Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

gilas2

Allevatore
  • Posts

    713
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

Everything posted by gilas2

  1. Io suggerisco sempre come prima lettura "Vendetta indiana", n. 91 della serie 'regolare' e poi ristampato in vari altri formati.
  2. L'argomento l'ho già esposto Lo espongo di nuovo Preferisco più scelta perchè sono IO lettore a scegliere poi cosa prendere e cosa no, e più scelta c'è e meglio è. E io prendo solo Tex inediti (qualcuno ha capito cosa intendevo col discorso dei Magazine, qualcun altro no). Poi si può essere d'accordo o meno, il che è assolutamente legittimo. Ma il tutto è stato esposto in italiano comprensibile, non in turcomanno o sudcoreano.
  3. Eppure ho scritto in un italiano comprensibile: "degli albi col logo Tex ma che non presentano inediti di Tex (ad esempio di altri personaggi, o ristampe di episodi già editi) me ne interessa così poco che non guardo nemmeno il titolo " PER ESEMPIO: https://shop.sergiobonelli.it/tex/2022/08/24/albo/avventura-magazine-2022-tex-presenta-i-grandi-eroi-di-g-l-bonelli-i-3-bill-1022053/
  4. https://shop.sergiobonelli.it/tex/2021/12/22/albo/tex-magazine-2022-1021192/ Per esempio Tex Magazine 2022, due storie inedite (una con Montales) Sarei io che non conosco le uscite? Aggiungo un PS, degli albi col logo Tex ma che non presentano inediti di Tex (ad esempio di altri personaggi, o ristampe di episodi già editi) me ne interessa così poco che non guardo nemmeno il titolo Estiqaatsi (che era un capo Cherokee tra l'altro) degli Avventura Magazine
  5. Sono uno di quelli che ha votato 'sì' alla prima domanda Questo perchè non mi fa nè caldo nè freddo quanti 'vari' Tex ci siano in edicola per me potrebbero essere anche cinquanta titoli diversi Alla fine è il mercato stesso che decide quali campano e quali scompaiono, non la nostra (a dir poco varia) opinione di un gruppo ristrettissimo (e quindi di fatto ininfluente sui numeri totali del venduto) di componenti di un forum (che già lo strumento del forum è a dir poco ormai obsoleto tranne in rarissimissimi casi, come questo). Quindi, per me più ce ne sono e meglio è perchè (io lettore) ho più scelta, poi sono io (sempre come lettore) a decidere se e cosa acquisto in edicola (ad esempio prendo il Magazine solo se ci sono episodi inediti e solo di Tex, non di altri personaggi).
  6. E non la vogliono capire ehhhhhh A spaccare il capello non in quattro ma in duecentocinquantaseiesimi.... OO
  7. Ah be se siete tu e Diablero a pensarlo... la stragrande maggioranza qui pensa il contrario
  8. Ed era anche abbastanza ovvio quale fosse l'importanza dei documenti, alla fin della vicenda. Dipende dai punti di vista. Per me è una delle storie più sopravvalutate di tutta la serie (riletta un mesetto fa e conferma l'impressione avuta all'epoca della prima lettura e delle successive) e non l'ho mai annoverato tra i capolavori (Patagonia e Oklahoma su tutti). La storia poi la rileggerò con calma Intanto promosso a pienissimi voti (ancora una volta) Mastantuono, qualitativamente ed espressivamente non una ma due spanne sopra i (sottotono) Cestaro della prima parte della Mefistoleide.
  9. Mah, vedendo come sta proseguendo questa discussione, direi che nemmeno Magritte o Dalì in persona avrebbero mai potuto immaginare qualcosa di così surreale
  10. Ma non credo proprio, se non in senso positivo. "Purchè se ne parli", come diceva qualcuno
  11. Per quello che si vede dalle anteprime, idem con patate, e per di più nutro forti dubbi sulla possibilità di ricredermi.
  12. In realtà, se non ricordo male, il massacro di Santa Rita del Cobre è già comparso in passato nella serie regolare una e forse anche due volte Sicuramente in n. 259 "Segnali di fumo" e seguenti disegnata da Ticci Ma mi pare ci fossero dei riferimenti in una storia più recente con flashback su Montales
  13. Au contraire, è chiaramente identificabile come un'orca e se ad 'orca' si abbina spesso l'aggettivo 'assassina' ci sarà un perchè (anche se le prede abituali sono foche o delfini) Assolutamente si Diciamo un superwolfman come versione rujana di un supersayan Nulla è casuale.
  14. La butto li: ma al povero Kit bisogna per forza 'appioppare' sempre o una squaw destinata a fare una brutta fine o una "svalvolata bipolare" come Manuela Montoya? Ma allora perchè non una Calamity Jane (ma meno 'cessa') o comunque una simil Lupe, che sappia però tirar di pistola, di fucile ed andare a cavallo come un'amazzone, e che lo tenga sempre sulla coda?
  15. "Ari?" "Si ispettore?" "Tu non farai mai carriera nella polizia" *BURRRRP* ".... e ora chiamami la signora Fottemberg" (citazione per pochi)
  16. Beh no, altrimenti tanto varrebbe non averle affatto le chiavi alle porte (persino nei peggiori bar di Caracas... pardon, di Tombstone o altre town note per la loro ritrosia alla legge e l'ordine) Spiegazione più classica: nella 4 sono entrati dal classico terrazzino (o cornicione) Se nel west le porte erano più o meno chiuse a chiave, le finestre invece, come sappiamo da innumerevoli tentativi di imitazione, no.
  17. «Si può sapere cosa diavolo succede qui dentro? Chi sei tu? e questo sporco Apache? E... uno, due... cinque cadaveri?» «Sei.» «Cosa?» «Sei cadaveri, sceriffo. Ce n'è uno anche dietro il bancone. Io sono Tex Willer e il mio pard è Tiger Jack. Non è un Apache, e di sporco qui dentro c'è ben altro» «Ah.. Willer, l'agente indiano dei Navajo. Ma questa non è sua giurisdizione. Questa è riserva Apache e l'agente indiano è lui.» «Certo che è mia giurisdizione. Forse non lo sapeva, sceriffo, ma sono anche un ranger. E sono in missione per conto del comando di Austin. Ci sono arrivate voci piuttosto, come dire, strane» «Tutte storie» «E della morte di Bolter, che mi dice?» «Quello è stato un incidente.» «Ah, sì? Beh... se lo dice lei» «Intanto ditemi cosa diamine è successo qui. Altrimenti, Ranger o non ranger, vi sbatto dentro tutti e due.» «Non ci siamo, sceriffo. Io ho un mandato federale, me ne infischio della sua stella.» «Ma...» «Ma un corno. Domattina mi fa avere un bel rapporto dettagliato sulla morte di Bolter, altrimenti le strappo la sua bella stella di latta, la sbatto io nella sua cella, e butto la chiave nel fiume» «Ehi! Io sono lo sceriffo regolarmente eletto da questa città e...» «... e se vuole continuare ad esserlo, farà quello che le ho chiesto. E non cerchi di svignarsela durante la notte, perché Tiger le darà la caccia. Non ci metterà molto a trovarla, e se vuole sa essere un artista, col suo bowie. E ora fuori dai piedi, che non ho ancora cenato.» Lo sceriffo diventa paonazzo e sfiora leggermente il calcio della colt. «Vieni via, David. Il signor Willer ha ragione. Il suo mandato gli dà pieni poteri e tu sei tenuto a dargli la massima collaborazione.» L'agente indiano trascina praticamente fuori dal saloon il furibondo sceriffo. «Ma che ti prende, William? Se quel maledetto ranger indaga siamo nei guai fino al collo!» «Lo so, maledizione. Ma che volevi fare? Affrontarlo a viso aperto? Volevi suicidarti? No... bisogna toglierlo di mezzo. » «E' vero, William. Bisogna radunare un po' di ragazzi.» «E soprattutto metter mano alla borsa.» «Già. Maledetto Willer.» Mi son di nuovo permesso di fare qualche (modesta) modifica ai dialoghi, sempre a titolo di divertissement. L'ispirazione è al Tex di "Canyon Diablo"
  18. Letizia mi perdonerà ma secondo me può fare ancora meglio accorciando (o 'asciugando') i dialoghi il più possibile. (da sopra) «Per te va bene, l'Apache resta fuori.» «Non è Apache...» «Non mi interessa. Qui non ci dorme.» Tex estrae le due colt. «Amigo, Io sono molto stanco, loro no.» «Che diavolo...» «Esatto. Il diavolo. Se non la smetti con le tue idiozie, te lo faccio incontrare subito.» «....» «Tiger, mentre io tengo a bada queste brave persone, perché non convinci l'oste? Magari prima gli togli lo scalpo.» «Con piacere, Tex.» (ma basta anche ll classico 'Ugh'. O Tiger che gli fa vedere il bowie) «Ehi dico, siete impazziti per caso? Tu... tu sei Tex Willer?» «In persona» «E lui non è un Apache... è un Navajo?» «Già» «Ma allora cambia tutto! Chiave stanza 5, finestra sul retro.» «Scendiamo tra mezz'ora. Facci trovare un paio di bistecche.»
  19. Ehhhh che esagerazione Al massimo lo metti da parte.
  20. “Il multiverso è un concetto di cui sappiamo spaventosamente poco”
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.