Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
Sign in to follow this  
ymalpas

Il mistero del numero 200

Recommended Posts

Il numero 200 a colori come sapete è un albo celebrativo pubblicato nel giugno 1977 che contiene una storia in cui un branco di predoni Hualpai, istigati dal loro stregone Thulsar attacca la capanna solitaria del vecchio sciamano navajo HATUAN per sottragli il prezioso amuleto di cristallo. HATUAN resta ferito, ma si salva.

 

L'incipit della storia è praticamente identico a quello contenuto nell'albo n. 70 "L'ultima caric"a, dove il vecchio sciamano TA-HU-NAH e attaccato (e ucciso) dal coguaro Kaiba che gli ha mandato contro  la vecchia Zhenda.

 

Entrambe le avventure sembrano avere la medesima location, il n. 70 è sulla Mesa degli Scheletri, il n. 200 nella Skeleton Valley che tradotta in italiano dà Valle degli scheletri (mesa = ripiano roccioso). Ho confrontato i due albi e anche le capanne sono identiche. Ci sono due valli con lo stesso nome nei dintorni del campo centrale della riserva ? Assumo di no.

 

Partendo da questo fatto, ricordo ai più che TA-HU-NAH è lo stregone che "sposa" Tex e Lilyth ne "il patto di sangue". Alla morte del sakem Freccia Rossa nel numero 16 "Il fuoco" lo stregone dei Navajos è ancora TA-HU-NAH. Nel numero 70 lo stregone presente nel villaggio è NUVOLA ROSSA e TA-HU-NAH (molto invecchiato) si è, per così dire, ritirato in eremitaggio nella capanna posta nella Mesa degli Scheletri dove, Bonelli per un motivo o un altro ha deciso di levarselo dai piedi. TA-HU-NAH viene perciò attaccato e ucciso dal coguaro.

 

Da questo momento non si parla più di lui e lo stregone dei Navajos resta nelle seguenti avventure sempre NUVOLA ROSSA.

 

In tutte le avventure tranne una. Il numero 200, infatti, propone la coppia di stregoni TA-HU-NAH nel campo centrale, stregone titolare dei navajos, mentre il vecchio HATUAN è invece l'eremita che vive nella capanna isolata della Valle degli scheletri. Non c'è traccia, ovviamente, di NUVOLA ROSSA.

 

Come si può spiegare questo repentino cambio di stregone nel campo die Navajos ?

 

GL Bonelli non era certo uno che si poneva problemi di cronologie, l'ultima volta che aveva usato NUVOLA ROSSA era stato nella storia "Il figlio di Mefisto", non si ricordava più di lui o gli piaceva l'idea , mentre si apprestava a scrivere l'incipit del nuemro 200 con la sequenza ambientata nellle alture della Valle degli scheletri, di riprendere uno stregone che non poteva più essere TA-HU-NAH che ricordava di aver spedito nelle "celesti praterie"...

Si trattava dunque di trovare un nuovo VECCHIO stregone ed ecco nascere la figura di HATUAN (che questa volta non muore anche se all'inizio da quest'impressione, meglio tenerlo in vita, non si sa mai, avrà pensato il vecchio Bonelli). Ma, è qui nasce la confusione, invece di mettere nel campo centrale accanto a Tex il solito NUVOLA ROSSA, che non avrebbe creato problemi di cronologia, GLB pensa di mettere proprio TA-HU-NAH. L'albo dopotutto è celebrativo e, sulla scia del numero 100, perché non metterci anche il vecchio stregone dei primissimi numeri in un albo che è dopotutto debitore anche  di storie come la stessa "Pueblo Bonito" , "La Gola della Morte" l'allora recente "L'idolo di smeraldo" ?

 

Dovendo scrivere un articolo per il Magazine chiedo lumi a tutti voi.

 

Io l'ho intesa come segue:

 

Nelle prime storie della serie c'era lo stregone TA-HU-NAH e seppure non lo si è mai visto, sulla Mesa doveva starci il vecchio HATUAN.

 

HATUAN, passano gli anni, muore di vecchiaia. TA-HU-NAH è diventato vecchio a sua volta e decide di ritirarsi prendendo il posto di HATUAN.

 

Si libera perciò un posto nel campo centrale che viene preso da NUVOLA ROSSA.

 

Nel numero 70 il vecchio TA-HU-NAH muore ucciso dal coguaro. Il suo posto non è preso da NUVOLA ROSSA, troppo giovane evidentemente, resta pertanto vacante o meglio è preso da uno stregone vecchio X (sarebbe stato perfetto SiILENT FOOT).

 

Il numero 200 ci riporta, nelle gerarchie, ai primissimi numeri. Cioè "Tex 200" sarebbe cronologicamente DRASTICAMENTE da retrodatare. 

 

A quale numero ?

 

Se diciamo che TA-HU-NAH è presente nel numero 16 alla morte di Freccia Rossa avvenuta quando Kit Willer è già un ragazzotto cresciuto e che c'è la storia con gli Hualpai  e Mefisto che vedrei anteriore a quella raccontata nel n. 200... 

 

********

apro un inciso: nell'albo n. 39 "La Gola della Morte"  pag. 92 Tiger parla con lo stregone NA -MUHU -NA, storpiatura evidente del nome TA-HU-NAH

 

********

 

l'ipotesi più naturale sarebbe di situarla tra il 50 e il 70, albi in cui verosimilmente Nuvola Rossa prende il posto di Ta-HU-NAH nel campo centrale (anche se lo vediamo per la prima volta nel 70).

 

Un'ultima cosa. Lo stregone che vediamo nell'albo "Sul sentiero dei ricordi" con Tex e Lilyth è ovviamente TA-HU-NAH e non NUVOLA ROSSA (sono in molti a confondere gli stregoni vuoi anche per la resa grafica che non li differenzia troppo.

 

Se non mi sfugge niente non dovrei aver scritto molte cavolate. Lascio a voi la parola.

 

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il tuo zelo è encomiabile!

Si tratta di refusi che a  GLB non interessavano e nemmeno al lettore medio degli anni 60/70.  Il suo unico interesse era imbastire trame avventurose che coinvolgessero il lettore .

Io ricordo, infatti,  che lo stesso nuvola Rossa in alcune storie fu chiamato " scure rossa" se non sbaglio nella bella storia degli "eroi di Devil Pass" , anche se mi sebra che nelle succesive ristampe " tutto Tex "sia stato corretto . . All'epoca non c'era un curatore e la cronologia , la caratterizzazione dei personaggi di contorno era molto sommaria, di incongruenze ne possiamo trovare a bizzeffe . I Gros-jean e Pat Mc Ryan di Nicolò ne sono esempi evidenti varie volte menzionati.

Oggi , invece con Boselli non capita !

Inoltre noto con piacere che con la nuova serie "Tex Willer" si è imposto anche di rispettare una certa continuità temporale e di continuità delle storie.  Necessario per non perdere il filo e per relazionarsi alle mitiche prime storie. I  disegnatori utilizzano  un tratto non troppo discontinuo tra loro ed i personaggi sono coerenti. Vedi il vecchio "Dusty" realizzato da Andreucci nel  Texone "il magnifico Fuorilegge" e ripreso correttamente da GHION nello speciale.

Molto probabilmente nel procedere  nella nuova serie "TW" Boselli definirà con maggior dettaglio anche il "Sakem" del Villaggio centrale dei Navajos e che poi sarà portato avanti coerentemente nelle future avventure.

Bisognerà vedere anche come sarà rappresentato il grande" Freccia Rossa" , quando comparirà, in quanto la caratterizzazione fatta da Galep con il copricapo pieno di penne tipico dei redskins delle pianure  che poco si addice ad un capo Navajos. Come fece anche con i Seminoles ,presenti nelle avventure con Mefisto,  completamente sbagliati e rappresentati come indiani delle pianure dell'ovest, tuttavia coerenti con l'mmaginario collettivo dell'epoca dell'indiano medio mostrato nei film westwern. 

Sarà rivisto graficamente Freccia Rossa  nel rispetto dei costumi dell'epoca  nel rispetto del maggior rigore storico  oggi utilizzato nella nuova serie o si conserverà la caratterizzazione galeppiana errata? 

voi cosa ne pensate ? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non posso dire che me ne ero accorto coscientemente, ma avevo il sentore che la storia contenuta

nel duecentesimo numero avesse un'aura da "fuori collana", come già in "SuperTex", con quel Cochise così

giovane e diverso dalle altre apparizioni. A me è sempre parso che quando Tex "lavorava" da solo

le storie si svolgessero prima che suo figlio fosse abbastanza grande da accompagnarlo e Carson fosse

ancora in servizio tra i rangers. L'ipotesi che stiamo leggendo episodi sparsi della vita del nostro eroe

mi venne convalidata dai vari episodi della saga di Mefisto/Yama, che in alcuni casi sono la diretta

prosecuzione dell'avventura letta però anni prima.

Conoscendo poi meglio come scriveva G.L. Bonelli, risulta chiaro che a lui di queste cose

importava meno che zero.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La mia idea? Semplicemente GLB non si è posto il problema ma l'ipotesi di Ymalpas è comunque affascinante. Esempi di storie che non possono essere contemporanee a quelle dello stesso periodo ce ne sono. La più evidente è quella del primo incontro con Buffalo Bill che per forza di cose si deve svolgere non più tardi del 1868 quando Buffalo Bill lavorava ancora per la Union Pacific. In quel periodo Kit era appena un bambino e Tex vagabondava nel West assieme a Tiger. Per fortuna nella storia Kit non compare. Ci sono, é vero, un paio di incongruenze come Carson che nella sua breve apparizione ha già i capelli bianchi e Tex che è chiamato almeno una volta Capo bianco dei Navajos ma direi che possiamo ignorarle come ignoriamo ormai la Guerra Civile dei n. 17/23. D'altra parte alla sua successiva apparizione Buffalo Bill è più vecchio e già proprietario del suo famoso circo quindi il suo primo incontro con Tex deve per forza essere avvenuto almeno 17 anni prima. Non si scappa.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grande Ymalpas! Hai esposto un argomento molto interessante e che lascia spazio a una viva discussione.

In verità quando lessi la storia del 200, non ci feci proprio caso, è stato prima dell'autunno 2002.

Io ti ringrazio per le esaurienti informazioni sui personaggi di Nuvola Rossa, Tahunah e Hatuan e anche per l'ipotesi esposta, che io sposo con convinzione. 

In effetti in diversi albi ci son stati problemi di continuità e pure di caratterizzazione dei personaggi (come la Loa vista in Baron Samedi). 

In effetti i Seminoles visti nella vicenda contro Mefisto e Lafayette sono rappresentati come nativi di ben altre regioni, a differenza degli individui incontrati nel Texone disegnato da Filippucci.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nelle storie moderne certi errori sono stati corretti ed i Nativi mostrati con l'aspetto giusto. Quanto a Freccia Rossa, nella recente storia breve  di Contu e Filippucci è mostrato con il casco di piume, segno che Boselli non ha voluto toccarlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'erano indiani che giravano con cappelli da bianchi (magari depredati), non volete lasciare al povero Freccia Rossa il vezzo di portare un copricapo esclusivo, magari preda di  guerra e tolto ad un capo nemico valoroso? :lol::DB)

  • Like (+1) 1
  • Haha (0) 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, come ho già detto altrove, sappiamo che quando era giovane Freccia Rossa si era recato nelle Grandi Pianure ed aveva stretto un patto di amicizia con alcune tribù di quelle zone simboleggiato dalla famosa fascia di wampum. Nulla vieta che abbia avuto il copricapo in quella occasione.

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Belle supposizioni Ym.

Oltretutto Hatuan è l'anagramma di Ta Hu Nah :D con un H in più

<span style="color:red;">16 ore fa</span>, Carlo Monni dice:

La mia idea? Semplicemente GLB non si è posto il problema ma l'ipotesi di Ymalpas è comunque affascinante. Esempi di storie che non possono essere contemporanee a quelle dello stesso periodo ce ne sono. La più evidente è quella del primo incontro con Buffalo Bill che per forza di cose si deve svolgere non più tardi del 1868 quando Buffalo Bill lavorava ancora per la Union Pacific. In quel periodo Kit era appena un bambino e Tex vagabondava nel West assieme a Tiger. Per fortuna nella storia Kit non compare. Ci sono, é vero, un paio di incongruenze come Carson che nella sua breve apparizione ha già i capelli bianchi e Tex che è chiamato almeno una volta Capo bianco dei Navajos ma direi che possiamo ignorarle come ignoriamo ormai la Guerra Civile dei n. 17/23. D'altra parte alla sua successiva apparizione Buffalo Bill è più vecchio e già proprietario del suo famoso circo quindi il suo primo incontro con Tex deve per forza essere avvenuto almeno 17 anni prima. Non si scappa.

 

 

Però il primissimo incontro tra Tex e Buffalo Bill se non sbaglio è nella brevissima La Banda del Campesino, anche se cronologicamente si può collorare pure dopo in effetti

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">16 ore fa</span>, Carlo Monni dice:

Nelle storie moderne certi errori sono stati corretti ed i Nativi mostrati con l'aspetto giusto. Quanto a Freccia Rossa, nella recente storia breve  di Contu e Filippucci è mostrato con il casco di piume, segno che Boselli non ha voluto toccarlo.

Sono d'accordo. Lasciamo Freccia Rossa con l'aspetto originale creato da Galep.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Sam Stone dice:

Belle supposizioni Ym.

Oltretutto Hatuan è l'anagramma di Ta Hu Nah :D con un H in più

 

Però il primissimo incontro tra Tex e Buffalo Bill se non sbaglio è nella brevissima La Banda del Campesino, anche se cronologicamente si può collorare pure dopo in effetti

 In "La sfida" Tex e Buffalo Bill si incontrano chiaramente ed esplicitamente per la prima volta non ci sono dubbi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">4 minuti fa</span>, Carlo Monni dice:

 In "La sfida" Tex e Buffalo Bill si incontrano chiaramente ed esplicitamente per la prima volta non ci sono dubbi.

 

SI si la ricordo molto bene :)

Però dal punto di vista dell'uscita, viene prima La banda del Campesino, anche se poi GL Bonelli non ne ha tenuto conto.

Forse perchè non la considerava una storia vera e propria, ma una sorta di gioco - regalo per i lettori, dato che usciva scombinata e in alcune tavole mancavano pure pezzi di dialogo

Share this post


Link to post
Share on other sites

9mgdnQJ.gif

   TOM RUPERT (Letteri)                                                           BILL  (Letteri)                                                                       BILL (Letteri, di profilo)

 

 

 

Posto in questa discussione perché, seppure non riguardi l'albo numero 200 della serie, siamo sempre nella fascia 200 degli albi di Tex e di un piccolo mistero si tratta.

 

Parliamo dello sceriffo di TUCSON e di tre storie di Tex in modo particolare.

 

La prima, ASSALTO AL TRENO, disegni di TICCI, presenta un altro sceriffo del tutto diverso da TOM RUPERT, immagino sia il suo predecessore.

 

La seconda, TUCSON, disegni di LETTERI, introduce il nuovo sceriffo TOM RUPERT, nel trittico di vignette in alto è il primo da sinistra.

 

La terza, SCACCO MATTO, disegni ancora di Letteri, ha come sceriffo un amico di Tex di nome BILL, nel trittico di vignette in alto appare in quella centrale e in quella a destra.

 

Nella successiva avventura IL PASSATO CI CARSON, disegni di Marcello, Mauro Boselli riprende come sceriffo RUPERT e non BILL come sarrebbe logico aspettarsi.

 

Però, guardando le vignette in alto RUPERT e BILL si assomigliano molto, se non fosse per le sopracciglia vistose di RUPERT sarebbero quasi la stessa persona.

 

Ora, Bonelli padre si curava pocodi questi dettagli.

 

Letteri, invece, autore dei disegni di entrambe le storie, che pur non essendo consecutive nella realizzazione grafica (tra le due Letteri disegna anche "La piramide misteriosa" ) sono abbastanza vicine temporalmente parlando, doveva pur ricordarsi di aver DA POCO TEMPO disegnato uno sceriffo a Tucson! Si accorge che GLB nella sceneggiatura ha indicato un altro nome, BILL, cioè di un'INCONGRUENZA, e pur non disegnando il nuovo sceriffo tale e quale a Rupert, lo disegna in modo abbastanza simile tanto che se nell'albo non apparisse ripetuto più volte il nome BIll, i lettori memori della precedente avventura potrebbero proprio prenderlo per Rupert.

 

Naso  più pronunciato di quello di Rupert che ha comunque un nasone, basette più lunghe, sopracciglia più sottili, ma stesso viso longilineo magro e scavato, stesso fisico asciutto, stesse labbra, stesse rughe sul viso, presente in entrambi uno stesso modello di gilet, insomma tantissimi punti in comune....

 

Come nel caso del precedente sciamano dei navajos, dobbiamo credere che questo Bill sia in realtà RUPERT il quale avrebbe un doppio nome, per esempio THOMAS WILLIAM RUPERT ?

 

Se segue questa discussione lo chiedo in primis al curatore di Tex, ma sono curioso di sentire il parere anche degli altri forumisti.

 

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io penso che l'hai azzeccata!

Anch'io ogni volta che rileggo quegli albi penso che Letteri abbia voluto ovviare alla dimenticanza (voluta o meno) di Gl Bonelli.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.