• Avvisi

    • TexFanatico

      BUON NATALE   24/12/2017

      BUON NATALE e felici Festività a voi!
ymalpas

[501/504] Mefisto!

Voto alla storia  

62 voti

  1. 1. Voto alla storia

    • 10 - 6
      9
    • 9 - 5.5
      8
    • 8 - 5
      9
    • 7 - 4.5
      8
    • 6 - 4
      4
    • 5 - 3.5
      3
    • 4 - 3
      1
    • 3 - 2.5
      1
    • 2 - 2
      0
    • 1 - 1.5
      1


Messaggi consigliati/raccomandati

La storia per me ?

molto bella, per la reincarnazione di Mefisto e anche il ritorno di sua sorella Lily e della mambo Loa. Il piano di vendetta contro i pards è molto preparato e crudele, fargli imprigionare e fargli mangiare vivi dai topi. Riesce a prendere Carson, Kit e Tiger Jack, ma con Tex non ce la fa e riesce a fuggire, ricomparendo come frate lebbroso e nessuno si insospettisce che sia Mefisto. Il finale apre una strada per un altro suo ritorno. Voto: 9

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

non so perchè ritorno su una storia tanto criticata... forse solo per dire che a me è piaciuta moltissimo!E' ricca di colpi di scena fino alla fine, e c'è uno dei faccia a faccia più belli tra il ranger e Mefisto:chi tra noi texiani, sinceramente, non è rimasto incollato alle pagine durante lo scontro tra i 2 nemiciòchi non è rimasto, anche per un solo secondo, impressionato nel vedere Tex che quasi quasi ricorda il Joker?E' questa la scena madre della storia, scena tra le più memorabili in Tex:mai si era visto il ranger attaccato direttamente e in quella maniera dai poteri magici di Mefisto...? con questa scena che si zittiscono tutti coloro che hanno parlato di un Mefisto ridotto a "povero vecchietto chiuso nel retrobottega"... E pesonaggi come Lily e BorisèE Tex, deciso e furbo come è Tex?In definitiva:una delle storie migliori con Mefisto, sicuramente più bella de "L'ombra di Mefisto"!!!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me questa è stata un'ottima storia.

Bello quando, nel primo albo, i quattro pards sentono gridare il mago e quest'ultimo rivela il sogno che ha avuto. E poi i quattro non ci volevano credere in un ritorno di Mefisto. Poi è stato "piacevole" vedere Mefisto che appena ritorna nell'aldiqua per prima cosa abbraccia la sorella. Fa capire che in ogni persona, anche nella più malvagia, c'è una parte buona. Poi la scena secondo me più bella è stato il primo incontro avvenuto tra Tex e Mefisto. Quando ho visto Tex che rideva mi sono chiesto "e ora come finisce se quei 3 sono imprigionati e Tex è impazzito?" poi però non mi sono sorpreso nel vedere Tex più intelligente che mai.
Voto:Nizzi:10Villa:10++

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Altra cosa. Avete visto che nella storia ci sono molti riferimenti a episodi passati in cui appare Mefisto o Yama? Bene. Secondo voi in queste vignette(es. Mefisto mangiato dai topi) non sarebbe stato più bello e anche "emozionante" fare un bel copia/incolla con le vignette di Galep?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quando questa storia usc? inedita nel lontano 2002 personalmente mi coinvolse anima e corpo, ricordo benissimo l'attesa che avevo di leggere il numero finale della storia e scoprire finalmente come si sarebbe concluso lo scontro fra tex e mefisto..... ma alla fine mi pentii amaramente di averlo acquistato, il finale era così brutto, corto e scontato che avrei voluto bruciarlo.... ma sè andiamo, come si può ritirare in ballo un così storico nemico del nostro ranger e metterlo in mezzo ad una sceneggiatura così malcombinata?Nizzi, lo sceneggiatore in questione è solito usare questi escabotage per lasciare una storia aperta... lo ha fatto anche con la tigre nera, il modo che usano per farla franca è praticamente lo stesso, si accorgono che tex gli ha scoperti e sta per catturarli e dal nulla spunta un passaggio segreto da cui se la filano giurando vendetta...... mi dispiace dirlo ma non ci siamo proprio, passi per la tigre nera ma ripetere lo stesso trucchetto con mefisto no!Nonostante tutto però nella parte conclusiva c'è un dialogo che mi ha colpito moltissimo: i 4 pards riuniti intorno al tavolo di un saloon discutono sull'accaduto,Mefisto è di nuovo a piede libero e carson con il suo solito ottimismo ricorda ai suoi compagni che "se noi non troveremo lui sarà lui un giorno a voler ritrovare noi!"Naturalmente tex come è suo solito se la tira ricordando a carson che se dovesse ricomparire lo affronteranno e sconfiggeranno come sempre hanno fatto, ma quella di mefisto non è storia da sottovalutare, perchè la sua figura rappresenta una vera e propria minaccia per i nostri eroi, una minaccia da cui non dovranno mai smettere di guardarsi..... DA OSCAR I DISEGNI DI CLAUDIO VILLA E LA SUA PERSONALE INTERPRETAZIONE DI UN TEX INVULNERABILE E STATUARIO.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

COMMENTO CHE PUO' CONTENERE SPOILER!!!!!Ecco ri-presentata per i vecchi lettori la tradizionale "MINESTRA RISCALDATA". Rispetto i commenti di tutti gli utenti, ma NON condivido ASSOLUTAMENTE i commenti positivi dati a questa storia. Le prime domande che mi sono sorte, dopo l'ennessima ri-lettura di questi albi, sono queste:Perchè mefisto è ritornato sul tex??perchè, dopo tanti anni, si è ri-optato per la sua ricomparsa??lo volevano i lettori??.. lo voleva Sergio, o chi altro??Io parlando francamente questo NUOVO mefisto lo vedo inadeguato al massimo nel tex di oggi. Mefisto oramai, a mio parere, apparteneva al passato di tex non al suo futuro, del vecchio stregone si era già raccontato tutto in STORIE STORICHE del ranger,(vedi CAPOLAVORI come la mesa degli scheletri, incubo o black baron), quindi :perchè questo ritorno dopo 31 anni??perchè riprendere un personaggio ormai SCONTATO è PREVEDIBILE sul tex di oggià?Onestamente penso che Mefisto non andava assolutamente ripreso nel tex di oggi.. sia perchè era ormai un personaggio troppo vecchio è prevedibile per far di nuovo colpo sul lettore, sia perchè era ormai nel dimenticatoio collettivo da moltissimi anni. Io di questa storia salvo solo il primo albo, mentre per gli altri l'insufficienza è d'obbligo. Ripeto, salvo il primo albo, ma negli altri sembra di assistere ad un REMAKE PESSIMO del capolavoro storico "incubo". Il sogno premonitore, la cattura dei pards, il travestimento di mefisto o il nascondiglio segreto ecc ecc.. situazioni viste e riviste centinaia di migliaia di volte negli scontri precedenti. La storia meriterebbe un 3 secco, ma gli d' un voto in più unicamente per il fatto che Nizzi per me è un mito, i suoi innumerevoli capolavori hanno fatto sè che diventasse, a mio parere, L'UNICO è solo EREDE INDISCUSSO di G. L. Bonelli. storia 4I disegni meriterebbero di essere incorniciati ed appesi in camera,Villa è un mito IRRANGIUNGIBILE, e questi albi ne sono la migliore prova. disegni 10++++++ IL NUMERO UNO. Mi immaggino di già il suo ritorno fra qualche anno sull'inedito, per di più senza nemmeno quei capolavori di Claudio,... OH,NOOOOOOOOO!!!!:(:(:(:(

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Mefisto!!!! Già il titolo fu elettrizzante quando lo vidi in edicola. Lo sfogliai e lo risfogliai all'inverosimile quando lo comprai e mi sedetti sul tappeto del soggiorno per leggerlo conattenzione. Ricordo ancora la forte emozione del comprare una storia di Mefisto che usciva inedita in un epoca dove avevo l'età per poterla andare ad acquistare da solo. L'ultima volta che il mago usc? in versione inedita su Tex, anche se come spirito guida di Yama, io ero ancora in fasce o già di l'. Ricordo anche che fu un boom nel paese dove vivevo. Mi è capitato, quel mattino, persino di vedere qualche persona con la macchina parcheggiata che ne sfogliava avidamente l'albo. Emozionantissimo rivedere i luoghi della saga storica e i flash-back. Stupendo. Geniale la trovata di ripescare Lily Dickart: ci voleva. Mi è dispiaciuto un p? però vedere che Yama negli albi successivi era stato messo da parte senza troppe spiegazioni. Si sarebbe dovuto approfondire un p? di più secondo me su quello che era successo dopo l'ennesima sconfitta. Inoltre mi pare difficile, seppur oppresso da una profonda depressione, che Yama rinunci così in fretta a combattere contro Tex. E che Mefisto glielo abbia permesso soprattutto!! Purtroppo concordo anche io che i nuovi alleati del mago, i cow-boys di Walcott non siano in linea con gli alleati precedenti. Mefisto avrebbe potuto trovare benissimo delle altre comunit? di fessi da imbambolare con i suoi poteri. Magnifica la trovata di fare attaccare per la prima volta Tex da Mefisto con i suoi poteri magici. non lo aveva mai fatto. Un duello titanico tra le forze del bene e del male. Bellissima la reazione di Mefisto quando capisce che gli amuleti di Nuvola Rossa funzionano anche contro di lui (credeva che funzionasse solo con i poteri di Yama perchè lui si riteneva più potente). I disegni di Claudio assolutamente splendidi, accurati e fedeli. Le emozioni che trasmettono sono intense. Carino l'omaggio a "La Mummia" nella scena finale con la tempesta di sabbia. Una bella storia davvero, però prego chiunque ci rimetter? le mani per un seguito di ricordarsi degli elementi esotici che in questa avventura non sono stati presenti senza ricorrere però ai soliti clich?. Una via di mezzo insomma. Non sarà un compito facile. Spero che non debbano passare altri 20 anni prima di dover rivedere in nostro odiato/amato stregone.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Io leggo molti più commenti positivi oggi che all'epoca. A me questa storia, come a molti, lasciò sicuramente l'amaro in bocca per il finale, ma perdinci, era il ritorno di Mefisto !!! Come fanno molti a dire che questa storia era noiosa, con un Mefisto ridotto a macchietta ecc ecc ???Quello che voglio dire è che si tratta pur sempre di una storia di Mefisto e dubito molto che alcuni lettori abbiano letto questa storia annoiandosi e addirittura si siamo fermati prima della fine; anche perchè molti hanno detto che il primo albo era splendido ecc e andando avanti la storia si è un p? persa per strada. Ok, ma, ripeto, non mi si può dire che sia una storia noiosa. Poi che a molti non sia piaciuta è un altro par de maniche. Per non parlare dei disegni di Claudio Villa, veramente splendidi e contribuiscono in un certo modo a dare pathos alla storia. In fin dei conti è sè una storia mediocre, ma quanti altri sceneggiatori avrebbero saputo fare di meglio a parte il grande GLB ?I miei voti alla storia sono dunque: 6,5 alla sceneggiatura e 9 ai disegni per un voto totale alla storia equivalente a 7.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

I disegni di Villa sono spettacolari:magnifico il suo Mefisto :inch: , lo ritrae in pieno, da proprio l'idea di una persona corrosa dall'odio e che ha vissuto una vita travagliata. Poi personalmente ho apprezzato la rappresentazione di Lily, seppure gli anni siano passati pure per lei dai vecchi tempi del Messico, è ancora una bella donna, vi ricordate fra l'altro la scena nell'hotel a Tampa?Pure Loa trovo sia ben caratterizzata perchè ha lineamenti più consoni alla sua origine, la Loa che appariva in Black Baron aveva tratti troppo caucasici per me. Quantunque pure lei non sia più una giovane ragazza, è una donna attraente, avete in mente il flashback relativo al veliero in "Mefisto!"?Apprezzo il fatto che queste due donne in certe vignette appaiono piuttosto sexy :trapper: , senza però mai cadere in basso ossia troppo osè, cosa a cui sarei contrario. Condivido con diversi che il finale è sotto tono, una fuga non molto degna del personaggio di Mefisto, ho però apprezzato il fatto che sia stata caratterizzata una abilità del mago ossia il travestimento: passando inosservato sotto gli occhi del nostro quartetto, il figlio del fuoco mostra una abilità seconda solo a Proteus a mia opinione. L'inizio l'ho trovato molto incalzante e non ha deluso le mie aspettative finalmente dopo diversi anni un po'di paranormale, bellissima la scena in cui i due aiutanti di Narbas si ritrovano Mefisto al posto del loro maestro. Il recupero di Lily è stata secondo me una ottima idea e trovo che sia stata ben caratterizzata: ne "Il potere delle tenebre" si rivela più crudele addirittura del fratello poich? non ha nessun rimorso nella morte del marito Boris. Diversi muovono critiche sugli alleati di Mefisto e sulla ambientazione: è vero manca a partire dall'albo 502 l'ambiente esotico o comunque particolare come canyons, templi, castelli, grotte e laghi sotterranei. Tuttavia vorrei ricordare che ne "Il drago rosso" il covo e abitazione di Mefisto alla fine era solo un ranch. Ho apprezzato pure io lo scontro ne "Il potere delle tenebre" fra Tex e Mefisto, i demoni fanno veramente impressione; ma i braccialetti magici non sono stati sostituiti da El Morisco in "Tex contro Yama?"E' strano che alla fine dello scontro Mefisto, sfruttando i suoi poteri telepatici come ne "Il drago rosso", non si sia accorto della falsa pazzia di Tex. Mi sarebbe piaciuto che Mefisto riuscisse a catturare Tex seppure per un tempo limitato e sarebbe stata la prima volta. Secondo voi il mago Narbas ritorner??In un eventuale ritorno di Mefisto, mi piacerebbe vederlo con poteri ancora più grandi in modo da superare il potere dei braccialetti e non mi dispiacerebbe la comparsa di El Morisco come consigliere di Tex, cosa che in passato ha già fatto diverse volte (vedi Mitla la diablera, Rakos).

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Una storia assolutamente da 10 che ha nel repertorio un sacco di elementi che ti tengono incollato al fumetto e te lo fanno leggere tutto d'un fiato (indagine ricca di mistero, suspense e un cattivo che più cattivo non si può! :) )... il tutto illustrato da quello che considero il miglior disegnatore di Tex, Claudio Villa, che anche in questa storia ha realizzato un capolavoro (Mefisto per me è perfetto)!... sicuramente lui non sarà d'accordo con me perchè come ogni artista che rispetti non è mai soddisfatto del proprio lavoro! ;)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Francamente non mi aspettavo che questa storia potesse mietere commenti così entusiasti. L'ho letta nel 2002 e poi non ci sono più tornato sopra, perchè anche per me, come per Piero e per Cheyenne, è una pregiudiziale troppo forte

la resurrezione di Mefisto. Già non amo le storie inverosimili: se l'elemento soprannaturale è solo accennato (tipo Colorado Belle) posso anche farmele piacere, ma addirittura costruire una storia su un vecchio nemico che torna dall'Oltretomba...
Un vecchio nemico, peraltro, che poteva andar bene negli anni '70, e la cui saga si era conclusa in quegli anni: che senso ha, mi sono chiesto già nel 2002, all'uscita dell'albo, riscrivere una storia su di esso? Eppure, mi accorgo che un senso ce l'aveva, eccome, se a tanta gente è piaciuto... De gustibus: personalmente, spero che Mefisto non torni mai più nelle pagine di Tex. E mi dispiace anche per tutte quelle tavole del grandissimo Villa: avrebbero meritato, vista la rarit? degli interventi di Villa nelle storie di Tex, una sorte migliore...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Beh, Leo, capisco quello che dici sull'oltretomba, però c'è da mettere in conto che essendo Mefisto il nemico più amato dai lettori, il nemico "per eccellenza" di Tex, è normale che lo si sia fatto ritornare. In una narrazione seriale questa mi sembra una regola. Tieni conto che Boselli sta per scrivere, su disegni di Civitelli, il ritorno di Yama! :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Paco, mi dispiace che Boselli stia scrivendo una storia su Yama: capisco che Mefisto sia uno dei nemici più amati, ed è sicuramente il più famoso, quello il cui nome è noto anche ad un pubblico non propriamente texiano. Purtroppo, io cerco in Tex la verosimiglianza, e mi infastidiscono le storie dove invece è presente l'elemento soprannaturale. Sia chiaro, io leggo Dylan Dog e ho comprato diversi Dampyr, quindi non sono a priori contro il soprannaturale. Ma in Tex proprio non riesco a vederlo: se compro Dylan Dog, so cosa mi aspetta, se compro Tex voglio leggere storie western, non horror-western. Poi, lo so che Mefisto e il soprannaturale, essendo stati introdotti da GL Bonelli, appartengono ai canoni "classici" texiani, ma, per l'appunto, speravo restassero "classici", senza ritorni futuri... Comunque, al di l' di questa mia pregiudiziale, se a tanti appassionati queste storie piacciono, è giusto che gli autori ne tengano conto. Io, quando uscir? la storia con Yama, seppure del grande Boselli, non so se la comprer?...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Paco, mi dispiace che Boselli stia scrivendo una storia su Yama: capisco che Mefisto sia uno dei nemici più amati, ed è sicuramente il più famoso, quello il cui nome è noto anche ad un pubblico non propriamente texiano. Purtroppo, io cerco in Tex la verosimiglianza, e mi infastidiscono le storie dove invece è presente l'elemento soprannaturale. Sia chiaro, io leggo Dylan Dog e ho comprato diversi Dampyr, quindi non sono a priori contro il soprannaturale. Ma in Tex proprio non riesco a vederlo: se compro Dylan Dog, so cosa mi aspetta, se compro Tex voglio leggere storie western, non horror-western. Poi, lo so che Mefisto e il soprannaturale, essendo stati introdotti da GL Bonelli, appartengono ai canoni "classici" texiani, ma, per l'appunto, speravo restassero "classici", senza ritorni futuri... Comunque, al di l' di questa mia pregiudiziale, se a tanti appassionati queste storie piacciono, è giusto che gli autori ne tengano conto. Io, quando uscir? la storia con Yama, seppure del grande Boselli, non so se la comprer?...

Eppure ti direi almeno di provarci a leggere la storia di Yama scritta da Boselli. Penso che i disegni stratosferici (perchè saranno stratosferici) di Civitelli renderanno onore a quella che è una delle storie più attesa dai fan. Sul discorso verosimiglianza... beh, capisco che se dici che vuoi leggere Tex vuoi leggere delle "solite" rapine alla banca, indiani delle riserve che giocano a fare in banditi, spedizioni in Messico e così via però mettiamoci nei panni degli sceneggiatori: ogni tanto cambiare scenario e tematica (senza tradire lo spirito avventuroso della serie) ci deve stare. Che non siano la regola ma l'eccezione. Secondo me anzi si dovrebbe optare peer storie maggiormente che richiamino all'anima più sottilmente fantastica del nostro amato Tex,Per la storia "Mefisto"... confesso che attesi quella storia con ansia. All'epoca non esistevano forum (credo) su Tex ed internet non era sviluppata come ora. Vedere l'annuncio sul Giornale di Sergio Bonelli del ritorno del nemico numero uno di Tex fu un fulmine a ciel sereno per me (avevo venti anni che bello). I disegni di Villa sono semplicemente straordinari e vorrei presto rivederlo sulla serie (dopo l'annunciato gigante s'intende ma chissà quanto tempo dovremo aspettare). La sceneggiatura di Nizzi, almeno nella parte iniziale è molto ben congegnata. Purtroppo cade nello scontato già a partire da metà del secondo albo. Cioè, dopo la resurrezione di Mefisto (vero fulcro della storia) la narrazione diventa sciatta e banale anche se scritta con mestiere e tanta attesa, come spesso accade, viene delusa. I soliti trasformismi di Mefisto, il solito tentativo di rapire i pards sa di già visto. L'autore non riesce a mettere quel senso dell'ignoto e della magia che si respira in ogni pagina del capolavoro Bonelliano-Galleppiniano "Il Figlio di Mefisto". Ecco, anche se gli ultimi due (specie il secondo) capitoli della grande saga di Mefisto-Yama (mi riferisco a "Il Ritorno di Yama e "L'Ombra di Mefisto") non sono particolarmente riusciti nessuno può levare che Bonelli riusciva ad amalgamare molto bene il realismo western dell'azione con elementi horror e magia che in una storia del genere devono esserci. Nella storia nizziana s'intravede tutta l'incapacità di Nizzi di scrivere storie di questo tipo dove l'elemento fantastico dovrebbe essere più predominante. Anzi, il finale dell'albo (deludente, come molti hanno annunciato in questo forum) Mefisto fugge con un banale trucco rende ancora più triste una storia che poteva entrare nella top ten delle avventure di Tex. Peccato!Spero e sono sicuro che Boselli (già perfettamente a suo agio con storie molto fantasiose. Leggetevi le sue saghe marinaresche, oppure lo special "Il Principe degli Elfi" della serie Zagor oltre agli innumerevoli episodi del suo Dampyr per prenderne atto) farà un ottimo lavoro. Aspetteremo. Ma stavolta senza, almeno per me, l'aspettativa eccessiva che c'è stata per il ritorno di Mefisto ma soltanto con la curiosità di chi vuole leggere un'ottima - si spera - storia.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Paco, mi dispiace che Boselli stia scrivendo una storia su Yama: capisco che Mefisto sia uno dei nemici più amati, ed è sicuramente il più famoso, quello il cui nome è noto anche ad un pubblico non propriamente texiano. Purtroppo, io cerco in Tex la verosimiglianza, e mi infastidiscono le storie dove invece è presente l'elemento soprannaturale. Sia chiaro, io leggo Dylan Dog e ho comprato diversi Dampyr, quindi non sono a priori contro il soprannaturale. Ma in Tex proprio non riesco a vederlo: se compro Dylan Dog, so cosa mi aspetta, se compro Tex voglio leggere storie western, non horror-western. Poi, lo so che Mefisto e il soprannaturale, essendo stati introdotti da GL Bonelli, appartengono ai canoni "classici" texiani, ma, per l'appunto, speravo restassero "classici", senza ritorni futuri... Comunque, al di l' di questa mia pregiudiziale, se a tanti appassionati queste storie piacciono, è giusto che gli autori ne tengano conto. Io, quando uscir? la storia con Yama, seppure del grande Boselli, non so se la comprer?...

Eppure ti direi almeno di provarci a leggere la storia di Yama scritta da Boselli. Penso che i disegni stratosferici (perchè saranno stratosferici) di Civitelli renderanno onore a quella che è una delle storie più attesa dai fan. Sul discorso verosimiglianza... beh, capisco che se dici che vuoi leggere Tex vuoi leggere delle "solite" rapine alla banca, indiani delle riserve che giocano a fare in banditi, spedizioni in Messico e così via però mettiamoci nei panni degli sceneggiatori: ogni tanto cambiare scenario e tematica (senza tradire lo spirito avventuroso della serie) ci deve stare. Che non siano la regola ma l'eccezione. Secondo me anzi si dovrebbe optare peer storie maggiormente che richiamino all'anima più sottilmente fantastica del nostro amato Tex,Per la storia "Mefisto"... confesso che attesi quella storia con ansia. All'epoca non esistevano forum (credo) su Tex ed internet non era sviluppata come ora. Vedere l'annuncio sul Giornale di Sergio Bonelli del ritorno del nemico numero uno di Tex fu un fulmine a ciel sereno per me (avevo venti anni che bello). I disegni di Villa sono semplicemente straordinari e vorrei presto rivederlo sulla serie (dopo l'annunciato gigante s'intende ma chissà quanto tempo dovremo aspettare). La sceneggiatura di Nizzi, almeno nella parte iniziale è molto ben congegnata. Purtroppo cade nello scontato già a partire da metà del secondo albo. Cioè, dopo la resurrezione di Mefisto (vero fulcro della storia) la narrazione diventa sciatta e banale anche se scritta con mestiere e tanta attesa, come spesso accade, viene delusa. I soliti trasformismi di Mefisto, il solito tentativo di rapire i pards sa di già visto. L'autore non riesce a mettere quel senso dell'ignoto e della magia che si respira in ogni pagina del capolavoro Bonelliano-Galleppiniano "Il Figlio di Mefisto". Ecco, anche se gli ultimi due (specie il secondo) capitoli della grande saga di Mefisto-Yama (mi riferisco a "Il Ritorno di Yama e "L'Ombra di Mefisto") non sono particolarmente riusciti nessuno può levare che Bonelli riusciva ad amalgamare molto bene il realismo western dell'azione con elementi horror e magia che in una storia del genere devono esserci. Nella storia nizziana s'intravede tutta l'incapacità di Nizzi di scrivere storie di questo tipo dove l'elemento fantastico dovrebbe essere più predominante. Anzi, il finale dell'albo (deludente, come molti hanno annunciato in questo forum) Mefisto fugge con un banale trucco rende ancora più triste una storia che poteva entrare nella top ten delle avventure di Tex. Peccato!Spero e sono sicuro che Boselli (già perfettamente a suo agio con storie molto fantasiose. Leggetevi le sue saghe marinaresche, oppure lo special "Il Principe degli Elfi" della serie Zagor oltre agli innumerevoli episodi del suo Dampyr per prenderne atto) farà un ottimo lavoro. Aspetteremo. Ma stavolta senza, almeno per me, l'aspettativa eccessiva che c'è stata per il ritorno di Mefisto ma soltanto con la curiosità di chi vuole leggere un'ottima - si spera - storia.
Di leggere la legger? (Boselli lo leggo a prescindere) sia pure senza alcun entusiasmo, dato il tema. Sono sicuro anch'io che Boselli sarà più efficace di Nizzi nel costruire una storia horror-fantastica; è un esperto della materia: ricordo un suo bellissimo manuale dell'acchiappafantasmi e sui vampiri sugli almanacchi Dylan Dog dei primi anni '90: erano suoi anche quelli, se non ricordo male, no?; poi, scrive Dampyr e Zagor, e, nonostante la mia avversione per l'inverosimile in Tex, ricordo con piacere anche Omicidio in Bourbon Street... Poi, ripeto, se anche ai texiani queste storie piacciono, è giusto che gli autori assecondino, se nelle loro inclinazioni e propensioni, i loro gusti: io mi armer? di pazienza...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

dopo 10 anni sono andato a rileggermela , avevo un bel ricordo di questa storia , ma le tante critiche rivolte a questa storia qui sul forum mi hanno spinto a riprenderla in mano per vedere se non me la ricordavo bene. devo dire che mi è piaciuta moltissimo, bella storia , ottima sceneggiatura e disegni superlativi. non comprendo davvero le critiche che gli sono rivoltedevo dire , anzi, che ha stimolato ancor più il mio desiderio di vedere il ritorno di questo grande nemico e anche di suo figlio Yama. Mi auguro che Boselli tiri fuori una bella idea per regalarci presto questo attesissimo ritorno con i disegni di Civitelli , per una storia memorabile

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente questa storia la annovero tra i capolavori e la ricordo con estremo piacere. Non condivido le critiche mosse a questa storia. Me la sono goduta pagina dopo pagina, vignetta dopo vignetta. Mi pare che la resurrezione di Mefisto non sia poi un evento così al di fuori del normale visto che il soprannaturale è di casa su Tex. Forse nell'ultimo periodo con Nizzi non eravamo più molto abituati a vederlo e per questo ci sembra così starna e fuori luogo. Su Tex ne abbiamo viste di tutti i colori. Fiori assassini, uomini giaguaro, pietre che mummificano, stregoni, sciamani, gente che campa a lungo grazie a strani elisir e acque infettate da strane forme di vita. Personalmente ho letto altre storie che mi sembrano molto meno belle e verosimili di questa qua. Come già detto la trovo un capolavoro in tutti i sensi, dai testi ai disegni, perchè una volta terminata mi è dispiaciuto vedere che fosse già finita così in fretta e mi rammaricavo al fatto di dover aspettare ancora chissà quanto per rivedere Mefisto ancora protagonista. Tra le storie con Mefisto o Yama penso che sia la migliore insieme a "Black Baron" e "Il figlio di Mefisto". Il primo albo è un vero e proprio prologo della vera storia. Il migliore in assoluto. Fantastiche le copertine (tutte e quattro). Immensi i disegni di Villa. Inutile parlarne perchè sono semplicemente magnifici. Aspetto davvero con ansia il prossimo ritorno di Yama e quando mai arriver? di nuovo quello dello stesso Mefisto. Voto 10 ai testiVoto 10 ai disegni

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Per quanto mi riguarda, è stata una delle prime storie (insieme agli uomini che uccisero lincoln) che lessi, quindi ho una sorta di legame sentimentale con questi tre albi e mezzo. Mi piacque tantissimo all'epoca, forse per il fascino di Mefisto (che giocoforza non avevo mai visto prima) o vuoi per i disegni fantastici di villa, e con le dovute precisazioni, mi piace tutt'ora... Vogliamo parlare della resurrezione di Mefisto? Da antologia :) Le uniche critiche che posso muovergli, con il senno di poi, e dopo aver letto tutta la saga, sono la mancanza di "epicit?" (eccetto per il primo albo), un senso di deja-v? per alcune situazioni (ad es. la cattura dei pard a uno a uno) ma soprattutto degli scagnozzi un po' troppo scialbi... Ma sono solo dei nei nel complesso di una storia davvero ottima, voto 8!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

se fosse una normale storia non sarebbe male ma essendo il ritorno di Mefisto... il primo albo è certamente ottimo e i disegni di Villa i migliori possibili, lo stesso Villa però con la sua lentezza pare abbia obbligato Nizzi ad un taglio al finale (tex secondo nizzi) quindi si rimane perplessi. Inoltre l'errore dei braccialetti è francamente imperdonabile.voto finale 6

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Non del tutto convincente questa storia, ma non che sia un disastro, affatto! Il problema secondo me è il fatto che in questo periodo, Nizzi cominciava ad accusare la stanchezza e non era più brillante come un tempo. Difatti la lavorazione della storia è stata piuttosto lunga e neanche del tutto continua. A conti fatti penso che comunque questa storia di Mefisto sia sicuramente migliore rispetto a "L'ombra di Mefisto" ( quella si che era noiosa a mio parere). Il primo albo è tutto un'attesa e suspence che culmina nella riapparizione terrestre di Mefisto; si tratta di una scena staordinaria a cui contribuiscono sicuramente molto i disegni di Villa (lui invece se la cava alla grande con il sopranaturale), davvero degna di quella della sua morte. Era da tempo che nella saga di Mefisto che non capitavano scene così. Il secondo albo funziona ancora abbastanza bene anche se non mancano i difetti. Una cosa che in effetti mi ha lasciato piuttosto perplesso è Loa fin troppo timorosa di Mefisto. Nella storia "Black Baron" non si fa alcun problema a piantarlo in asso e a fregargli i diamanti; inoltre insieme a Yama aveva imparato anche lei qualche trucchetto niente male. Oltretutto si nota che forse alla fine nemmeno lei è così valida e potente come Mefisto, insomma la stessa sorte di Yama. Entrambi sono caduti in disgrazia e in rovina e solo Mefisto può continuare l'agognato ed esasperato sogno di vendetta. E' questa anche la ragione forse per cui Nizzi ripesca dalle trovate migliori di GLB tra cui ad esempio le crisi nervose di Mefisto (i soliti antinizziani lo hanno accusato di ridurre Mefisto a un vecchietto nonostante fossero le stesse idee di GLB, in quel caso ben esaltate). L'abilità di Villa permette di aumentare l'orrore della storia ed a evocare i più orribili mostri (nel caso della diligenza evocati direttamente dal Jurassic Park :D ). Nel caso delle catture dei pards Nizzi cita persino se stesso : la cattura di Carson rimanda a "Il delitto di Kit Carson" dell'albo 316 mentre quella di Kit Willer a "Il Ritorno del carnicero"; quella di Tiger jack invece è piuttosto debole :snif: Nizzi cita pure alcune delle migliori scene di Bonelli : il confronto a distanza tra Tex e Mefisto, l'evocazione dei mostri così orribili da togliere la ragione. eppure non si avverte così tanto pathos ed è qui che si avverte la stanchezza dell'autore. Il duello tra Tex e Mefisto è un'altra grande scena ma non si conclude in maniera così emozionante; nel senso che non è molto credibile che Tex sia impazzito e Mefisto è un po' ingenuo ad abbassare subito la guardia. E' questa la sensazione : grandi momenti ad altri piuttosto fiacchi, specie per la grandiosit? dei disegni di Villa. VOTO : 7 e mezzo.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.