Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Grande Tex

Ranchero
  • Posts

    1,723
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    16

Everything posted by Grande Tex

  1. Ancora sta storia? Mi pareva di averlo già spiegato: Tex e Tom arrivano ad Anderville,fanno evadere John e scappano,vengono scoperti e Tom muore.Niente di tutto quello accaduto prima c' entra. Basandomi sulle informazioni sulla sua cultura letterario cinematigrafica date dallo stesso,non credo proprio che Nizzi comoscesse questo tipo di trope.Anche perché sinceramemte non é che il nero muore per primo...é l' unico che puo' morire a quel punto. É chiaro da cosa? OVVIAMENTE gliel' ho chiesto.Tanto che quando partono Tom sa già i dettagli. Non so bene perché,ma Diablero da tutto il thread si riferisce al fatto che Tex e Tom vengano scoperti al ponte come causa del fallimento della missione.In realtà quell' evento non ha nessuna rilevanza con quanto accade dopo.
  2. Ci andrei piano.Io non l' avevo capito affatto e non credo di essere il solo.
  3. Se il punto,come dice qualcuno,é il fatto che il "salvato" sia magari rappresentato come ingenuo,e questo sia offensivo, mi viene però da dire...cosa lo salvi a fare? Una persona pienamente consapevole e in gamba mica ha bisogno che gli vengano aperti gli occhi. E infatti nei film Holywoodiani di oggi succede di solito il contrario,con il personaggio occidentale che entra in contatto con una cultura più primitiva ed é lui che viene cambiato( per carità,niente di male,succede ed ha senso,ma quando in ogni film,libro o fumetto il risvolto é sempre questo,la cosa diventa davvero forzata).
  4. Credo che fosse per costringere Tex a NON seguire la Tigre.
  5. Anche qui...chi ha detto che non possa essere così? Certo proporlo sempre e rappresentare un' intera categoria di persone in questo modo é sbagliato ma un singolo caso sarebbe davvero sbagliato di per sé? Anche se rappresenta una situazione che puo' benissimo verificarsi? Io dico di no.Certo se poi a te come lettore la cosa sembra un segno di scarsa scrittura,é un altro discorso. E anche qui si rientra nei campi di gusti personali: perché se uno dice" Questa maniera di scrivere a me non piace" mi sta bene,ma se poi uno dice " Chi scrive così é razzista" o peggio ancora" Chi apprezza questo tipo di scrittura é razzista", come fanno gli indignati su Twitter, no a me non sta bene. Io personalmente ho l' idea che film,libri o storie non andrebbero mai ( a meno che non vogliano trasmettere quel messaggio) analizzati in base a cose come il femminismo o l' antirazzismo( tipo:" Ma questa storia quanto é antirazzista da uno a dieci?" oppure " Come sono trattate le donne in questa storia"?).A meno che non ci siano storie,film eccetera dove il messaggio é ESPLICITAMENTE contro qualcosa,o dove la rappresentazione sia stereotipata apposta,con lo scopo di far ridere magari,secondo me questi discorsi andrebbero lasciati fuori dalle analisi. Io apprezzo in equal modo una storia dove la protagonista é un' eroina complessa,tormentata e femminista, così come apprezzo una storia dove la moglie é lasciata a casa tutto il tempo,non ha una caratterizzazione e alla fine si presenta a dare il bacio all' eroe che torna a casa.
  6. Sono cose che magari uno fa involontariamente,senza rendersi conto che si possono offendere le sensibilità delle persone.
  7. Si, ne ho sentito parlare.E la ritengo una cavolata esagerata. Puo' avere senso quando si tratta di chi si sente " superiore" e vuole decidere per gli " inferiori" anche se loro ti rispondono tranquillamente "Stiamo bene così" ,ma arrivare al punto dove si dice che una persona di etnia caucasica non puo' cercare di aiutare disinteressatamente un' altra persona di un' altra etnia a stare meglio con sé stesso e gli altri, solo perché essendo bianco non ne ha il diritto, é una delle tante minch* ate woke. Se é per questo io ho citato la padrona della locanda postando delle immagini,e Diablero ha postato le stesse immagini che dicevano le cose che dicevo io mentre nel suo messaggio diceva che raccontavano l' opposto.😆Credo che ormai si sia troppo autoconvinto,caro Leo.
  8. E chi lo dice che non é più accettabile? Perché quattro idioti su Twitter si arrabbiano? Lo decidono loro cos' é accettabile? Io non avrei certo problemi con nessuna delle due cose,anche perché sono entrambe non solo possibili ma anche realistiche( moltissimi neri,negli stati del Sud,alzarono la testa anche perché ci furono dei bianchi che cercarono di spiegare loro che avevano dignità come esseri umani.Se oggi molte donne mussulmane stanno rialzando la testa ,spesso é perché delle femministe occidentali hanno aperto loro gli occhi,magari anche solo su Internet.Dobbiamo far finta che tutto questo non esista perché " é offensivo"? ) La rappresentazione di Tom in questa storia sarà anche " offensiva", però é REALISTICA.Adesso siamo abituati,da troppo,a far vedere che il personaggio nero non possa mai essere subordinato o spaventato.Tom non é una macchietta. É un personaggio complesso. Crede nell' antischiavismo e si batte per il Nord,ma in una situazione di razzismo quotidiano ha paura,é abituato a chinare la testa. E mica é l' unico( per il Nord combatterono un sacco di neri,credete forse che dopo la Guerra andassero in giro a testa alta facendosi rispettare? Figuriamoci).
  9. Potrebbe andare,ma perde di gran lunga l' effetto drammatico.Diventa un' altra storia,magari più bella.Per te almeno.Io la preferisco così. E poi,ti pare appropriato un"Non pensiamoci più,torniamo a casa." Almeno un" Non parliamo Kit,ho troppo amaro in bocca." O un" Parliamo Kit.Distraiamoci,dimmi qualcosa di quello che mi dici sempre tu facendomi sorridere,e non pensiamo a questo schifo".
  10. Forse ma perché avrebbe dovuto? Certo non aveva idea che Leslie potesse essere lì,e voleva giustamente rendere la risposta più credibile.
  11. É vero,non tutte,qualche autore scrive evitando queste situazioni.Ma molti no.La maggior parte,in effetti.E quindi é ovvio che di conseguenza molte storie non te le godi.Non tutte ma molte sì.Ci sta.Uno puo' anche essere selettivo.In realtà lo sono anche io ma con dei criteri diversi. Facendo l' esempio del contesto,la scena puo' anche essere fuori contesto,ma io dico: CHE IMPORTANZA HA? Quando la scena é bella,e anche importante per i personaggi,non importa che sia fuori contesto.( Anche perché come ho detto,per Tex non ci sono state conseguenze.Quindi io,lettore semplice,che mi affido ciecamente all' autore e al personaggio,penso che Tex avesse ragione a scoprirsi così perché sapeva che non ci sarebbero state conseguenze. Se domani in una storia di Tex il protagonista si mette a camminare ad un cornicione bendato,e cade, io penso " Che idiota". Ma se invece non cade,allora io,che conosco il personaggio,penso che Tex ha fatto la cosa giusta. Spero di essermi spiegato con questo esempio.) Qui ricordi male tu.A Tex viene chiesto esplicitamente " Dove siete diretto?". Tex tira in ballo Walcott e succede quel che succede.Lo fa su richiesta.
  12. Se ti dessero cinque euro per ogni volta che hai scritto questa cosa,Carlo,oggi saresti ricco
  13. A onor del vero,nessuno ha parlato di oggettività. Ma anche quando le cose che si dicono sono oggettive,vanno dette con educazione e senza usare termimi forti. Già ne sono pieni i social di parolacce,almeno qui distinguiamoci.Altrimenti questa é la conferma che i giovani come me sono più educati di voi "vecchietti".
  14. Non é questione di presupposti ma di modi e di toni.Uno puo' dire le stesse cose senza usare termimi forti.
  15. Sì,ma mica a qualsiasi prezzo. Tex non vuole farsi mettere i piedi in testa da una legge razzista.Quindi sì,all' inizio cerca di risolverla con le parole,ma non é che sta per dire" Ok calmo adesso,ce ne andiamo". O Tex convince l' oste a farli mangiare lì con le buone,o lo mena.Ti sembra così strano o sbagliato? A me no. Diciamo che la verosomiglianza della situazione viene sacrificata per una scena a mio giudizio bella e utile.Per me va bene così,é un sacrificio a cui non faccio neanche caso( figurarsi se in ogni storia dovessi accorgermi di queste cose...come me le godrei poi?) Io non l' ho affatto vista così.Anzi,un " amico" detto in quel modo mi ha sempre fatto l' effetto opposto,come se Tex stesse dicendo" Ehi,frena un attimo".
  16. Perché secondo te Tex sta cercando di entrare in empatia qui? A me é sempre sembrato un " Ehi,aspetta un attimo,coso." É un intercalare,ma non mi sembra proprio Tex lo stia usando in modo amichevole. ( Non posso credere comunque,che stiamo discutendo di UNA parola,in UNA frase,in UNA vignetta🤣 la Diablerite contagia troppo).
  17. Non é assolutamente vero.Tex l' ha usato un sacco di volte anche con gente che gli sta sulle scatole,o anche a cui sta per sparare."Getta la pistola,amico". O durante una rissa: "Colpo mancato amico". Però ci ha provato.O non doveva fare nemmeno questo? Non doveva provarci perché non ci riesce? E infatti,quando non ci riesce...mena.
  18. É un modo di dire, ovvio 🙄. Quante volte Tex ha detto " amico" così? No,ma é un bianco, e finge che Tom sia il suo schiavo. É ironia! Ragazzi miei,ma veramente? 🙄🙄🙄🙄 Prima vi lamentate perché é troppo incauto,poi perché non fa a cazzotti subito e cerca di risolvere la cosa senza violenza.Ragazzi miei,ma che palle!! Più che altro,capisco il contesto sbagliato,per via della segretezza(anche se secondo me ci sta),ma arrivare a dire che Tex non puo' dire sarcasticamente " amico" a uno...qui non siamo allo spaccare il capello in quattro,qui lo stiamo spaccando in otto e facendo il doppio nodo coi resti.
  19. Vero,ma come ho detto,proprio il fatto che non ci siano conseguenze,me la fa andare più che bene.A qualcun altro disturba, ci sta.Ognuno legge in modo diverso. Un esempio? Nell' ultima Boselliana,la 755,non me ne é importato molto del finale improbabile,e irrealistico, da tanti criticato,l' ho accettato semplicemente come logica dell' autore,come parte del "gioco". Mentre invece mi sono incavolato per il fatto che é andata a rovinare " Il giuramento",ovverosia il gioco creato da qualcun altro.
  20. Tom recupera la sua dignità,é in questa scena che decide di dire :" Basta!", che decide di ribellarsi e farsi valere.Mica poco. Mi sembra che valga la pena. Semplicemente,gli insegna ad avere dignità,a non farsi mettere i piedi in testa. PS: É vero che Tex é nato in uno stato schiavista ma proprio per questo,quante volte é andato in giro con un nero da giovane? Ci sta che questa esperienza sia nuova per lui. Cosa c' entra il posto di blocco con la morte di Tom? A parte che lì,sono i soldati a chiedere a Tex dove era diretto,lui risponde,e poi succede quel che succede( forse ti confondi col primo posto di blocco dove tutto fila liscio però). Il piano fallisce lì,é vero,ma non c' entra niente con l' evasione.Quel piano serviva solo ad avvicinarsi al campo,a nient' altro. Mai fatto niente del genere.Ho fatto delle critiche per altri motivi, ma mai sulla logica interna delle loro storie( tranne forse a volte per fare un paragone. In ogni caso qui mi sembra ci stiamo scordando che NON ERA SU QUESTO CHE ERA PARTITA LA DISCUSSIONE. Bensì su un altro discorso,sul quale ti sei auto contraddetto con le tavole che tu stesso hai postato.Tutto quest' altro discorso non c' entrava niente.
  21. Sono sicuro che c' é della logica in quello che dici ma,come spesso mi succede coi tuoi post,io non la colgo🤣.Chiudiamola qui,perché sembra un dialogo di Beckett.
  22. Ho fatto delle fotografie a delle pagine,le ho caricate e adesso sono visibili.Qual' é il problema? 🤔
  23. Il sondaggio mica dice " 10 relativo" Questo naturalmente non significa che non si possa avere un' opinione diversa,ma é un fatto che molrti questa storia l' abbiano apprezzata( il che comunque non significa niente: io l' ho adorata questa storia,ma l' ho fatto perché l' ho letta e mi é piaciuta,non perché l' apprezzano gli altri.) No perché avrei dovuto? Non capisco dove tu voglia andare a parare...
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.