Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Carlo Monni

Collaboratori
  • Posts

    5,878
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    133

Carlo Monni last won the day on April 10

Carlo Monni had the most liked content!

About Carlo Monni

  • Birthday 05/28/1958

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Fumetti, storia

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    26
  • Favorite Pard
    Kit Willer
  • Favorite character
    Pat Max Ryan

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

Carlo Monni's Achievements

Grand Master

Grand Master (14/14)

  • Dedicated
  • First Post
  • Collaborator
  • Posting Machine Rare
  • Conversation Starter

Recent Badges

754

Reputation

  1. Vedi che succede a fidars solo i della memoria? Ovviamente era: "Il segreto della missione spagnola". Stavolta ho controllato
  2. Così a occhio e basandomi sulla velocità media dei disegnatori delle sue prime storie, direi che dovrebbe aver cominciato non più tardi della tarda primavera 2017 ed ha finito entro l'ottobre 2021., visto che il famigerato litigio con Boselli è avvenuto al suo ritorno da Lucca. In questo periodo ha prodotto: tre storie , compresa quella di Ticci che uscirà a partire da luglio, sulla serie regolare, tre sul Color estivo di cui due devono ancora uscire, quattro brevi sul il Color autunnale, quattro sul Maxi ed una, disegnata da Frederic Volante, pensata come le altre per la serie regolare , ma di destinazione ancora incerta almeno per noi. In tutto, comprese le cinque storie che devono ancora uscire, si arriva ad un totale di 2750 pagine. Quasi 700 pagine all'anno. Oggettivamente poche se avesse lavorato con continuità. Mi sembra evidente che si sia preso delle lunghe pause durante questo periodo. Una curiosità: dalla sceneggiatura del Maxi dell'aprile 2021, "La leggenda della vecchia missione" sono state tagliate ben 14 pagine e difatti la versione pubblicata è di 206 pagine. Lo ha rivelato lo stesso Nizzi a Lucca Collezionando lamentandosene. Da quel che ricordo della lettura, sia la comprensibilità che la scorrevolezza della storia non ci hanno rimesso affatto. Io ovviamente quelle 14 pagine le ho contate ugualmente.
  3. Non esiste alcun contratto del genere. Il solo contratto che esiste tra le SBE ed i suoi autori è quello che stabilisce il compenso a pagina e poco altro . Lo sceneggiatore o aspirante tale presenta un soggetto che deve essere approvato dal curatore. Se questo è approvato allora procede a stendere la sceneggiatura, altrimenti nulla e si ricomincia da capo. Nel momento in cui, quale che ne sia il motivo, l'autore cessa di proporre soggetti il rapporto lavorativo cessa. Insomma ogni storia fa storia a sé, se mi consenti il gioco di parole. Nizzi non ha alcuna facoltà di continuare a scrivere e la SBE non ha alcun obbligo di esaminare i suoi soggetti. Le cinque storie sue che ancora rimangono da pubblicare le aveva già scritte completamente prima dell'ottobre 2021. Accidenti! Quasi due righe svanite nel nulla, ma come è stato possibile? Vediamo se riesco a ricordare cosa avevo scritto . Il senso era che nelle tue risposte non hai mai insultato i tuoi interlocutori e tantomeno voluto impedire loro di esprimere le loro opinioni.
  4. Prima che i moderatori intervengano , vorrei dire per un'ultima volta la mia. Innanzitutto, mi pare che ci sia un topic dedicato a Nizzi ed alle sue ultime storie , forse sarebbe il caso di continuare questo discorso lì. In secondo luogo, non mi pare il caso di tirare in ballo la libertà di espressione e parlare addirittura di clima da tribunale militare Mi pare che qui nessuno voglia impedire a nessun altro di esprimere le proprie opinioni. Letizia può essere sarcastica e sferzante, ma anche lei non ha mai risDiablero usa dei toni forse troppo accesi e talvolta indisponenti, questo è vero, ma non ha mai impedito a nessuno di dire la sua, salvo poi demolirla, o almeno provarci, con precisione chirurgica. Si chiama dialettica. Qualcuno sembra pensare che libertà di espressione significhi: io posso dire ciò che voglio e nessuno deve replicare. Non è così che funziona. Nel momento in cui uno esprime la sua opinione deve accettare critiche e confutazioni. La sola cosa inaccettabile sono gli insulti. Tornando a parlare della storia, anzi delle storie, ribadisco quanto ho già detto: alla fine la prima non è brutta, ma nemmeno esaltante. I classici difetti della scrittura di Nizzi qui sono quasi del tutto assenti. Kit e Tiger non sono lì solo per far numero e non è poco. Il suo problema potrebbe essere che è una storia di ordinaria amministrazione. Senza infamia e senza lode. La seconda storia è difficile giudicarla senza conoscere il soggetto originale. Sarà perché sapevo che era stato scritto per una storia di 78 pagine e ne è venuta fuori una di 60, ma ho avuto la sensazione che Serra in fase di sceneggiatura lo abbia modificato semplificando rispetto alle intenzioni del soggettista. Ne è venuta fuori una storia carina , ma nulla di più. Apprezzabili i disegni della Mandanici.
  5. Nizzi non è mai stato parte della redazione. Era un libero professionista che lavorava da casa sua, mandava i soggetti che venivano approvati e poi stendeva le relative sceneggiature. La Bonelli era il suo committente non il suo capo. Questo per chiarirti le idee nel caso, per quanto improbabile, che credessi che fosse un dipendente come Boselli, che comunque come sceneggiatore lavora anche lui come libero professionista. Non so se sia corretto parlare di insofferenza, ma una cosa è certa: Nizzi se n'è andato di sua volontà sbattendo la porta e poi ha cominciato a polemizzare con dichiarazioni al limite dell'insulto nei confronti del curatore di Tex e della casa editrice tutta. A me sembra normale voler smaltire le sue storie ancora da pubblicare il più in fretta possibile anche per non dare la falsa impressione che sia ancora un collaboratore. Comunque, tranquillo: avrai ancora altre cinque storie di Nizzi, di cui due solo quest'anno. Fino al 2026 potrai divertirti.
  6. Da quello che ho capito, Torti se non lo ha voluto proprio Nizzi, sicuramente è stato un suo sponsor e sono convinto che forse sincero quando ha detto che l'aveva pensata per la serie regolare. Che la storia di Alessandrini sarebbe andata su un Maxi lo sapeva ancora prima di iniziare a scriverla. Idem per i due Color di prossima uscita ovviamente, E invece pare che sarà proprio lì che vedremo la sua prossima storia, mi dispiace per la tua tesi. Non è proprio così: se n'è andato perché Boselli non aveva assegnato a Biglia per il Texone una sua sceneggiatura che invece aveva dato a Bruzzo. Nizzi ha sostanzialmente preteso che a Biglia venisse data quella sua sceneggiatura ed al rifiuto se n'è andato, Il suo agiografo Guarino si è lamentato che in questa storia la redazione ha osato modificare un paio di dialoghi.
  7. Mi correggo: non il padre di Steiner, ma del Professore Andreev, che presumo vada pronunciato Andrief con l'accento sulla e. Boselli, come Manfredi del resto, è da sempre uno dai finali veloci, che non significa affrettati, sia chiaro.
  8. Non è corretto. Nizzi ha detto: "Io le scrivo (le storie n.dr.*) per la serie regolare e loro me le spostano sul Maxi" In effetti, fateci caso: tutte le storie di Nizzi uscite dopo che lui ha sbattuto la porta sono finite sul Maxi. Unica eccezione finora quella di Ticci di prossima uscita. Perché? Sarebbe troppo facile dire: perché sono brutte anche perché questa non lo è, a mio parere e voi sapete che non sono mai stato tenero con Nizzi. Senza fare spoiler, mi limito a dire che è una storia senza infamia e senza lode. Sono d'accordo e credo che sia stato il fattore più determinante. *Non ho resistito alla tentazione di usare questo tipo di note.l
  9. Esattamente il pensiero di Boselli. In futuro ci sono storie che potranno tranquillamente essere saltate perché non fondamentali, ma non questa sequenza Più che una speranza è una sicurezza per me.
  10. A mio modesto parere, Boselli ha spiegato molto bene il senso dell'operazione. non si potevano saltare queste storie o riassumerle in poche vignette. Da quanto ho capito, nelle prossime storie verranno mostrati punti di vista differenti e/o cose che nella versione originale non c'erano. Nella storia originale di Kid Billy abbiamo forse visto la rivolta dei Piutes? C'era forse un eroico Pony Express? E l'indagine e cattura di Carson? Meglio aspettare di leggere prima difarsi venire dubbii. E le storie nuove ci saranno eccome.
  11. Nella maniera più assoluta. Nel 1884 l'Oregon era già uno Stato da 25 anni e gli Stati non amministrano i possedimenti federali. Wikipedia in Italiano ha parecchie lacune e presenta parecchi errori purtroppo. Io preferisco consultarla in Inglese.
  12. Dimenticavo: in nessuna delle pagine di anteprima si dice che il Monte Rainier è in Alaska bensì si racconta che mentre si trovava in Alaska il Professor Steiner vide delle strane luci muoversi nel cielo e decise di seguirne la traiettoria fino al punto di arrivo. Che quest'ultimo si trovasse in Alaska è stata una tua deduzione errata.
  13. Un evidente errore, una disattenzione ad esser buoni. Il Monte Rainier noto anche come Tahoma si trova in quello che ai tempi di Tex, all'incirca il 1885, era il Territorio di Washington che solo nel 1889 divenne Stato Sbagli e di grosso. Dal 1867, anno della sua cessione agli Stati Uniti da parte dell'Impero Russo, al 1884 l'Alaska fu amministrato come Dipartimento dell'Alaska prima dall'Esercito (fino al 1877) poi dal Dipartimento del Tesoro (1877/1879) ed infine dalla Marina (1879/1884). Nel 1884 divenne il Distretto dell'Alaska retto da un Governatore nominato dal Presidente degli Stati Uniti. Solo nel 1912 avrebbe raggiunto ilo status di Territorio e nel 1959 quello di Stato il Territorio dell'Oregon quando fu costituito nel 1848 comprendeva oltre all'omonimo Stato anche gli attuali Washington, Idaho e parti dei moderni Wyoming e Montana, ma mai l'Alaska. E con questo la lezione di Storia e Geografia è finita.
  14. Intendi in generale o ti riferivi solo al Maxi? Nel primo caso, ce ne sono altre cinque di cui due in uscita anch'esse quest'anno.
  15. A mio parere, una semplice questione di adeguamento storico: Boselli ha evidentemente ritenuto che nel Texas e nell'Arizona del 1860 un barbiere messicano fosse più credibile di uno cinese. Per quanto mi riguarda, l'etnia del barbiere è del tutto ininfluente.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.