Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

JohnnyColt

Ranchero
  • Posts

    844
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    16

JohnnyColt last won the day on August 26

JohnnyColt had the most liked content!

3 Followers

About JohnnyColt

  • Birthday 01/23/1998

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Sono un grande appassionato di Tex Willer che, da quando lo ha scoperto e ha iniziato ad acquistarlo, nel 2011, non è più riuscito a fermarsi.
    Adoro inoltre la storia italiana del '900, la politica, il cantautorato italiano, la letteratura di '800/'900, la fotografia e da qualche anno ho scoperto di essere un incallito ed irriducibile Alfista...
  • Real Name
    Lorenzo

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    412
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    Lilyth

Recent Profile Visitors

3,944 profile views

JohnnyColt's Achievements

Mentor

Mentor (12/14)

  • Conversation Starter
  • Week One Done
  • One Month Later
  • One Year In
  • Reacting Well

Recent Badges

70

Reputation

  1. Non capisco cosa ci sia di male a presentare una storia inedita al posto di 6 ristampe... Non sei contento che ci sia una storia in più di Tex, una storia tra l'altro pensata per un supporto abbandonato 55 anni fa? Il buon @andreadelussu74@gmail.com ha proprio ragione... Ristampa anastatica de "Il fuorilegge", ultima pagina:
  2. Non sono d'accordo... Questo dettaglio lo sappiamo noi appassionati ma un avventore casuale non lo può sappere immediatamente!
  3. Che io sappia, i team-up (Bonelli/DC) in USA non sono ancora usciti (ad essere pignoli neppure in Italia) ma credo che prima o poi si possano affacciare anche al mercato USA. Tempistiche distributive a parte, è certo che l'appeal di queste iniziative sarà comunque circoscritto agli aficionados infoiati con Batman e Flash... L'esempio che mi fai degli eroi western nei fumetti supereroistici mi incuriosise perchè, tolto l'abominevole concetto di multiverso, è una caratteristica molto stuzzicante e non mi dispiacerebbe rivedere anche in Italia vecchie glorie sulle attuali testate seriali. Per contro, sono convinto che molti lettori neppure si accorgerebbero che in "quella storia" esista "quel particolare personaggio in auge 60 anni fa"... A onor del vero, ora che ci penso, Boselli sta facendo un bel lavoro per inserire in un'unica continuity (e quindi un UNICO universo) Tex e altri eroi GLBonelliani. Non si tratta delle stesse meccaniche Made in USA (e meno male) ma diamo merito a Boselli per essere tanto contemporaneo e quanto estremamente classico nella sua visione del fumetto seriale! Hai centrato appieno il punto su cui mi trovo totalmente in sintonia. Perchè non amo il fumetto seriale americano? Perchè il personaggio che leggo oggi non è più nulla del personaggio originale! Si pensi alla Wondie (un personaggio che conosco) di Marston e agli stravolgimenti anni '60 e '80... Un ciclo di storie può esserer di qualità o meno ma mal digerisco l'azzeramento del precedente per il nuovo: se non concepisco il brusco reboot di Perez in seguito a Crisi (ciclo che amo, ben inteso) paradossalmente ritengo più sensato il temporaneo snaturamento anni '60 accompagnato da motivazioni di trama. Il Tex in edicola non è più quello del '48, e aggiungerei meno male, ma ne rappresenta una sua diretta e coerente evoluzione. Sono contento che la Bonelli, nella sua pragmatica classicità, abbia mantenuto davvero la sua indole seriale! Ben inteso, a me crossover e what if piacciono un sacco ma devono essere esperienze isolate e circoscritte alla loro esclusiva iniziativa editoriale. Per me Mister No Revolution è una delle operazioni più belle e stimolanti che la Bonelli abbia partorito negli ultimi 20 anni ma se quel Mister No fosse diventato canonico avrebbe abuto ben poco mordente. I reboot e i multiversi rappresentano l'azzeramento della fantasia e la distruzione delle grandi menti che hanno creato e sviluppato personaggi anche molto importanti. P.S. Se pensiamo all'OPERAZIONE DYD per mano di Recchioni possiamo analizzare entrambi gli aspetti evidenziati in precedenza... Il Bloch che va in pensione e Xabaras che lascia il posto di supercattivo sono ottime idee di rinnovamento! Interessantissimo è stato il passaggio tra il DYD barbuto con Gnaghi e il nostro (o quasi) classico DyD con Groucho! Voi mi direte, "e quindi"? Quel "o quasi" mi disturba, se mi tocca lodare il ciclo 666 non riesco a concordare con l'azzeramento del vecchio DyD, di fatto non più in edicola sulla mensile. Perchè? Non si poteva portare il vecchio DyD al nuovo, anche con la sequenza di Gnaghi, bypassando la distruzione del precedente universo e della precedente timeline? Boh...
  4. Come già ho avuto modo di supportare le nuove striscie di Zagor, mi ritrovo oggi a condividere la mia gioia nel rivedere pubblicazioni inedite a striscia. Sono contento che la scelta sia caduta su Torricelli ma, come qualcuno ha già fatto notare, la mimica del ranger sembra variare tra i numeri, spero che sia un mero problema di qualità delle immagini... Bocciatissima le grafica sproporzionata e orridi i colori dilettanteschi (non per fare il vanaglorioso ma alcuni miei lavori di colorazione sono migliori). Vedremo se, con tutti gli albi affiancati, avremo un effetto soddisfacente ma da quello che si può notare ora la qualità dell'opera e nettamente inferiore alle due serie inedite di Zagor! P.S. Siamo sicuri che si parli della 37esima serie de "La collana del Tex"? Secondo me sarà identificata come altro...
  5. UILLIAM UINZOR E CHEIT MIDDELTON Apparte gli scherzi, non riesco non pensare a questa mitica scena:
  6. É un gioco di pesi e leve: prima si salta la risposta per l’esame e poi si salta l’esame per la fregna! 😂
  7. @Bob Rock Ci tengo a dire che non rispondo sempre con continuità per la semplice ragione che sto preparando degli esami e mi tocca relegare la discussione in una posizione subalterna. Mi spiace anche che i miei messaggi siano visti come grandi soliloqui ma purtroppo sono logorroico e a voce, fidati, farei anche peggio! Detto questo, entriamo nel discorso... Mi è capitato di rinverdire la discussione perchè è una questione che mi sta molto a cuore, personalmente mi intristisce vedere tantissimi miei coetanei e conoscenti seguire con attenzione le uscite Giappo e Usa (film e fumetti). Siccome il mercato nostrano ha da offrire parecchio mi rattrista che lo stesso amore che hanno i ragazzi verso i manga e gli anime non lo abbiano per Tex, DyD ecc. Conosco molte persone che sono andate in Giappone esclusivamente per vedere Akiabara, per prendere manga in giapponese (che ovviamente non leggeranno mai) e gli Shonen Jump per ricordo. Non è un male che lo si faccia ma è un peccato che questa attenzione non si manifesti anche in territorio italico. Per me le motivazioni sono lapalissiane: la Bonelli da monopolista de facto (ovvero una azienda che opera in condizioni di libero mercato ma che percentualmente è talmente forte da poter spostare gli equilibri del mercato) si è sempre messa di traverso a operazioni di diversificazione rispetto al solo media cartaceo. Non ho mai detto che la Bonelli non abbia innovato, si rileggano meglio i miei vecchi commenti, ho detto che non prendendo a suo tempo il treno preso dai competitor più piccoli o stranieri si è trovata oggi a lamentarsi della crisi delle edicole. Bonelli non ha innovato negli ultimi decenni della sua gestione perchè non ha mai voluto (e lo dicono anche molte interviste) diversificare il prodotto, non ha mai voluto "svenderlo". Peccato che ora l'azienda, per colpa di queste scelte prese tempo addietro, si trovi a rincorrere i concorrenti nei film, a non avere un bacino giovane di utenza, a dover ovviare alle edicole, a interfacciarsi a realtà che ha sempre snobbato (librerie e fumetterie), a rispolverare vecchie glorie per fare quattro numeri in più ecc. ecc. ecc. Io non ho mai proposto nulla, ho sempre mostrato una mia visione in un thread di discussione. Sentirmi dire sempre le solite cose che rigirano i miei scritti è poco stimolante, tutto qui. Ti scrivo in maniera chiara (cosicchè possa rimanere a imperitura memoria ) cosa mi auspicherei da Bonelli: - diversificazione del prodotto: fare serie tv mature, cartoni animati per i più piccoli e film. Con i cartoni inizi a creare il bacino, con gli altri media lo consolidi... - parlando di diversificazione i videogiochi occuperebbero un mondo a parte perchè sono oggi un media molto pericoloso. La via più sicura sarebbe affidare il tutto a un team indie... - andare di merchandising di pregio, anche sotto licenza: ai 20enni piace avere statuine dei propri personaggi preferiti. - fare collaborazioni con marchi importanti come Funko Pop, queste orribili statuine vendono come il pane e ci sono in giro tantissimi collezionisti. Possibile che la Bonelli non abbia mai pensato a collaborazioni? - iniziare a rispettare di più le fumetterie: per anni le fumetterie sono state snobbate, oggi la situa è migliorata ma ancora la distribuzione non è (salvo rarissimi casi) parallela a quella in edicola e obbliga le fumetterie a vendere su ordinazione. Inoltre, visti i recenti euromanga, sarebbe cosa buona e giusta mettersi in testa, se si vuole davvero seguire questa strada, arrivare ad invadere le fumetterie. In negozi sono sempre più pieni di manga, non bastano 6 numeri di un Bevilaqua qualsiasi per dire "ci siamo anche noi!".Troppa concorrenza... - sfruttare di più i social: Twitch, TikTok e Instagram in primis, YT in secundis! Facebook è inutile e si rivolge a un target di 50enni/60enni che non hanno bisogno di un post per prendere Tex. Siccome questa cosa non è passata penso di essermi spiegato male. Ho parlato di concorrenti piccoli di decenni fa... Mentre Bonelli lanciava l'ennesima serie (magari anche di successo), i concorrenti piu' piccoli, per cercare di far arrivare i propri prodotti, innovavano e tentavano di fare qualcosa di diverso. Bonelli ha sempre innovato sul fumetto ma non è mai andato oltre ad esso. Il film di Tex? 15 anni dopo Diabolik! Il film di Dylan Dog? 10 anni dopo Batman Begins! Monolith? Esiste ancora qualcuno che se lo ricorda? Io spero davvero nel nuovo corso, spero nei progetti di Julia, Dampyr e Dragonero. Il fatto che una azienda così tradizionalista si metta a fare film sensati, pur con decenni di ritardo, dimostra che le mie idee sulla diversificazione non sono proprio campate in aria. La diversificazione è il frutto di ogni azienda e la Bonelli non ha mai diversificato il prodotto... Non vorrei che si creasse ciò che è successo con il MCU, l'ho già detto, ma mi piacerebbe che la Bonelli proponesse prodotti appetibili alle nuove generazioni. Ora come ora è ancorata ad uno zoccolo duro che permette di far numeri ma si dimostra ad ogni nuova idea una palla al piede. Ti ringrazio della dritta ma è un articolo letto già più volte. E' uno scritto decisamente interessante che analizza i canali di vendita e il concetto di GN. Detto questo penso che il problema edicola sia risolvibile con le fumetterie, e lo dimostrano i Bonelli Store... Per il discorso penetrazione potrei farti unaltro papiro ma so che tanto riceverebbe la stessa attenzione data ai miei precedenti messaggi, purtroppo.
  8. E mi spieghi perchè gli stranieri vendono soldi facendo fumetti? Mi spieghi perchè gli unici che sentono di questa dissoluzione sono gli aficionados Bonelli? Vai in Comicon di San Diego o ad Akiabara e poi dimmi sei il fumetto è solo fumetto. Io ho fatto esempi anni '70/'80/'90, esempi che dimostrano quanto allo stesso tempo la Bonelli fosse arroccata sulla vendita di fumetti sempre nella stessa identica maniera. Come risposto al buon Borden parlo di case editrici di decenni fa. Ho già parlato in questa sede della Cosmo e della Bao, mi è stato detto che non stanno avendo successo. Mmmm, oook... Io comunque non stavo parlando di serie pubblicate ma di valorizzazione del prodotto, del brand, la sua diffusione, il suo target... La SBE si è arroccata a vendere, con le stesse metodologie di Sergio, ai vecchi fingendo di vendere anche ai giovani. Esito? I vecchi muoiono o si distaccano dai personaggi (Zagor, MM e DD ne sono un esempio lampante, e pure Tex ha questi "non" lettoiri), i giovani leggono manga. Manga che invece, grazie agli anime, vanno a gonfie vele. Bisognerebbe chiedersi se sia il mercato sbagliato o se sia la Bonelli a non leggere le esigenze del mercato, dei giovani e dei propri personaggi. Ho capito l'obiezione ma è un'obiezione ingenua... Nessuno ha mai parlato di edicole, le ha tirate in ballo Diablero. Se uno leggesse l'articolo capirebbe il titolo... Sta di fatto che hanno triplicato le vendite e questi sono dati! Anche perchè i giovani prendono su internet o in fumetteria (e quindi libreria), mica in edicola... Non sono io ad insistere, è il mondo dell'intrattenimento e dell'editoria ad insistere e dettare legge. Piaccia o non piaccia ai puristi ma l'esempio rodato del Giappone è sotto gli occhi di tutti. Detto questo sono contento di cartoni animati, serie e film? Al 100%, era ora, meglio tardi che mai. Quando gli altri hanno bacino di utenza la bonelli arriva con 15 anni di ritardo (penso al MCU)... Dyd beh, la collaborazione con VASCO non porterà di certo nuovi lettori giovani La serie anche io la vorrei...
  9. E' proprio questo il punto? Quanti parlano di manga? Quanti parlano di fumetti Usa o francesi? Quanti parlano di fumetti italiani? Se non ci fosse Zerocalcare il fumetto italiano nel mondo varrebbe oggi 0. Chiediamoci come mai... Il mondo nipponico è di moda per diversi fattori che non analizzerò ora. Gli americani spingono tantissimo e grazie alla Marvel, ma pure ai soldi di WB e Disney diaciamocelo, possono dormire sonni tranquilli. Il mercato francese ha anticipato di molti decenni il concetto di fumetteria e oggi i fumetti sono tra le sezioni più importanti delle librerie. Il mercato interno ha sempre ciecamente basato il proprio operato sulle edicole, le edicole chiudono e il mercato va in crisi. Chi ha creato questa crisi? Chi ha per decenni mantenuto un immobilismo imbarazzante? Chi pensava che la cosa più sperimentale da fare fosse trasportare il Giornale di SBE da carta al web? Non raccontiamoci balle... La SBE è sempre stata una monopolista de facto, le altre case editrici hanno sempre sperimentato per tirare a campare in un mercato libero, alla Bonelli è sempre bastato il costante contentino mensile. L'Astorina? Fin dal '68 ha cercato di creare un culto, riuscendoci, attorno a Diabolik: film, merchandising, romanzi, cartone animato... La Corno? Tra i primi importatori di Comics seriali, tra i primi a portare i propri personaggi al cinema (Kriminal, Satanik, Sturmtruppen), grandi promotori di Gulp e SuperGulp! Altro...? La Dardo? Pur essendo in scia Bonelli fu tra le prime a creare riviste contenitore! La Aurea? Con le sue riviste LancioStory e Skorpio! Silver? Con le sopracitate serie culto di Cattivik e Lupo Alberto e con le mitiche caramelle del Lupo Blu! Ma di cosa parliamo? Se si vendono fumetti stranieri e non si foraggia l'indotto interno è a causa di scelte idiote che hanno fatto assai male alla casa editrice e al mercato interno! Ora la Bonelli pensa di diversificare ma lo farà, se lo farà davvero, con un ritardo di 20/30/40 anni rispetto agli altri!!! Un po' tardino, non pensate? Massì, buttiamo dentro la caciara da bar, le accuse di scribacchinismo e i fantomatici titoli clickbait che nella realtà, se si avesse l'accortezza di leggere gli articoli, confermano ciò che viene indiscutibilmente scritto nell'articolo stesso. Soprassiedo che è meglio... Praticamente affermi che l'analisi fatta dalla più grande associazione di categoria italiana è una balla perchè "si limita" ad analizzare le librerie, le fumetterie e l'ecommerce? Praticamente affermi che l'analisi di una associazione come la AIE è inattendibile perchè non prende in analisi edicole che quotidianamente vengono decimate? E poi, come fai ad associare l'e-commerce alle edicole se i due target sono essenzialmente differenti e di certo non succedanei? Stai affermando che per fare una analisi sulle vendite dei SUV bisogna avere sottomano le vendite delle autovetture aperte. Come già affermato più volte in precedenza ragioni con strutture di mercato e di arketing antiquate e oggi inapplicabili. Ma ad una certa non ci sta bene un "Chissenefrega delle edicole?" Attenzione, non sto dicendo chissenefrega degli edicolanti e dell'indotto... Sto dicendo che tirare in mezzo sempre e solo queste benemerite edicole come argomento di trattazione è fuorviante e degradante per qualsiasi discorso in serietà. L'articolo cita le analisi dell'AIE secondo cui "dal 4 gennaio aò 20 giugno di quest'anno il settore dei fumetti ha triplicato le sue vendite (+214%)". L'articolo poi prosegue su un argomento molto interessante "possiamo supporre che abbia inciso il successo dei manga". Caro @Diablero comprendi che, anche a causa della pandemia, il mercato sta rifiorendo? Comprendi che il mercato sta rifiorendo anche grazie ai manga e ai volumi? Comprendi che il mercato sta rifiorendo grazie alle librerie, alle fumetterie, all'ecommerce e ai vari influencer come Dario Moccia, Mangaka, Caverna di Platone ecc.? Se affermi che oggi il mercato della 9^arte è svantaggiato perchè le edicole stanno chiudendo non comprendi che oggi l'editoria anni '70 è inequivocabilmente inapplicabile. Chi sta pensando per la chiusura delle edicole? La Bonelli! Chi e' stata obbligata a investire in Store brandizzati? La Bonelli! Chi continua a parlare di rilanci che poi puntualmente ricadono nell'errore di proporre roba anche artisticamente valida ma nel cuore stantia? Non lo dico io, povero pirla 23enne di Pavia... Lo dicono i dati degli editori, lo dicono i numeri dei film Marvel e dei manga/anime, lo dice la community, lo dice Twitch, lo dicono le vendite di Amazon. Qui non si sta disquisendo se personalmente preferiamo la distribuzione digitale, molte volte sfruttatrice, o l'edicolante sotto casa. Si sta parlato di mercato, e se si parla di mercato di parla di quote, e si parla di quote si parla di numeri... Perchè la Bonelli, e chi è affezionato al suo modo anacronistico di fare fumetti, è l'unica a mettersi di traverso ancora una volta? Il mercato è stato rovinato da chi aveva il potere di trasportare le piccole entità (parlo di editori e di edicole) verso un'apertura globale, verso una naturale diversificazione dell'intrattenimento, verso un logico rafforzamento del brand. Per non parlare poi dell'importanza che ha avuto il bonus di 18App: 500 euro da spendere in cultura e quindi in fumetti. 500 euro che ci sono da anni (io stesso ne ho usufruito e spesi per 3/4 in fumetti) ma che prima erano, fidati, meno sentiti per l'acquisto gratuito di fumetti. I dati positivi dell'andamento di questi fondi dimostrano ancora una volta che i giovani leggono ma leggono ciò che amano, i manga! @Diablero, fattene una ragione: l'editoria a fumetti non è più quella che piace a te!
  10. Non stai centrando il punto... I manga oggi spopolano e sono di moda perchè i vari mercati interni non sono riusciti a soddisfare un mercato che nel tempo ha dato per assodata la multimedialità. I manga spopolano oggi perchè la multimedialità (prima manga, poi anime, film, OAV, videogiochi, action figures ecc. ecc.) è insita nella natura stessa dell'intrattenimento nipponico, fin dagli anni '30! A seguire gli USA sono riuscire a compensare il calo della carta stampata con i film, le serie TV e quant'altro... I francesi sono riusciti a ritagliarsi una loro nicchia per sopravvivere. Il fumetto italiano (la cui monopolista effettiva è purtroppo la SBE) è fermo a paradigmi Bonelliani innovativi negli anni '60 ma oggi quanto mai anacronistici. Le colonne portanti della Bonelli magari vendono ancora bene e superano la concorrenza (e dentro di me: vista la base utenti che in 80 e passa anni hanno creato sarebbe imbarazzante il contraio...) ma comunque stanno obiettivamente subendo flessioni e si rivolgono ad un target decrepito e ammuffito. Ancora una volta si parla di copie vendute e ancora una volta non si capisce che il mondo del fumetto oggi non è esclusivamente su carta! I giappo lo hanno capito negli anni '50, gli americani hanno iniziato massicciamente negli anni '80, i francesi negli anni '90/2000. Noi? Quando inizieremo a valorizzare l'enorme patrimonio che abbiamo? Se non ci fossero stati nicchie come Lupo Alberto e Cattivik saremmo ancora a parlare du SuperGulp! Astorina ha sempre provato a creare un mercato moderno, la Bonelli ha sempre goduto del proprio immobilismo granitico e assurdo.
  11. Oggi stavo leggendo un po' di articoli sul fumetto e nuovamente mi sento di andare controcorrente a tanti di voi... Si faccia avanti il primo che mi dica quanto il mercato dei fumetti sia stagnante, ininfluente e mondialmente insignificante. E' dalla mia iscrizione nel 2012 che vado dicendo che il mercato del fumetto vive e sempre dal 2012 critico la Bonelli per voler puntare su un target che nel giro di pochi anni sarà morto e sepolto. La SBE sta perdendo il treno ragazzi, e questo perchè ancora troppa gente si infastidisce se Tex ha uno strillone in copertina o una caspita di medaglietta in allegato... 13/01/2021, Askanews.it: "Editori indipendenti, il primo per copie vendute è Star Comics" 24/01/2021, La Repubblica: "Passione manga: i fumetti scalano le classifiche" 31/01/2021, TomsHW.it: "Il fumetto in Francia – gli impressionanti numeri del 2020" 19/04/2021, LaStampa: "I manga sfidano la narrativa: con Twitch, streaming e librerie scalano le classifiche" 04/05/2021: Fumettologica.it: "Crisi da boom? I manga stravendono, ma gli stampatori faticano a tenere il ritmo" 17/05/2021, Feltrinelli Education: "I fumetti in Italia: un mercato in continua espansione" 30/06/2021, Fumettologica.it: "Il 2020 è stato un anno da record per il fumetto USA, nonostante la pandemia" 11/07/2021, EveryEye.it: "USA, mercato manga ancora in crescita: My hero academia guida la classifica primaverile" 15/07/2021, Fumettologica.it: "Nel 2021 in Italia le vendite di fumetti sono triplicate" 28/08/2021, VerticaleFrancese.com: "Il fumetto in Francia cresce di un clamoroso 55% in un solo anno, trascinando l’intero comparto del libro" E potrei continuare e continuare... Quanto è difficile che il mercato del fumetto è florido, ci sono influencer che lo diventano parlando di nona arte e ci sono molti compratori. Ma non vi accorgete che la pantomima del "mercato appassito" è nel caso legata solo alla Bonelli? Io mi chiederei il perchè e mi chiederei perchè quest'ultima voglia diventare oggi, fuori tempo massimo, una multimedia company! Piccola postilla che conferma come i giovani leggano fumetti: https://www.firstonline.info/bonus-cultura-boom-dei-manga-in-italia-e-francia/ Bisognerebbe chiedersi perchè i giovani non leggano Bonelli!
  12. IL LOGO DI TEX – AGGIORNATO L'evoluzione del logo TEX qui sotto rappresentata ci mostra le diverse fasi iniziali e il risultato finale utilizzato inizialmente su Tex Gigante e successivamente anche sulle collane parallele. Il logo definitivo, oggi, è presente, con variazioni di colore e di dimensioni, su Tex Gigante, su Tex Speciale, sul Maxi Tex, sul Color Tex, sui romanzi cartonati, sul Tex Magazine e su tutte le innumerevoli ristampe o riedizioni pubblicate dalle varie case editrici mondiali. I versione: utilizzata soltanto nelle prime due serie a striscia della Collana del Tex (1948-1951), presenta i tre letteroni in maiuscolo leggermente inclinati verso destra, separati tra loro, gialli con contorno nero. Debutta nel settembre del '48 con "Il totem misterioso"; II versione: utilizzata dalla terza serie all'ottava "Azzurra" (1951-1954), troviamo le tre lettere gialle contornate di nero che ora si fondono formando un abbozzo della particolare forma arrivata fino a noi. La scritta è meno tozza rispetto alla precedente e riceve un'rotazione tale da renderla ancora più dinamica. Debutta nel maggio del '51 con "L'orma della paura"; III versione: utilizzata dalla nona serie "Gialla" fino alla chiusura della collana, con l'ultimo numero della trentaseiesima serie "Rodeo", (1954-1967), riprende l'idea precedente e la rende maggiormente gradevole, più proporzionata e di certo più moderna. I cambiamenti radicali rispetto alla passata versione sono riscontrabili nella sbarra superiore della T, meno piatta e meno allungata, e nella E leggermente più piccola. Debutta nel gennaio del '55 con "La croce tragica"; IIII versione: il logo che da decenni vediamo sui nostri albi è presente su entrambe le serie di Tex Gigante e nella terza serie di Raccoltine ("Serie Rossa"). Si noti che nella versione definitiva del logo la gamba destra della X ritorni dritta, esattamente come la versione utilizzata tra il '51 e il '54. I loghi presenti sui primi 10 numeri della prima serie di Tex Gigante (1954), sul numero 28 della stessa e sui primi tre numeri della terza serie delle Raccoltine a striscia (1956) mostrano chiaramente come sulle ristampe, nel biennio analizzato, il logo talvolta si modificava a seconda della mano che lo disegnava e soprattutto che non vi era ancora un’immagine definitiva da imprimere su ogni copertina: VARIAZIONI SUL TEMA In alcune pubblicità del 1948 è possibile vedere una stilizzazione massima del primo logo del personaggio bonelliano: Tra le variazioni più comuni vi è sicuramente il logo utilizzato principalmente nella settima e nell’ottava serie degli Albi d'oro (1959-1960), dopo l'adozione del canonico marchio: Il numero 100 della seconda serie di Tex Gigante (1969) adatta la scritta SUPER al canonico logo della testata: Il numero 400 della seconda serie di Tex Gigante (1994) adotta un logo diversamente canonico che poeticamente racchiude tutte le precedenti evoluzioni. Non sto a dirvelo, questo albo vedrà per l'ultima volta una copertina del mitico Galep: I numeri 83, 181, 237, 267 possiedono loghi non canonici nel titolo e rappresentano un’assoluta anomalia nella decennale grafica di Tex: In alcune pubblicità degli anni '70 e nel gioco in scatola realizzato da Clementoni possiamo trovare sia il nome sia il cognome scritto con lo stesso font del marchio della testata: Il logo utilizzato in occasione dell'uscita nelle sale di "Tex e il signore degli abissi", film del 1985 diretto da Duccio Tessari, rappresenta quasi una fusione tra la versione utilizzata con la terza serie a striscia e quella finale che oramai troviamo su ogni pubblicazione. Con l'uscita della riedizione in DVD nel 2006, viene ripescato anche il primissimo logo, opportunemente modernizzato e di colore rosso: ALTRI LOGHI UTILIZZATI NEL TEMPO Le prime sei serie degli Albi d'oro (1952-1959) presentano un logo molto particolare, ripreso poi in seguito dai tre albi apocrifi pubblicati dall’editore Piacentini negli anni ’70: Non è raro trovare, nelle Raccoltine e nella prima serie di Tex Gigante, scritte a mano con nome e cognome del protagonista: Nella Serie "Bianca" (1950) delle Raccoltine, il terzo e il quarto numero presentano un riquadro bianco con scritta azzurra indicante nome e cognome del protagonista: Con l’uscita della collana mensile Tex Willer nel 2018, viene presentata una scritta sobria e tipicamente country-style. Lo stesso logo è utilizzato anche sulle collane Speciale Tex Willer (2019-) e Tex Willer Extra (2021): Nelle poche parodie dedicate a Tex possiamo vedere delle reinterpretazioni in stile... ...come possiamo trovarla anche nelle versioni straniere del Nostro. CURIOSITA’ Sono ben poche le copertine senza alcun riferimento, nel lettering, a Tex. Se nelle Strisce e negli Albi d’oro la grafica condivisa per ogni numero era parte integrante della copertina, le ristampe (Raccoltine e Serie Gigante) avevano un approccio più elastico e sperimentale. Le 7 meravigliose copertine della prima serie di Raccoltine (1949) presentavano soltanto sobri titoli atti a valorizzare appieno il disegno di Galep; un’approccio poco invasivo del lettering venne portato avanti solo da pochi numeri della Serie "Bianca" (# 5, #6, #46) e il numero 26 della prima serie Gigante. In virtù di una maggiore sperimentazione, nelle Raccoltine e nelle due serie Giganti è possibile, se non frequente, trovare la parola “TEX” nel titolo in sostituzione del mitico logo:
  13. Se le andassi a recuperare qualcuno potrebbe inserile al posto delle immagini perdute?
  14. I manga solitamente vengono tirati dagli anime. Il wester da quando Rockstar ha pubblicato DRD ha avuto un aumento di appeal
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.