Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[764/765] La collera di Falco Giallo


Recommended Posts

3 ore fa, Il sassaroli dice:

il Nizzi non ha preso la capacità di scrivere dialoghi pungenti né quella di dosare abilmente gli elementi narrativi.

 

Su questo non si discute: l'ho letto su Larry Yuma e Nick Raider. Ma questo non nasconde il fatto che Nizzi faccia sempre passare Tex come un cretino. Il suo Larry Yuma non è mai cretino: il suo Tex della Bonelli invece sì.

 

3 ore fa, Il sassaroli dice:

il Ticci, cataratta o patologia corneale che fosse, rimane un maestro assoluto e si mangia a colazione tanti giovani di belle speranze.

 

Ticci resta uno dei migliori. Kento non perdona, Furia rossa, Vendetta indiana, il clan dei Cubani sono dei classici. 

 

Detto da Poe:

Per chi non l'ha ancora letta (e forse non la leggerà mai) la situazione è la seguente: Tex e Carson si sono divisi, Carson è rimasto in città e Tex, appena tornato, si ferma sulla soglia del saloon da cui vede volare bottiglie e sedie. E' in corso una rissa gigantesca in cui Tex si ficca senza pensarci, col sorriso sulle labbra, senza nemmeno chiedersi perché è scoppiata, solo per il divertimento di menar le mani. Vede un tizio dall'aspetto poco raccomandabile e gli dà un pugno. Ed ecco che c'è la tavola postata qui sopra, con Carson che gli spiega che quello "era dei nostri". Poi spiegherà anche che il responsabile era un baro che... eccetera, eccetera.

 

Infatti io non l'ho letta, nè ho intenzione di leggerla.

E la tua descrizione, invece di migliorare la situazione, la peggiora: Tex qui si comporta da cretino, tuffandosi in una rissa solo per il divertimento di menare le mani. Senza neanche capire cosa è successo. Cos'è, Tex sarebbe quindi un ragazzino che ha voglia di far vedere chi è? O un represso che ha voglia di sfogarsi? O un cretino? Infatti, come l'ultimo dei cretini, si tuffa subito dentro la rissa, picchiando a caso e sbagliando persona, proprio come fa un emerito deficiente.  

Edited by joe7
  • Confused (0) 2
  • Sad (0) 1
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Carlo Monni dice:

Non ci saranno. 

Mai una gioia... 😞

1 ora fa, joe7 dice:

 

 Tex qui si comporta da cretino, tuffandosi in una rissa solo per il divertimento di menare le mani. 

Ohibò... Quale altro senso dovrebbe esserci in una rissa, se non appunto divertirsi? 😁

E comunque non è proprio così, te l'ha spiegato Poe... Tex interviene perché capisce che c'è lì Kit Carson e vuole dargli manforte...

 

Anche se, a livello grafico, la sintesi di Ticci un po' si fa sentire in quella scena, soprattutto nella prima doppia vignetta di pag.49, che serve a dare la visione d'insieme, rendendola un po' confusa... Carson, che Tex individua subito, si riconosce a fatica... (Ticci è un maestro nei paesaggi ma, per questo tipo di scene, avevo preferito Giolitti nell'albo "Polizia a cavallo", oppure Cvilla in "L'uomo senza passato"...)

Link to comment
Share on other sites

È tutta colpa di Boselli.

 

Se ci troviamo oggi a vedere "sprecati" due albi di Ticci con le solite "nizzate", è colpa di chi ha richiamato il "degno erede" a fare altri danni. E gli ha affidato persino una storia disegnata da Ticci.

 

Tutte le cose che ha detto Nizzi su Boselli nel suo famigerato video (e anche prima) sono tutte false, come le altre amenità che ha sparato su "GL Bonelli che iniziava sempre le storie con Tex che prende ordini da un militare". Ma Boselli se lo è ampiamente meritato lo stesso.

 

Perché questa non è la favola della rana e dello scorpione, questo è il SEGUITO, è "la rana e lo scorpione 2", in cui la rana, miracolosamente sopravvissuta, torna DI NUOVO a caricarsi sulla schiena lo scorpione: non erano stati già abbastanza chiari ed eloquenti gli ultimi anni di Nizzi prima che se ne andasse lui la prima volta?

 

Per colpa di Boselli, Ticci si è dovuto rompere le sc###le a disegnare questa storia, e ora mi annoio io a leggerla (ho seriamente pensato di metterla in libreria senza aprirla, ma alla fine Ticci "vale" più di Nizzi... però ammetto che alla fine non ce l'ho fatta, la storia era cosi piatta e noiosa che da metà in poi l'ho sfogliata velocemente...)

 

---------------

Passiamo alla storia.

 

Per me è una roba improponibile, che sarebbe stata bocciata a qualunque altro aspirante sceneggiatore che avesse avuto il fegato di proporla, ma la cosa non mi ha meravigliato: la stessa cosa si potrebbe dire di tutte le altre ciofeche che Nizzi ha sbolognato alla Bonelli da anni. Quindi, se assumi Nizzi e gli fai scrivere Tex, SAI GIÀ COSA AVRAI, il problema è a monte.

 

Inutile quindi cercare di spiegare che il Tex e Carson sono rappresentati come emeriti cretini incapaci: chiunque dotato della capacità di leggere un testo lo vede subito. E i "negazionisti ad oltranza"? Per me lo vedono benissimo anche loro, si vergognano semplicemente di ammettere che GLI PIACE VEDERE TEX RIDICOLIZZATO, e si arrampicano sugli specchi cercando di "spiegare" quanto sia eroico prendere una botta in testa da piccione. C'è persino chi arriva a dire "e allora Goldeena?", (tipo "E allora le foibe???" quando si faceva notare la sciocchezzuola dei campi di sterminio ai fan del crucco col baffetto alla Chaplin, stessa maniera di buttarla in caciara mischiando cose che manco si somigliano)

 

Più che la storia (che manco merita questo nome, e la fila di boiate e piccionate sarebbe lunga e tediosa) meritano commenti letti qui abbastanza strampalati. Tipo che questa storia "ricorda le vecchie storie di GL Bonelli".(?????)

 

Ragazzi. Basta leggere la PRIMA VIGNETTA. Guardate quel TERRIFICANTE SPIEGONE, un "pensiero esplicativo" totalmente innaturale, con Carson che racconta a se stesso la rava e la fava. Nizzi è MOLTO PIÙ VERBOSO E INNATURALE NEI DIALOGHI (e negli spiegoni) di Boselli: lo notate meno solo perchè fa storia TANTO BANALI E SCONTATE che quei baloon li potete pure saltare, mentre con Boselli vi "tocca leggere davvero quello che c'è scritto"...

 

Molto si è detto di Carson messo a testa in giù: ma la vera "figura da pollo" è prima: guardate a pagina 16: Carson prende la botta MENTRE È IN MEZZO AL SENTIERO!

 

Dov'era la persona che gli dà la botta in testa? Dietro di lui... cioè, Carson non si è accorto di nulla mentre un tipo gli è andato alle spalle facendo "zitt zitt" tipo Lupo Alberto e si è preso una botta in testa perchè, senza occhiali, non l'ha visto a 1 metro!

 

Ma è inutile, come ho detto, andare a cercare le numerose "nizzate", il risultato, LO DICE LO STESSO TEX!

 

Pagina 101: "ci siamo fatti fregare come due imbecilli"

 

lo dice lo stesso Nizzi. Visto che non si fida della capacità dei suoi fan di capire una storia (lo dice nello stesso video che citavo prima, per lui il lettore di Tex "non guarda nemmeno alla storia, basta che ci siano bistecche e patatine..."), ci tiene a ribadirlo.

 

E ha pure ragione a non fidarsi: anche se lo dice lui stesso, i suoi fan continuano a negare ad oltranza quello che dice... :laughing:

  • Haha (0) 1
  • Confused (0) 1
Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore

Colpo da maestro iniziale: Carson assiste comodo comodo a uno scontro tra cercatori d'oro e Shoshones senza alzare un dito. Dopo questo ho chiuso l'albo.

Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore

Quello scoppiato di Faber91 sul Tubo promuove la storia. Cercatelo voi, non ho voglia di dargli altre visualizzazioni.

Edited by Mister P
Link to comment
Share on other sites

Il 09/07/2024 at 18:36, joe7 dice:

 

Ma allora cosa stai sul forum a fare? Le discussioni servono ad approfondire le proprie esperienze, a comprendere meglio quello che leggi. 

 

 

Se tu consideri il fumetto un "argomento leggero", perchè perdi tempo in un forum in cui si parla di fumetti?

 

Mah... Innanzitutto, qui non perdo tempo, ma mi dedico al forum in forma leggera (perdere tempo per me, come detto, sarebbe intestardirsi ad approfondire. E' un fumetto, quindi "leggero", ed è IMPORTANTISSIMO proprio perchè è leggero e finchè resta tale. Essere leggero non significa non essere serio).

In sostanza, non vado oltre qualche concetto da esprimere. La mia opinione è formata da 53 anni di Bonelli, per cui la ritengo sufficientemente solida su questo argomento. Questo non significa che non la cambio, ma che, quando la esprimo, si fonda su (per me) solide basi. 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Solo stamane son riuscito a prendere l'albo, di conseguenza sulla storia non mi posso esprimere (purtroppo per impegni sono rimasto indietro con le letture, tanto è vero che anche il texone ancora giace sulla scrivania in attesa di essere gustato), tuttavia sento l'esigenza di puntualizzare un mio fermo punto di vista.

 

Ho avuto la sventura d'imbattermi in un commento su Facebook, in cui si accusava il maestro Ticci di realizzare ormai disegni pressappoco scarabocchiati e a dire il vero, mi sono attorcigliate le budella dinanzi un simile scempio di pensiero.

 

Basta una rapida sfogliata, per confermare quanto Ticci (alla veneranda età di 84 anni!) sia ancora un asso difficile da pareggiare. La maestria dei suoi sfondi, dei bilanciamenti dei neri, del suo stile sempre valido e riconoscibilissimo, della dinamicità delle sue vignette, sembrano quasi ai livelli di trent'anni fa. 

 

Rispetto ad altri illustri (e da noi lettori) amati colleghi (Galep, Letteri, Ortiz) che negli ultimi anni di carriera, per problemi di salute, hanno visto un lento ma inesorabile declino grafico, Ticci tiene botta ancora alla grande.

 

"Disegni scarabocchiati", Tzè ma la gente che ca.... si fuma per dire corbellerie simili! :craniate:

 

Se la platea dei lettori medi di Tex è di questo livello, sono fiero di fare parte di una esigua fetta di "rompitasche" frequentante un Forum.

Link to comment
Share on other sites

Ticci scarabocchiato? La qualità del suo disegno è sempre egregia, basta guardare le anteprime o sfogliare il  numero per accorgersene. 

16 ore fa, Trinità dice:

Ohibò... Quale altro senso dovrebbe esserci in una rissa, se non appunto divertirsi? 😁

E comunque non è proprio così, te l'ha spiegato Poe... Tex interviene perché capisce che c'è lì Kit Carson e vuole dargli manforte...

Tex non va nelle risse per divertirsi, ne è coinvolto: è diverso. E poi, dare manforte a un amico prendendo a pugni gli amici dell'amico...era meglio se non facevi niente, allora. Ma lasciamo perdere: la storia ti è piaciuta, sono contento che ti sia piaciuta e finiamola qua. Pace.

Edited by joe7
Link to comment
Share on other sites

Mi viene da ridere quando si vuole giustificare l'ingiustificabile affermando che si adesso Nizzi ogni tanto fa qualche marachella, ma ha sfornato tanti capolavori.

A parte che imho non ne ha mai scritto uno e al massimo due o tre storie accettabili, ma è almeno dal 400 che semina queste perle con una costanza degna di miglior causa.

 

Nizzi su Tex proprio non doveva essere chiamato, questa è la mia verità. Un giallista imprestato a Tex e per motivi insondabili, mai più restituito.

 

Io a vedere Carson che segue le pepite che suppone CADUTE DA UNA TASCA BUCATA, che TUTTI avrebbero sospettato abbandonate per fregarlo, e il povero ex grande pard di Tex che dice che l'unica spiegazione possibile è quella, penso che meritava di finire al palo della tortura.

E chi lo frega? Un terribile criminale? No, un cercatore d'oro... uno bravo con la paletta e il secchiello, mica con le colt.

 

Non so cosa sia successo dopo perché ho archiviato il "capolavoro", ma leggere commenti soddisfatti dopo l'ennesima imho "figura di m.", mi fa capire che il meno colpevole è lui.

E oltre a Boselli & Co. ci metto anche i lettori che continuano a sospirare ogni volta che vedono il suo nome come autore :D

Link to comment
Share on other sites

Io in questo albo ho ritrovato ancora un grande Ticci.  Forse qualche vignetta che raffigura molti personaggi non è leggibile immediatamente come un tempo, ma le pose e la dinamicità ci sono tutte come un tempo e forse sono anche migliori. Il volto di Tex poi e ancora uno dei migliori se non il migliore in assoluto,  volto per mè veramente espressivo, che ti fa capire quando Tex  è incazzato o ironico o quando esprimere tutti gli altri sentimenti.🍺🖐

Link to comment
Share on other sites

4 hours ago, Condor senza meta said:

Rispetto ad altri illustri (e da noi lettori) amati colleghi (Galep, Letteri, Ortiz) che negli ultimi anni di carriera, per problemi di salute, hanno visto un lento ma inesorabile declino grafico, Ticci tiene botta ancora alla grande.

Verissimo! Ticci mi fa tornare per qualche minuto il bimbo di 50anni fa. Volti dei pard (o pards) insuperabili (alla pari con Letteri).

La storia: anche concordando sulle (evitabili) ingenuità messe in luce da molti, é pur sempre mille volte meglio dei marziani volanti dotati di alabarde spaziali.

On 7/8/2024 at 3:33 PM, Letizia said:

Qui ognuno è libero di esprimere la propria opinione senza paura di essere accoppato sulla main street.

A proposito, @frank_one, quanto sei alto?

Piuttosto, quanto pesi!

  • Like (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Otami dice:

Piuttosto, quanto pesi!

Il peso non conta: le casse di pino sono molto robuste.

Però possono essere corte: se uno è alto due metri e la cassa è corta, non ci entra.

Link to comment
Share on other sites

Adesso, Otami dice:

 

La storia: anche concordando sulle (evitabili) ingenuità messe in luce da molti, é pur sempre mille volte meglio dei marziani volanti dotati di alabarde spaziali.

Per questo sarai tacciato di eresia nizziana :D

Link to comment
Share on other sites

Il 09/07/2024 at 19:12, Magic Wind dice:

 

Il lupo di regola non attacca l'uomo, che vede come una minaccia e non come una preda. Se non ricordo male, Boselli a un vecchio incontro coi lettori disse che sotto la sua curatela non si sarebbero più visti su Tex lupi che attaccano persone.

👍 Concordo sulla regola, ma ci sono le terribili eccezioni.

Link to comment
Share on other sites

L’albo è da acquistare assolutamente per i disegni di Ticci. Anche se per la prima volta si notano delle linee meno precise e un tratteggio più incerto, segno della patologia agli occhi di cui soffriva, la sua sintesi e la sua capacità evocativa rimangono sempre impareggiabili. Si conferma l’attuale migliore illustratore western del mondo.

 

La storia, che ha un buon ritmo e un certo brio, mi era anche piaciuta fino a tre quarti albo - l’inizio con Carson grande protagonista, le scaramucce coi cercatori d’oro, la scazzottata al saloon, le scene molto crude della strage al campo indiano e della vendetta degli shoshones -, poi purtroppo Nizzi fa entrare Tex in modalità “pirla della notte”: si fa infinocchiare come un fesso dal comandante del Forte, convince gli shoshones ad arrendersi condannandoli a morte certa, e infine si fa arrestare e sbattere in guardina. Per fortuna arriva il vero eroe di questo primo albo, il Sergente Ronny, che rischiando la corte marziale libera i nostri, escogita il piano di fuga e sempre lui da solo, mica Tex e Carson, fa evadere gli indiani dal Forte.

 

Nizzi ci tiene a sottolineare per bene la dabbenaggine dei nostri: “Mi ha teso un tranello e io ci sono cascato come un novellino” (Tex), “Ci siamo fatti fregare come due imbecilli” (Carson), e la più bella di tutte: “Mai più mi fiderò di un pagliaccio gallonato come il colonnello” (Tex).

 

Non so cosa succederà nel secondo albo, ma la vedo dura rimediare a un simile disastro.

 

 

Edited by Magic Wind
Link to comment
Share on other sites

Vorrei dire due parole anche sull'ottimo lettering di Monica Husler, che fa pure la sua parte nel rendere i testi chiari e leggibili :)(sembra una cosa da niente, invece...)

<span style="color:red">6 ore fa</span>, joe7 dice:

Tex non va nelle risse per divertirsi, ne è coinvolto: è diverso.

Mai sentito parlare di "unire l'utile al dilettevole"? 😄

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">17 ore fa</span>, Diablero dice:

Passiamo alla storia.

 

Salto tutto il resto perché stavolta sono assolutamente d'accordo con te su tutto.

Potrei solo dire che, dato quello che avevo sentito, mi aspettavo di peggio 

Uno dei problemi di Nizzi è che invece di mettere la storia al servizio del personaggio, lui fa esattamente il contrario. Perché la storia vada nella direzione da lui voluta Tex deve per forza comportarsi in quel modo, poco importa che ciò sia incongruo con la sua storia personale e la sua psicologia. Non pensa nemmeno ad una soluzione alternativa eppure qualsiasi bravo sceneggiatore, lui compreso, sarebbe stato capace di trovarla se avesse voluto ... se avesse voluto .

 

<span style="color:red">9 ore fa</span>, Condor senza meta dice:

Basta una rapida sfogliata, per confermare quanto Ticci (alla veneranda età di 84 anni!) sia ancora un asso difficile da pareggiare

 

In realtà, quando ha disegnato queste pagine di anni ne aveva tra i 78 e gli 80, ma questo non cambia di una virgola il resto del tuo discorso specie se consideri che cominciava ad avere problemi agli occhi.

 

<span style="color:red">9 ore fa</span>, Condor senza meta dice:

Ho avuto la sventura d'imbattermi in un commento su Facebook, in cui si accusava il maestro Ticci di realizzare ormai disegni pressappoco scarabocchiati e a dire il vero, mi sono attorcigliate le budella dinanzi un simile scempio di pensiero.

 

Ci sono disegnatori che darebbero un braccio (il sinistro :laugh:) per saper fare scarabocchi simili alla sua età. Non dovrebbe essere difficile trovare parole di elogio di  Michele Rubini ed altri disegnatori di Tex e non solo .

 

<span style="color:red">10 ore fa</span>, Mister P dice:

Quello scoppiato di Faber91 sul Tubo promuove la storia. 

 

Ecco un'altra prova, se ce ne fosse stato bisogno,  che la storia non è valida-:P

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Il soggetto di questa storia per me è molto buono: l'oppressione dei soldati contro i nativi e i soliti trucchetti per convincerli a sloggiare dalle loro terre. Un canovaccio visto mille volte che conserva intatto il suo fascino. Se poi a metterlo in pratica sono Nizzi e Ticci, cioè gli stessi che hanno fatto "Le colline del vento" allora siamo a cavallo.

 

O meglio, SAREMMO a cavallo perché da "Le colline del vento" sono passati 34 anni ed entrambi gli autori sono invecchiati. Uno dei due è invecchiato benissimo, l'altro malissimo (a voi indovinare chi).

 

E infatti la storia che ho letto contiene solo un pugno di scene degne di nota (il saluto della moglie di Falco Giallo alla sua partenza e il massacro al villaggio indiano), mentre il resto oscilla tra il noioso e il pessimo.

 

Noiosi i dialoghi, zeppi di spiegoni di cose che il lettore già sa (il punto più basso è quando Falco Giallo ripete a Tex ciò che nell'albo viene raccontato una decina scarsa di pagine prima); pessime diverse scene che con pochi aggiustamenti sarebbero potute essere divertenti o drammatiche a seconda dei casi.

 

Esempio: la rissa nel saloon. Tex che arriva e picchia il primo che passa per poi essere avvisato da Carson che "quello è dei nostri" è una scena ridicola che trasforma Tex in un bulletto di quartiere. Sarebbe bastato che fosse stato il povero malcapitato il primo a sferrare un cazzotto al ranger, in quel caso la scena avrebbe avuto un effetto diverso.

 

Altro esempio: la cattura di Falco Giallo. A leggerla così, sembra che questa storia sia tipo collocabile tra "Il tranello" e "Il figlio di Tex" perché non è possibile che uno come Tex, con tutti i suoi trascorsi, non sia minimamente sospettoso nei confronti del comandante del forte, un tipo che si capisce SUBITO che è in combutta con i cattivi già solo dalla faccia che ha e ben prima dei balloon rivelatori. Sempre Tex non può commettere un'ingenuità tale da consegnare gli indiani direttamente in bocca ai soldati così dal nulla, senza neppure un piano B.

 

Sarà il fatto che parliamo del mensile, sarà che il tema proposto è comunque quello da grandi occasioni (sia pure per soli due albi), sarà che quando c'è Ticci uno spera sempre nel guizzo, fatto sta che questo primo albo è da bocciare in quanto a sceneggiatura.

 

Discorso diametralmente inverso per i disegni.

 

Io non so per quali motivi Ticci si sia lamentato di questa storia (posso immaginarli, ma li sa solo lui), ma lo capisco. "Amico, sono a fine carriera, non posso chiudere con una storia così"

 

Eppure Ticci, nonostante l'età, nonostante i segni del tempo siano evidenti sul suo tratto, riesce ancora a convincere e a confermarsi il miglior interprete che il ranger abbia mai avuto. Sì, la rissa del saloon è complicata e non si capisce dov'è Carson, sì, alcune anatomie sono un po' "fantasiose", sì, le scene più movimentate hanno degli scricchiolii, sì, va bene, ok, ho capito, ma ragazzi, è Ticci!

Le atmosfere polverose del vecchio west, dei fortini militari e degli accampamenti indiani sono le sue, uniche e irripetibili, e rimane un maestro anche a quest'età. 

Da levarsi il cappello.

 

Io non so se Ticci stia lavorando a qualcosa, ma se ha in progetto di chiudere la carriera e ritirarsi a vita privata lo capirei benissimo.

Tuttavia, nel mio cuore batte una sola parola: cartonato.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">16 minuti fa</span>, Laramie dice:

Io non so se Ticci stia lavorando a qualcosa,

 

In questo momento non sta lavorando a nulla, ma è in attesa di una sceneggiatura che, si spera, gli consentirà di chiudere la carriera, se vorrà chiuderla, s'intende, con una storia a lui più gradita.

  • Thanks (+1) 1
  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">14 ore fa</span>, Carlo Monni dice:

Ci sono disegnatori che darebbero un braccio (il sinistro :laugh:) per saper fare scarabocchi simili alla sua età. Non dovrebbe essere difficile trovare parole di elogio di  Michele Rubini ed altri disegnatori di Tex e non solo .

Infatti, ho letto gli elogi di Rubini in un post apposito da lui creato e i commenti di stima di Raul Cestaro, Filippucci e Villa destinati al grande maestro senese. A dire il vero, gli addetti ai lavori hanno espresso un coro unanime di approvazione e non poteva essere altrimenti visto l'immenso spessore dell'artista in questione.

 

Ticci, oltre a essere una colonna portante di Tex, è stato e rimane, un punto di riferimento e ispirazione per ampie flotte di fumettisti. Un mostro sacro del fumetto italico e internazionale.

 

Proprio per questo, quei commenti ingenerosi e ignoranti dei soliti critici di tastiera, mi hanno fatto innervorsire.

Già un immane tristezza mi coglie al pensiero che l'ultimo baluardo dell'epopea d'oro di Tex possa essere giunto agli ultimi sgoccioli della sua gloriosa carriera! 

 

 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.