• Avvisi

    • TexFanatico

      ! Perdita Dati !   23/09/2017

      I motivi dell'assenza sono elencati nella seguente discussione:   In breve:   Sono stati persi tutti i dati da inizio agosto ad oggi Chi si fosse registrato in quel frangente dovrà rifarlo   Scusandomi per il disagio, vi ringrazio per la comprensione, pazienza e, spero, indulgenza.

Carlo Monni

Collaboratori
  • Contatore Interventi Texiani

    3173
  • Iscritto

  • Ultima attività

  • Giorni con riconoscenze

    42

Carlo Monni ha ottenuto l'ultima riconoscenza il 18 Luglio

Carlo Monni ha pubblicato il contenuto maggiormente apprezzato!

5 seguaci

Info su Carlo Monni

  • Rango
    Utente emerito del TWF
  • Compleanno 28/05/1958

Informazioni sul profilo

  • Sesso
    Not Telling
  1. Commenti Alle Anteprime

    Tu commetti un errore concettuale che è tipico di un certo tipo di lettore italiano che magari legge solo Bonelli o magari anche solo Tex.(e magari non è affatto il tuo caso) e cioè applicare al resto del mondo i ritmi produttivi della SBE ma non è così. Negli Stati Uniti un albo mensile standard ha 32 pagine ed in genere solo 20/22 sono di fumetti. in caso di albi speciali si arriva a 40/48. Nell'area franco-belga lo standard è un cartonato di 48 pagine o in qualche caso 64, all'anno. i sudamericani viaggiano con episodi di 13 pagine settimanali o quindicinali. Gli autori che tu citi erano tutti già nello staff e comunque per loro produrre la loro quantità di pagine mensile per una storia di 220 pagine piuttosto che di 100 o 80 era indifferente perché comunque era sempre una storia di Tex. e loro lì lavoravano. Per gli esterni è diverso. Prendiamo un disegnatore americano che a me piace parecchio, Steve Epting, che ha una media di 11 pagine all'anno. Se accettasse di fare un texone, che tra prove e lavoro vero e proprio lo terrebbe impegnato per almeno 3 o 4 anni dovrebbe o rinunciare ai suoi altri incarichi per tutto questo tempo con il rischio di trovarsi fuori mercato al termine del lavoro perché il mercato americano paga bene (in media pare, dal 15 al 30% in più rispetto al minimo bonelliano) ma ha scadenze più pressanti ed è più aleatorio : oggi hai un incarico ma una volta finito, non hai garanzie che ce ne sia un altro. Rinunciare per due o più anni a richieste di Marvel o DC è impraticabile. Se d'altra parte si alternano i due lavori, si finisce per dimezzare la produzione per entrambi e gli editori non sono contenti. D'altra parte, una storia di 32 o 46 pagine, specie se a colori, e quindi con meno segni da mettere sulla pagina, ti porta via circa tre mesi di lavoro e puoi dire al tuo editore americano: "Quest'anno ti faccio due numeri in meno"., magari lui non è molto contento ma è meglio che sentirsi dire: "Ti mollo per tre anni". Quindi, per rispondere anche a francob, non è questione di soldi, non come intende lui almeno
  2. Commenti Alle Anteprime

    Vorrei chiarire una cosa, sperando che non renda invece le cose ancora più confuse: Nessuno mi ha detto niente ma io mi sono fatta una certa idea di dove sono destinate le storie di Brindisi, Del Vecchio e Valdambrini ed a farmela venire sono state alcune mezze frasi captate qui e sulla pagina Facebook di Tex.. Ovviamente se Boselli vuole mantenere il mistero, io rispetto la sua decisione e stavolta non espongo nemmeno le mie congetture. Ritornando a parlare dei Texoni, Boselli mi ha personalmente confermato ciò che avevo già scritto, ovvero che le cosiddette star internazionali il Texone non lo vogliono fare: 224 pagine sono troppe per loro. Discorso diverso per storie brevi o cartonati.
  3. Commenti Alle Anteprime

    Lo sceneggiatore credo sia Boselli, quanto alla destinazione non la serie regolare è l'unica cosa che posso dire.
  4. Commenti Alle Anteprime

    Potrebbe ma non credo che lo sia. Il mio sospetto, solo un sospetto badate, è che sia un'altra storia del giovane Tex e che la sua destinazione sia il Maxi o qualcosa di simile.
  5. Commenti Alle Anteprime

    Terza possibilità: disegnatori non ancora nello staff ma per cui il Texone rappresenta la prova d'esordio come è accaduto per altri.
  6. Anteprime (Niente Commenti)

    Per quel disgraziato miscredente, mallfidente, scettico, testone e pessimista: sono in preparazione due nuovi texoni, contento? Dovrei risparmiarmi un bel: "Te l'avevo detto"? Ma perché dovrei? Te l'avevo detto! Sui nomi c'è stretto riserbo. Quando ho chiesto se fossero disegnatori dello staff mi è stato risposto: "Si e no".Cosa voglia dire, è aperto ad almeno un paio di interpretazioni. In più vi informo che Nizzi ha inviato un soggetto per una storia breve. Basta così per ora.
  7. [684/685] Wolfman

    Quello che Mauro dice è esattamente: "Il danno è fatto ma non è così grave, sappiatelo." che per me significa che ho probabilmente ragione: l'identità dell'assassino non è importante.
  8. Commenti Alle Anteprime

    Ma mi riferivo ai disegnatori extra staff di Tex ed in particolare extra Bonelli. Di disegnatori realisticamente papabili nell'attuale staff di Tex e tra le altre serie Bonelli ce n'e sono ancora abbastanza. E dico realisticamente perché escludo a priori quelli che non sono affidabili con le scadenze. Scordati un Texone di Vannini ad esempio. Hanno difficoltà a fargli finire una storia di 78 pagine, figuriamoci una di 78 pagine. Idem per Castellini. Quanto a pessimismo cosmico tu batti Leopardi di dieci lunghezze.
  9. Commenti Alle Anteprime

    E quali sarebbero queste pessimistiche sensazioni di grazia? Che cancelleranno i Texoni nel 2022? Se davvero fosse così, permettimi di dirti: balle. Solo perché non sappiamo chi è stato incaricato di realizzare i Texoni dal 2022, in poi,, non vuol dire che questo non sia stato fatto, Tanto per per dirne una, a parte R.M. Guera, non sappiamo chi altri oltre Milano e Breccia, realizzerà i cartonati ma sappiamo che ce ne sono altri in lavorazione Boselli ha una politica di non rivelare i nomi degli autori che per la prima volta si approcciano a Tex finché non ha visto le prime pagine e le ha approvate, questo anche per evitare imbarazzi ai suddetti in caso di responso negativo. Esistono nuovi Texoni, come esistono nuovi cartonati,, nuove storie per i i Color, i Maxi, i Magazine, solo che ancora noi non lo sappiamo... ma lo sapremo.
  10. [Maxi Tex N.21] Nueces Valley

    Letizia ha colto perfettamente il punto. Certo, questa è la prima volta che veniamo a conoscenza che Tex ha conosciuto Jim Bridger e diversi altri personaggi storicamente esistiti ed è verissimo che ciò accade perché Boselli ha deciso che avvenisse in questa storia. Mi viene da dire: e allora? Questa è un'operazione abbastanza tipica di quando si narra la giovinezza dell'eroe, innesti di continuity li chiamano. Non ce lo avevano detto prima si obietta. Se è per questo, per 18 anni non ci era stato mai detto che Tex conosceva Cochise poi in una storia del 1966 il capo Apache fa la sua comparsa e, sorpresa, lui e Tex sono vecchi amici. G.L. Bonelli non si preoccupa nemmeno di spiegarci come e quando si sono conosciuti, lo ha fatto Boselli 51 anni dopo ne "Il magnifico fuorilegge". Bridger non è mai stato nominato prima? Semplicemente non ce n'era necessità. Tex è sempre stato avaro di notizie sul suo passato almeno col figlio che ha dovuto aspettare di avere almeno di avere 17 anni per sapere qualcosa sulla giovinezza del padre. A quanto pare, qualcuno si è scordato che fino a "Il passato di Tex" Kit non sapeva nulla della famiglia paterna e delle avventure del padre prima della sua nascita. Quanto al fatto che sia inverosimile che Jim Bridger a quasi 80 anni batta a pugni un uomo che ha la metà dei suoi anni, è vero, loè ma io dico: e chi se ne frega? La scena è bella e pure commovente e tanto mi basta.
  11. Commenti Alle Anteprime

    Romanini un Texone non lo vuol fare. Troppo lungo e lui ha già quasi 72. Stiamo già avendo delle difficoltà a convincerlo a proporsi per fare almeno una storia breve ma lui è riluttante, dice perfino che vuole smettere di disegnare ma io continuo a sperare che si convinca a fare almeno per la storia breve. Dico : "Stiamo" perché ogni volta che mi capita di incontrarlo (di solito a qualche fiera o evento in Emilia Romagna o Toscana) glielo dico e lo stesso fanno Lucio Filippucci e Sergio Tisselli che invece lo frequentano regolarmente. Per quanto riguarda altri disegnatori, la rosa dei disponibili è sempre più ristretta ahimè.
  12. [684/685] Wolfman

    'Ma il punto della storia non è chi ha ucciso il fratello di Wolfman, quello è solo il pretesto per l'azione , quello che Alfred Hitchcock chiamava il McGuffin. Il punto è la vendetta di Wolfman e la reazione degli abitanti del villaggio. Questo non è un giallo dopotutto.
  13. Commenti Alle Anteprime

    Villa che riesce a fare almeno 80 pagine in 5 mesi? Altro che sogno! ogno!
  14. Commenti Alle Anteprime

    Le regole cambiano col tempo, è inevitabile anche se a qualcuno può non piacere. Trent'anni fa di disegnatori che non avevano mai realizzato Tex ce n'erano anche troppi, oggi non è più così per cui per il Texone ora si tengono presenti anche gli "interni". Quanto alle star internazionali, ce ne sono di bravissimi ma pochi di loro sono disponibili ad impegnarsi a tempo pieno in un lavoro che li terrebbe occupati per almeno tre anni, così, anche se accettano, non mollano i loro precedenti impegni ed alternano i due lavori con il risultato di allungare i tempi di realizzazione Meglio contare su di loro per i cartonati.
  15. [684/685] Wolfman

    Sul serio brancolate nel buio sul nome dell'assassino? Ma se è evidente? Forse anche troppo evidente- A proposito di Medda, Mauro un soggetto gllel'ha chiesto ma è lui che non l'ha ancora portato.