Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

paco ordonez

Ranchero
  • Content Count

    4,186
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    20

paco ordonez last won the day on July 14

paco ordonez had the most liked content!

Community Reputation

148 Incredible

3 Followers

About paco ordonez

  • Rank
    Utente emerito del TWF
  • Birthday 11/02/1987

Profile Information

  • Gender
    Maschile

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    700
  • Favorite Pard
    Tex
  • Favorite character
    tiger

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Grazie sia Grande Tex sia a Ymalpas, anticipazioni succosissime!
  2. Forse sono off topic, ma si potrebbe avere qualche informazione in più su queste storie? È la prima volta che ne sento parlare.
  3. Secondo me è una matita grassa. Però boh, sarebbe utile sapere che tipo di fogli usa Dotti.
  4. Poco da dire, albo bellissimo, degno erede di "Sangue Navajo". Mi è sembrato davvero di leggere una storia classica bonelliana, con Tex che va per le spiccie provocando e malmenando i potenti di turno (anche con quell'irresistibile dose di sarcasmo che lo contraddistingue) e i soprusi dei bianchi contro gli indiani. Ottime le parti con Tiger, e anche il giovane Piccolo Falco è stato ben caratterizzato; mi ha fatto poi molto piacere rivedere, seppur brevemente, il buon Parker, a cui peraltro è stato attribuito un ruolo importante nella vita di Tex. Promossi a pieni voti e senza rise
  5. Non ho ancora letto questa storia, ma ho potuto vedere i disegni di entrambi gli albi. Mi spiace essere severo, ma devo confermare l'impressione avuta dalle anteprime online: disegni imbarazzanti sotto ogni aspetto (personaggi, dinamismo, realismo di cose e ambientazioni, cura generale del segno), forse i peggiori mai visti sulla serie regolare. Il Laurenti che ricordavo, quello degli anni Novanta su Zagor, era davvero un bellissimo disegnatore; quello visto in questi albi (e già il Color, come dissi a suo tempo, non lasciava presagire niente di buono) ne è un lontano parente, mi auguro
  6. "Remissiva" ha un significato preciso: una che si mette con un mezzo bianco appena trovato in riva a un fiume e che rifiuta il matrimonio col guerriero più forte della tribù mettendo peraltro in difficoltà il vecchio padre, a me sembra tutt'altro che "remissiva" (non cito l'arrabbiatura con Kit dopo la sfida a cavallo).
  7. Al di là delle disquisizioni matrimoniali, con il termine "remissiva" Boselli ha dato una descrizione sbagliata del personaggio di Fiore di Luna, basta rileggere quella storia.
  8. Finalmente ho letto anche io questa ormai famigerata storia, e devo dire che in merito nutro sensazioni contrastanti: credo sia infatti, nel complesso, una storia molto migliore del mediocre Color "Un capestro per Kit Willer", noiosissimo e prevedibilissimo insieme di BANG BANG AH AH di pura marca faraciana, e anche migliore, appunto, di almeno tre quarti della produzione texiana di Faraci. Qui le sparatorie e le scene d'azione sono perlomeno un po' variate (tipo gli indiani che lanciano dardi sott'acqua) e i dialoghi tra i pards li ho trovati generalmente divertenti, memori del vecchio Nizzi
  9. Col ritardo che mi contraddistingue da qualche anno ho appena letto questa storia, e devo dire che mi ha pienamente soddisfatto. Certamente non è un capolavoro, e non è nemmeno tra le migliori di Ruju, ma a mio avviso la trama funziona bene e parte da un'idea originale (o che almeno su Tex non ricordo di aver mai visto, e questo mi basta e avanza). La cosa che probabilmente funziona maggiormente è la caratterizzazione dei cattivi, che sono cattivi e spietati per davvero, dunque pienamente credibili nel contesto di un racconto western - e anzi, il fratello cattivo è tra i più spregevoli e
  10. Non so quali siano i motivi, ma secondo me hai centrato perfettamente il "problema stilistico", se posso chiamarlo così. Sarei curioso di vedere le tavole a matita, perché anche io ho il dubbio che un problema potrebbe essere quello di un'inchiostratura troppo "spessa" e semplificata che ammazza i dettagli (e che certamente velocizza il lavoro). Comunque, a essere onesti, io trovo brutta proprio la costruzione di alcune figure, tipo il tizio colpito da Tex, per niente dinamico.
  11. Grande curiosità per questa storia, ma anche per me i disegni sono davvero brutti. E che Laurenti - o meglio, il Laurenti attuale - sia inadeguato a Tex lo aveva già chiarito la sua storia breve sul Color.
  12. Per me il problema è proprio a monte: e cioè che, a causa dei troppi speciali e serie alternative, si dia per ovvia la perdita di centralità di quella che invece, almeno per me, resta la serie principale di Tex. E' proprio questa presunta ovvietà che io, con tutto il rispetto, reputo assurda (ma forse è una colpevole percezione mia, che sono cresciuto con le lettere in cui Sergio Bonelli spiegava i motivi per cui non potevano uscire due Texoni all'anno e quant'altri speciali). E nulla mi toglie dalla testa che, senza questa necessità di fare storie su storie, un autore francamente bollito
  13. Scusa Borden, fammi capire. Ymalpas ha detto "le storie migliori finiscono quasi tutte sugli speciali", e tu è proprio a questa considerazione che rispondi "è inevitabile"? No, perché io da questa risposta capisco che la serie regolare non è più la serie "più importante", quella principale.
  14. Niente, hai deciso di mettermi in bocca parole che non ho detto! Io ho parlato dei disegni: per me - ripeto - quei disegni non valgono minimamente una spesa di 8 euro (o quanti sono). A ciò aggiungici che una delle due storie è di Nizzi (del Nizzi bollito attuale, intendo, non del grande Nizzi della fascia 300-400), e la decisione di non comprare l'albo diventa - per me - definitiva. Poi certo, magari la storia di Nizzi sarà un capolavoro, ma francamente ne dubito fortemente: in ogni caso non mi va di rischiare 8 euro (o quanti sono) per questa (per me remotissima) possibilità.
  15. Certo, infatti mica penso che il mio non acquistare migliori automaticamente la qualità. Dico però che quantomeno mi risparmio i soldi Per dire: spendere 8 euro (o quanti sono) per il nuovo Maxi mi sembra una follia già solo a guardare i disegni in anteprima. Ma io non ho fatto nessuna equazione. Dico solo che mi pare che ci sia una quantità di uscite di qualità generalmente mediocre che io ho smesso di comprare. E penso, questo sì, che forse con meno uscite si potrebbe aumentare la qualità generale delle storie: non ci sarebbe bisogno, ad esempio, di arruolare un disegnatore come To
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.