Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum
due

[01] [Almanacco 1994] La Ballata Di Zeke Colter

Voto alla storia  

24 voti

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Si è pregati di collegarsi o iscriversi per poter votare in questo sondaggio.

Messaggi consigliati/raccomandati

A questo piccolo gioiellino assegno un 9. Se dovessi considerarlo solo in riferimento alla serie degli Almanacchi, darei certamente 10. Ma onestamente, anche per la sua brevità, non può rivaleggiare con altre storie di più ampio respiro, quindi tengo conto anche di questo nella mia soggettiva valutazione. Si tratta comunque di un ottimo esperimento. E' stato usato il termine "poetico" per questa storia bella e discreta, con i suoi due personaggi così ben riusciti: condivido appieno. Mi piacerebbe rivederli, Zeke e Anatra Zoppa. I disegni di Calegari sono estremamente suggestivi. Ottima la resa dell'ambientazione, bello l'effetto nel flashback. Questo Almanacco fa parte della selezione di albi che custodisco con grande cura. Avrò sempre voglia di rileggerlo.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Letta per la prima volta nell'edizione storica a colori di Repubblica. Storia che riesce allo stesso tempo nella sua semplicità ad essere molto originale e unica nel suo genere e di questo va reso merito a Nizzi che in un numero esiguo di pagine è riuscito a caratterizzare notevolmente il personaggio di Zeke Colter e a raccontare degli episodi della sua vita definendo in maniera ottimale il personaggio. Lo stesso si può dire di Anatra Zoppa che risulta essere un comprimario simpatico. La trama per il resto è molto semplice e elaborata poco ma nonostante questo la storia risulta essere ottima a prova che anche con un idea poco sofisticata e semplice si possa realizzare una storia dalla trama notevole. In conclusione a parer mio è uno dei migliori almanacchi mai pubblicati. Per quanto riguarda i disegni non mi esprimo. A mio avviso i colori penalizzano parecchio il tratto di Calegari e sono convinto che il bianco e nero li renda molto migliori ma ahimè non ho l'originale per confermare la mia tesi. Voto 8,5

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Pur trovando godibile la storia, non concordo con i giudizi ampiamente positivi che sono stati espressi sopra. Mi sembra una storiella... da Speciale -o appunto Almanacco- che non potrebbe reggere con quelle della serie regolare -quelle buone, voglio dire  :rolleyes: La definirei un divertissement. A meno di non volere trasformare Tex in un certo Lungo Fucile :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Dire che questa storia è una storiella e poi equipararla a Lungo fucile mi sembra - scusa la franchezza - una bella incoerenza. Questa storia è kenparkeriana per le atmosfere, i momenti intimi al fuoco, i personaggi poetici che restano scolpiti nella mente... Lungi dall essere una storiella, è un vero gioiello a mio avviso

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Dire che questa storia è una storiella e poi equipararla a Lungo fucile mi sembra - scusa la franchezza - una bella incoerenza. Questa storia è kenparkeriana per le atmosfere, i momenti intimi al fuoco, i personaggi poetici che restano scolpiti nella mente... Lungi dall essere una storiella, è un vero gioiello a mio avviso

Forse mi sono spiegato male. Non mi piace Tex che fa il Ken Parker. Se voglio l'aura crepuscolare mi leggo quest'ultimo. Questa storia non ha il tipico ritmo texiano, quindi per me si può definire "fuori serie". In questo senso dicevo "divertissement", non volevo dire che è una schifezza, beninteso.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

A oltre vent'anni dalla sua pubblicazione La ballata di Zeke Colter rientra a pieno titolo tra i classici di Tex, indipendentemente dalla sua lunghezza e dalla sua collocazione  in una collana extra come l'Almanacco del West.

 

Tex si trova al centro di una avventura nella quale spiccano alla fine, a fianco delle sue note e riconoscibili capacità, lo spessore umano della coppia del vecchio trapper e della sua compagna di vita, che Nizzi ha saputo creare donando loro una grandezza narrativa che sembra destinata a rimanere impressa in maniera nitida nel mondo di Tex.

 

Fuori serie certamente, ma non per questo, a mio vedere, meno meritevole di essere annoverata tra le più riuscite storie del nostro ranger.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.