Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum
Guest Wasted Years

[196/199] Gli Scorridori Del Rio Grande

Voto alla storia  

17 voti

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Si è pregati di collegarsi o iscriversi per poter votare in questo sondaggio.

Messaggi consigliati/raccomandati

Guest Wasted Years

L0E0g3Nfzgcj9g1nxNNUexdh+4LxVxCm8bcESToC  RtI5PkwYi7mmXNHncS6Nbp0yNhX79oyIAg7ixVqk

 

 

 

 

Soggetto e sceneggiatura : Gianluigi Bonelli
Disegni: Guglielmo Letteri
Periodicità mensile: Febbraio 1977 / Maggio 1977
Inizia 
 nel numero 196 a pagina 77 e finisce nel numero 199 a pagina 17



Un potente alcaloide è l'infernale sostanza vegetale usata dagli avidi fratelli Ricardo e Martin De Rosales per controllare la folle cricca dei Locos, rapinatori tossicomani che terrorizzano il Rio Grande con le loro scorrerie. I De Rosales si rintanano in un inaccessibile castello nella paludosa laguna di Los Patos, e gli Yaqui del curandero Quemado, loro alleati, si occupano di raccogliere e trattare il minaccioso fiore dal quale si ottiene un diabolico intruglio allucinogeno. I pards, dopo aver decimato i Locos a Bosque Bonito, puntano su Los Patos insieme a El Morisco e a Eusebio. La dinamite convince gli Yaqui di Quemado ad abbandonare la scellerata alleanza con i fratelli De Rosales, capibanda dei Locos, e i pards fanno saltare in aria il mefitico isolotto dove, contaminati da misteriosi vapori provenienti dal sottosuolo, crescono i fiori della pazzia, usati dai criminali messicani per meglio scatenarsi nei saccheggi. Distrutta la riserva di droga, i nostri partono all'assalto di El Castillo, covo fortificato della cricca di rapinatori. E mentre gli scontri si fanno furibondi, nelle viscere della terra scosse dall'esplosione della laguna, cova una mortale minaccia...

 

 

 

© Sergio Bonelli Editore

 

 

 

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

 

 

 

 

Signori, ritorno dalla mia assenza forzosa intraprendendo la discussione su una storia bellissima, per me, del Morisco. Che questa volta si trasforma quasi in un uomo d'azione, per cercare i famosi "flores de la locura", che rendono coraggiosissimi e quasi "pazzi" i banditi.
Davvero bella, questa vicenda, con un finale... esplosivo (ma parecchio)!
Lunga e avvincente, con tanto di fossato e ponte levatoio!
Per me 9!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Guest Colonnello_Jim_Brandon

Anche secondo me queta è una delle storie "morischiane" più belle che siano state prodotte nel sessantennio texiano!! Mi è sempre piaciuta, in modo particolare l'idea di creare la banda di rapinatori tossicomani, un problema che per molti versi è oggi una triste attualit?!! Questo elemento inserisce quindi nella storia un significato molto profondo anche per i lettori odierni!!! Memorabile il super finale a col "botto" ( di dinamite )... I pards come sempre sono in forma smagliante e riescono a demolire al meglio la velenosissima banda di bastardi capeggiata dai fratelli De rosales!!!Voto : 8

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Guest Wasted Years

Immagine postata

Ecco un'altra imprecisione lessicale che mi lascia perplesso. Sono davvero rare nella serie, almeno da quel che ricordo, ribadisco la mia perplessit?... già espressa nella discussione relativa alla storia di "trapper".

Allevarle?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

IMHO, "Gli scorridori del Rio Grande" è una storia di livello tutto sommato buono, ma non propriamente un capolavoro, per quanto siano in essa presenti, come è stato osservato, riferimenti alla realtà dell'epoca in cui fu pubblicata ( l'aumento del consumo di droga e la ricerca di una vita comoda e agiata come moventi per il crimine ); l'azione è molta e specialmente nell'esordio e nella parte finale, molto coinvolgente; la parte centrale, però,

con gli andirivieni di Tex & C. per fuorviare i fratelli Rosales e indurli ad abbassare la guardia
a mio parere non riesce del tutto a creare il senso d'attesa desiderato da GLB, rendendo inoltre il ritmo narrativo lievemente slentato ( a diffrenza di quanto avviene, per esempio, ne "Il laccio nero" o in "Tucson" ). Per contro la catastrofe finale, sebbene rispetti la consuetudine in "Tex" allorch? il ranger si trova di fronte qualcosa di inconsueto, aggiunge alla vicenda alcuni appropriati tocchi amarognoli
con la morte di Tonito, il cugino di Eusebio che aveva fatto parte della banda dei Locos, ma che aveva dato poi un contributo fondamentale alla causa dei nostri
. I disegni di Letteri sono buoni, anche nelle immagini della catastrofe naturale conclusiva, in cui il disegnatore romano dimostra la sua maestria nella rappresentazione di piante ed animali. Insomma, per me:soggetto 8sceneggiatura 7,5disegni 8 +

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

CONTIENE SPOILERGli scorridori del Rio Grande è uno degli ultimi capolavori Morischiani di GLB (se non addiritura l'ultimo). La trama è sviluppata su canoni classicissimi con le storie di banditi che si intrecciano con la tossicodipendenza e addiritura alla magia. Finale superlativo con l'allegra compagnia Tex-Carson-Kit-Tiger-Morisco etc... che escogita un piano ai limiti dell'impossibile!Bonelli ci dimostra una volta di più che per modernizzare le storie e renderle godibili a distanza di 33 anni circa, non occorre uscire dalla tradizionalit? del personaggio. I disegni di Letteri sono sempre molto belli e puliti e rendono al massimo l'intera storia e l'esplosione finale. Dunque una storia passata... alla storia!G. L: Bonelli:8,5G. Letteri:9Voto complessivo alla storia:9-

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Storia, per me, indimenticabile. Non solo perchè è presente nuovamente El Morisco, ma anche per tutta quell'atmosfera che si respira in ogni pagina. Intanto è geniale, l'idea di trasformare una banda di semplici banditi messicani, in pazzi drogati che compiono le scorribande in preda a delle vere e proprie crisi d'astinenza, che li rendono ancora più feroci ed incapaci di provare pietà per i passanti o i cassieri delle banche. E' questo che dona a questa storia uno spicchio di originalità. Per il resto c'è il solito castello nascosto e imprendibile, rifiugio della solita banda di rapinatori, i cui capi sono i due ricchi ed insospettabili fratelli. Alla banda dei Locos si aggiungono gli Yaquis di Quemado, che oltre a vigilare agli accessi ed impedire a chiunque di entrare o uscire senza il permesso, hanno il compito di raccogliere e ottenere la micidiale droga, i cui effetti ovviamente sono già conosciuti dall'esperto Morisco. I pards sono come nelle migliori storie, in forma e in sintonia perfetta; forse ciò che risulta un p? stonato è la cattura di Maquedo (anagramma di Quemado), un pezzo grosso della banda che dopo una strigliata passa dall'altra parte della barricata. Stona il fatto che si lanci all'attacco dei suoi ex-compagni, gridando addiritttura "Maledetti figli di Cani". :DMolte sono comunque le scene memorabili:- Kit Willer che va a posizionare la dinamite sotto le palafitte del villaggio Yaqui, sotto gli sguardi non proprio contenti del padre (che poco tempo prima e in un'altra storia, aveva fatto qualcosa di simile con un locale gestito dalla malavita cinese).- La distruzione del Geyser, ovviamente tutto è spiegato dal Morisco nei minimi dettagli. A proposito di questa scena: nel TUttoTex, durante la spiegazione del Morisco, Tex salta su e dice qualcosa come: "Ne ho sentito parlare quando frequentavo la scuola".- La cattura di Tex e Carson all'interno del castello, i quali si liberano e aprono la porta agli amici, sotto una continua pioggia di piombo. Voto: 9 :inch::trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quel che più mi ha colpito in questa storia è il deciso cambiamento del disegno dei volti da parte di Letteri, ovviamente in meglio. Per il resto è una storia nella media con qualche forzatura come ad esempio il deciso cambio di "casacca" di Maquedo. D'accordo sul fatto che uno si possa arrendere e tradire i propri compagni, ma che poi vada all'attacco di quest'ultimi mettendo a repentaglio la propria vita... Nella storia è presente il "solito" castello in stile medievale, evidentemente a GLB piacevano molto perchè appena può ne mette uno anche se nel west non è che fossero tanto presenti... anzi. Comunque la storia merita un otto, più per l'inizio e la fase centrale che per il finale.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Episodio per chiudere in bellezza questo centinaio d'oro. Storia particolare per la trama(i banditi drogati che in crisi d'astinenza rapinano la banca di turno, lo yaqui che prepara le famose pillole servendosi dei misteriosi"flores"raccolti in una inospitale palude, il"castillo"stesso sede della banda, l'intrusione dei nostri nello stesso, la"spiegazione"geologica...)con la necessaria presenza del Morisco con questi"ingredienti"citati. I disegni morbidi e puliti di Letteri come al solito sono i più adatti per queste ambientazioni. VOTO 9

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Appena ho letto il finale di questa storia pochi giorni fa mi è subito balenata in testa un idea per un confronto. La dinamite buttata nel geyser che poi causa il terremoto e la distruzione del castillo non è una scena simile all'episodio di "Yukon Selvaggio" dove la dinamite causava il risveglio del vulcano? E perchè leggendo i commenti su quella storia Nizzi è stato apertamente criticato mentre su questa storia niente di niente. Dico inoltre che quella storia la a me era piaciuta e questa la trova discreta. El Morisco svolge nella seconda parte della storia un ruolo marginale. Contrariamente a quanto viene espresso in questa sezione ho trovato questa storia un gradino sotto rispetto ad altre con protagonista El Morisco. Voto 7 alla tramaVoto 7,5 ai disegni

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Mi piacque un sacco! I "locos" ed il castillo...! Che 1977! Non la rileggo da tempo, però... Far? bene a riprenderla...

Francesco: questo è un messaggio spam, ovvero, un messaggio "tanto per", di nessuna utilit?, che non aggiunge niente alla discussione.

Questi messaggi sono vietati.
Paco

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Storia con premesse eccezionali: i banditi tossicodipendenti, l'imprendibile castello, degli insospettabili capi; tutto (all'inizio) molto bello. Man mano che la storia prosegue, però, a mio parere tradisce le promesse degli esordi, ridiventando una normale storia d'azione, ciò che porta ad un notevole calo di interesse per le situazioni create sino a quel momento. L'azione pura mi dice francamente poco, e anche per questo non mi sento di dare un giudizio positivo a questa storia.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Letta nella versione nuova ristampastoria gradevole nel suo complesso con un incipit geniale e fortemente moderno ma appesantita da qualche difettuccio che ne pregiudica il ritmoinnanzitutto la suddivisione della storia spezzata in più albi incompletiuna pratica per fortuna ormai in disuso nella Bonellimettere le ultime 14 tavole circa (se non erro) su un altro numero spezza proprio il ritmo della letturai dialoghi estremamente verbosi, soprattutto nel primo albo, che fanno scappare il colpo di sonno per quanto parlino e per quanto siano ridondantiper il resto ci sono situazioni estreme ed emozionanti che mettono davvero in difficolt? Tex e i suoi pardsmi è piaciuta tantissimo la sequenza in cui Kit Willer piazza la dinamite sotto le palafitte e il piano arzigogolato ma efficacissimo dello stesso Tex per far credere ai due fratelli che i rangers non fossero più sulle loro tracceai disegni Letteri impeccabile come sempre :generaleN:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sono sostanzialmente d'accordo con la "Tigre Nera"... dubito fortemente che la dinamite abbia il potere di causare violenti terremoti o addirittura esplosioni vulcaniche, che derivano da fattori idrogeologici coinvolgenti forze ben superiori... diciamo che questi eventi rientrano in quell'aspetto sovrannaturale di Tex che, ci piaccia o meno, è parte integrante della saga. Per me hanno lo stesso significato della resurrezione di Mefisto.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ho riletto oggi questa vecchia avventura. Dopo oltre 10 anni di distanza dalla prima apparizione di El Morisco, il vecchio Bonelli e Galep ci offrono la prima storia che affascina, sia per i misteri che per l'azione. Il mio voto è un convinto 8:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Immagine postata

Ecco un'altra imprecisione lessicale che mi lascia perplesso. Sono davvero rare nella serie, almeno da quel che ricordo, ribadisco la mia perplessit?... già espressa nella discussione relativa alla storia di "trapper".

Allevarle?

Intervengo a distanza di anni, a causa del mio colpevole ritardo a scoprire il forum, perchè effettivamente risulta molto strana una simile imprecisione lessicale, oltretutto pronunciata da El Morisco, uomo di profonda cultura e conoscitore delle scienze oltre i confini del suo tempo.

Al punto che potrei pensare che l'utilizzo del verbo allevare al posto di coltivare, non sia stato un errore, ma una volontaria attribuzione ai "flores de la locura" di una forma di vita superiore a quella vegetale e vicina a quella animale, con tanto di funzioni fisiologiche proprie di esseri pensanti e dotati di volont?.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

 

2uge81d.jpg

Ecco un'altra imprecisione lessicale che mi lascia perplesso. Sono davvero rare nella serie, almeno da quel che ricordo, ribadisco la mia perplessit?... già espressa nella discussione relativa alla storia di "trapper".

Allevarle?

Intervengo a distanza di anni, a causa del mio colpevole ritardo a scoprire il forum, perchè effettivamente risulta molto strana una simile imprecisione lessicale, oltretutto pronunciata da El Morisco, uomo di profonda cultura e conoscitore delle scienze oltre i confini del suo tempo.

Al punto che potrei pensare che l'utilizzo del verbo allevare al posto di coltivare, non sia stato un errore, ma una volontaria attribuzione ai "flores de la locura" di una forma di vita superiore a quella vegetale e vicina a quella animale, con tanto di funzioni fisiologiche proprie di esseri pensanti e dotati di volont?.
 

Bah, non credo che sia una cosa voluta, carissimo conterraneo. Penso che sia semplicemente una svista, secondo me Bonelli padre si è distratto, perche quandoque bonus dormitat bonellus. Lo dice anche il proverbio.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.