• Avvisi

    • TexFanatico

      BUON NATALE   24/12/2017

      BUON NATALE e felici Festività a voi!
jim Davis

Le Storie Fuori Serie Di Tex

Messaggi consigliati/raccomandati

Quali sono le storie Fuori serie di Tex( più lunghe di una pagina)?Io conosco:Assalto al Treno di GL Bonelli - Galep,La banda del Campesino di GL Bonelli - Galep (?),Il duello di Nizzi - Civitelli,Un caldo pomeriggio... di Nizzi - TicciPista di Sangue di Nizzi - Ticci. Ne esistono altre?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Con il passare degli anni è stato possibile misurare il successo di Tex anche con la comparsa di tutta una serie di pubblicazioni, dalle insolite dimensioni, che rendendo omaggio al ranger del Texas, ne hanno sottolineato il suo divenire fenomeno di costume.


Immagine postata

La prima di queste storie ?irregolari? è della metà degli anni settanta e la ritroviamo allegata alla rivista dell'Anaf "Il Fumetto". E? intitolata La banda del campesino ed è composta di trentadue strisce. Le vignette che compongono questa breve avventura non sono del tutto inedite visto che erano già apparse nella quarta di copertina di vari numeri componenti la 2° e 3° serie a striscia di Tex, datata 1951 ( troviamo la prima vignetta nella quarta di copertina del n. 58 del Tex a striscia seconda serie, composta di 75 numeri, e l'ultima nel numero 27 della terza serie a striscia ). Le vignette furono pubblicate alla rinfusa, i lettori dell'epoca dovevano ritagliarle, montarle nella giusta sequenza, aggiungere i dialoghi mancanti e spedirla all'Editore. Chi avesse ricostruito la storia nella sequenza corretta avrebbe avuto un premio... Nell'ottobre 1975 l'A. N. A. F. realizza l'albetto inedito, in formato bonelliano, rimontando le vignette e colorandole, a quanto sembra con risultati a dir poco deludenti. La sceneggiatura immancabilmente dovuta a Gianluigi Bonelli, vede Tex sulle tracce di una banda di spie... Giunto a El Paso, il ranger capta casualmente una conversazione e interroga alcuni sospetti. Saputo che Buffalo Bill è prigioniero, si avvia sulle sue tracce e assieme a lui, trova Miller la spia, assolvendo così al suo incarico.


Immagine postata

Apparsa per la prima volta sul supplemento estivo del "Messaggero" nel 1986, la seconda storia, intitolata L'assalto al treno, consta anch?essa di una trentina di strisce, distribuite su tavole, curiosa nota distintiva, che ne contengono quattro ( esclusa la prima che ne ha due ) invece delle abituali tre. Per i collezionisti, la storia è stata ristampata nel 1989 dall' ANAF come allegato alla rivista "Il Fumetto" ( sette tavole e due strisce ) in sole 700 copie riservate ai soci. Nel mese di gennaio del 1990 si è avuta la terza e ultima ristampa effettuata dalla fanzine Wow ( nuova serie - numero 2 ). I disegni di Aurelio Galeppini accompagnano i testi di Giovanni Luigi Bonelli ( qualcuno ha sostenuto a torto che questa storia fosse di Nolitta o addirittura Nizzi ). Arizona, in un caldo pomeriggio di giugno sulla linea ferroviaria che collega Flagstaff a Holbrook, Tex e Carson, avvertiti dal colonnello che si sta tentando un assalto al treno che trasporta le paghe dei soldati, riescono a sventare la minaccia in prossimit? del ponte sul Walnut Creek, dove i rapinatori intendevano fermare il convoglio accendendo un fuoco sul binario. Nella successiva sparatoria tutti i banditi restano uccisi ( eccetto un superstite che si d' alla fuga ), mentre il treno può infilarsi tranquillamente nella bassa barriera di fuoco giungendo presto in salvo al di l' del ponte.


Immagine postata


Nell'estate del 1992, a luglio, appare un altro inserto, a colori, di dodici pagine, pubblicato con il settimanale "Sorrisi e Canzoni TV". La copertina è tratta dall'ultima vignetta della storia, intitolata Morte nel deserto. Il soggetto e la sceneggiatura sono di Claudio Nizzi, i disegni di Giovanni Ticci. Tex insegue due rapinatori di banche, mentre Carson è rimasto ferito nel precedente scontro con i due. I rapinatori, che nella storia resteranno senza nome, si sono imprudentemente avventurati nel deserto senza una sufficiente scorta d' acqua, che ben presto gli vale la perdita dei cavalli. Tex arriva loro addosso, ma si fa sorprendere da uno dei due, finto morto. Rimasto appiedato dopo la fuga del bandito, nel tentativo di salvare la sua vita e quella del secondo bandito moribondo, Tex attraversa a piedi il deserto. Stramazzato di fatica riesce a raggiungere il primo villaggio ai limiti dell'area desertica, dove viene ritrovato con il rapinatore, ormai morto da parecchie ore ( ma il ranger per la fatica non se ne era neppure accorto ). La storia si risolve tutta nell'ultima tavola con Tex che uccide il fuggiasco. Le precedenti servono esclusivamente a spiegare gli avvenimenti, e soprattutto a enfatizzare il coraggioso tentativo di Tex.


Immagine postata


Nel febbraio del 1992 era apparsa sul quotidiano "L'Indipendente" una storia inedita di 13 pagine, di Nolitta e Ticci, intitolata Un caldo pomeriggio, ripubblicata nell'ottobre del 1992, anche sul numero 96 della rivista "Comic Art". Tre perdigiorno stanno aspettando visite in una stamberga sperduta, tra un solitario e due chiacchiere. Il sole picchia e fa un caldo infernale quando all'improvviso spunta all'orizzonte un cavaliere. Uno dei tre, il "Gitano" riconosce nell'uomo che si avvicina Tex Willer. Preoccupato per la taglia che gli pende sulla testa e conscio del fatto di aver ammazzato proprio un amico del ranger, organizza un agguato per stenderlo. Tex entra senza sospettare di nulla e nonostante la sorpresa, riesce comunque a uccidere i tre. Uscendo dalla baracca, si chiede inutilmente perchè diavolo ce l'avessero con lui, visto che era di passaggio e voleva solo sciacquarsi la gola con un bicchiere di birra fresca. Nella rivista anche un interessante articolo di Claudio Bertieri intitolato "Un narratore incarnato nel western".


Nel "Ken Parker Magazine" n.27 dell'aprile del 1995 compaiono invece le rituali trentadue pagine di una storia intitolata Pista di sangue, di Claudio Nizzi, disegnata sempre da Giovanni Ticci. Dopo aver ripulito la banca di Winona alcuni rapinatori fuggono verso Winslow con un ostaggio. Tex capita per caso al trading post dove il bambino rapito è stato appena liberato e con il suo amico Toby, si mette all'inseguimento dei banditi che si rendono ben presto conto di avere il ranger alle calcagna. Cosè sul Rio Diablo mentre i due cercano di raggiungere con il traghetto l'altra riva sono puntualmente accolti dal piombo caldo dei fuggitivi? La fune si spezza e l'imbarcazione ormai libera in balia delle onde, corre veloce verso le rapide. Scampati alla morte, Tex e Toby raggiungono la pista e sono raccolti da un carro. Il ranger vede all'orizzonte il riflesso di un binocolo che li spia. Poco dopo infatti i banditi fermano il carro e pronti a saldare il conto agli inseguitori, sparano un colpo di fucile. Una grande e devastante esplosione risuona nel canyon e dietro una roccia, dietro la quale si era riparato con gli amici, a Tex non resta che commentare con un leggero tono sarcastico che? non si dovrebbe mai sparare su un carro che trasporta dinamite!


Nel maggio del 1998, sul numero 119 della rivista "Specchio" ritroviamo l'ultima delle storie irregolari. Le sedici pagine a colori che compongono Il duello sono da attribuire per quanto riguarda il soggetto a Fabio Civitelli e per la sceneggiatura a Claudio Nizzi. Il disegnatore si occupa ovviamente anche della realizzazione delle tavole che colora con la tecnica della tempera. In un caldo pomeriggio d'estate Tex e i suoi pards entrano in un saloon. Sono subito riconosciuti da uno dei clienti che racconta a uno degli inservienti una vecchia storia che aveva visto il ranger protagonista: Arizona Kid, l'uomo con le pistola d'oro, molto veloce nell'estrarla, tanto che per lui battersi è diventato solo un gioco, sfida Tex a duello. Il ranger vince perchè è più forte, ed è più forte perchè il bene e la giustizia combattono con lui. Il pistolero si pente e diventa ranchero... Anni dopo, nell'incontrare di nuovo il ranger, ha il modo di raccontarci quella che si scopre essere la sua storia? ( come potete vedere dall'ultima vignetta della tavola sotto riprodotta ). Qualche piccola curiosità a proposito di questa breve avventura. Sergio Bonelli e Decio Canzio assistono al duello tra Tex e Arizona Kid. Inoltre la copertina di Galep "I quattro amuleti" è riprodotta in una delle vignette.


Immagine postata


Il Museo del fumetto Xanadu ha ristampato nel 2004, nel classico formato a striscia, quattro di queste storie inedite ( La banda del campesino, L'assalto al treno, Il duello e Un caldo pomeriggio ), tutti ancora disponibili al costo di dieci euro.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Segnalo che la storia "Morte nel deserto" allegata a TV Sorrisi e Canzoni è ora sul forum nella sezione - Download Texiani - sezione invisibile per i visitatori e gli utenti neo-iscritti al forum ( ma basta collezionare pochi messaggi - no spam - per potervi accedere! ). Erano un paio d'anni che la cercavo in casa, pensavo addirittura di averla sventatamente cestinata molto tempo fa, negli anni in cui avevo abbandonato la lettura di Tex, me la sono ritrovata oggi per puro caso, mentre rovistavo nell'armadio dove erano annidati i vecchi Diabolik, che volevo rileggermi in queste calde serate estive... Se vi piace, se ne parla qui!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

ho poco tempo, devo dire però che è il rapporto figure da piccione/pagine di questa storia è altissimo. Tex viene imbrogliato come un pivello, viene salvato per puro caso altrimenti con le sue forze non ce la farebbe e non riesce a salvare l'uomo che ha con sè. Il colonnello direbbe che Nizzi si è divertito a mettere alla prova il ranger, e che alla fine egli trionfa. Mannaggia, rileggendo Tex ho rivalutato parecchio questo sceneggiatore che ne ha scritte di bellissime e che ha capito molto del carattere del ranger, anzi lo ha salvato dal finire (lo so che è un affermazione storica per ME, ma ne prendo sempre più coscienza), ma anche ai lettori di TV sorrisi e canzoni doveva mostrare il lato triste mente piccionico del ranger? Questo tipo di storie mi rattristano, anche se il finale è positivo. Tutto è sbrigativo, naturalmente, per la storia forzosamente breve. Bene Ticci, discreti i colori per il tipo di pubblicazione.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Si, anch'io rileggendola ( era dall'estate 1992 che non lo facevo ) ho pensato... mamma, questo è pane per la dentiera del vecchio Wast! E il bello è che lo stesso Tex lo ammette con un candore ( un po' sospetto, no è ) il suo essere piccione...!!! Comunque è solo una storiellina, per un settimanale da dimenticare e, obbrobrio, stampata su carta straccia!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quali sono le storie Fuori serie di Tex( più lunghe di una pagina)?Io conosco:Assalto al Treno                di GL Bonelli - Galep,La banda del Campesino di GL Bonelli - Galep (?),Il duello                  di Nizzi      - Civitelli,Un caldo pomeriggio...                di Nizzi      - TicciPista di Sangue  di Nizzi      - Ticci. Ne esistono altre?

La banda del Campesino, caro Jim, hai fatto bene a segnalarla con un bel punto i domanda alla parola Galep. In realtà la storiellina è stata realizzata da Uggeri con l'aggiunta di un paio di vignette di Galep messe col copia/incolla. e si che gliene parlai a Franco Giacomini, il curatore ANAF, del volumetto :bisontino: i colori sono di Franko Payne e la pubblicazione originale, come è stato detto, è dell'ottobre 1975. Per quel che p?? valere, a mio avviso, esistono anche dei falsi del volumetto... cosi come esistono falsi delle numerose serie anastatiche in f. to striscia e Albo d'Oro.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sulle serie anastatiche, ci sarebbe il tanto di aprire una nuova discussione. Ci penserei io ma non saprei cosa dire, se lo fai tu corvo59, che sei l'esperto, fai un piacere a un sacco di persone, tanto più che c'è una grande confusione intorno ad esse, tra ristampe varie, a volte spacciate per originali, a volte semplicemente taroccate.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sulle serie anastatiche, ci sarebbe il tanto di aprire una nuova discussione. Ci penserei io ma non saprei cosa dire, se lo fai tu corvo59, che sei l'esperto, fai un piacere a un sacco di persone, tanto più che c'è una grande confusione intorno ad esse, tra ristampe varie, a volte spacciate per originali, a volte semplicemente taroccate.

fatto!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

In un'intervista concessa a SCLS il bravo Marcello Toninelli ha dichiarato di aver realizzato una sceneggiatura inedita di Tex di sedici pagine intitolato "Plano Quemado" che doveva servire per le prove degli aspiranti disegnatori! Una sceneggiatura che non vedrà mai la luce!

Modificato da ymalpas

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Mi chiedo come mai queste storie trovano tutte spazio per una pubblicazione nei vari paesi dove Tex è disgtribuito e qui in Italia NON abbiamo un albo che finalmente le raccolga tutte!!!

Concordo totalmente Ymalpas!Quando si decider? la Bonelli a fare un edizione del genere? grrr Una pubblicazione del genere per Dylan Dog la fanno, anche se in quel caso ristampano anche storie di speciali, almanacchi, ecc.... a noi basta un edizione anche più costosa con tutte queste storie apparse su giornali, riviste ecc!!-io pagherei anche 10 euro per poter avere su carta la storia di Civitelli "Il duello"!La Bonelli potrebbe anche sforzarsi a fare 'sto "regalo" ai lettori("regalo perchè comunque l'albo lo pagheremmo!)!In questo caso mi viene da parlare di "immobilsmo" da parte della casa editrice!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Forse non ci hanno mai pensato... Comunque credo che se al buon Sergio arrivasse in massa un numero di lettere che ne chiede la pubblicazione (oppure una voce autorevole che ne rappresenti molte altre) penso che non avrebbe difficolt? ad accontentarci!In fondo si tratta di storie già bell'e pronte, e la SBE avrebbe solo da guadagnarci!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Forse non ci hanno mai pensato... Comunque credo che se al buon Sergio arrivasse in massa un numero di lettere che ne chiede la pubblicazione (oppure una voce autorevole che ne rappresenti molte altre) penso che non avrebbe difficolt? ad accontentarci!In fondo si tratta di storie già bell'e pronte, e la SBE avrebbe solo da guadagnarci!

Se è così, allora dobbiamo farci sentire!... sempre se siamo in tanti a volere una pubblicazione del genere... io assolutamente sè!! :capoInguerra:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Come dicevo su TWO anni fa, a me piacerebbe moltissimo averle cartacee. Anche se sono storielle minori e anche molto brevi, son pur sempre storie di Tex ed è un'ingiustizia non pubblicarle!!Sarebbe bellissimo se la SBE decidesse di allegarle magari al numero 600 (senza lasciarne fuori però). Ma tanto so che non accadr?; ad ogni traguardo importante ho atteso la pubblicazione (n.500, n.575, ecc.), ma nulla. Sarei disposto anch'io a pagare qualcosa in più se fosse un allegato!! :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Beh, nel n.575 è stato ripubblicato anche "Il Massacro di Goldena", perciò l'eventuale pubblicazione di un altro volume tipo quello delle storie brevi di Tex non sarebbe una cosa totalmente nuova... Forse però tanti lettori non sanno nemmeno dell'esistenza di queste mini-storie, perciò forse è anche per quello che alla SBE non pensano a stamparle!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

... e forse proprio il fatto che siano in pochi i lettori a conoscenza di queste storie, dovrebbe invogliare la bonelli a raccoglierle in una pubblicazione speciale!Pensateci:storie per molti inedite, alcune addirittura a colori:cosa c'è di meglio per un texiano??... e mi meraviglio che la Bonelli finora non ci abbia mai pensato a questa ipotetica pubblicazione!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.