Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

zagor70

Cittadino
  • Posts

    210
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

Posts posted by zagor70

  1. 7 minutes ago, Diablero said:

    Che nelle storie di Nizzi e Nolitta, Tex viene ridicolizzato, viene mostrato come un imbecille, uno sbirro ottuso ligio alla legge, un mangione, un pollo ottuso pieno di sè e tracotante. Un personaggio RIDICOLO.

     

    Ecco la solita esagerazione che davvero ha del ridicolo.

    Basterebbe prendere "El Muerto" dove c'è un Tex granitico che non si ferma dove tutti gli altri hanno paura di affrontare gli avversari: non a caso mi ricordo che questa storia, tra tutte quelle della testata, fu scelta per rappresentare Tex sulla trasmissione "supergulp" dove facevano vedere i fumetti a mò di cartone animato.

     

    Per non parlare di tutti i capolavori di Nizzi prima del suo declino post 400.

    • Haha (0) 1
  2. Tutto vero, però non esiste un solo Tex (quello di G.L. Bonelli).

    C'è quello di Nolitta, quello di Nizzi e pure quello di Boselli che sono tutti diversi: ogni autore ha il suo Tex.

    Pure su Zagor, anche Burattini negli ultimi anni, si è scostato abbastanza da Nolitta, anche se lui non lo dirà mai.

    Ancora di più ci siamo allontanati dal personaggio originale con Dylan Dog, che ora è completamente un altro fumetto; mi pare che lo stesso Recchioni abbia detto che (secondo lui) era necessario un taglio netto perché nessuno è in grado di scrivere come Sclavi.

    Questo o si accetta o si smette di leggere.

    Ognuno avrà il suo "limite" oltre il quale molla perché non riconosce più il personaggio: io per ora ho chiuso con Dylan, poi vedremo.

    • +1 2
  3. 2 hours ago, LedZepp said:

    Un Quercia Rossa più giovane sarebbe stato un guerriero nel pieno delle sue forze, ma sarebbe mancato del romanticismo alla storia. Sarebbe stato lo scontro tra due guerrieri indiani, entrambi nel pieno delle forze, e Tex un permetto terzo incomodo a reggere la candela. 

    Di fatto, Tex finisce per fare il terzo incomodo anche con Quercia Rossa anziano

    1 hour ago, Diablero said:

    Nel proseguo della storia, cosa interessa a Ruju? Cosa viene sempre sottolineato? Che è vecchio e non è più il guerriero di un tempo?

     

    No, si sottolinea il "superpotere", il "Gimmick": "ruba le frecce ai nemici". Quella pare l'unica cosa importante...

    Perchè nelle intenzioni dell'autore, quello doveva essere il tratto distintivo tra Quercia Rossa e tutti gli altri personaggi simili apparsi prima di lui. Poi, per me, il risultato non é stato soddisfacente

  4. Finito di leggere ieri sera e non sono rimasto per nulla soddisfatto.

    A parte le forzature più o meno importanti che ci possono essere, quello che c'è di più negativo per me è la caratterizzazione dei personaggi principali della storia.

    Chogan è il solito cattivo che ha avuto un'infanzia difficile; Quercia Rossa passa dal vecchietto che si ritira per morire (come fanno i cani) ad una specie di terminator, instancabile ed invincibile: addirittura entra da solo nel villaggio nemico per vendicarsi di Chogan, mettendo a rischio l'incolumità dei ragazzi rapiti, mentre Tex e Carson sono più cauti per questo motivo. Poi ci sono altre situazioni stonate già messe in evidenza da altri come Chogan ragazzo che si butta nel burrone senza farsi un graffio; se "pistolero vudu" era una storia dichiaratamente del filone magico-horror e certe esagerazioni mi avevano divertito più che infastidito, in questa storia che invece è di stampo realistico, si digeriscono peggio.

     

    Per quanto riguarda i disegni, secondo me lasciano parecchio a desiderare.

    Se per esempio prendo la tavola in alto a pagina 20 e vedo il primo piano di Tex mi viene da pensare:

    ma davvero non c'è la possibilità di fare meglio di così?

     

    Per me il voto complessivo è 5

  5. Io condivido in particolare la parte riguardante il personaggio di Chogan: cattivo perchè ha avuto un'infanzia difficile, e sarà il numero 120 più o meno così.

    Mi piacerebbe vedere un tipo come nel film "Delitto a luci rosse" con Nicholas Cage, dove si parla di snuff movies.

    Il tizio che sevizia e uccide le ragazze durante le riprese si fa chiamare "Macina", e alla fine dice esplicitamente che non ha avuto nessun trauma infantile, non gli è mancato l'affetto e cose simili: uccide solo perchè gli piace farlo, senza un motivo.

    Un bel pazzo assassino e sadico senza nessuna scusante, sarebbe a questo punto anche su Tex una cosa diversa dal solito, senza ricorrere al soprannaturale.

  6. Trama con elementi già visti, rivisti e stravisti.

    Nulla di sbagliato, ma molto ripetitivo e rassicurante per tutti quelli che hanno schifato "pistolero vudu".

    A meno di particolari colpi di scena nella seconda parte, sarà un episodio da sufficienza che si dimenticherà abbastanza velocemente.

     

    I disegni di Prisco mi sono sempre piaciuti poco (anche su Zagor).

    Mi ha sempre dato l'impressione che i suoi personaggi siano "più giovani" rispetto a come li disegnano gli altri.

    In particolare il volto di Tex mi sembra poco particolareggiato: non due puntini al posto degli occhi e una riga al posto della bocca, ma in alcune tavole nemmeno tanto di più.

  7. Ti piace anche il 400 ?

    Ad un certo punto Dylan e Groucho sono inseguiti da un orda di Zombie e arrivano sull'orlo di un precipizio: Groucho dice "Dannazione, siamo arrivati al margine della pagina".

    Oppure prima, quando partono con il galeone Dylan, riguardo alla rotta da seguire dice "seconda stella a destra, questo è il cammino...

    citazione di Bennato che ci stava come il cavolo a merenda; del resto anche tutti gli altri albi sono riempiti di citazioni più o meno a sproposito.

    Oppure ti piace il 399 ?

    Ci sono i nazisti-vampiri e ad un certo punto Dylan gli dice "arrivo io l'ammazzavampiri"... parole in bocca al personaggio che fanno rabbrividire chi l'ha letto fin dall'inizio.

    Oppure ti piacciono quelli dopo il 400, dove al posto di Dylan Dog c'è un personaggio barbuto e al posto di Groucho c'è Gnaghi del libro di Sclavi ?

    Mi fermo perchè non é il topic giusto, ma quando si parla del "distruttore" di Dylan Dog, non ce la faccio a non esprimere la mia opinione (purtroppo largamente condivisa, altrimenti il problema sarebbe solo mio). 

  8. 16 hours ago, Carlo Monni said:

    Se il giovane Tex avesse avuto Jeff Bridges come idolo vorrebbe dire che aveva  doti divinatorie. Non solo il cinema non era stato ancora inventato ma l'attore in questione sarebbe nato 89 anni dopo.

     

    Forse voleva dire Jim Bridger del maxi Nueces Valley, che in effetti era un pò sbruffone.

    Se così è il giovane Tex, incontrando una persona matura e molto diversa da lui (Zagor), ha avuto modo di riflettere e crescere.

  9. 10 hours ago, Vecchio Serpente said:

    Il finale potrà anche esser stato diverso dal solito, però è sembrato chiaverottiano più che boselliano o texiano.

     

    Questo l'ho pensato subito anch'io: un pò come le storie di Chiaverotti su Dylan Dog (una su tutte "il buio") dove ad un certo punto si arriva ad una soluzione razionale, ma nell'ultima pagina si ritorna al soprannaturale.

    Però io non la vedo come una cosa negativa... anzi.

     

    Per il resto, se una storia mi piace, non mi faccio guastare il piacere della lettura da qualche situazione che può essere più o meno irrealistica (ho ben digerito anche le soluzioni magiche su "pistolero vudu").

    Altrimenti l'80% di fumetti, libri e film sarebbe da scartare per questo motivo.

    Penso ad esempio alla serie "Breaking bad" dove quello che accade al professore di chimica è sempre più inverosimile, ma sempre più divertente. Se tutto deve essere sempre rigorosamente realistico, poi finisce per annoiare: per me l'ideale è un giusto bilanciamento con situazioni adatte a spettacolarizzare la storia, senza esagerare.

  10. Non è la migliore di Boselli ma sicuramente la miglior storia post 700.

    Complici anche i bei disegni di Bruzzo.

    Schema collaudato con la narrazione che si alterna sui vari gruppi coinvolti nella vicenda, sempre ben sviluppata.

    C'è spazio pure per un momento con Tex umano, quando ammette di trovarsi in difficoltà in un luogo molto diverso da quello in cui si muove abitualmente, salvo poi ritornare protagonista ,sia con le armi che con la testa.

    Alcune scene abbastanza cruente (Dallas che spappola un cannibale / l'orso mangiatesta) hanno contribuito ad alzare il livello di drammaticità della storia.

    Stavolta anche il finale, che a volte è il punto debole dell'autore (soluzioni un po' improbabili, frettolose o troppo smielate), mi ha invece soddisfatto: anche le ultimissime pagine, con l'orso e l'uomo che si inabissano insieme nelle acque, le ho trovate azzeccate. 

    L'unico appunto che si può fare è un pochino di lentezza soprattutto nei primi due albi: forse si poteva ridurre qualcosa e chiudere con 3 albi e mezzo, o solo 3 .... ma va bene così.

    Per me il voto complessivo è 9.

     

  11. 7 minutes ago, Doudou said:

    Caro Zagor70, cosa pensi invece de "La Palude dei Forzati"? Scusate l'off topic.

    Altra bellissima storia di Burattini, bella corposa e con personaggi caratterizzati in modo superlativo: se non da top 10 é almeno da top 20 zagoriana. Questa e il maxi "La lunga marcia" sarebbero da aggiungere alle 2 che ho già citato.

    D'altra parte in 60 anni di vita editoriale, ci sarà qualche ciofeca, ma di avventure con la A maiuscola ce ne sono tante.

  12. 12 hours ago, Pallino said:

    Mi piacerebbe sapere se possibile da Zagor79 quali ritiene le 3 migliori storie di Zagor,da recuperare e leggere,essendo un non abitudinale lettore di Zagor......vado in fiducia....

    Mi correggo Zagor70.....excuse me

    Rispondo volentieri anche se solo 3 sono davvero poche (facciamo almeno 10 in ordine temporale e non di preferenza).

    Le migliori per gli zagoriani sono naturalmente quelle di Nolitta, ma anche Boselli e Burattini hanno sfornato storie che sono indelebili nella mente dei lettori.

     

    Per Nolitta ti dico:

    85-87 Zagor contro il vampiro

    89-92 Libertà o morte

    112-116 La marcia della disperazione

    122-125 Zagor contro Supermike

    129-133 Kandrax il mago

     

    Per Boselli:

    345-348 L'esploratore scomparso

    366-367 Vendetta vudu

    386-388 Il terrore dal mare

     

    Per Burattini:

    Gigante 2 L'uomo che sconfisse la morte

    590-593 Mortimer ultimo atto

     

    Questi sono tutti capolavori, e non sarebbero i soli.

    Attenzione che la numerazione è quella di Zagor... sulla costolina degli albi della serie Zenith va sommato 51, perché all'inizio non conteneva storie di Zagor.

     

  13. Si, Kiki Manito é il dio dei nativi, creato da Tiziano Sclavi (il papà di Dylan Dog) nella storia "Incubi", che é la più onirica dell'intera serie. Viene rappresentato graficamente come un bambino indiano in groppa ad un bisonte.

    In questa vicenda di ben 6 albi, in una dimensione parallela, c'è addirittura uno Zagor che si suicida sparandosi in testa dopo aver visto andare in frantumi il suo sogno di pace, con gli indiani sterminati dall'uomo bianco.

     

    Per contro Boselli ha creato il dio del male Wendigo in uno speciale: lui è rappresentato come una specie di enorme culturista, tutto nero con dei cerchi rossi sparsi sul corpo a mò di tatuaggio.

     

    Nelle storie del filone fantastico non manca nulla.

  14. 14 minutes ago, MacParland said:

    "Il ponte dell'arcobaleno" è una delle storie più buoniste e stravolgenti che ci siano. Anticipando Moreno. Il primo cambio avviene proprio lì, in quella storia. Qui si trova Il primo passaggio dal Mike Wilding massacratore di 320 Abenaki, ad anima di dio travolta dagli eventi.

    A questo rispondo.

    Sul numero 400, quando Zagor incontra il padre, Mike Wilding gli dice che un tempo era accecato dall'odio e dall'ambizione, per cui si é reso responsabile del massacro che per sempre lo tormenterà.

    Solo DOPO capisce l'errore, diventa praticamente un'altra persona... CAMBIA, e per questo gli Abenaki nell'aldilà lo hanno perdonato: perché anche loro capiscono che non é più lo stesso uomo.

    Questo ha scritto Boselli, e non va in contrasto neanche di una virgola rispetto a quanto dice (o fa intendere) Nolitta su "Zagor racconta".

     

    Burattini invece, sulla miniserie "Le origini" trasforma Mike Wilding in un personaggio buono fin dall'inizio.

    Gli trova un sacco di scusanti: era giovane e inesperto, i commiltoni lo spingono ad attaccare gli indiani e così via.....

    tutto perché nelle idee di Burattini il padre di Zagor doveva essere stato sempre buono per forza ... come se una persona non potesse cambiare anche drasticamente, a seguito di un evento traumatico.

    Oltretutto anche S.Kinsky che era un personaggio schivo ma che amava i suoi abenaki al punto di insegnargli anche a lavorare la terra e vuole (giustamente) punire il padre di Zagor massacratore di indiani, viene nella miniserie trasformato in un predicatore folle con tanto di occhi strabuzzanti, che gode a frustare i suoi protetti.

    In questo modo, Zagor non ha più commesso un errore vendicandosi degli Abenaki: erano loro i cattivi e non più suo padre (povero diavolo spinto all'errore da eventi esterni).

    E così facendo non ha senso che nasca lo spirito con la scure (come dice anche Diablero), perché Patrick Wilding non ha nessuna colpa da espiare.

     

    A scanso di equivoci, a me Burattini piace, ci sono tante bellissime storie scritte da lui e anche alcuni capolavori.

    Ma in questa occasione ha fortemente deluso; e continua a dire che non ha cambiato nulla.

    Io faccio finta che la miniserie "le origini" non esista

    • Thanks (+1) 1
  15. 47 minutes ago, R come Ramon said:

    Cico è un personaggio particolare: Tex e Zagor se feriti sanguinano, lui no, perché se lo facesse non ci farebbe più ridere. Ecco perché non è presente: gli mancano delle caratteristiche che sono indispensabili per apparire in una storia di Tex.

    Non é così.

    Sulla prima storia con Kandrax, si arriva alla fattoria dei Coleman, vicino al luogo dove si risveglia il druido, proprio per curare Cico che é stato ferito da un pazzo che perde le staffe quando sente parlare in messicano.

    Su "incubi" di Sclavi Cico viene legato al palo della tortura e ad un certo punto sembra che una scure gli abbia aperto la testa in due: poi ovviamente si vede che é stato solo ferito.

    Ma sai quante volte CIco é stato ferito in modo più o meno importante ?

    Non tutti gli autori lo hanno usato solo come macchietta che deve far ridere in ogni occasione.

    13 minutes ago, borden said:

    Diciamocelo: ho già in mente la sua prima apparizione e anche un paio di canzoncine...  Piccinelli già lo sa.

    Bene, molto bene

  16. 1 hour ago, Pallino said:

    Solo per curiosità volevo citare questa frase riferita all'albo "La strega della sierra" di Zagor:

     

    "

    • Riferimento anche a Tex; quando Masewi restituisce le tavole sacre dei Navajo infatti afferma: "Un grande capo bianco vi proteggerà dal male… noi Hopi vivremo accanto a voi".

    Sceneggiatura di Boselli-Burattini

     

    mi sembra che anche quì c'è un anteprima della profezia dello speciale,il fatto è casuale o è incastrato perfettamente??

     

    Premetto che non l'ho letto e appunto per questo son curioso di una spiegazione.

    Alla fine della storia, il giovane navajos Nakai ottiene in sposa la figlia del vecchio sciamano Hopi.

    Gli vengono anche consegnate le tavole sacre con le quali acquisterà credibilità agli occhi della sua tribù, che convincerà a perseguire la strada della pace. Nakai chiede a Masawi se il suo popolo avrà un lungo futuro, ed il vecchio gli dice che ci sarà un grande capo bianco ad aiutarli per farli restare sempre sulle loro terre: chiaro riferimento a Tex.

     

    La domanda però è:

    anche ammesso che Zagor si ricordi di questa frase dopo quasi 30 anni,

    come fa ad associarla proprio al giovincello Tex ?

    Solo perché questo WIller é amico dei Seminoles?

    Gliel' ha sussurrato Kiki Manito all'orecchio durante il sonno ?

    Zagor, il grande stregone con poteri divinatori, ha interrogato gli spiriti in proposito?

    Io la vedo come una cosa poco plausibile se non per spettacolarizzare l'arrivederci tra i due eroi.

     

    PS: se la storia "Le sette città di Cibola" davvero non l'hai letta, ti consiglio di recuperarla perché merita non poco.

  17. 6 minutes ago, Chinaski89 said:

    Qualche difetto qui e là ci sarà pure, la profezia sarà anche stonata ma chissenefrega tutto sommato.

     

    La storia è più che godibile, i disegni stupendi (copertina a parte), protagonisti e altri personaggi azzeccati. Non vedo di cosa ci si possa lamentare ed eventuali seguiti saranno più che graditi.

    Più che giusto: infatti qui e anche sul forum di Zagor siamo tutti soddisfatti della storia, che é andata anche meglio di quanto ci si potesse aspettare.

    Su youtube, chi non segue regolarmente i due personaggi, la pensa diversamente:

    E' una terza parte di ..... non ci ha capito un cippa... troppi personaggi :D

    Peggio per loro e buon per noi.

  18. 25 minutes ago, Pallino said:

    Realistico?? E chi lo ha detto che in una storia anche vista nel contesto del Tex giovane,bisogna essere realistici??

    Questo team-up é realistico.

    Come tutte le storie uscite sulla serie del giovane Tex, tranne quella dove "sfiora" Mefisto.

    E guarda caso, pur piacendomi molto, é l'unica che contiene un'incongruenza: Mefisto ha già poteri enormi in un tempo precedente a quello dei numeri 3-4 della serie regolare, dove era poco più di un prestigiatore.

    Poi questo fatto della profezia su cui ci stiamo dilungando non é che alla fine sia una cosa da marchiare con la matita rossa.... però io come altri, lo avrei evitato.

  19. 10 hours ago, Pallino said:

    Non mi pare una sufficente ragione per far perdere a Zagor le sue origini di personaggio che sconfina nel fantastico

    Attenzione però: il fantastico su Zagor c'è sempre stato, ma lo Zagor delle origini (quello di Nolitta) non era un personaggio fantastico lui stesso. Appariva fantastico agli indiani grazie anche ai trucchi ideati con Molti Occhi, o anche solo con Cico.

    Su una storia della serie Tex WIller non c'è il mondo fantastico di Zagor, e soprattutto in quello del giovane Tex non c'è stato ancora nemmeno Mefisto. Per questo fare la profezia da parte di Zagor senza nessun fatto concreto a surrogarla può essere poetico, ma in questo contesto decisamente realistico, un po' mi stona.

    6 hours ago, Diablero said:

    E per chiarirsi: per "mondo di Tex" non intendo un nerdistico "universo parallelo" in cui tutte le storie dovrebbero avere un impossibile coerenza. Intendo un universo editoriale, con uno stile riconoscibile, in un setting riconoscibile e coerente. (quello che Zagor ha perso a furia di buttarci dentro di tutto)

     

    ANCHE per questo (che di motivi ce ne sarebbero mille) la profezia mi appare stonata. Non fa parte del mondo di Tex. Dove di profezie ce ne saranno anche, ma non sono così. (lo Zagor attuale è soggiogato dalle profezie, che gli impongono di tutto. Era predestinato persino a mettersi quel vestito, tanto per fare un esempio. Cioè non ti scegli una giacca senza una antica profezia che te la indichi. Tex le profezie le ha sempre prese a pistolettate, ridendo di quella della Strega Papago fino agli scontro con Mefisto e tanti altri che facevano profezie sulla sua morte. Nel mondo (nella serie) di Tex le profezie sono spesso sbagliate e fuggono di fronte alle colt dei pards...)

     

    NON È "IMPOSSIBILE" fare dei crossover, come alcuni auspicano, dove SI POSSA METTERE DI TUTTO, FREGANDOSENE DELLA COERENZA DELLA SERIE. Anzi, è stato fatto spesso. Il risultato sono serie "bidone dell'indifferenziata" come l'attuale universo Marvel e Zagor

    Esatto: il team-up di Zagor con Flash penso sia la più grossa bidonata fatta fino ad ora.

    Sulla Zenith, dopo il disastroso Kandrax di Chiaverotti, ed altri episodi con mostriciattoli di ogni forma e tipo, molto contestati, sembra che stiano un po' aggiustando il tiro.

  20. Sempre più bella questa storia.

    La tribù dei cannibali che appaiono con i denti aguzzi é rappresentata benissimo anche dal punto di vista grafico. L'idea di chi siano e da dove sono saltati fuori, ce l'avranno ormai in diversi.

    La scena in cui Dallas ne uccide uno colpendolo ripetutamente alla testa con il calcio del fucile, rende l'idea di quanto possano incutere timore.

    A meno di un'improbabile crollo nell'ultimo albo, questa sarà da ricordare come una delle migliori storie degli ultimi anni.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.