Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
natural killer

[Maxi Tex N. 25] Il boss di Chicago

Recommended Posts

Maxi in formato doppia storia, non il mio preferito, ma tant'è...

 

Il re di Chicago, storia, come altre, nata per un formato abbandonato quale era quello dell'almanacco e destinata pertanto a essere dirottata o sulla regolare in albo unico o come avvenuto su un Maxi a più storie. Qualunque fosse stato il suo esito parliamo comunque di una storia progettata per essere realizzata in 110 tavole. Le vicissitudini legate all'età e alle condizioni di salute di Repetto ne hanno determinato il ritardo del completamento affidato, dopo la scomparsa del maestro, all'arte di Bruzzo. Ne viene fuori una storia  piacevole il cui impianto non può comunque consentire un intreccio complesso per i vincoli imposti dalla pubblicazione su cui era destinata. La considero una buona storia da Almanacco, che ci regala nell'ultima fatica di Repetto la sua interpretazione del Carson in versione giovanile, senza Capelli d'Argento, nella indispensabile prefazione a quella che poi è la vicenda centrale che vede Tex e Carson impegnati ad affrontare, da par loro, la prepotenza di un senatore dai trascorsi criminali nell'ambiente apparentemente a lui più favorevole, la città di Chicago, che domina come un ragno al centro della sua tela. E solo l'intervento di Tex avrebbe potuto, come di fatto è poi avvenuto, scalzare il re dalla sua poltrona nonostante la fitta rete di protezioni, alleanze e  manovalanze messa su a garantire la sua posizione dominante. E tra il bene e il male spicca anche la figura dell'ostinato giornalista e poi della di lui figliola, che ha dato il via alla caduta del re di Chicago, pur pagando per questo il tributo più alto.

Ottima la prova grafica di Repetto fino a dove è riuscito ad arrivare e buona anche la prestazione di Bruzzo che ha concluso la storia rispettando il lavoro del maestro argentino.

 

Questo è il mio giudizio di lettore della prima storia di questo Maxi, al quale come al solito, affido il compito di regalarmi momenti di piacevole lettura.

L'approccio troppo critico in primis non mi compete e per di più avrebbe sicuramente l'effetto di rovinarmi il pieno godimento di quello che io, vecchio testardo, continuo a considerare soltanto un giornalino che continuo a comprare soltanto perchè, ebbene si, lo ammetto, mi piace.

 

Alla prossima per la seconda storia.

 

Edited by natural killer

Share this post


Link to post
Share on other sites

Due buone storie, gradevoli, adatte alla pubblicazione sullo speciale. Troppa faciloneria nei ritrovamenti ( della borsa nella prima storia, dei cadaveri nella seconda) segno che non è facile scrivere per Tex facendo quadrare tutto. Non vado oltre altrimenti alla fine finirò per essere tacciato di lesa maestà :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tempesta!
Soggetto e sceneggiatura: Pasquale Ruju
Disegni: Rossano Rossi

La cittadina di Silver Gulch, sulle montagne del Colorado, nasconde un orribile segreto… Tutti i suoi abitanti si sono macchiati di un’antica colpa… Il cielo sembra voler lavare con la furia i loro peccati… Ma qual è il vero pericolo per i cittadini onesti?

 

Dopo aver letto questo sul sito non c'era altro da fare che vedere come si sarebbe svolta la trama fin troppo spoilerata...

 

Sceneggiatura ben calibrata, senza sussulti, ma anche senza cadute,  che facendo ricorso ai trascorsi scolastici definirei sanza 'nfamia e sanza lodo, a indicare però una mediocritas latina, non nella attuale accezione negativa del termine. Stavolta il caso e la natura danno una grossa mano ai pards nel venire a capo di una situazione chiara da un lato, ma difficile da sbrigliare dovendo affrontare una intera comunità.

Risultato comunque ancora una volta positivo, nel senso che pur senza gridare al capolavoro, la lettura scorre piacevolmente fino alla conclusione con la natura che determina la catarsi tragica della vicenda con l'annientamento dell'intera comunità, chiamata dal destino a pagare il fio di una criminosa scelta, legata alla sopravvivenza del paese destinato altrimenti alla triste sorte che accomuna tante ghost town del west. Ma evidentemente il destino non si può cambiare e la natura infine fa il suo corso realizzando ciò che gli uomini, invano, avevano cercato di evitare con il loro delitto.

Tra i tanti protagonisti emergono le figure dell'ostinato e caparbio ranger che porta a compimento la sua ultima personale missione, cadendo non per mano dell'avversario, ma per la cupidigia di una disperata e priva di scrupoli comunità alla deriva e quella del vecchio falegname alcolizzato, anello debole dell'omertosa catena destinata a spezzarsi con l'arrivo di Tex e Carson.

 

Buona anche la componente grafica con una convincente prova di Rossano Rossi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Marco, leggendo le tue sempre puntuali (e da me quasi sempre condivise) recensioni mi chiedo: sei un ematologo prestato alla saggistica, oppure uno scrittore prestato alla scienza?

Chissà perché mi ritorna perennemente alla memoria quanto disse il grande GLB?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi considero un accanito lettore onnivoro... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Onnivoro?

Leggi anche storie sui vampiri?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premetto che non ho ancora capito con quale criterio vengano scelte le storie da pubblicare sul Maxi Tex.

 

Mentre i Color, i cartonati (tranne che quando si tratta di ristampe), ma anche il Texone hanno una loro identità ben definita, il Maxi reca con sé sempre sorprese.

A volte, contiene capolavori (Oklahoma!, Nueces Valley); altre volte storie di livello inferiore alla media (Deserto Mohave, L'ultimo giorno); altre altre volte ancora storie caratterizzate da disegni discutibili (Il cavallo di ferroLa carovana dei Cherokee) o addirittura brutti (Alaska).

 

In questo caso, abbiamo due avventure che si sarebbero potute benissimo leggere sulla serie regolare.

 

Il re di Chicago ha un soggetto interessante e una sceneggiatura dignitosa, che però avrebbe avuto bisogno almeno del doppio delle pagine per uno sviluppo meno frettoloso.

La città corrotta nasce da un'idea che mi sembra abbastanza originale e che viene sviluppata adeguatamente, per quanto vi sia qualche colpo di fortuna di troppo (la scoperta dei corpi).

 

Notevole, considerate le circostanze, la prova di Repetto. Il suo tratto non ha sofferto, nell'ultima parte della sua vita, del vistoso calo che ha colpito altri gloriosi disegnatori. Rispettoso, per quanto personale, lo stile di Bruzzo.

 

Anche i disegni di Rossi mi sono piaciuti molto. Dirò forse un'eresia, dovuta alla mia ignoranza in materia di disegno, ma mi ricorda un po' Civitelli.

 

In conclusione, il Maxi autunnale è, per quanto mi riguarda, promosso.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un sofferente tratto di Repetto (perché io la sofferenza, a differenza di molti di voi, l'ho vista invece) illustra una buona storia, caratterizzata da un personaggio che, nella sua metamorfosi da criminale a senatore sotto mentite spoglie mi ha ricordato il Max Bergovitz di C'era una volta in America, interpretato da James Wood. Anche il novello Max texiano, come quello leoniano, ha manie di grandezza, destinate a infrangersi davanti alla canna della pistola dei rangers. Buona storia e degno commiato di un grande artigiano del fumetto, di cui porterò nel cuore soprattutto Rio Hondo, storia superba e con ottimi personaggi, come la moglie del peone Herrero, epica - proprio grazie a Repetto! - nel suo sguardo deciso e nella cupezza fiera e dignitosa degli occhi.

 

Il "civitelliano" Rossi invece illustra la seconda storia, in cui tutta una città ha qualcosa da nascondere. Storia in definitiva coinvolgente, riesce ad appassionare fino alla fine, anche grazie alla presenza di buoni comprimari.

 

Tutto sommato un buon Maxi, destinato purtroppo sempre a ospitare storie di second'ordine, quando invece il suo formato si presterebbe a storie di ben altro respiro. Ma stavolta non mi lamento più di tanto.  

Share this post


Link to post
Share on other sites

IL BOSS DI CHICAGO

L’idea di una storia a Chicago era buona, ma avrebbe avuto bisogno di più largo respiro. Infatti, ad un’attenta rilettura, sembra quasi monca. Ad esempio, non viene più citato il Capitano di polizia, del quale non sapremo mai se fosse un corrotto o, semplicemente, un idiota. Anche se c’è da dire che sarebbe stato difficile spiegare un suo coinvolgimento al fianco del Senatore, nell’occasione dell’agguato a Tex, visto che non è mai stata fatta menzione del mandante dello stesso. Nel complesso, comunque, storia poco più sufficiente, meritevole di una lettura ma non di un bis.

Nei disegni, invece, non notiamo alcun calo rispetto ad altri meno recenti dello stesso autore e, pertanto, meritano un plauso.

Voto alla storia: 6,5

Voto ai disegni: 7,5

TEMPESTA

Leggermente migliore della precedente, forse anche perché più lunga, vede il duo titolare contro un paese intero, ma il soggetto, molto buono, a mio parere, non viene ben realizzato. Non vengono, infatti, caratterizzati minimamente i personaggi principali, ed il tutto, alla fine, si risolve in una sparatoria faraciana. Buoni, invece, i dialoghi ed anche i siparietti tra i due pards.

Ottime le illustrazioni del civitelliano Rossi.

Voto alla storia: 6,7

Voto ai disegni: 8,5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tex e Carson già in passato hanno affrontato senatori degli USA, facendoli arrestare (come Maxwell, Shawcross) o provocandone la morte (Davis). 

È la prima volta che un bandito "normale" (se così si può dire) riesce a occupare una carica così importante? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">6 minuti fa</span>, ElyParker dice:

Tex e Carson già in passato hanno affrontato senatori degli USA, facendoli arrestare (come Maxwell, Shawcross) o provocandone la morte (Davis). 

È la prima volta che un bandito "normale" (se così si può dire) riesce a occupare una carica così importante? 

 

Che i soldi possano far tutto si è sempre saputo.

Che un delinquente anche se astuto possa cambiare identità e arrivare fino alla carica di senatore a me sembra una grossa forzatura,

ma stiamo parlando di un'altra epoca e un'altra nazione. Chissà se anche qui nel nostro Bel Paese è successa davvero una cosa del genere?

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti è un cambiamento non da poco: da uomo da azione a politico in vista e influente (grazie sicuramente ma non solo al denaro).

In Tex di solito i normali banditi o capobanda diventavano rancheri, proprietari di qualche miniera o imprenditori per esempio. Non mi sembra di aver visto altri personaggi su Tex compiere un cambiamento sociale così grande.

 

La tua domanda, caro Dix, si potrebbe estendere infine a qualunque Stato esistente o esistito nella storia recente. Certo che una eventuale risposta affermativa, farebbe rabbrividire e molto riflettere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi associo al coro unanime di apprezzamento per Repetto, considerando l'età e le condizioni di salute il suo ultimo lavoro è stato encomiabile!

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 hours ago, West10 said:

Mi associo al coro unanime di apprezzamento per Repetto, considerando l'età e le condizioni di salute il suo ultimo lavoro è stato encomiabile!

 

Assolutamente. Peccato che la storia sia scarsa anche per i standard di Ruju. Repetto avrebbe meritato di concludere la propria carriera con qualcosa di meglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora.  Prima storia interessante ma monca o chiusa frettolosamente, accettabile comunque. Reperto vecchio e verso la Collina degli stivali se la cava meglio di molti altri disegnatori. Stima e rispetto. La seconda storia, dai disegni alla Civitelli, mi è piaciuta su alcune cose (l'atteggiamento degli abitanti della cittadina mineraria, i nostri eroi KO e il finale catartico, la vendetta del vecchio ranger) meno su altre (Tex e Carson un po' troppo fortunati). Comunque un Maxi globalmente valido per me.

Just now, Diablorojo82 dice:

Allora.  Prima storia interessante ma monca o chiusa frettolosamente, accettabile comunque. Reperto vecchio e verso la Collina degli stivali se la cava meglio di molti altri disegnatori. Stima e rispetto. La seconda storia, dai disegni alla Civitelli, mi è piaciuta su alcune cose (l'atteggiamento degli abitanti della cittadina mineraria, i nostri eroi KO e il finale catartico, la vendetta del vecchio ranger) meno su altre (Tex e Carson un po' troppo fortunati). Comunque un Maxi globalmente valido per me.

Repetto ...Maledetto T9.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Similar Content

    • By natural killer
      Soggetto e Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Fabio Valdambrini
      Copertina: Maurizio Dotti
      Periodicità: Mensile18/02/2020
      I LUPI DELLA FRONTIERA
      Per salvare il fratello bandito, Reba chiede aiuto a un altro fuorilegge…
       

       
       

       
       

       

    • By natural killer
      uscita: 18/12/2019
      PARADISE VALLEY
      Un Paradiso in terra… Ma non mancano i diavoli!
       
       

       

       
       


    • By natural killer
      Torna Makua, il pistolero indiano dalla mano fracassata e dal tragico destino…
      TEX
      N° : 708
      Periodicità: mensile
      LA TRIBÙ DEI DANNATI
      uscita: 08/10/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 110
      Codice a barre: 977112156104690708
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Alfonso Font
      Copertina: Claudio Villa

      Makua è uscito dal carcere, ma come pistolero è finito: la sua mano destra ferita ormai, non ha più la forza di maneggiare una pistola. Grazie a Tex, ha trovato rifugio, amicizia e, forse, amore, in un villaggio di reietti scacciati da varie tribù che vivono tra loro in pace. Ma Mateo, fratello del feroce Domingo, scende sul sentiero di guerra con i suoi predoni Mescalero e, sulla sua pista di sangue, ci sono Tex Willer e Makua!
       

       

       

       

       
       
      https://www.sergiobonelli.it/tex/2019/08/29/albo/la-tribu-dei-dannati-1005126/
       
       
    • By natural killer
      Dal passato di Carson torna un inafferrabile nemico…
      TEX ROMANZI A FUMETTI
      N° : 9
      Periodicità: semestrale
      L'UOMO DALLE PISTOLE D'ORO
      uscita: 23/02/2019
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: R. M. Guéra
      Copertina: R. M. Guéra
      Colori: Giulia Brusco

      Sulla frontiera del Rio Grande, Juan Gonzales è tornato dall’inferno per uccidere i vecchi rangers che lo avevano braccato molti anni prima. Lo scintillare delle sue pistole è come il rintocco di una campana a morto, perché Gonzales non perdona. Gli amici di Carson cadono uno dopo l’altro. E sulla lista c’è anche lui, che cavalcherà con Tex sulla pista dell’uomo dalle pistole d’oro, in un crescendo di sangue e di violenza…
       
      http://www.sergiobonelli.it/tex/2018/12/21/albo/l-uomo-dalle-pistole-d-oro-1004060/
       

       
       

       

    • By natural killer
      TEX COLOR
      N° : 11
      Periodicità: semestrale
      COWBOYS
      ANCORA UNA VOLTA, TEX WILLER E IL FIDATO KIT CARSON SI RITROVANO A CAVALCARE NELL'IMMENSITÀ DELLA PRATERIA AL SEGUITO DI UNA GRANDE MANDRIA, PER SFIDARE UNA BANDA DI PERICOLOSI FUORILEGGE...
       
       
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Giacomo Danubio
      Colori: Oscar Celestini
      Copertina: Claudio Villa

      Per aiutare l’amico capomandria Bannon, rimasto privo dei suoi cowboys, Tex e Carson guidano con lui il bestiame tra scontri con banditi, indiani e cataclismi naturali… Ma, alla fine del viaggio, nella città violenta di Caldwell, li aspetta la sorpresa peggiore…
       

       

       

      Riapro la discussione su questo albo sparita chissà dove.
       


       
      Questo era il mio commento del 5 agosto 2017 salvato nell'archivio del computer
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.