Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

MacParland

Allevatore
  • Posts

    489
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    4

MacParland last won the day on May 22

MacParland had the most liked content!

Reputation

79 Excellent

About MacParland

  • Birthday June 19

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Tex
  • Real Name
    Mattia

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    700
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    El Muerto

Recent Profile Visitors

3,637 profile views
  1. Ok, Grazie. Aspetto l'intervento dei Moderatori. Da segnalare la citazione di Manfredi/Rotundo a "C'era Una Volta il West". Il Personaggio che appare nella prima tavola postata è palesemente Charles Bronson con tanto di Harmonica! Che sia lui il misterioso assassinio?
  2. MAXI TEX N° : 29 Periodicità: semestrale Soggetto: Manfredi Gianfranco Sceneggiatura: Manfredi Gianfranco Disegni: Rotundo Massimo Copertina: Villa Claudio Un misterioso assassino cerca di uccidere i testimoni che possono metter fine all'esistenza di un'associazione criminale nota come "Mississippi Ring". Lungo il corso del Grande Fiume, tra mille sparatorie, agguati e peripezie, Tex e Carson dovranno ristabilire la giustizia a suon di piombo. © Sergio Bonelli Editore
  3. Uscita: 07/10/2021 Soggetto: Boselli Mauro Sceneggiatura: Boselli Mauro Disegni: Bruzzo Giovanni Copertina: Villa Claudio Due navi britanniche, la “Erebus” e la “Terror”, partite alla conquista del Passaggio a Nordovest, sono scomparse nell’Artico da più di mezzo secolo, quando una spedizione scientifica s’inoltra per cercarle nei territori selvaggi del Canada. Ne fanno parte ufficiali e scienziati inglesi e due cacciatrici d’eccezione: Dawn e Dallas. Ma gli indiani del Nord sono in tumulto e, temendo che anche questi esploratori facciano una brutta fine, Jim Brandon chiama in aiuto Tex e i suoi pards… © Sergio Bonelli Editore
  4. Numero 326. "Bersaglio Tex Willet" non c'è il logo.
  5. Possibili SPOILER! Letto per ben due volte ieri. Nel complesso un Texone che mi è piaciuto. Parto dalle note positive, cioè l'utilizzo perfetto di Tex e Carson. Tutti e due oltre ad agire in solitaria per una buona parte della storia, escono da situazione complesse e rischiose, prima Tex legato al palo nell'accampamento dei ribelli capeggiati da Nadeh, mentre Carson riesce a liberarsi di Dubbs (su cui torno dopo) e del suo amico l'ex Sergente dell'Unione. Tra l'altro ho apprezzato molto quella scena, perchè mi ha ricordato quella de "Il Buono il Brutto e il Cattivo". Come dice giustamente Poe, mi sarei soffermato meglio, sulla cittadina di Old South e su tutti o almeno una parte dei suoi abitanti , mentre Ruju si sofferma poco sulla cittadina mostrandoci giusto una scazzottata tra Tex ed un ex militare. L'accoppiata ribelli indiani-militari è trita e ritrita, però nel complesso non mi è dispiaciuta. La vera nota dolente della storia, è ovviamente il finale con lo sceriffo Dubbs che riesce incredibilmente a montare a cavallo portandosi dietro un cannone pesantissimo pieno di once d'oro. Poi con la penultima scena, Ruju strizza l'occhio al finale di un vero capolavoro Texiano, uscito proprio nella collana dei Texoni ovvero "La Grande Rapina" infatto, Dubbs muore proprio come Weyss e la sua ragazza, ricoperto d'oro (nel caso di Weyss erano dollari), però la morte dello sceriffo non ha la stessa potenza e lo stesso impatto, rispetto alla caduta di Weyss dal treno. Disegni di Casertano pazzeschi! Di gran lunga superiori a quelli di Carnevale. Tutto perfetto, dalle espressioni agli sfondi. Per fortuna, che rimarrà con noi! Da segnalare un problema nei dialoghi a pagina 149 e 152. Justine a pagina 149 dice: " Si. Mi occupavo io di tenerla in ordine (la casa di Carraway)". Mentre Carson a pagina 152 afferma: " Sembra tutto a posto. Carraway era un uomo ordinato.".
  6. Argh! Boselli lo ha citato nella grandissima storia: "Nueces Valley" infatti Tex va da Bridger per via di Davis.
  7. Esiste anche questa: Escludendo il mento, mi sembra un ottimo Tex giovane.
  8. Guarda questo video, dal minuto 10:37 in poi e capirai: https://youtu.be/k-9yDLi-0T8 Attendo con curiosità le foto.
  9. Ciao! Beh..... La sezione è sbagliata, il Topic andava creato nella sezione: "La Serie e i personaggi" categoria: "Le domande dei lettori". Vabbé, sei un nuovissimo utente, i Moderatori capiranno e risolveranno sicuramente il problema. Il Numero 1 sicuramente non è originale, poiché non costa(va) 200 lire, oltre a non avere le spilette a rilegare l'albo. Visto che il numero 1 è del '64 presumo che anche gli altri albi siano usciti (i numeri che valgonodi più sono i primi, però solo quelli originali hanno un certo valore), nello stesso periodo. Però, per capirne di più dovresti postare delle foto, per vedere in che stato sono gli albi.
  10. Fraintendi. Dice: "Perché il successo ottantennale di Tex non è dovuto né alla bellezza delle storie (che se ci sono, meglio), né a quella dei disegni, ma unicamente alla personalità di Tex e dei pards, al loro modo di agire, di parlare, di rapportarsi tra loro." Il successo di Tex è dovuto soprattutto al linguaggio colorito e fantasioso, entrato nell'immaginario collettivo, al rapporto tra i Pards.... Non dice che le storie di Bonelli senior siano brutte, ma che il successo è dovuto anche e soprattutto da altri fattori. Ed è vero! Guardate i gruppi, quando i membri mettono delle foto, troviamo sempre: Bistecche e Patatine, Birra ghiacciata, Fagioli..... Citando a raffica le frasi famose. Invece quante analisi delle storie di Bonelli e seguenti trovate? Il Forum, è pieno di analisi, non postiamo foto, discutiamo e basta. Solo che qui siamo in cento, di là in 25 mila! "Gli sceneggiatori che hanno mandato avanti la serie negli ultimi otto anni – tutti più giovani di me – lo hanno parecchio tradito, magari con le migliori intenzioni, convinti di svecchiarlo, di modernizzarlo, di renderlo più simile agli eroi cupi, “eccessivi”, che vanno di moda nel cinema e nei fumetti americani di oggi. Tex non ha più la stessa personalità, non si comporta e non parla come dovrebbe." Questa esclamazione da una parte non mi piace, Boselli vuole modernizzare e cambiare Tex? Ma No! Però, che il linguaggio di Tex sia cambiato, è verissimo, anzi piano piano sta scomparendo. O almeno, rispetto a quando c'erano Nizzi e Bonelli Sr. sta scomparendo. "Lo si vede agire spesso da solo, quasi sempre con Carson" Qui sbaglia, di molto anche! Il quartetto c'è molte volte. Quando scriveva lui Tex, non c'era quasi mai.
  11. No, Leo. El Morisco appare per la prima volta, nel numero 77. Per il resto, bellissimo commento.
  12. "Il Ritorno del Morisco" di Boselli/Letteri. Numeri: 452/453/454. Al contrario di Boselli, non la consiglio. O meglio, è tra le mie storie preferite, però i disegni di Letteri sono bruttini, per non dire peggio. Soprattutto se si viene dalla lettura di "Matador" con i disegni estremamente dettagliati dello sfortunato Capitanio.
  13. Ci sono alcune cose su cui non concordo: Quindi, le copertine (bellissime) di Donatelli, non sono dettagliate e quasi mai non coincidono con il contenuto. Perchè quelle dell'autore che cita poche righe sopra, ovvero Galep no? Le sue cover, hanno gli stessi difetti, il secondo problema soprattutto dopo, si riscontra meno, con l'unica differenza, che quelle di Donatelli hanno quello stile pittorico incredibile. Poi: Quelle di Ferri (che a me piace come copertinista), sono dinamiche, ma quelle di Villa no. Mmm: Giusto per citarne tre. Non capisco, cosa vuole dire. Subito dopo Burattini, arriva Boselli (guarda caso, arriva con una storia che inizia a metà albo, dopo la fine di una Toninelliana) ed è lui lo scrittore principale, almeno per il primo periodo. Oltre ad essere il curatore. Infine: Riferito ad un disegno, che si vede a fine articolo. L'autore dice che è infantile, quando il disegno di Piccinelli, è venti spanne sopra a quello di "Magia Indiana". Concordo giusto sul simbolo sul petto. Ora: Villa è il Top! Il migliore della Bonelli senza ombra di dubbio. Nessuno, se proprio dovessi scegliere: Rubini, forse anche Carnevale. Perchè non avrebbe più consensi. Dove si può cambiare si cambia: Dylan Dog, Orfani, Mercurio Loi, Il Confine..... Ed in generale le testate nuove, o quelle dove i lettori non sono tradizionalisti. Se su Tex, al posto di Villa mettessero Cavenago, il personaggio perderebbe un buon numero di lettori.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.