Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum
due

[06] [Almanacco 1999] La Montagna Del Mistero

Voto alla storia  

8 voti

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Si è pregati di collegarsi o iscriversi per poter votare in questo sondaggio.

Messaggi consigliati/raccomandati

ABGM7qYOE2vIOA7fbn1bX3QFViKr0A25oNcehGO4

 

 



Soggetto e sceneggiatura: Claudio Nizzi
Disegni: Miguel Angel Repetto
Periodicità annuale : Febbraio 1999



Anche se non mancano le abituali segnalazioni sui libri, i film, i video e i cd-rom dell'anno, l'Almanacco si segnala per tre articoli: uno sui romanzi di Emilio Salgari ambientati nel Selvaggio West, uno sulla leggendaria figura di Lone Ranger, uno sul grande attore Clint Eastwood. Nel racconto a fumetti, Tex scopre, sulle Montagne Rocciose, all'interno di una misera baracca, dei residui di polvere d'oro accanto al cadavere di una giovane donna, Lory Culter. Le indagini partono dalla vicina Reddock, dove tutti sospettano di Danny il Matto, figlio segreto e abbandonato del giudice Atherton, tenuto nascosto in un luogo isolato a causa della sua malattia. Quale ruolo ha lo sceriffo nella torbida vicenda e chi è stato a pugnalare a morte la povera Lory?

 

 

 

 

© Sergio Bonelli Editore

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

29xyxqg.gif  35d7t4n.gif

 

 

 

Purtroppo anche stavolta devo parlare un po' male di una storia nizziana. Sia chiaro, in se è una buona storia gialla, il cui unico difetto è forse l'eccessivo e mielato buonismo del finale. Quello che non va, qui, è Tex. O meglio: non ci sono grosse piccionate, e in generale il Nostro si comporta come dovrebbe. Ma, a parte l'inizio deprimente, con un Tex che si fa cogliere di sorpresa come l'ultimo dei principianti (è lui stesso ad ammetterlo!), e all'alzata di mani di fronte allo sceriffo (Tex non era il più veloce di tutti a estrarre?) comunque parzialmente rimediata con lo sganassone, quello che proprio non va, quello che è assolutamente non texiano, è l'atteggiamento del ranger di fronte al damerino. Ecco la scena: Tex e il conducente della diligenza stanno per caricare il corpo di un uomo appena ucciso per riportarlo in città, quando un damerino con l'aria del prepotente spocchioso si mette di traverso: non gli importa niente del morto, lui con una simile compagnia proprio non ci viaggia! E allora Tex che fa? Mette al posto suo l'egoista arrogante con uno sganassone? No: abbassa lo sguardo (non so dire se questo particolare è voluto da Nizzi o da Repetto) e gli da ragione per poi caricare il corpo sul tetto!Insomma, è un Tex arrendevole di fronte alla prepotenza e alla più assoluta mancanza di altruismo: il conducente è perfino più reattivo di lui! Ecco, questa è la scena che proprio non va, quella che, pur non facendo venir meno un 6 politico alla storia nel suo insieme, mi fa dare un 5 alla texianità della stessa. Repetto fa un buon lavoro, come sempre: qui siamo al suo esordio e a volte si vede; in seguito saprà fare ben di meglio!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

... quello che è assolutamente non texiano, è l'atteggiamento del ranger di fronte al damerino.
Ecco la scena: Tex e il conducente della diligenza stanno per caricare il corpo di un uomo appena ucciso per riportarlo in città, quando un damerino con l'aria del prepotente spocchioso si mette di traverso: non gli importa niente del morto, lui con una simile compagnia proprio non ci viaggia!
E allora Tex che fa? Mette al posto suo l'egoista arrogante con uno sganassone? No: abbassa lo sguardo (non so dire se questo particolare è voluto da Nizzi o da Repetto) e gli da ragione per poi caricare il corpo sul tetto!

 

 

L'ho riletta anch'io qualche giorno fa e a me quella scena non ha dato particolarmente fastidio.


vrx2zt.gif
 

 

Nella vignetta sopra si legge chiaramente la giustificazione dell'arrendevolezza di Tex: il tacchino ha ragione, almeno in parte.

Se poi tieni conto che nove volte su dieci Tex sulle diligenze viaggia in cassetta, ci saremmo trovati nella paradossale situazione di un morto comodamente seduto all'interno a rallegrare la compagnia dei presenti impegnati a tenerlo fermo a ogni scossone della vettura e Willer, invece, a fumarsi una sigaretta all'aria aperta chiacchierando allegramente con il cocchiere!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ma no Paco, perchè sei così negativo nei confronti di questo racconto è Gli episodi da Te citati sono a mio modo di vedere trascurabili, anche perchè Tex avrà modo di riscattarsi in seguito alla grande. Per essere un Almanacco la storia si dipana bene, l'intreccio è articolato, niente è come sembra e poi c'è un'indagine di Polizia condotta magistralmente ed il colpo di scena finale con il vice colpevole risulta molto efficace. Notevoli i disegni di Repetto.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Non so, forse avete ragione. Il fatto è che mi sarei aspettato, di fronte all'atteggiamento del damerino, secondo me non proprio rispettoso di un morto, un atteggiamento diverso: un bel cazzottone alla Tex Willer, insomma. Questa scena della diligenza, mentre la leggevo, mi ricordava un pò la scena de "I diavoli rossi". Certamente le due situazioni sono diverse e quindi poco paragonabili, ma avrei voluto un Tex più simile a quello della più vecchia storia.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ho riletto la storia oggi nella Collezione a colori: è un buon giallo, c'è tanta azione, c'è un Tex molto buono e reso ottimamente da un Repetto molto molto efficace. La scena del damerino sulle prime ha colpito anche me, ma a ben vedere Tex è stato fin troppo ragionevole, anche per quello che ha detto Ymalpas nel suo commento a questa storia. I personaggi dello sceriffo corrotto e assassino e del giudice dilaniato dal proprio dramma familiare sono anch'essi ben riusciti. Storia da 7,5, secondo me.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Storia piacevole, coinvolgente, niente di trascendentale sia chiaro, ma Nizzi si dimostra ancora una volta maestro nel creare atmosfere giallo/noir. La gestione del nostro ranger in solitario risulta riuscita. Buoni i disegni di Repetto, il disegnatore argentino è stato, a mio giudizio, abbastanza sottovalutato nelle sue prove su Tex.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.