Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Pedro Galindez

Ranchero
  • Content Count

    1,340
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Pedro Galindez last won the day on August 22 2019

Pedro Galindez had the most liked content!

Community Reputation

9 Neutra

About Pedro Galindez

  • Rank
    Utente emerito del TWF
  • Birthday 04/01/1972

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Non posso che associarmi a tutte le considerazioni espresse da chi mi ha preceduto. Un altro vuoto che si apre nella storia di Tex......
  2. IMHO GLB ha inserito i bracciali magici perché, altrimenti, dati i sempre maggiori poteri magici che Mefisto e Yama dimostrano nell'arco narrativo che va da "La gola della morte" ( nn. 39 - 40 ) a "L'ombra di Mefisto" ( nn. 265 - 268 ), affrontarli fidando nel semplice uso delle Colt sarebbe stato per Tex &Co. suicida ( a meno che, naturalmente, i due maghi non venissero colti da fulminanti attacchi di piccionaggine ). Non che quest'ultimo rischio sia stato sempre evitato ( le due ultime storie di GLB su Yama lo dimostrano, specie l'ultima ), ma almeno l'uso della magia più o meno "bianca
  3. Dopo la lettura della seconda parte della storia mi pare di poter dire che , pur sembrandomi abbastanza leggibile e gradevole, sia abbastanza inferiore a "Mezzosangue", "Le catene della colpa" e anche al Texone ( disegni a parte ). Infatti, per quanto Ruju ce la metta tutta per occultare questo fatto, possiamo tranquillamente affermare che Tex esce sostanzialmente battuto su tutti i fronti in cui è impegnato in questa vicenda. Per quanto riguarda il complotto antiindiano di Mr. Johnson e dei suoi amici speculatori, . I disegni di Garcia Seijas, anche se ( come è stato detto da molti ) non gli
  4. L'ho appena preso e rapidamente scorso; viceversa, non ho trovato il Color.
  5. S?, il capo dello Stato è il sovrano ( o la sovrana ) del Regno Unito, ma ha poteri ancor più limitati che in Gran Bretagna ( anche se nel XIX secolo erano comunque più ampi, specie in politica estera e in campo militare ).
  6. Negli Usa no, ma a quanto pare in Canada non vi erano ( n° vi sono ora ) simili interdizioni, dato che il Senato canadese equivale alla Camera dei Lord inglese; anzi, tra i membri del governo canadese vi è ( come in Inghilterra ) un senatore che assume la funzione di "leader della maggioranza in Senato"; magari era questa la carica occupata da Sidney secondo Nizzi.
  7. Più propriamente il calibro più comune dei Winchester era il .44.40, e prevedeva pallottole un po' più piccole di quelle calibro .45 della Colt Peacemaker. E' vero che era assai diffusa una versione di quest'ultima arma ( la "Frontier" o "Six - Shooter" ) che permetteva di usare le stesse cartucce del Winchester, ma credo che in questo caso dobbiamo assumere siano state usate armi calibro .45 ( del resto Crane non usa il Winchester, ma lo Sharps a colpo singolo e quindi non ha bisogno di una pistola dello stesso calibro del fucile, dato che lo Sharps usava pallettoni incompatibili con qualu
  8. Per quanto riguarda la sparatoria al pueblo, va anche notato che Guerrero spara da una distanza parecchio elevata per un Winchester ( che era preciso fino a circa 250 metri ), dato che, dopo che i due pards hanno bene o male guadato il fiume, restano loro da percorrere ancora 300 metri; insomma ( a meno che Canzio non abbia attribuito al fucile una precisione assai superiore a quella reale ) non è che "Calavera" avesse tutte queste possibilità di spazzare via sia Tex che Carson. Sempre per quanto riguarda le anticipazioni del futuro della saga texiana, va segnalata anche la maniera in cui Guer
  9. Come è stato detto in diversi interventi precedenti, "L'oro di Klaatu" segna diversi cambiamenti nella saga texiana: nuovi sceneggiatori ( per la famosa crisi creativa di Claudio Nizzi ), un nuovo copertinista e, soprattutto, la ricerca di nuove tonalità espressive. A mio parere infatti, una delle innovazioni più significative introdotte da Decio Canzio nella saga è l'attenzione all'evocazione ambientale, anche indipendentemente dalle caratteristiche e dalla consistenza dei personaggi, laddove in GLB, Nolitta o Nizzi essa, anche quando era più marcata ( si pensi per esempio all'elemento horro
  10. Letto il n. 645. Per quanto riguarda la scena iniziale . Riguardo al seguito della storia . Per ora i disegni di Gracia Seijas mi paiono molto eleganti, puliti ed efficaci. Insomma, pur con i limiti che la "gabbia" delle 220 pagine potrebbe imporre, mi pare che le premesse siano assai positive.
  11. Grazie, Ymalpas! Se vogliamo, ripescaggi del genere collegano Boselli alla tradizione di GLB, in cui personaggi del genere vengono spesso sfruttati ( il fratello del "grande cattivo" Milton de "L'asso di picche" occupa un ruolo assai simile in "New Orleans"; allo stesso modo, Diamond Jim, colui che fa rapire Kit Willer da Capitan Barbanera in "San Francisco", vuole con ciò vendicare l'uccisione di suo fratello, ganstger locale come lui, ad opera di Tex ne "La costa dei Barbari" ). La cosa però in "Spedizione in Messico", come ho già detto, mi pare funzioni assai meno bene perchè ( sebbene B
  12. "Spedizione in Messico" è IMHO la dimostrazione di come la tendenza a contenere le storie entro la gabbia delle 220 pagine ( nettamente prevalente nel corso del sesto centinaio texiano ) abbia spesso l'esito di ridurre lo spessore delle vicende stesse. Nel caso in questione, Boselli riprende la tematica della "missione pericolosa in territorio messicano", sperimentata nella saga texiana fin dalle origini ( come mostra "Ken Logan il duellista" ), contaminandola con gli intrighi politico - affaristici visti già in "In nome della legge", "Tucson" ( alla quale è connessa da un tenue filo, diciamo
  13. A mio avviso, nelle vignette postate da Ymalpas Tex si esprime in quel modo perchè vuole provocare Atwood in modo tale che si tradisca o quantomeno perda le staffe in modo tale che il ranger stesso possa rompergli la mascella come si merita ( come si è visto, solo il secondo obiettivo è raggiunto ). A giudicare però da quanto dice Tex a Carson a pag. 112 ( "Marton potrebbe decidere di non parlare" ) e soprattutto dal dialogo conclusivo fra Webster e Nantan, le cose non sono andate come pensava Tex: l'inchiesta sul traffico di armi e whisky si è conclusa favorevolmente per Nantan ( Webster pag.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.