Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
  • Smonta dalla sella, srotola la coperta ed accendi il fuoco!

  1. TWF consiglia

    1. 833
      posts
  2. AMMINISTRAZIONE FORUM

    1. Regolamento

      Da rispettarsi!

      1
      post
  3. Gli altri autori di Tex

    1. Gli altri autori di Tex

      Spazio dedicato agli altri Autori di Tex

      6.2k
      posts
  4. TUTTO SU TEX

    1. 25.4k
      posts
    2. Le storie inedite

      Sino alla comparsa della nuova storia, poi spostati in "Storie Recenti"

      1k
      posts
    3. 26.6k
      posts
    4. 15.2k
      posts
    5. Gli Autori

      Per discutere sui vari autori di Tex

      4.8k
      posts
    6. 108
      posts
    7. Galleria Texiana

      Spazio dedicato esclusivamente alle immagini su Tex

      3.3k
      posts
    8. 1.6k
      posts
  • Albi Prossimamente in Edicola

    • Dal 25/01/2022 in edicola


      Dal 18/01/2022 in edicola


      Dal 08/02/2022 in edicola


      Dal 05/02/2022 in edicola


      Dal 28/01/2022 in edicola


      Dal 27/01/2022 in edicola


      Dal 17/02/2022 in edicola


      Dal 16/02/2022 in edicola


  • Albi Attualmente in Edicola

    • Dal 18/12/2021 in edicola


      Dal 29/12/2021 in edicola


      Dal 15/01/2022 in edicola


      Dal 08/01/2022 in edicola


  • Upcoming Events

    No upcoming events found
  • Discussioni

  • Messaggi

    • Ed è pessima proprio per il primo albo, che era buono e prometteva bene e invece non ha mantenuto.   Ci avrei giurato. 
    • Spero che le storie così inutilmente non western siano finite per sempre. L'ho letta adesso, dopo aver raccolto i 4 albi. A me è sembrata soltanto una scusa bella e buona per raccontare la storia dell'Erebus, storia di cui francamente non se ne sentiva nè il bisogno nè l'utilità, su Tex. Completamente avulsa dal contesto del personaggio, forse pure più di Patagonia o di altre fuori ambientazione. Per il resto è la classica storia boselliana: 3000 personaggi, tre miliardi di parole, Tex che ogni tanto c'è, buonismo a vagonate come al solito (ho perso da decenni la tolleranza su questo punto). Poi a parte le discussioni infinite tra i personaggi non mi ricordo nulla di particolare o di memorabile, se non il ritrovamento della nave. Tanta noia, a dire il vero. Disegni di Bruzzo però lodevoli, ha fatto davvero un buon lavoro, forse però si nota troppo lo stacco tra la prima parte di tavole in cui prende le misure di Ticci prima maniera e quella dove evidentemente trova finalmente la quadra mettendoci il proprio tocco. Insomma, alla fine si rivela una storia noiosa, a tratti irritante, e ripeto assolutamente inutile (rimarrò per sempre con il dubbio su cosa davvero c'entri TEX con tutto ciò, e viceversa). Mi sa che è un altro chiodo sulla bara del mio interesse per il personaggio. Alla fine dell'imminente run con Mefisto (che già non mi suscita nessun interesse) l'ardua sentenza.
    • Lo stavo per scrivere anch'io. Per me "Black Baron" è all'altezza delle più riuscite. D'altro canto la prima Loa non si scorda mai!
    • sono personaggi autoconclusivi...esattamente come il Dingo de "Gli eroi dei Devil Pass"... mi soffermo su particolari non ancora analizzati ma che a un incallito studioso di Storia come il sottoscritto sono molto piaciuti... l'innesto dello shotgun (arma effettivamente usata durante la spedizione di Franklin, anche se non era di ordinanza nei Royal Marines, dal momento che a metà Ottocento i fanti di marina utilizzavano il fucile a canna rigata Brunswick, modello  Marina con parti ottonate appositamente studiato per il suo uso in mare aperto: l ottone non si corrodeva con la salsedine,  a differenza del ferro). Chi ha notato che i metis (pag 59 de i Dannati dellArtico) utilizzano non i Winchester ma il fucile a colpo singolo Martini Henry, Fucile di ordinanza dell'esercito di Sua Maestà Britannica fino alla Prima Guerra Anglo Boera? come al solito il curatore è attento a tutti i particolari ...essendo membri di una spedizione britannica, infatti, non potevanop che utilizzare il fucile di ordinanza simbolo della colonizzazione dell'Impero Britannico di fine Ottocento (ne parla anche Kipling nel "uomo che volle farsi Re" e in un sacco di altre opere... le bombardiere Erebus e Terror erano le navi più piccole della Royal Navy, equivalenti come dislocamento ad uno sloop e più piccole di una corvetta. Originariamente progettatte per tirare con mortai a bersagli terrestri, non venivano mai utilizzate per combattimenti navali: in seguito vennero disarmate del tutto ed utilizzate come navi da esplorazione.   sulla storia: mi è piaciuto molto il finale, onirico e reale allo stesso tempo: d'altra parte ho trovato esagerato l'innesto di tanti personaggi. Penso (e spero) che la telenovela Dallas/ Mike abbia finalmente trovato un finale... Dawn ha invece assunto una più chiara fisionomia, bel personaggio femminile in tutti i sensi. Brandon doveva esserci, è la causa effetto dell'intervento di Tex, e Gros Jean avrebbe uleriormente "appesantito" il team di un altro comprimario che non serve. 
    • Mah, io non posso dire che la mefistolata di Nizzi sia pessima, perché non me la ricordo quasi per nulla: non l'ho mai riletta da quando è uscita in edicola. E questo qualcosa vuol dire...     Invece, nell'elenco di @Poe, a mio personalissimo gusto aggiungerei un "imperdibile" a fianco di Black Baron, una storia che ho sempre amato. La sequenza della distruzione della taverna è indimenticabile   
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.