Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

natural killer

Ranchero
  • Posts

    2,882
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    39

Everything posted by natural killer

  1. Il problema principale è che Recchioni non conosce Tex. O, se lo conosce, lo conosce molto superficialmente. Probabilmente ha letto (o solo visionato) qualche storia per documentazione. Stavolta il compito poteva essere semplice, avendo lasciato fuori Tex e dovendosi concentrare su Sam, personaggio ben definito e caratterizzato e con pochissima bibliografia di riferimento. Però... La presenza di Tex aleggia su tutto l'albo, come un fantasma degno del primo Speciale, e pazienza... Arriviamo alla sequenza incriminata, sicuramente spettacolare ma profondamente estranea alle caratteristiche del personaggio Sam non ha altre armi oltre al fucile che affida alla giovane vedova e pensa di recuperare la pistola di Gunny Bill. E lo fa senza doversi sobbarcare una lunga trasferta fino alle sponde del Rio Grande, dove riposa il vecchio cowboy, semplicemente perchè, per distrazione (?) la sepoltura è stata spostata (a fini narrativi...) in prossimità del ranch e la pistola lasciata sulla croce (nella stessa circostanza) è stata avvolta per mantenerla efficiente sotto la nuda terra (non si sa mai che il buon vecchio Gunny Bill potesse averne necessità per spianarsi la strada per l'inferno) Sam una volta recuperata la pistola sparisce e al suo posto si materializza Tex che sistema da par suo la banda di cialtroni che attacca il ranch e sempre Tex, una volta risolta la situazione, piuttosto che metter su casa con la vedovella preferisce piantare tutto e svignarsela alla velocità del fulmine, naturalmente dopo aver restituito la pistola al vecchio Gunny Bill (senza dover rifare ancora il pellegrinaggio fino al fiume). Disegni effettivamente belli che però non bastano a risollevare la storia, rovinata proprio dalla sequenza clou e relativo finale. Peccato.
  2. Piccolo Ranger, se originali i primi numeri hanno un buon valore. Anche qui si tratta di capire se sono originali, ristampe o anastatiche perchè la valutazione è drasticamente diversa. Comandante Mark. Anche qui bisogna vedere se sono albi originali (collana Araldo), ristampe (Collana Comandante Mark) o anastatiche. Tutto Mark è una ristampa di poco valore (meno di un euro al pezzo) Mark Raccolta è realizzata con le rese e non ha molto ascendente sui collezionisti a meno che non collezionino proprio la Raccolta (in ogni caso scarso valore) Diabolik Seconda Ristampa dovrebbe essere la Collana Swiss (albi neri) e anche qui il valore è basso. Per i numeri sparsi bisogna vedere la serie, l'edizione (i primi 17 originali hanno distribuzione Ingoglia, poi ristampati dalla Sodip subentrata nella distribuzione) I primi numeri originali di Diabolik se in buone condizioni hanno un valore decisamente interessante. Ma come per i Tex è necessario vedere gli albi uno per uno
  3. Originali o anastatiche che siano è comunque una gran bella collezione! Impossibile formulare una valutazione sulla base di queste immagini, è necessario vedere pezzo per pezzo ciascun singolo albo e saggiarne oltre agli aspetti classificativi individuabili nella guida già citata anche consistenza della carta, intensità degli inchiostri e suggestioni sensoriali evocate a chi è veramente esperto. Non posso che condividere la sensazione di Diablero relativa alle condizioni troppo buone di alcuni albi più antichi in relazione anche alla evidente presenza di ristampe nella seconda serie gigante. In ogni caso complimenti per l'acquisizione di una così bella e completa raccolta delle varie pubblicazioni texiane. Il consiglio, nel caso avessi intenzione di vendere la collezione, è di assicurarti una perizia da parte di qualche esperto qualificato (un tempo frequentava il forum Francesco Bosco) che ti aiuti nella valutazione del materiale che ti ritrovi. Se viceversa non fosse tua intenzione liberarti di questa collezione il mio consiglio è quello di godertela come merita. Ciao
  4. Albo che presenta la struttura di un countdown. Copertina stratosferica di notevole impatto che esalta le doti pittoriche di Carnevale - voto 9 Prima storia, La casa del giudice, di Boselli e dello stesso Carnevale con un buon impianto, ritmo serrato e disegni all'altezza delle aspettative ben colorati dallo stesso disegnatore. Perde un po' troppo nel finale per via del tentativo di normalizzare razionalmente gli eventi che avrebbero viceversa giovato della possibilità di rimanere nel sovrannaturale - voto 8 Seconda storia, Rotaie, di Ruju e Michelucci che ruota intorno al rapimento del rampollo del boss delle ferrovie e che perde mordente man mano che si dipana da una tavola all'altra, non aiutata dalla prova grafica dell'esordiente Michelucci - voto 7 Terza storia, Sulla pista per Prescott, di Nizzi e Candita, che paga il manierismo di Nizzi che ci propone un Tex distratto (o peggio negligente) e non basta a risollevarla la pur buona prestazione del disegnatore - voto 6 Quarta storia, Il mio nome è Waneka, di Iiriti e Bruzzo, che risente della inesperienza dell'autore e che presenta alcune ingenuità non compensate dai disegni di Bruzzo, stavolta non all'altezza delle sue precedenti prestazioni texiane - voto 5 Quinta storia, Al palo della tortura, di Ruju e Di Gennaro, che appare completamente fuori registro, con un Tex che si lascia ingenuamente incastrare e finisce al palo e con il vecchio maestro che se ancora si difende bene come illustratore, mostra evidenti incertezze nelle sequenze narrative - voto 4 In definitiva un albo che nel complesso non supera una risicata sufficienza. Che non sia giunto il momento di metter fine a un format che continua a non soddisfare le aspettative?
  5. Gran bella visione! Aspettando immagini più nitide mi associo ai complimenti di Loriano
  6. Siamo interessati e anche molto curiosi...
  7. Eh, la fai facile Lorenzo... mica è vangelo La storia editoriale di Tex è più complessa di quel che si crede Vediamo intanto se gli albi di Tex Puglia sono L.200,poi nel caso andiamo avanti...
  8. La Prima Serie Gigante è una raccolta delle Rese degli albi d'Oro,le coste sono così Questa è la versione anastatica, i primi tre albi non esistono "originali" Se hai appurato che i tuoi albi sono Costa bianca il passo successivo è verificare il prezzo nel bollino che nei primi 116 numeri deve essere L.200
  9. UN UOMO TRANQUILLO Tex è un eroe... ma suo fratello Sam è molto diverso da lui... Uscita: 05/12/2020 Formato: 16x21 cm, b/n Pagine: 128 Codice a barre: 977270475804400002 Soggetto: Roberto Recchioni Sceneggiatura: Roberto Recchioni Disegni: Stefano Andreucci Copertina: Maurizio Dotti È dura la vita al ranch dei Willer... Sam sente la mancanza dell’aiuto di Tex e, quando arrivano nuovi guai armati di pistola, che minacciano lui e l’amata Susan, questa mancanza si fa ancora più sentire... Ma anche Sam è un vero uomo del West... anche lui in fondo ha la stoffa dei Willer...
  10. A bè allora sì, ci potrebbe arrivare ammesso di trovare chi si voglia prendere 850 albi...
  11. be se avesse gli spillati recupererebbe molto di più, sono ancora ricercati, anzi di più, vista la contrazione del mercato... se invece son ristampe la quotazione non si discosta da quella citata da letizia ammesso di trovare chi si voglia prendere 700 albi... arrivare a 1000 euro la vedo dura
  12. Dipende dalla edizione e dalle condizioni degli albi
  13. La vita avventurosa di Gunny Bill risale al periodo precedente alla sua permanenza al ranch dei Willer, quando Kit Carson (il nostro, non quello storico) era soltanto un ragazzino. Avrebbe potuto invece incontrare il vero Kit Carson (classe 1809) ma introdurre nella saga l'omonimo e per molti versi antitetico esploratore mi pare francamente impresa ardua. Ritengo che con questo ultimo palcoscenico regalatoci da borden il buon vecchio Gunny abbia espresso tutte le sue potenzialità. Se Gunny Bill avesse viceversa incontrato Kit Carson durante la sua permanenza al ranch dei Willer Tex ne sarebbe venuto certamente a conoscenza
  14. Uno spietato giudice… Un assalto al treno… Un’efferata rapina… Un giovane comanche bianco… Un duello all’ultimo sangue… COLOR TEX N° : 18 Periodicità: semestrale LA CASA DEL GIUDICE E ALTRE STORIE uscita: 21/11/2020 Formato: 16x21 cm, colore Pagine: 160 Codice a barre: 977223974604200018 Copertina: Massimo Carnevale La casa del giudice Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli Disegni e colori: Massimo Carnevale Il famigerato Giudice Flanders è soprannominato “Impiccali tutti”… Ma uno dei condannati gli ha giurato che tornerà per lui dalla tomba… Rotaie Soggetto e sceneggiatura: Pasquale Ruju Disegni: Luca Michelucci Colori: Oscar Celestini Battesimo del fuoco per un giovane ferroviere!... Sulla pista per Prescott Soggetto e sceneggiatura: Claudio Nizzi Disegni: Giuseppe Candita Colori: Erika Bendazzoli Un solo superstite... Una misteriosa sanguinosa rapina… Il mio nome è Waneka Soggetto e sceneggiatura: Filippo Iiriti Disegni: Giovanni Bruzzo Colori: Erika Bendazzoli Ascolterà la voce del sangue o quella della tribù?... Al palo della tortura Soggetto e sceneggiatura: Pasquale Ruju Disegni: Aldo Di Gennaro Colori: Matteo Vattani Il feroce Chako vuole il sangue di Aquila della Notte!
  15. Abbiamo già la risposta nei Pawnee della prima storia....
  16. E anacronistico resta (Alfred Nobel la brevettò il 16 luglio 1867) ma chissene.... Santa mucca!
  17. I primi volumi sono usciti senza intento di collana. Semplicemente fino a metà anni ottanta sono usciti sette cartonati di Tex tra Mondadori e cepim. Gli appassionati li hanno messi insieme e quella costituisce la collezione dei cartonati di Tex. A distanza di sei anni poi Mondadori fa partire una collana, che forse al momento non si immaginava potesse durare così a lungo. Ma Tex, si sa, vende bene e anche questo formato ha mostrato di avere seguito e di poter continuare a uscire in libreria e anche a rimanere in catalogo con ristampe successive. Quella Mondadori è quindi la collana dei "Cartonato rossi" e i collezionisti, per distinguerla dai vecchi volumi hanno iniziato a identificarli come prima e seconda serie. Ne consegue che quella attuale gestita direttamente dalla SBE debba essere considerata come terza serie, mentre per l'Editore risulta chiaramente essere la prima prodotta, anche se ha consapevolmente deciso di mantenere le caratteristiche strutturali dei precedenti volumi, dei quali gli attuali rappresentano l'ideale proseguimento.
  18. Nel 1975 Mondadori su licenza Bonelli pubblica il cartonato rosso Il mio nome Tex proposto come libro strenna per Natale. Il successo è tale che viene subito pubblicata una seconda edizione e l’anno successivo vede la luce la terza Edizione più volte ristampata. Sulla base di questo successo la Cepim decide di realizzare in proprio volumi analoghi dei principali personaggi. Nel 1977 esce Zagor – Lo Spirito con la Scure (cosiddetto cartonato verde) Nel 1978 è la volta di Tex contro Mefisto (cartonato giallo) Nel 1979 doppia uscita con arriva Mister No (verde) e il comandante Mark (azzurro) Nel 1980 ancora Tex e gli indiani (cartonato blu) A questo punto subentra di nuovo Mondadori che prosegue le pubblicazioni nello stesso formato ma riprendendo il colore rosso del primo volume . Nel 1981 esce I Viaggi di Zagor (cartonato rosso) Nel 1982 arriva Tex e i fuorilegge Nel 1983 ancora Tex Un’avventura nel Nord e Ken Parker La ballata di Pat O’Shane Nel 1985 Tex e la piramide misteriosa Nel 1986 torna Tex con La conquista del West ultimo volume della serie Mondadori - cepim A distanza di anni Mondadori decide di ristampare i volumi iniziando la Seconda serie Nel 1992 si riparte ancora con Il mio nome è Tex e si rinnova il successo Nel 1994 ristampa Tex contro Mefisto (cartonato rosso) e pubblica l’inedito Tex e i soldati Viene quindi deciso di non proseguire la collana con le ristampe e di proporre libri inediti di Tex Dal 1996 viene pubblicato un nuovo volume ogni anno, Tex tra due bandiere (1996) La legge di Tex (1997) Tex e il segno di Cruzado (1998) Tex e la nave perduta (1999) Tex nell'inferno verde (2000) Grido di guerra (2001) La pattuglia sperduta (2002) Apache Kid (2003) Il fiore della morte (2004) I dominatori della valle (2005) Fiamme di guerra (2006) Sasquatch (2007) L’uomo senza passato (2008) Dal 2008 le pubblicazioni continuano nella collana Mondadori Ragazzi con Sfida nella città fantasma (2009) Gli ultimi guerrieri (2010) Wanted (2011) Sentieri di sangue (2012) Il ragazzo selvaggio (2013) Lotta sul mare (2014) Dal 2015 SBE decide di gestire in proprio i propri personaggi in libreria e naturalmente non può mancare il cartonato di Tex con caratteristiche molto vicine a quelle dei volumi Mondadori e parte così la Terza serie. Il segreto degli Anasazi (2015 ) El Muerto (2016) I giustizieri di Vegas (2017) Il giudice Bean (2018) Sangue Navajo (2019) Dakotas (2020) Il prossimo volume Dakotas ripropone la storia di Un’avventura nel Nord, del quale non è propriamente una ristampa, avendo modificato il titolo e il disegno di copertina, analogamente a quanto avvenuto con la collana di Zagor, che ha ripresentato i primi due cartonati intitolandoli rispettivamente Il re di Darkwood e Odissea Americana. Le ristampe Mondadori invece avevano mantenuto le caratteristiche originali dei libri, limitandosi a cambiare il colore di Tex contro Mefisto da giallo a rosso per uniformare il volume alla collana.
  19. L'amico Zeca ha pubblicato la mia collezione sul suo blog http://texwillerblog.com/
  20. Jacopo Rauch, uno dei più apprezzati interpreti attuali di Zagor, mostra di sapersi disimpegnare egregiamente anche su Tex. I differenti registri narrativi delle due collane non impediscono a Jacopo di raccontare una storia che, nonostante la presenza di diversi elementi a rischio (la love story tra l'ex ballerina e il cowboy, il ricco haciendero e possessivo marito messicano, la fuga dei due amanti), rimane saldamente sui binari della produzione texiana, grazie a dialoghi che richiamano la tradizione e una perfetta gestione della coppia Tex - Carson che appaiono in gran spolvero, senza lasciare il sopravento alla love story. Scascitelli, al di là della scelta di utilizzare volti hollywoodiani per i vari protagonisti, che non mi ha entusiasmato, risulta penalizzato dalla colorazione, a mio avviso, su questo numero, non all'altezza delle precedenti prove di Celestini
  21. Maxi che non delude le aspettative. I tre Bill rivivono su carta mantenendo intatte le loro caratteristiche e si integrano con Tex e Carson in un gioco di squadra che culmina con l'ultima carica nella vignetta conclusiva. Albo che dà un senso alla fuga degli ultimi Netdahe nel numero del mese scorso della serie regolare, del quale questo rappresenta l'ideale proseguimento, arrivato in edicola senza lasciar trascorrere neanche un mese. Complimenti a Boselli che riesce a risollevare le sorti di una collana che spesso si trascina stancamente piazzando l'acuto, enfatizzato dalla superba prova grafica di Alessandro Piccinelli sempre più degno emulo di Villa.
  22. Storia di transizione ben gestita da Ruju e disegnata da Font con il suo solito stile, al quale dovremmo essere ormai abituati, ma con un certo calo qualitativo in alcune tavole. Accentuato ulteriormente l'aspetto caricaturale riservato agli antagonisti. Tutti tranne il gemello cattivo, copia sputata di Dylan Dog che a un certo punto fa coppia con il sosia di Groucho. Omaggio all'indagatore dell'incubo suggerito da Pasquale, autore di diversi episodi di DyD o sorpresa di Font che si era già cimentato con lui nel Color Fest Historieta del 2012?
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.