Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Betta 53

Allevatrice
  • Posts

    355
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

Betta 53 last won the day on December 9 2023

Betta 53 had the most liked content!

Profile Information

  • Gender
    Femminile
  • Interests
    attualità, cucina, gialli e avventura, politica.
  • Real Name
    Maria Elisabetta De Gaudentis

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    26
  • Favorite Pard
    Kit Willer
  • Favorite character
    Jim Brandon

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

Betta 53's Achievements

Rising Star

Rising Star (9/14)

  • Dedicated
  • First Post
  • Collaborator
  • Week One Done
  • One Month Later

Recent Badges

81

Reputation

  1. Quarto albo scoppiettante che chiude più che bene la saga della Tigre Nera. Ultimamente Boselli sta chiudendo ogni tipo di ritorno di vecchi nemici e le loro ultime storie sono quasi le più belle. Escono alla grande. Un quarto albo "salgariano" soprattutto per i disegni favolosi di Venturi ( gli abiti a cannucce delle donne dayake, la giungla, le capanne, la reggia, le prigioni, i praho, i dayaki con le testoline appese alla cintura....un ben di Dio per gli occhi. Kit protagonista ed "eroe del Borneo" come il padre fu "eroe del Messico" anche se le sue imprese ci vengono solo raccontate e inorgogliscono Tex e Tiger. Un Kit maturo che si appresta anche, mentre Tiger rinuncia, a discutere con il padre, anche se poi non sarà necessario. Vero che la battaglia non è guidata da Tex, la cui azione si limita a liberare i marinai incarcerati e per questo si scontra con i militari di Dekker, ma non avevano attraversato l'oceano con questo scopo. Il solo Kit ha partecipato alla rivoluzione insieme all' esponente buono della dinastia. Tex non poteva schierarsi con il principe deposto (un despota che anche in America aveva dimostrato tutta la sua malvagità) ma nemmeno rimanere insensibile al grido di dolore della popolazione. Problema risolto con la sola partecipazione di Kit che ci viene comunicata ma non fatta vedere. I figli hanno ribaltato il rapporto tra i genitori. Figli, di cui uno ha preso tutto dal padre e l'altro ha potuto essere diverso dal padre in quanto cresciuto lontano da lui e dalle sue malefatte e nell'amicizia con Kit ha trovato la strada per essere un principe diverso dal despota paterno. Una gran bella storia, per i personaggi, gli intrecci personali, i tanti luoghi diversi dove agiscono e gli splendidi disegni. Adesso vado a rileggere con calma tutti e 4 gli albi. Voto a Boselli 8/9 Voto a Venturi 10+. Piccola chicca i pensieri di Kit su tabelline e geografia!
  2. Ripetere la stessa situazione non avrebbe lo stesso pathos Vedrei bene che la madre appaia in sogno a Kit per indurlo a cercare il padre ferito in una zona impervia e non abitata, dove morirebbe se Kit non lo trovasse, e nel sogno apparisse il dirupo dove giace Tex. Poi naturalmente dopo la guarigione fanno giustizia di chi lo aveva ferito ed abbandonato a morire. Nell'ultima pagina Kit descrive la donna apparsa in sogno, lui era troppo piccolo per ricordarla, e Tex capisce chi è. Anche su una storia breve potrebbe essere.
  3. La storia prosegue bene, anche se molto "parlata" le scene di azione non mancano e buona parte sono di Kit in solitaria. SPOILER SPOILER SPOILER Penso che Kit riuscirà a liberarsi da solo e Daniel scoprirà la malvagità del padre. Daniel con l'aiuto dei nostri sarà il nuovo sovrano, ben diverso dai predecessori (il padre e Van Gulik) che moriranno entrambi. Il popolo sarà guidato da un capo alla Aquila della Notte. Forse in futuro i nostri torneranno in Borneo chiamati da Daniel per aiutarlo contro un altro Van Gulik che vuole detronizzarlo.
  4. Ormai mi sono rassegnata a vedere Kit rapito. Spero solo che dia del filo da torcere ai suoi rapitori (chi siano ancora non l' ho capito) e che si liberi da solo andando poi nel finale in soccorso dei suoi pard. E' il mio pard preferito e voglio che faccia sempre una bella figura. Comunque questa volta il fascinoso Janez è nella squadra di Tex ed è il mitico Kit Carson!
  5. Ottimo albo celebrativo. SPOILER-SPOILER-SPOILER LA VALLE DELL' OMBRA Ogni personaggio ritorna in modo nuovo e disegnato splendidamente. Commovente il racconto con Lilyth, dove ognuno è disposto a sacrificarsi per l' altro e mentre alla fine Tex, nonostante gli avvertimenti di Mah-Shai e Tah-Hu-Nah che cedere al sentimento di restare nella valle avrebbe significato la morte, è propio quello che fa, decide di restare, la "madre" Lilyth prevale sulla "sposa" Lilyth e lo rimanda indietro , tanto lei sarà sempre presente nei suoi sogni e lo proteggerà. "Non è ancora il tuo momento" Lilyth madre di Kit, del suo popolo, degli uomini onesti "che hanno ancora bisogno di Tex". La "spiegazione medica" dell' ultima pagina è quello che rende scientificamente reale tutto l' episodio, insieme all' arrivo dei pard e al corpo morto di Rafael, mentre la spiegazione di Nuvola Rossa " i sentimenti provati nel sogno hanno fatto riprendere a battere il tuo cuore" come dire che l'emozione di ritrovare Lilyth ti ha riportato in vita, è pura poesia. UN PITTORE NEL WEST Un piccolo e bellissimo cammeo. Come nell' albo celebrativo di Ticci (se ricordo bene il 500) si conclude con un acquerello del maestro. il mio voto è 30 e LODE ad entrambe le storie.
  6. Fatto. Ha ragione Carlo, le elementari dai frati e poi le medie dalle suore. Ricordavo che erano stati dalle suore per recuperare il tesoro nascosto e il seguito con il combattimento, ma non il susseguirsi tra scuole dei frati e delle suore
  7. Frati o suore a me ogni episodio con Lilyth è gradito!
  8. Una storia classica molto ben gestita, la classica lotta tra allevatori e coltivatori con in più 3 bande (razziatori, indiani ribelli e regolatori) ad incrociarsi, con il quartetto gestito bene. Però questa volta Diso è veramente inguardabile. Capisco che per l' età ha fatto anche troppo, ma purtroppo i disegni tolgono punti all' albo.
  9. Nella serie Tex Willer vediamo che Lilyth è andata a scuola in un convento di suore. Nell' albo "Sul sentiero dei ricordi" quello in cui vediamo per la prima volta un bacio tra Tex e la moglie, invece il convento in cui è stata è un convento di frati. Diciamo allora che le elementari le ha fatte dalle suore, poi causa guerra Freccia Rossa l' ha riportata al villaggio per le vacanze estive e poi il 1 ottobre (a quei tempi le scuole iniziavano il 1 ottobre) ha cominciato le medie dai frati. Comunque Tex a ripetizione di inglese ed aritmetica con suor Patricia ci sta solo un mese, tra il numero 60 e il 61!
  10. Io sono molto preoccupata per la tua "andata in pensione", anche se umanamente, avendo la tua stessa età, la capisco benissimo. Scrivi tanti soggetti per quando sarai in pensione, così non ci mancherai!
  11. E' vero è un ritorno. E allora? Per essere una bella storia deve avere colpi di scena, nemici tosti che metano in difficoltà Tex e pards fino alla vittoria finale de nostri, comprimari importanti, tipo Devlin, Nat e gli agenti Pinkerton e ambientazioni multiple ed insolite. Mi sembra che la storia prometta tutto questo e allora mi va bene, giudicherò alla fine. Già che si parla di ritorni a me Lena e Donna non dispiacerebbero, sempre che nella storia ci sia azione, suspense e nemici cattivissimi!
  12. Io continuo a pensare che anche con Higgins morto le coperte ai Cerokee le avrebbe portate qualcun altro, per cui i morti Cerokee non sono "colpa di Tex" ma del medico Stoke e del senatore Kurtzmann. Infatti lo stesso Dunowa dice che peggio di chi porta le coperte sono quelli che glielo chiedono. E senza Higgins le scena del tornado, degli spettri e del suicidio non ci sarebbero state. Per cui si passa direttamente da pag 100 a pag 118. Vi sembra più bella la storia? A me NO, senza quelle 17 pagine è una storia qualunque. Con quelle pagine è una storia da "anniversario". Anniversario che ci mostra "la vendetta dei navajos morti". La "vendetta di Tex" si era conclusa con la morte di Brennan uno dei due responsabili dell' epidemia e delle morti (che non sono avvenute solo per colpa di chi ha portato le coperte, ma soprattutto di chi quelle coperte ha voluto che fossero portate) che è ancora vivo. Infatti la lancia che simboleggia la vendetta di Tex si spezza in quel momento.
  13. La nuova epidemia e i nuovi morti sono "colpa" del medico Stoker e del senatore Kurtzmann (movente i terreni ricchi di petrolio, come nel Giuramento era l' oro dei Navajos) che "utilizzano" Higghins come avrebbero potuto utilizzare qualsiasi altro "pendaglio da forca". La presenza di Higghins è funzionale alla sua morte per suicidio dovuto agli spettri dei navajos e di Lilyth o alla sua illusione di averli visti e alla paura di affrontare Tex che lo ha raggiunto, nonostante il tornado e nonostante egli sia scappato, uccidendo i suoi stessi amici, mentre i suoi complici si scontravano con Tex. Più volte nella storia si dice che coperte infette sono state utilizzate dai bianchi per eliminare gli indigeni e che miserabili delinquenti disposti a recapitarle se ne trovano a bizzeffe. Come altri hanno fatto notare la storia poteva scorrere anche senza la presenza di Higghins, ma essa serve solo ad aggiungere "pathos" alla scena finale degli spettri e alla commemorazione di Lilyth in questo 75esimo anniversario.
  14. Le "vendette" di Tex. Morte del padre Tutti coloro che uccisero il padre muoiono in "scontri a fuoco" Morte della moglie TUCKER inseguito dai Navajos che devono ucciderlo e non farne trovare il corpo, provoca con i suoi spari la valanga di pietre che lo uccide. HIGGINS portato nel deserto, pestato a sangue e abbandonato a morte certa, nessuno è responsabile di cosa poi succede, mentre SHERMAN viene abbandonato al destino ( e scopriamo adesso come è morto). TELLER muore in uno "scontro a fuoco" BRENNAN è l' UNICO OMICIDIO compiuto da Tex in 75 anni. UNICA VOLTA in cui Tex "uccide deliberatamente" a sangue freddo, non dando nessuna possibilità di difendersi o di scampare alla morte. UNICA VOLTA in cui non applica la GIUSTIZIA ma la VENDETTA. E questo "fuori dallo schema" lo compie G.L. Bonelli (unico che poteva farlo) QUESTA E' LA VENDETTA di TEX e in questa occasione la LANCIA si SPEZZA. HIGGHINS è LA VENDETTA di LILYTH (Tex infatti non vede il suo spettro, nè quello dei Navajos morti) Poi c'è un altro OMICIDIO (come quello di Brennan) compiuto dall' agente cherokee su Kurtzmann, che come dice ai pard salutandoli "Voi non siete i soli ad usare scorciatoie per far trionfare la giustizia" Un altro "omaggio" all' "Implacabile", un finale uguale. Boselli in questo 75 esimo ha solo reso omaggio ad una avventura epica, senza sminuire le decisioni di G.L. Bonelli, senza riproporre un Tex "omicida", ma utilizzando la stessa formula per un altro " primo responsabile" della morte per vaiolo dei Cherokee. Tutti gli altri che muoiono erano i "tirapiedi" dei "veri responsabili".
  15. SPOILER Prima di leggere la storia, sono andata a rileggere Il Giuramento. Higgins prende una sonora "ripassata", lo vediamo a terra e poi basta, lasciato lì nel deserto a morire, mentre a Sherman vengono dati una borraccia e un colpo in canna. Apprendiamo adesso che si salva rubando l' acqua di Sherman e uccidendolo e rubando il cavallo all' indiano e uccide anche lui dopo che lo ha portato ai pozzi. Così ha voluto il destino a cui Tex li aveva affidati. La vendetta di Tex si compie su Teller grazie alle informazioni avute da Sherman e poi dopo 20 anni su Brennan, per cui la lancia si spezza in quel momento. Anche in questo caso Higgins è un mezzo che altri più in alto utilizzano e giustamente a pagare con la stessa moneta sarà il più in alto e la mano a colpirlo è di un componente della stessa tribù che ha massacrato. Teller, Brennan, Stokes e Kurtzmann non sono i soli che hanno utilizzato il vaiolo, come giustamente si dice nell' episodio. Per cui i morti non sono colpa di Tex che non ha ucciso di persona Higgins, lui o un altro sarebbero stati gli strumenti di Stokes e Kurtzmann. Il "pathos" dell' episodio è nel sogno di Tex e nel finale in cui sono i navajos morti e in particolare Lilyth a fermare Higgin Lo scontro a fuoco occupa poche pagine rispetto a quelle dedicate alla preparazione a detto scontro, ma nessuna di queste pagine "preparatorie" è inutile, nemmeno quelle nell' atelier del sarto, delle quali subito non capivo la "ratio". Bel personaggio l' agente Cherokee di Pinkerton, chissà che non lo si riveda! Villa come sempre strepitoso e il colore in questo caso ha aggiunto più valore a certe scene.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.