Jump to content
TWF MAGAZINE N°19 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
Sam Stone

[Texone N. 35] Tex l'inesorabile

Recommended Posts

Finalmente, ho letto TEX L'INESORABILE. Non nell'assurda e inutile "Edizione Limited", ma nel bellissimo volume cartonato che riproduce le tavole a grandezza naturale, su ottima carta. (insomma, uguale alla limited, solo che costa la metà, perchè non è limited. Anche meno visto che si trova facilmente scontata nei negozi online a meno di 30 euro. E visto che limited non è davvero limited perchè continuano a farne (cioè, ogni limited è limited, ma il numero di edizioni limited è unlimited...), non fatevi fregare e comprate questa).

 

Non dirò assolutamente nulla della trama per chi vuole aspettare febbraio (ma davvero, l'edizione è bellissima, io vi consiglio di comprarla, avrei consigliato di comprarla anche se fosse uscita dopo il brossurato), solo che mi ha meravigliato, sapendo la sua storia travagliata (e il fatto che la storia finale non è quella che aveva in mente borden all'inizio) il vedere come tutto si "lega" benissimo.  Avevo letto o visto tempo fa una descrizione in cui si diceva esattamente a che pagina si era fermato ogni volta Villa, ma non ricordo più dov'era: se qualcuno se lo ricorda o comunque c'è un articolo in giro che ne parla anche se non è quello che avevo visto io, mi date il link? Vorrei andare a vedere i vari punti dove sono passati anni fra una tavola e la successiva, per vedere se così noto lo stacco...

 

Parlo invece del volume come "oggetto": confesso che ho tremato fino all'ultimo. Non conto più ormai le volte in cui ho comprato qualche "lussuoso" volume dalla Bonelli e mi sono trovato con riproduzioni di qualità vergognosa (il volume di Ticci pixellato come se l'avessero ingrandito da fotocopie grandi come un Alan Ford... di fiducia nelle capacità "tecniche" della Bonelli da questo punto di vista non ne ho più, sono passati da essere una casa editrice che faceva edizioni di incredibile qualità anche su edizioni economiche da edicola, a "quelli che non sono manco capaci di fare lo scanning delle tavole").  Ora, la mia vista non è più quella di una volta (mi tocca portare gli occhiali per leggere! Li odio, li dimentico sempre dappertutto...) e quindi piccole magagne che un tempo avrei notato oggi mi sfuggono, quindi non posso garantirvi che la stampa sia davvero perfetta al 100%... ma in volumi passati, le magagne riuscivo a vederle anche con la mia vista in calo, e qui invece non ne vedo. Quindi, anche se ce ne sono, almeno sono meno visibili!

 

Quindi, con il caveat come dicevo che la mia vista non è più quella di una volta...  ai miei occhi questa è LA MIGLIORE EDIZIONE CHE ABBIANO MAI FATTO DI UN TEXONE! (e in generale, di una storia a fumetti italiana). E dico in generale, mica solo la Bonelli! (è migliore per me dell'edizione di Alessandro Editore del Texone di Magnus, fatta su carta per me sbagliata). Se la Bonelli vuole davvero spillarmi un sacco di soldi, invece di fare insulse variant limited che non mi fanno nè caldo nè freddo, potrebbe farmi altre edizioni come queste dei Texoni passati, gliele compro tutte! (gli passo un idea: un edizione così degli originali ancora a matita del Texone di Zaniboni: ci penso da quando ho saputo che gli originali non sono mai stati chinati...). la carta non è lucida e pesante come quelle pacchiane "edizioni da siuri" che vogliono spacciarci come di qualità, e quindi il volume risulta facilmente maneggevole nonostante il numero di pagine, non ci sono riflessi o sbavature, e nonostante le dimensioni (38 x 28 cm, praticamente il doppio di un normale Texone) si legge tranquillamente tenendolo in mano.

 

Un edizione simile, a quel prezzo, per me è regalata (ovviamente non in senso assoluto, ma un edizione simile un altro editore te la fa pagare tranquillamente 60 euro...)

 

E facendo queste considerazioni, mi convinco sempre di più che i boss attuali della Bonelli abbiano un incredibile talento.. nel riuscire a far arrabbiare la gente, anche quando sembrerebbe impossibile riuscirci...

 

Pensateci. è USCITO FINALMENTE IL TEXONE DI VILLA. Quante volte abbiamo dubitato di riuscire mai a vederlo? E questa edizione è bellissima, sarebbe andata a ruba anche se la pubblicavano dopo!

 

Pensate a quante iniziative promozionali si sarebbero potute far sul Texone di Villa: mostre, incontri.firmacopie, filmati, recensioni a tappeto... ma no, non si può fare. È uscito il Texone di Villa, ma persino in un forum di Tex come questo NON NE POSSIAMO PARLARE. Per colpa della Bonelli che ha posticipato l'edizione economica. Quindi...  niente lancio in grande stile (che adesso sarebbe anche sprecato, solo gli appassionati spendono 35 euro, non becchi i curiosi che avresti beccato facendo il lancio con l'edizione economica in edicola). E quando uscirà l'economica a Febbraio... sarà già una "notizia vecchia".

 

Si è rinunciato a questo lancio per cosa? Per una manovra speculativa di basso profilo che per me... davvero, più ci penso, e più mi pare semplicemente STUPIDA.. Se qualcuno voleva comprarsi questa edizione se la comprava anche se aveva già l'economica (è più probabile che non compri l'economica avendo già questa, quindi le copie vendute calano grazie a questa speculazione...). La Limited a Lucca per speculare potevano farla lo stesso, di cosa avevano paura, di finirla in tre ore invece che in due ore?

 

Ma ammettiamo pure che esistano, da qualche parte, lettori che non avrebbero comprato questa edizione, e che la compreranno solo perché non riescono a resistere fino a Febbraio...  la Bonelli ci guadagna... cosa? una differenza di prezzo di 30 euro a copia che tolte le percentuali del distributore e dei librai diventano meno di 15 euro? Meno di quello che prendono vendendo 8 albi regolari? E per questo FANNO INCA**ARE questi lettori? Perché e ovvio che se "costringi" qualcuno a spende per qualcosa che non avrebbe preso... poi non ti vorrà molto bene, no?

E per me, ripeto, questi lettori saranno pochissimi. In compenso fai inca**are PURE TUTTI GLI ALTRI, tutti quelli che devono attendere febbraio.

 

Ma ci pensate a che razza di capolavoro di MARKETING ALLA ROVESCIA stiamo assistendo?

 

Questi ci stanno dando una storia di Tex disegnata da Claudio Villa, in (1) un edizione bellissima ad un prezzo, ripeto, davvero stracciato per questo tipo di edizioni, e (2) un edizione regolare ad un prezzo ancora più stracciato. Bastava che si fossero limitati a pubblicarle. Roba da fargli un monumento, e di far festa.

Ma no, questi rinunciano alla festa, e architettano un piano davvero machiavellico (secondo loro, immagino) per "fregare" pochi spicci a chi non sa resistere ad un attesa inutile e artificiale che hanno imposto per specularci su, e per vendere un inutile "variant" che, come si è visto, nonostante fosse inutile se volevano potevano venderla ad esaurimento lo stesso.

 

Davvero, sono quasi ammirato. Simili geni del marketing sarebbe capaci di farsi odiare da tutti anche se ci regalassero il filtro dell'eterna giovinezza. Ci vuole davvero talento, mica tutti ne sarebbero capaci...

  • +1 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Diablero... commento eccellente! E come direbbe qualcuno... "puro vangelo."

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">10 ore fa</span>, Diablero dice:

Avevo letto o visto tempo fa una descrizione in cui si diceva esattamente a che pagina si era fermato ogni volta Villa, ma non ricordo più dov'era: se qualcuno se lo ricorda o comunque c'è un articolo in giro che ne parla anche se non è quello che avevo visto io, mi date il link?

 

 

Del texone se ne parla un po' ovunque , prova qui:

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">11 ore fa</span>, Diablero dice:

  La Limited a Lucca per speculare potevano farla lo stesso, di cosa avevano paura, di finirla in tre ore invece che in due ore?

 

Ma ammettiamo pure che esistano, da qualche parte, lettori che non avrebbero comprato questa edizione, e che la compreranno solo perché non riescono a resistere fino a Febbraio...  la Bonelli ci guadagna... cosa? una differenza di prezzo di 30 euro a copia che tolte le percentuali del distributore e dei librai diventano meno di 15 euro? Meno di quello che prendono vendendo 8 albi regolari? E per questo FANNO INCA**ARE questi lettori? Perché e ovvio che se "costringi" qualcuno a spende per qualcosa che non avrebbe preso... poi non ti vorrà molto bene, no?

E per me, ripeto, questi lettori saranno pochissimi. In compenso fai inca**are PURE TUTTI GLI ALTRI, tutti quelli che devono attendere febbraio.

 

Ma ci pensate a che razza di capolavoro di MARKETING ALLA ROVESCIA stiamo assistendo?

 

 

Davvero, sono quasi ammirato. Simili geni del marketing sarebbe capaci di farsi odiare da tutti anche se ci regalassero il filtro dell'eterna giovinezza. Ci vuole davvero talento, mica tutti ne sarebbero capaci...

Sono d'accordo con TUTTA la tua disamina.  Ma questo pezzo è oltretutto uno spasso. Grande. :laugh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è speranza che il Texone a febbraio 2020 cambi di nuovo il titolo e diventi "TEX L'INELUTTABILE"?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Letizia.

 

Oggi pomeriggio ho avuto un pò di tempo libero, e stavo pensando alla domanda che avevi fatto pochi giorni fa. Quanto potrebbe valere un limited edition a colori?

 

Oggi mi sono divertito a confrontare l'uomo senza passato (Nizzi-Villa) a colori e l'inesorabile (Boselli-Villa). La prima storia la lessi in bianco e nero su albo. Però, la versione a colori è davvero bellissima. Credo che anche l'inesorabile a colori renderebbe tanto. 

 

Ma è anche interessante come è maturato il tratto di Villa. Non il disegno in sè, ma sto parlando dell'inchiostrazione. Sappiamo tutti che Villa è un fenomeno, ma qui ha voluto esagerare. Troppo bello il tratteggio fine per delineare volumi e ombre. 

 

L'inesorabile a colori verrà e varrà. Ma per il momento, mi godrei tanto il suo sofisticato bianco e nero. 

 

Claudio Villa ed il suo biblico texone.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo la straordinaria gestione del Texone di Villa ecco nuove idee 2.0 x SBE:
texone limited di Vittorio Giardino TEX SULLA LUNA (il regolare uscirà nel 2022)
trama: Bloch che da pensionato si annoia con un buco spazio temporale aperto da Archimede Pitagorico
raggiunge Tex in cerca di aiuto perché Batman è rimastro incastrato in un anello di Thanos sulla Luna;
con l'apollo 453 lasciato da Nathan Never in un precedente crossover raggiungono la Luna e salvano Batman.
Edizione in soli 3 esemplari con copertina in pelle umana al costo di soli € 50 rivendibile su ebay a € 3.000.000,
gli esemplari andranno a chi si presenta al Bonelli Point alle 8 del 31/11/19 nudo con tatuaggio pettorale della frase:
"IO NON SONO MEFISTO", grandezza minima da capezzolo a capezzolo.

  • Haha (0) 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 11/23/2019 at 1:23 PM, ymalpas said:

Del texone se ne parla un po' ovunque , prova qui:

 

 

Grazie!

 

È un peccato che non si possa ancora parlare della storia, avrei un sacco di curiosità da chiedere a borden, qual'era l'idea iniziale, i cambiamenti, etc.

 

...a pensarci è meglio che non possa fargliele, così ha più tempo per scrivere! :laugh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno ha idea di come vende adesso che è stato pubblicato ufficialmente? Ho visto che su Amazon è inesorabilmente esaurito e non sia mai che un successo considerevole porti qualche capoccia a far diventare tutto questo la normalità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pubblica una risposta Tex_l_13 Pubblica una risposta Tex_l_12  Pubblica una risposta _limit12

 

 

Pubblica una risposta 126 Pubblica una risposta 223

 

 

Texoni e Texini in attesa della versione da edicola

 

 

Tex-Speciale-35-fake-1

 

versione satirica della copertina del prossimo texone che gira in rete

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, Claude said:

Qualcuno ha idea di come vende adesso che è stato pubblicato ufficialmente? Ho visto che su Amazon è inesorabilmente esaurito e non sia mai che un successo considerevole porti qualche capoccia a far diventare tutto questo la normalità.

 

Non è assolutamente esaurito su Amazon:

https://www.amazon.it/Linesorabile-Claudio-Boselli-Mauro-Villa/dp/8869614719

 

Mi lascia un po' perplesso quel "consegna in 1-2 mesi" che mi fa pensare che la Bonelli non sia proprio rapidissima a mandare i riordini (d'altronde sono in ritardo anche sulla spedizione degli arretrati dal loro shop...)

 

Fra i tanti problemi generati dalle scelte della direzione, mi sa che c'è anche una certa confusione che vedo fra l'edizione "limited" e quella cartonata unlimited, che si trova tranquillamente a meno di 30 euro...  (qualcuno su ebay ne ha approfittato di questa confusione, ho visto comunissime unlimited, senza nemmeno firme o sketch fatti dagli autori a lucca, vendute a prezzi da limited...)

Visto che non si può parlare di QUESTA storia, mi viene voglia di fare un confronto con quella precedente, il ritorno di Mefisto divent'anni fa (o, come la chiamo io, "la mefistolata")

 

Per chi l'ha letto, pensate ai paesaggi, ambienti e situazioni di questa storia di 220 pagine... e al fatto che Nizzi in quella storia (a parte il primo albo, scritto probabilmente prima della crisi) ha fatto disegnare a Villa 400 pagine di gente che parla in un retrobottega...  :lol2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le versioni dei texoni mi sembrano le maglie per la classifica al giro e al tour. 

 

Per quel che riguarda le vendite, speriamo che i lettori abbiano risposto bene. 699 li hanno sicuramente venduti.

Forse Boselli, potrà  dirci qualcosa nel 2020. 

L'argomento vendite però è un pò delicato. Su altri siti ho assistito a discussioni accesissime. Non vorrei vedere gente litigare sui numeri di vendita. Questo inesorabile deve vendere, perchè è bello. La qualità offerta dagli autori è evidente. Il prodotto è pregevole. Abbiamo l'obbligo morale di spingere questo inesorabile. Non lasciamocelo sfuggire.

 

Per quel che riguarda la storia di Mefisto, di cui accennava Diablero, a me piacque molto. A me piace molto Nizzi come autore. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non credo negli obblighi morali dei lettori nei confronti degli editori, in generale, visto che poi gli editori stessi non si fanno scrupoli a "spremere" i lettori (con gli autori è diverso. E per il vecchio Sergio Bonelli probabilmente avrei fatto un eccezione, visto che era anche lui un eccezione nel mondo dell'editoria...). Se la Bonelli vuole i miei soldi, deve darmi qualcosa che sia interessato a comprare, non gli faccio beneficenza.

 

Questo Texone lo consiglio a tutti perché è BELLO, e vale (per me) il suo costo (sto parlando del cartonato unlimited, non della limited-pacco o della scatoletta con la stelletta, chiaro), non per un qualche obbligo morale...

Share this post


Link to post
Share on other sites

No, no. Non parlavo di obbligo morale nei confronti dell'editore. Ne parlavo per gli autori.

 

Boselli ha confezionato una storia a ritmo serrato. Come diceva Sergio Leone, ogni cinque minuti offre un finale.

Intreccia tante avventure in una avventura unica. Cambia continuamente locations. Offre un Tex che sa perdonare, ma sa anche chiudere i conti in maniera cinica e risolutiva. 

Boselli ha scritto una storia cercando di esaltare le qualità del disegnatore. 

 

Villa, manco a parlarne. Una delicatezza nel tratto che ti rapisce e ti trasporta dentro la storia. Un gioco di chiari e di scuri di straordinaria armonia. Anatomie sublimi e qualità sbalorditiva.

 

Non fatevelo sfuggire. Ma non fatevelo sfuggire in questo formato. Mettete da parte i rancori e i malumori legati alla "limite edition". Di quello abbiamo già parlato. Adesso è il momento di vivere questa emozione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate ma non sto più capendo nulla. Uscirà il normale texone o no? E quando? Grazie..no perchè tra pettegolezzi, commenti scandalizzati e copertine fake sto facendo confusione:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">7 minuti fa</span>, valerio dice:

Scusate ma non sto più capendo nulla. Uscirà il normale texone o no? E quando? Grazie..no perchè tra pettegolezzi, commenti scandalizzati e copertine fake sto facendo confusione:D

Nella classica versione da edicola, uscirà in febbraio 2020

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 minuti fa</span>, max70 dice:

Nella classica versione da edicola, uscirà in febbraio 2020

Grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">5 minuti fa</span>, valerio dice:

Scusate ma non sto più capendo nulla. Uscirà il normale texone o no? E quando? Grazie..no perchè tra pettegolezzi, commenti scandalizzati e copertine fake sto facendo confusione:D

Stai tranquillo, dopo aver spennato per bene  collezionisi,  compratutto, compratori compulsivi, ecc. si ricorderanno anche dei "cornuti e mazziati" (tra questi anch'io:P), verso il mese di febbraio.;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Preso con Mondadori on line a meno di 30 euro. Ordinato il 21 consegnato lunedí 25. Sono d'accordissimo con Diablero, é stupendo ed è il primo Tex che compro in libreria.

Se avessero fatto uscire questo ed il texone classico insieme, la mia scelta sarebbe stata la stessa, anche se vengo da più di 40 anni di edicola.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">6 ore fa</span>, alessandrovalli dice:

Non fatevelo sfuggire. Ma non fatevelo sfuggire in questo formato. Mettete da parte i rancori e i malumori legati alla "limite edition". 

 

Scordatelo. 

 

(in amicizia, s'intende).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anch'io credo proprio che comprerò questo Texone, ma in edicola, nella forma semplice (ma per me sontuosa) che i Texoni hanno dal 1988.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non se ne parla proprio.

Viva il Texone, ma quello vero.

Probabilmente avrete una certa idea del mio "personaggio"

e non posso biasimarvi perché l'ho creato su misura più o meno

attorno al mio carattere.

Ma MAI mi sono davvero arrabbiato così tanto per una scelta editoriale Bonelli

come per questa iniziativa. Davvero l'interesse per L'Inesorabile è passato

da cento a zero (mi perdoni BabyK)

(e anche Claudio Villa, che ho conosciuto di persona e che stimo)

Edited by Dix Leroy

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">7 ore fa</span>, alessandrovalli dice:

Non fatevelo sfuggire. Ma non fatevelo sfuggire in questo formato.

Alessandro l'hai già detto, abbiamo capito, poi se permetti decideremo da soli. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla fine l'ho preso (bellissimo) e sistemato in libreria (ancora più grande dell'atlante...)

 

L'inesorabile (texone # 35) - Pagina 3 Texone15

 

 

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'ho preso anch'io: è un volume eccezionale. L'avrei preso così anche se fosse uscito in contemporanea col Texone tradizionale, perché davvero è un'edizione magnifica. 

 

Concordo con Diablero e con gli altri pard che la scelta della pubblicazione separata è stata molto infelice (eufemismo) soprattutto perché, con l'intento di speculare, hai scontentato tanti e non puoi sfruttare appieno le potenzialità che un simile volume avrebbe in termini di iniziative promozionali. È frustrante anche il non poterne parlare qui sullo stesso forum di Tex, peste! 

 

Mi sento solo di dire una cosa, non spoilerando nulla: Boselli ha scritto una storia cucita su misura per Claudio Villa. La stessa storia, con un altro disegnatore, non mi sarebbe piaciuta così tanto; contemporaneamente, penso che Villa abbia potuto rendere al massimo proprio per il tipo di storia che aveva tra le mani, ricca di personaggi, di volti in primo piano (il riferimento a Sergio Leone fatto in questo stesso topic non è per nulla campato in aria), di puro west. Una storia insomma scritta per esaltare il disegnatore e per essere esaltata dallo stesso. 

 

Nonostante i vent'anni, i disegni presentano una ferrea continuità di stile; dubitavo invece, prima della lettura, della tenuta di Borden, che avrebbe potuto "perdere il filo", lungo la strada, anche solo per stanchezza o rabbia verso il disegnatore, e invece il vecchio leone ha tenuto botta alla grande.

 

Ci risentiamo a febbraio sullo stesso argomento, che beffa però!

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.