Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
natural killer

[Tex Willer N. 18 / 23] L'agente federale

Recommended Posts

<span style="color:red;">9 minuti fa</span>, Piombo Caldo dice:

Si, sperando che il capitano non spifferi la sua vera identità, che mi sembra che lui conosca. 

Io temo di più l'agente federale che gli da la caccia, quello non molla la preda facilmente..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Letto "Nella terra dei Seminoles", albo che ho trovato piuttosto inferiore ai due precedenti...diverse cose non mi sono piaciute, 

 

NELLO SPECIFICO

 

-Il pippino politically correct che Tex tira al povero barista (giustamente sbigottito) sul colore della pelle e l'uguaglianza degli uomini...da notare che il barista semplicemente osservava come gli avventori neri lo "avvertissero" come più debole perchè mezzo bianco, senza sottindere nemmeno lontanamente che lui si sentisse superiore per quello

-Tex che due pagine dopo al pippino politically correct, usa i classici "cioccolatino" e "sacco di carbone" per menare i neri che gli tendono l'agguato...il Tex di Bonelli senior dimostrava la sua visione del mondo con le sue azioni e poteva permettersi il linguaggio che aveva...qui, i termini "scorretti" due pagine-due dopo il Tex che catechizza aggratis suonano un po' incoerenti e molto fan service

-La spiegazione di Zoe sul suo albero genealogico : non ci ho capito nulla...1) la nonna di Zoe è una pioniera bianca che, rapita dai seminoles, si accoppia e riproduce con un guerriero nero 2)la madre di Zoe (quindi meticcia bianca + nero) torna alla "cosiddetta" civiltà e si accoppia e riproduce con un bianco...quindi ne risulta che Zoe è una meticcia (bianco/nera + bianco)...quindi dov è che avrebbe sangue seminole nelle vene, come dice inizialmente a Tex ? Che giustamente non capisce, e viene pure perculato e si prende dell'ignorante...

-Le motivazioni per cui Tex si arruola appaiono molto fumose : ok che il sergente Cannon gli fa capire che sanno chi è...ok che l'agente federale gli sta sempre col fiato sul collo...ma oltre a un vago "spirito d'avventura" (e che vor di) due pagine dopo lo troviamo a marciare coi soldati perorando le ragioni degli indiani seminoles, contro cui vanno a combattere e auspicandosi di non doverli incontrare mai...qui Tex sembra un po' un pupazzo in balia degli eventi, tanto valeva che continuasse la sua fuga in solitaria verso altri lidi, anzichè arruolarsi per una guerra che detesta in partenza...o no ?

-"L'innamoramento" del capitano Payne per Tex, che fino al giorno prima non conosceva, poi, dopo aver visto che se la cava bene nelle risse, lo nomina sergente e gli da il comando della retroguardia

-Tex che nel cliffhanger finale si getta fuori dalla barricata per affrontare una decina o più di Seminoles sparando in campo aperto...per cose come queste Faraci è stato massacrato a più riprese

 

Mi sono invece piaciuti moltissimo

 

-Tex che nella rissa iniziale ferma il soldato che brandisce il vaso pregiato per metterlo in salvo...e poi tira uno sganassone al soldato...una cosa molto Bud Spencer & Terence Hill

-La scena centrale dell'agguato dei neri nel vicolo buio con la bella Zoe come ostaggio...un momento di azione magistrale in una location suggestiva

-Zoe : gran femmina, porta anche fuori Dinamite a sgranchirsi le gambe di notte

 

Sempre stupendi i disegni di Rubini, le scene nelle paludi e la baracca di Zoe sul fiume al chiaro di luna sono poesia.

E come ho già detto capolavoro la copertina di Dotti, per me la sua migliore fin qua.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per sangue Seminole intendevo sangue nero di guerriero nero Seminole.Tutto qui. Zoe è una quadroon, nera per un quarto.

 

Legittime ovviamente le altre tue opinioni, anche se non le condivido;)

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 12/7/2020 at 15:19, borden dice:

Per sangue Seminole intendevo sangue nero di guerriero nero Seminole.Tutto qui. Zoe è una quadroon, nera per un quarto.

 

Ehmmm.... ci sarebbe un sottile distinguo da chiarire, però....

I Black Seminole (discendenti di schiavi fuggiaschi [Maroons], di ex-schiavi liberati o di neri nati liberi) erano distinti dai veri Seminole di sangue nativo, cioè discendenti da varie tribù muskhogee, hitchiti, yuchi ecc... che migrarono in Florida un secolo prima della vicenda in corso. I Black Seminole vivevano in villaggi distinti dai Seminole nativi, avevano i loro capi e le loro usanze particolari, soprattutto religiose, anche se avevano adottato lo stile di vita dei Seminole nativi (che poi non era dissimile da quello degli antenati Creek o Hitchiti, tanto per citarne due). I Black Seminole erano ben accetti dai Seminole nelle loro terre e considerati alleati.

I veri Saminole, in particolar modo i capi più influenti, possedevano schiavi neri come qualsiasi tenutario terriero della Georgia o dell'Alabama, con l'unica differenza che questi schiavi avevano molte più libertà di quelli dei bianchi, compresa la possibilità di portare armi e di combattere a fianco dei loro 'padroni'. Questi neri non erano Black Seminole nel vero senso della parola, erano semplicemente schiavi di padroni seminole nativi, anche se molto più 'liberi' degli sfortunati fratelli delle piantagioni bianche.

E' da capire se Zoe discendesse da Black Seminoles o da schiavi neri dei Seminole.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">10 ore fa</span>, navajo warrior dice:

E' da capire se Zoe discendesse da Black Seminoles o da schiavi neri dei Seminole.

Forse discendeva da uno schiavo nero di un Black Seminole.:)

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 12/7/2020 at 15:19, borden dice:

Per sangue Seminole intendevo sangue nero di guerriero nero Seminole.Tutto qui. Zoe è una quadroon, nera per un quarto.

Chiaro adesso, grazie !!

On 12/7/2020 at 15:19, borden dice:

Legittime ovviamente le altre tue opinioni, anche se non le condivido

E mi pare pure giusto;);)

 

<span style="color:red;">17 ore fa</span>, navajo warrior dice:

 

Ehmmm.... ci sarebbe un sottile distinguo da chiarire, però....

I Black Seminole (discendenti di schiavi fuggiaschi [Maroons], di ex-schiavi liberati o di neri nati liberi) erano distinti dai veri Seminole di sangue nativo, cioè discendenti da varie tribù muskhogee, hitchiti, yuchi ecc... che migrarono in Florida un secolo prima della vicenda in corso. I Black Seminole vivevano in villaggi distinti dai Seminole nativi, avevano i loro capi e le loro usanze particolari, soprattutto religiose, anche se avevano adottato lo stile di vita dei Seminole nativi (che poi non era dissimile da quello degli antenati Creek o Hitchiti, tanto per citarne due). I Black Seminole erano ben accetti dai Seminole nelle loro terre e considerati alleati.

I veri Saminole, in particolar modo i capi più influenti, possedevano schiavi neri come qualsiasi tenutario terriero della Georgia o dell'Alabama, con l'unica differenza che questi schiavi avevano molte più libertà di quelli dei bianchi, compresa la possibilità di portare armi e di combattere a fianco dei loro 'padroni'. Questi neri non erano Black Seminole nel vero senso della parola, erano semplicemente schiavi di padroni seminole nativi, anche se molto più 'liberi' degli sfortunati fratelli delle piantagioni bianche.

E' da capire se Zoe discendesse da Black Seminoles o da schiavi neri dei Seminole.

Ecco...ho alzato un bel polverone :(

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">17 ore fa</span>, navajo warrior dice:

E' da capire se Zoe discendesse da Black Seminoles o da schiavi neri dei Seminole.

 

:rolleyes:

 

Piuttosto da sottolineare la propensione del giovane Willer per le ispaniche e le quadroon. Che poi abbia finito per sposare una navajo non sorprende più, a questo punto :lol:.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, ymalpas dice:

 

:rolleyes:

 

Piuttosto da sottolineare la propensione del giovane Willer per le ispaniche e le quadroon. Che poi abbia finito per sposare una navajo non sorprende più, a questo punto :lol:.

 

Tex non fa nessuna differenza nel colore della pelle per gli uomini,  meno che meno per le donne!

E alle donne un bel fusto come lui che è anche gentile ed educato non dispiace per niente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
2 ore fa, Betta 53 dice:

alle donne un bel fusto come lui che è anche gentile ed educato non dispiace per niente.

Con una Colt  Navy in mano non ha rivali... 

Ce lo vedrei bene con i Texas  Rangers di Terry...😆🤠😉...anche se sono inquadrati con i Confederati...ma sono temerari e scavezzacollo quasi quanto lui

Edited by Barbanera

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Certo che nella serie "giovanile" Tex in materia di avventure esplicite con le donne fa come si faceva una volta con il 740:  sta andando a credito,  Così che si capisce come nella serie parallela, storica e canonica,  dopo la moglie niente più, grazie. Beata gioventù. Oppure si nasce incendiari e si muore pompieri. Forse. ;-)

 

Just now, San Antonio Spurs dice:

 

 

 

Edited by San Antonio Spurs

Share this post


Link to post
Share on other sites

Uscito e preso stamattina ;) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">6 ore fa</span>, Loriano Lorenzutti dice:

Uscito e preso stamattina ;) 

Che invidia, qui ciccia. Tocca aspettare Martedì.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

uscito oggi

 

la storia continua bene, mi è piaciuto molro l'attacco del coccodrillo nel fiume...

 

Il coccodrillo in questione è naturalmente un COCCODRILLO AMERICANO, specie endemica della Florida e che predilige le acque salmastre, capace quindi di spingersi in mare aperto. Già, perchè il Bos non inserisce un alligatore del Missisipi, specie pur diffusissima in Florida?probabilmente perchè il coccodrillo americano è considerato una specie molto più aggressiva (nonchè mediamente piu grande, circa 4 mt rispetto all'alligatore  che normalmente arriva a 3,5 mt) rispetto al suo "cugino": inoltre sopravvive nelle acque salmastre meglio dell'alligatore. Vale la pena ricordare che il morso di coccodrillo è più potente di quello di un alligatore, per cui non c'è da stupirsi se il Cocco ha tranciato di netto la mano dello scout...il cocco americano ha come unico punto debole la pancia, come del resto tutti i loricati...

 

per tornare alla storia...Fairfax manda di proposito Tex a capo degli scout a caccia dei Seminoles? probabilmente vuole togliersi dai piedi un sottoufficiale intraprendente già idolo dei soldati, con la speranza che i Seminoles lo uccidano in un'imboscata...Fairfax disprezza Tex e lo considera una minaccia per il suo reparto.

Edited by Barbanera

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho terminato proprio adesso l'albo.

Azione… colpi di scena… Tex che se la cava in situazioni apparentemente senza scampo… battute… seminoles… coccodrilli!

Tutto perfetto! Un albo stratosferico, che cancella dalla mia memoria ogni nota stonata e le lungaggini di cui non mi interessava nulla!

La parte del racconto che io e Cochise attendavamo ormai da mesi!

SETTEPIU'!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Albo davvero molto bello, con il culmine nel "confronto" con Fairfax e nella scena dei coccodrilli. Con i suoi atti e il suo modo di essere, Tex miete consensi, prima tra i soldati e poi tra i più biechi scout appartenenti ai Volontari della Florida. Nel prosieguo, sarà senz'altro decisivo il seminole nero cui ha risparmiato la vita all'inizio dell'albo. 

 

Si prepara così un finale coi botti. Un Tex disertore ma amato dai soldati (con l'eccezione di Fairfax), un bianco ma che troverà il favore dei Seminoles grazie all'uomo risparmiato, una doppia anima (bianca e solidale coi nativi) in una sporca guerra di palude, e oltre a tutto ciò dobbiamo attenderci il ritorno dell'agente federale: ci sarebbe da chiedersi come si possano tirare tutte le fila nei (soli) due albi rimasti, ma non poniamoci domande e lasciamoci trasportare nella pura avventura di una storia con tanta carne al fuoco che per ora marcia fluida e sicura.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">22 minuti fa</span>, Dix Leroy dice:

Ho terminato proprio adesso l'albo.

Azione… colpi di scena… Tex che se la cava in situazioni apparentemente senza scampo… battute… seminoles… coccodrilli!

Tutto perfetto! Un albo stratosferico, che cancella dalla mia memoria ogni nota stonata e le lungaggini di cui non mi interessava nulla!

La parte del racconto che io e Cochise attendavamo ormai da mesi!

SETTEPIU'!

 

 

Bella la citazione di Cochi  e Renato, altrimenti sei di manica stretta..   ; )

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">26 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

Bella la citazione di Cochi  e Renato, altrimenti sei di manica stretta..   ; )

 

 

A scuola io il 7+ non l'ho mai preso.

Ma se mi avessero interrogato su Tex...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo questa storia cosa ci sarà? La storia con Carson e Bannion? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bannion? Sì, ci sono. Ma non è da confondersi con quella seguente che sarà con Carson e Clemmons.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Spoiler attenzione.Letto anch' io. Albo ottimo, come del resto anche i precedenti. Storia  sempre più coinvolgente, e anche qui l'ultima  pagina ti lascia col fiato sospeso e non vedi l'ora  di conoscerne il seguito. Il capitano Payne e il sergente Cannon morti, forse i soli a conoscere la vera identità di Ben  Walker. Gli unici a sapere la sorte di Ben sono i volontari,  che però diranno al tenente che Ben e morto probabilmente ucciso  dai coccodrilli. Adesso per me se Tex combatte contro l'esercito è meglio che lo faccia  in incognito, altrimenti sono guai per il suo futuro. Staremo a vedere, sono tutte fantasticherie che mi faccio io, non dateci troppo peso. Ho anche visto che Tex non ha ancora incontrato Zagor  che sicuramente  gli avrebbe insegnato a lanciarsi tra gli alberi  senza cadere come un pero.

 

.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel 1959 mi sa che Zagor, se è ancora vivo, ha smesso da un pezzo di saltare di liana in liana...  :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Just now, Diablero dice:

Nel 1959 mi sa che Zagor, se è ancora vivo, ha smesso da un pezzo di saltare di liana in liana...  :lol:

Qualche dritta  teorica :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa il ritardo, Tex!

Ci risiamo.

Le persone che sanno il vero nome di Ben Walker cominciano a essere un po' troppe.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Niente.Il refuso sul nome è sempre in agguato! E dire che siamo QUATTRO redattori a leggerlo, io, Giusfredi, Serra e Barbieri! E' chiaramente una maledizione! Rimedieremo nella ristampa!

Edited by borden

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Similar Content

    • By natural killer
      il primo Tex Willer Speciale!!
       


      Testi: Mauro Boselli
      Disegni: Marco Ghion
      Copertina: Maurizio Dotti
       

       

       

       

       

       

       
       
      sarà la neve, sarà il tratto di Marco Ghion...
      non so a voi ma a me viene in mente KenParker
       
       
       
       
      Non vedo l'ora di leggerlo
    • By natural killer
      Una società segreta criminale soffoca nelle sue spire la contea di Los Angeles!
      TEX
      N° : 705
      Periodicità: mensile
      LA MASCHERA DI CERA
      uscita: 06/07/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 110
      Codice a barre: 977112156104690705
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Michele Benevento
      Copertina: Claudio Villa

      Un agente della Pinkerton è stato misteriosamente ucciso. Rowland, lo sceriffo di Los Angeles, si chiede perché due famosi rangers, Tex e Carson, e un agente Pinkerton in incognito, Mac Parland, si siano scomodati a venire nella sua tranquilla città. Non più così tranquilla, però, da quando ci sono loro!… Un malese sotto l’influsso della droga attenta alla vita della bruna cantante Lavinia Jones… Mac Parland scompare misteriosamente sulla collina di Bunker Hill… E Joan Fischer, la bionda figlia del dottore, da poco arrivata in città, viene rapita da un’orrenda creatura…
       
       

       
       
       

       
       
       

       

       
       
       
    • By natural killer
      Un misterioso killer uccide uno a uno i membri della banda dei “Cowboys”…
      SPECIALE TEX
      N° : 34
      Periodicità: annuale
      DOC!
      uscita: 20/06/2019
      Formato: 21x29,7 cm, b/n
      Pagine: 240
      Codice a barre: 977112365504090034
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Laura Zuccheri
      Copertina: Laura Zuccheri

      Doc Holliday: dentista, giocatore e pistolero. Ritiratosi a Leadville, Colorado, dopo la famosa guerra della Cochise County culminata nella sparatoria dell’OK Corral, il leggendario dottore con la pistola si guadagna da vivere al tavolo da gioco. Ma il passato ritorna: prima la sua scatenata e gelosa ex ragazza, Big Nose Kate. E poi due tenaci rangers, Tex e Carson, che lo cercano per chiarire il mistero su alcuni efferati omicidi compiuti con un trapano da dentista. Ma i superstiti della banda dei “Cowboys” continuano a morire e i loro nomi a essere cancellati con un tratto di penna sul taccuino nero di Doc. Tra il Colorado e il New Mexico le Colt riprendono a ruggire nelle mani di Johnny Ringo, Bud Snow, i fratelli Hicks e altri famigerati badmen del West, sino alla sanguinosa resa dei conti a Skeleton Canyon.
       

       
       

      https://www.sergiobonelli.it/tex/2019/04/23/albo/doc-1004559/
    • By natural killer
      Anche le canaglie hanno un’anima… e una seconda possibilità!
      TEX
      N° : 703
      Periodicità: mensile
      LA SECONDA VITA DI BOWEN
      uscita: 07/05/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 110
      Codice a barre: 977112156104690703
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Gianluca Acciarino
      Copertina: Claudio Villa

      Tex non è uno sbirro come gli altri. Sa leggere nel cuore degli uomini. E ha visto qualcosa di buono nel cuore del freddo sicario Kenneth Bowen, quando ha capito come si prendeva cura del piccolo orfano Tim Mitchell… A San Francisco, dove si è trasferito col ragazzo, Bowen si è rifatto una vita. Ha un lavoro onesto e una donna che si preoccupa per lui. Tom Devlin, il capo della polizia, lo sorveglia per conto di Tex… Ma le vite violente lasciano ferite insanabili. Bowen ha dei nemici e, quando il passato tonerà a chiedergli il conto, dovrà fare una scelta…
       

       
       
       

       

       
       
      https://www.sergiobonelli.it/tex/2019/04/01/albo/la-seconda-vita-di-bowen-1004417/
      Ruju dà un seguito al ragazzo rapito che Faraci aveva lasciato in sospeso a Madison Creek
      La continuità è garantita da Gianluca Acciarino
      L'ambientazione cittadina a Frisco è per me particolarmente intrigante...
    • By natural killer
      Una frontiera di fuoco, tra disertori messicani e comancheros…
      TEX WILLER
      N° : 5
      Periodicità: mensile
      I DUE DISERTORI
      uscita: 20/03/2019
      Formato: 16x21 cm, b/n
      Pagine: 64
      Codice a barre: 977261184704690005
      Soggetto: Mauro Boselli
      Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Bruno Brindisi
      Copertina: Maurizio Dotti

      In Messico ribolle la guerra civile, ma anche i territori americani del Sudovest non se la passano tanto bene, percorsi come sono da disertori degli eserciti in lotta, da bande di indiani e di spietati comancheros…  Diretto a Saint Thomas per rivedere Tesah, Tex si trova impegnato un po’ contro tutti, in una cavalcata senza un attimo di tregua in sella al fedele Dinamite…
       

       

       

       

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.