Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

zagor70

Cittadino
  • Posts

    210
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

zagor70 last won the day on December 14 2021

zagor70 had the most liked content!

1 Follower

About zagor70

  • Birthday 10/29/1970

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    tennis
  • Real Name
    Daniele

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    39
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    Morisco

Recent Profile Visitors

1,305 profile views

zagor70's Achievements

Collaborator

Collaborator (7/14)

  • Dedicated
  • First Post
  • Collaborator
  • Week One Done
  • One Month Later

Recent Badges

24

Reputation

  1. Nel caso tu non lo sapessi, non esiste solo questo forum che parla di Tex. Come non esite solo il Tex di G.L. Bonelli come sembri pensare.
  2. Non c'è bisogno... le castronerie che dici si commentano da sole. Non ho voglia di seguire altre "lenzuolate" dove credi di dimostrare di aver ragione, a dispetto di quello che dicono migliaia e migliaia di lettori, oltre a tutta la critica fumettistica.
  3. Ecco la solita esagerazione che davvero ha del ridicolo. Basterebbe prendere "El Muerto" dove c'è un Tex granitico che non si ferma dove tutti gli altri hanno paura di affrontare gli avversari: non a caso mi ricordo che questa storia, tra tutte quelle della testata, fu scelta per rappresentare Tex sulla trasmissione "supergulp" dove facevano vedere i fumetti a mò di cartone animato. Per non parlare di tutti i capolavori di Nizzi prima del suo declino post 400.
  4. A breve Ruju passerà a Zagor, dove verrà apprezzato maggiormente. In cambio Zamberletti lo potrebbe sostituire su Tex
  5. Tutto vero, però non esiste un solo Tex (quello di G.L. Bonelli). C'è quello di Nolitta, quello di Nizzi e pure quello di Boselli che sono tutti diversi: ogni autore ha il suo Tex. Pure su Zagor, anche Burattini negli ultimi anni, si è scostato abbastanza da Nolitta, anche se lui non lo dirà mai. Ancora di più ci siamo allontanati dal personaggio originale con Dylan Dog, che ora è completamente un altro fumetto; mi pare che lo stesso Recchioni abbia detto che (secondo lui) era necessario un taglio netto perché nessuno è in grado di scrivere come Sclavi. Questo o si accetta o si smette di leggere. Ognuno avrà il suo "limite" oltre il quale molla perché non riconosce più il personaggio: io per ora ho chiuso con Dylan, poi vedremo.
  6. Di fatto, Tex finisce per fare il terzo incomodo anche con Quercia Rossa anziano Perchè nelle intenzioni dell'autore, quello doveva essere il tratto distintivo tra Quercia Rossa e tutti gli altri personaggi simili apparsi prima di lui. Poi, per me, il risultato non é stato soddisfacente
  7. Finito di leggere ieri sera e non sono rimasto per nulla soddisfatto. A parte le forzature più o meno importanti che ci possono essere, quello che c'è di più negativo per me è la caratterizzazione dei personaggi principali della storia. Chogan è il solito cattivo che ha avuto un'infanzia difficile; Quercia Rossa passa dal vecchietto che si ritira per morire (come fanno i cani) ad una specie di terminator, instancabile ed invincibile: addirittura entra da solo nel villaggio nemico per vendicarsi di Chogan, mettendo a rischio l'incolumità dei ragazzi rapiti, mentre Tex e Carson sono più cauti per questo motivo. Poi ci sono altre situazioni stonate già messe in evidenza da altri come Chogan ragazzo che si butta nel burrone senza farsi un graffio; se "pistolero vudu" era una storia dichiaratamente del filone magico-horror e certe esagerazioni mi avevano divertito più che infastidito, in questa storia che invece è di stampo realistico, si digeriscono peggio. Per quanto riguarda i disegni, secondo me lasciano parecchio a desiderare. Se per esempio prendo la tavola in alto a pagina 20 e vedo il primo piano di Tex mi viene da pensare: ma davvero non c'è la possibilità di fare meglio di così? Per me il voto complessivo è 5
  8. Per me la versione dei Cestaro di Mefisto-Yama è migliore di quella di Civitelli.... per quanto riguarda i pards invece l'inverso.
  9. Io condivido in particolare la parte riguardante il personaggio di Chogan: cattivo perchè ha avuto un'infanzia difficile, e sarà il numero 120 più o meno così. Mi piacerebbe vedere un tipo come nel film "Delitto a luci rosse" con Nicholas Cage, dove si parla di snuff movies. Il tizio che sevizia e uccide le ragazze durante le riprese si fa chiamare "Macina", e alla fine dice esplicitamente che non ha avuto nessun trauma infantile, non gli è mancato l'affetto e cose simili: uccide solo perchè gli piace farlo, senza un motivo. Un bel pazzo assassino e sadico senza nessuna scusante, sarebbe a questo punto anche su Tex una cosa diversa dal solito, senza ricorrere al soprannaturale.
  10. Trama con elementi già visti, rivisti e stravisti. Nulla di sbagliato, ma molto ripetitivo e rassicurante per tutti quelli che hanno schifato "pistolero vudu". A meno di particolari colpi di scena nella seconda parte, sarà un episodio da sufficienza che si dimenticherà abbastanza velocemente. I disegni di Prisco mi sono sempre piaciuti poco (anche su Zagor). Mi ha sempre dato l'impressione che i suoi personaggi siano "più giovani" rispetto a come li disegnano gli altri. In particolare il volto di Tex mi sembra poco particolareggiato: non due puntini al posto degli occhi e una riga al posto della bocca, ma in alcune tavole nemmeno tanto di più.
  11. Ti piace anche il 400 ? Ad un certo punto Dylan e Groucho sono inseguiti da un orda di Zombie e arrivano sull'orlo di un precipizio: Groucho dice "Dannazione, siamo arrivati al margine della pagina". Oppure prima, quando partono con il galeone Dylan, riguardo alla rotta da seguire dice "seconda stella a destra, questo è il cammino... citazione di Bennato che ci stava come il cavolo a merenda; del resto anche tutti gli altri albi sono riempiti di citazioni più o meno a sproposito. Oppure ti piace il 399 ? Ci sono i nazisti-vampiri e ad un certo punto Dylan gli dice "arrivo io l'ammazzavampiri"... parole in bocca al personaggio che fanno rabbrividire chi l'ha letto fin dall'inizio. Oppure ti piacciono quelli dopo il 400, dove al posto di Dylan Dog c'è un personaggio barbuto e al posto di Groucho c'è Gnaghi del libro di Sclavi ? Mi fermo perchè non é il topic giusto, ma quando si parla del "distruttore" di Dylan Dog, non ce la faccio a non esprimere la mia opinione (purtroppo largamente condivisa, altrimenti il problema sarebbe solo mio).
  12. Potrebbe anche essere che Tornuak, ormai agonizzante ed in preda al delirio, abbia solo immaginato di vedere l'orso accanto a lui. In realtà l'orso era già morto, ma la sua ossessione resta fino alla fine. Il finale si presta a libera interpretazione.
  13. Forse voleva dire Jim Bridger del maxi Nueces Valley, che in effetti era un pò sbruffone. Se così è il giovane Tex, incontrando una persona matura e molto diversa da lui (Zagor), ha avuto modo di riflettere e crescere.
  14. Questo l'ho pensato subito anch'io: un pò come le storie di Chiaverotti su Dylan Dog (una su tutte "il buio") dove ad un certo punto si arriva ad una soluzione razionale, ma nell'ultima pagina si ritorna al soprannaturale. Però io non la vedo come una cosa negativa... anzi. Per il resto, se una storia mi piace, non mi faccio guastare il piacere della lettura da qualche situazione che può essere più o meno irrealistica (ho ben digerito anche le soluzioni magiche su "pistolero vudu"). Altrimenti l'80% di fumetti, libri e film sarebbe da scartare per questo motivo. Penso ad esempio alla serie "Breaking bad" dove quello che accade al professore di chimica è sempre più inverosimile, ma sempre più divertente. Se tutto deve essere sempre rigorosamente realistico, poi finisce per annoiare: per me l'ideale è un giusto bilanciamento con situazioni adatte a spettacolarizzare la storia, senza esagerare.
  15. Non è la migliore di Boselli ma sicuramente la miglior storia post 700. Complici anche i bei disegni di Bruzzo. Schema collaudato con la narrazione che si alterna sui vari gruppi coinvolti nella vicenda, sempre ben sviluppata. C'è spazio pure per un momento con Tex umano, quando ammette di trovarsi in difficoltà in un luogo molto diverso da quello in cui si muove abitualmente, salvo poi ritornare protagonista ,sia con le armi che con la testa. Alcune scene abbastanza cruente (Dallas che spappola un cannibale / l'orso mangiatesta) hanno contribuito ad alzare il livello di drammaticità della storia. Stavolta anche il finale, che a volte è il punto debole dell'autore (soluzioni un po' improbabili, frettolose o troppo smielate), mi ha invece soddisfatto: anche le ultimissime pagine, con l'orso e l'uomo che si inabissano insieme nelle acque, le ho trovate azzeccate. L'unico appunto che si può fare è un pochino di lentezza soprattutto nei primi due albi: forse si poteva ridurre qualcosa e chiudere con 3 albi e mezzo, o solo 3 .... ma va bene così. Per me il voto complessivo è 9.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.