlia di Satania. Ma chi è la figlia di Satania: Lavinia Jones o Joan Fischer?

Io credo che la cosa sia del tutto irrilevante.

La storia si spalma su tre albi, il "misterioso" capo è una donna, che è la figlia di Satania e le sospette sono solo due.

Su cento lettori, facendo semplicemente testa o croce con un euro, cinquanta indovinano chi è.

Io dico Lavinia e un altro dice Joan et voilà.

Tutto qui?

No di certo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">6 ore fa</span>, Letizia dice:

le sospette sono solo due

 

Dagli "indizi" disseminati in questa prima parte si intuisce chiaramente quale delle due sia la figlia.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">19 minuti fa</span>, ymalpas dice:

Dagli "indizi" disseminati in questa prima parte si intuisce chiaramente quale delle due sia la figlia.

A maggior ragione, l'identità segreta della Maschera non è il clou della storia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Similar Content

    • By natural killer
      Un misterioso killer uccide uno a uno i membri della banda dei “Cowboys”…
      SPECIALE TEX
      N° : 34
      Periodicità: annuale
      DOC!
      uscita: 20/06/2019
      Formato: 21x29,7 cm, b/n
      Pagine: 240
      Codice a barre: 977112365504090034
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Laura Zuccheri
      Copertina: Laura Zuccheri

      Doc Holliday: dentista, giocatore e pistolero. Ritiratosi a Leadville, Colorado, dopo la famosa guerra della Cochise County culminata nella sparatoria dell’OK Corral, il leggendario dottore con la pistola si guadagna da vivere al tavolo da gioco. Ma il passato ritorna: prima la sua scatenata e gelosa ex ragazza, Big Nose Kate. E poi due tenaci rangers, Tex e Carson, che lo cercano per chiarire il mistero su alcuni efferati omicidi compiuti con un trapano da dentista. Ma i superstiti della banda dei “Cowboys” continuano a morire e i loro nomi a essere cancellati con un tratto di penna sul taccuino nero di Doc. Tra il Colorado e il New Mexico le Colt riprendono a ruggire nelle mani di Johnny Ringo, Bud Snow, i fratelli Hicks e altri famigerati badmen del West, sino alla sanguinosa resa dei conti a Skeleton Canyon.
       

       
       

      https://www.sergiobonelli.it/tex/2019/04/23/albo/doc-1004559/
    • By natural killer
      Anche le canaglie hanno un’anima… e una seconda possibilità!
      TEX
      N° : 703
      Periodicità: mensile
      LA SECONDA VITA DI BOWEN
      uscita: 07/05/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 110
      Codice a barre: 977112156104690703
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Gianluca Acciarino
      Copertina: Claudio Villa

      Tex non è uno sbirro come gli altri. Sa leggere nel cuore degli uomini. E ha visto qualcosa di buono nel cuore del freddo sicario Kenneth Bowen, quando ha capito come si prendeva cura del piccolo orfano Tim Mitchell… A San Francisco, dove si è trasferito col ragazzo, Bowen si è rifatto una vita. Ha un lavoro onesto e una donna che si preoccupa per lui. Tom Devlin, il capo della polizia, lo sorveglia per conto di Tex… Ma le vite violente lasciano ferite insanabili. Bowen ha dei nemici e, quando il passato tonerà a chiedergli il conto, dovrà fare una scelta…
       

       
       
       

       

       
       
      https://www.sergiobonelli.it/tex/2019/04/01/albo/la-seconda-vita-di-bowen-1004417/
      Ruju dà un seguito al ragazzo rapito che Faraci aveva lasciato in sospeso a Madison Creek
      La continuità è garantita da Gianluca Acciarino
      L'ambientazione cittadina a Frisco è per me particolarmente intrigante...
    • By natural killer
      Una frontiera di fuoco, tra disertori messicani e comancheros…
      TEX WILLER
      N° : 5
      Periodicità: mensile
      I DUE DISERTORI
      uscita: 20/03/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 64
      Codice a barre: 977261184704690005
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Bruno Brindisi
      Copertina: Maurizio Dotti

      In Messico ribolle la guerra civile, ma anche i territori americani del Sudovest non se la passano tanto bene, percorsi come sono da disertori degli eserciti in lotta, da bande di indiani e di spietati comancheros…  Diretto a Saint Thomas per rivedere Tesah, Tex si trova impegnato un po’ contro tutti, in una cavalcata senza un attimo di tregua in sella al fedele Dinamite…
       

       

       

       

    • By natural killer
      Tra passato e presente, la sorte del sacro tesoro dei pellerossa…
       
       
      TEX
      N° : 700
      Periodicità: mensile
      L'ORO DEI PAWNEE
      uscita: 07/02/2019
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Fabio Civitelli
      Copertina: Claudio Villa

       
       
       

       

       

       

    • By natural killer
      Un vecchio rivale dei tempi del rodeo… Un nemico dimenticato…
      TEX
      N° : 695
      Periodicità: mensile
      L'ULTIMA VENDETTA
      uscita: 07/09/2018
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Giovanni Ticci
      Copertina: Claudio Villa
      Colori: Oscar Celestini

      Kit salva un ragazzo Pima aggredito nella riserva Navajo… E Tex rievoca i tempi in cui, concorrendo nel rodeo di Laredo, cercava di strappare la palma di campione al famoso Moss Keegan… La rivalità tra loro sfocia in aperto scontro. Braccato dalla legge per colpa del bieco sceriffo Mallory, Tex ritrova Keegan sulla sua strada. Come amico o come nemico? E riuscirà Tex a compiere l’ultima vendetta su Mallory, complice degli assassini del fratello Sam? Un albo a colori del grande Ticci per festeggiare degnamente il settantennale di Tex!
       
       
       
       

       
       
       

       
       

       
       

       
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.