Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

SaWi

Cittadino
  • Posts

    161
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    4

Everything posted by SaWi

  1. "Fuga da Anderville" ci fa vivere appieno la guerra civile, purtroppo. Nizzi con questo tipo di soggetto pare scrivere con la pipa in bocca. Una trama che scorre via che è un piacere, non ci sono momenti di noia. Dapprima la contrapposizione fra i due cugini di diverse idee politiche ma sostanzialmente con gli stessi ideali che sono costretti a combattere uno contro l'altro. Capitolo razzismo ben centrato sia per la figura di Tom sia per il trattamento che riceve da Tex. Una guerra "inutile" come dice Tex dove quelli che sembrano i buoni cattivi e viceversa, persone che in situazioni normali andrebbero d'accordo costretti ad uccidersi fra di loro. Magnificamente triste e cruda la rappresentazione del campo di Anderville, forse omaggio a "Il buono, il brutto e il cattivo" di Leone. Ovvio fare paragoni con la storia "Tra due banidere" e IMO "Fuga da Anderville" ha la meglio sia come sceneggiatura (secondo me la storia di Bonelli sfiora solo la guerra civile e per Tex è quasi un inciampo in più) sia per disegni. Ritengo comunque ottima la storia di GLB e Galep. Ticci mi piace ma non è fra i miei disegnatori preferiti, ho apprezzTO moltissimo i suoi campi lunghi e come ha descritto le crudeltà della prigione sudista oltre alla dinamicità delle scene d'azione. Non trovo invece all'altezza del resto le cover degli albi. Soggetto e sceneggiatura 9,5 Disegni 9 Copertine 6,5
  2. Premettendo che non ho ancora un ampio bagaglio di letture, reputo superiori a questa storia "il passato di Carson" e gli "invincibili" e forse "nei territori del nord ovest". Non ho letto il seguito su Parkman, mentre IMO il miglior Font è in "colorado belle" (sfogliato ma ancora da leggere).
  3. Ennesima storia stupenda narrata da Boselli, anche se la reputo un gradino sotto altre suoi capolavori che ho letto. Una storia del west a tutto tondo, ambientata al confine fra Arizona e Nuovo Messico, che mette a confronto gli indiani all'esercito con Aquila della Notte impegnato a riportare la pace fra le due fazioni. Laredo grandissimo personaggio, così come il cattivo mescalero Chunz. Tex in forma smagliante coadiuvato da un Tiger Jack in gran spolvero. Non mi ha convinto appieno la figura di Parkmann, troppo testone nel seguire le sue idee nonostante fosse sconsigliato da tutti. Ottimi i disegni di Ortis ma non al livello del "suo" Texone.
  4. Non avevo grandi aspettative per questo speciale, ma sono stato piacevolmente smentito. Nizzi confeziona un grande soggetto con ottime idee e con una trama scorrevole che non annoia mai anzi tutte le faccende vengono sviscerate con un ottimo ritmo con una giusta calibratura tra azione, umorismo e investigazione. Tutti i personaggi sono ben riusciti e siamo ancora nella fase nizziana nelle quale Carson non è del tutto caricaturale. Ho trovato qualche inciampo nella sceneggiatura (es. IMHO non è da Tex, anche se giovane, finire nella trappola delle sabbie mobili oppure sempre lo stesso Tex si libera in un attimo dopo che era stato legato) ma non inficiano più di tanto, mentre non boccio il fatto che Tex si sia fatto "fregare" dagli ex soci di Shelby anche perchè è una parte della matassa che i pards non conoscevano. Figura importante se non centrale della storia è quella di Lola disegnata in maniera molto sexy da Bernet e caratterizzata forse un po' troppo eccessivamente. Mi è piaciuto il finale. Anche i disegni sono stati alla fine superiori alle aspettative, ero titubante nel prendere in mano l'albo perchè non mi piacevano, ma rimanendo dell'idea che non sono nel mio stile li ho comunque apprezzati perchè sono riusciti a farmi capire la storia e a farmi addentrare lo stesso nei personaggi. Soggetto 9 Sceneggiatura 8 Disegni 8
  5. Interpretavo il pensiero di Carlo Monni aggiungendo un mio parere sulle storie migliori del periodo citato
  6. Sarebbe stato scarso senza l'avvento di Boselli...Per fortuna abbiamo avuto in questo centinaio storie epiche, fra le più belle di sempre: "Gli Invincibili", "il passato di Carson" su tutte ma non solo
  7. Un ottimo primo albo a cui fa seguito una seconda parte un po' meno convincente della prima. Manfredi sa sceneggiare molto bene il west con un soggetto molto valido. Potrei classificare la storia come crepuscolare il che non mi dispiace. Manfredi ci racconta come un imprenditore senza scrupoli cerca di arricchirsi ai danni degli indiani Pima e degli agricoltori bianchi, mettendo gli uni contro gli altri e sfruttando un cavillo legale per occupare terreni da cui sfruttare l'acqua e poi costruire dighe per i suoi interessi a Phoenix. Un racconto che vira più sul politico che sull'avventura vera e propria, la trama è ben delineata e scorre via bene con una seconda parte che forse si discosta un po' dal mondo "Tex". Mi sono divertito parecchio nel vedere all'opera la coppia Willer-Carson, ben equilibrati e molto in sintonia, molto frizzanti i loro dialoghi mentre il cattivo Lansdale lavora più di mente che di braccio. Il tratto di Civitelli a mio avviso è indiscutibile, preciso, pulito e dettagliato come al solito. Voto complessivo 8
  8. Nei territori del nordovest è una storia magnifica e di grande respiro. Un'altra perla uscita dalla penna di Boselli nella quale ritroviamo molte caratteristiche peculiari delle sue storie: coralità, descrizione accurata dei personaggi, uso dei flashback e dettagliate documentazioni storico-geografiche. Bellissime le atmosfere evocate del grande nord, le slitte trainate dagli husky, le montagne, la neve, il Chilkoot Pass. Nel lungo racconto troviamo poi la sete di vendetta di Jim che sveste i panni delle giubbe Rosse, l'amicizia nei suoi riguardi di Gros Jean, Tex e Carson che accorrono in suo aiuto, il riuscitissimo personaggio di Dawn, l'incubo wendingo per gli indiani... Giusto per fare un piccolo appunto direi che il cattivo dominante della storia, Golden Eye, non viene approfondito così tanto, lasciato forse un po' troppo ai margini della storia, mentre avrei preferito un finale un po' diverso che non vi illustro in quanto non sono in grado di usare lo spoiler . Veniamo ai disegni. Devo essere sincero, di Font non mi piacciono i volti di Tex e soprattutto di Carson, cosa che avevo già potuto constatare nel suo texone, trovo invece ottimamente disegnata Dawn. Molto buoni, non eccelsi, i paesaggi innevati e desolati del Canada e dell'Alaska, sintetico il giusto, un po' troppo "nervoso" per i miei gusti. Soggetto e Sceneggiatura: 9,5 Disegni 7+
  9. Grazie per la risposta. Si, mi sono spiegato male, in sostanza intendevo quelle datate più vicine ai giorni nostri, quelle più crepuscolari. In sostanza mi dici che al momento la storia ambientata "più vicina ai giorni nostri" è contenuta nel Maxi "Oklahoma!". Dovrò recuperare in qualche modo.
  10. Considero questo Texone come un'opera assolutamente da avere, specialmente per le opere superlative di Magnus. Che stile, che classe, la pioggia, le foglie, la fortezza, il ritrovo segreto dei vendicatori. Tutto disegnato nei minimi dettagli. Carson è forse l'unica cosa che non mi ha convinto appieno. Nizzi confeziona una storia poco Western ma credo su misura per il disegnatore. Una storia particolare con un personaggio cattivo femminile ben riuscito e con un splendido excursur storico che racconta in pillole la storia di Sutton. Intrigante la storia dei vendicatori e bella la battaglia finale. Continuo sempre invece a non apprezzare il fatto che Carson venga trattato da Nizzi come macchietta, qui forse un po meno di altre volte, e anche un po' troppo inesperto, per esempio quanto Tex gli dice di abbassarsi e grazie a questo viene colpito solo il suo cappello e non lui. Diesgni 10 Copertina 8 Soggetto 9,5 Sceneggiatura 8
  11. Dopo aver letto e sentito vari opinioni riguardo a questa storia, mi sono approcciato a "Tra due bandiere" come se avessi in mano un capolavoro, una delle migliori storie di Tex. Premesso che non ho un grande curriculum di storie lette (tra cui solo una di GLBonelli) ma il mio giudizio su questi albi è si positivo, più che positivo ma non da 10 e lode nonostante una chiusura magistrale. A mio avviso manca la caratterizzazione di qualche ufficiale sia fra le giubbe blu e quelle grigi, la sceneggiatura è troppo Tex che "attraversa" la guerra civile con molti passaggi convincenti e un paio un po' forzati. Interessanti invece come sono spiegati i piani di battaglia, ben dettagliati dalle cartine. Sono molto interessato ai risvolti storico-geografici delle faccende narrate. Dick si è mostrato come ottima spalla di Tex, ma devo confessare che un po' la mancanza di Carson si sia fatta sentire. Stesso giudizio anche sui disegni di Galep, molto buoni in linea generale ma man mano che sfogliavo le pagine vedevo i voltoTex ovunque, a volte fra i confederati altre volte fra gli ufficiali dell'unione, a volte con i baffi altre senza.
  12. Per quanto mi riguarda con questo magazine ci sono molte prime volte. Primo magazine acquistato. L'ho trovato ben fatto, molto interessanti e gradevoli le rubriche a colori, in particolar modo quella dedicata alle giubbe rosse. Prima lettura di una storia sceneggiata da Pasquale Ruju. A mio avviso una buona storia, ho molto apprezzato come Ruju utilizza Carson dandogli una leadership importante a Capelli d'Argento, per esempio quando dà una bella strillata a Snow nonostante la presenza di Tex che lascia fare il suo pard e sicuramente approva. Disegni discreti, non ho digerito molto alcuni volti di Tex e Carson. Ho anche notato due possibili errori: quando Carson lancia la fune a Tex per riportare a riva lui e Snow, inizialmente la fune è solamente attorno a Tex che con la mano sinistra trascina con se Snow, successivamente la corda circonda i corpi di entrambi; quando di notte invece Tex è di guardia in alcune tavole ha la sigaretta in bocca e in altre no. Prima lettura di una storia con Jim Brandon. Il grande Boselli riesce a sfornare un'ottima storia anche con sole 30 pagine a disposizione. Mi è piaciuto molto il personaggio di Jim e sicuramente recupererò alcune delle sue storie. Ottimi i disegni di Biglia.
  13. Sembra proprio non stia lavorando su Tex quindi il texone o lo ha finito o se ne è dimenticato 😂...
  14. Grazie agli acquisti in edicola dell'ultimo Texone e l'ultimo Maxi ho iniziato ad apprezzare molto le storie di Boselli. "La grande invasione" ce l'ho ma devo ancora leggere, mentre "I sette assassini" al momento l'ho lasciata da parte. Nella lista della spesa ho "Sulla pista di fort apache" e "Omicidio in Bourbon Street". Grazie!
  15. E' da pochi mesi ha leggo Tex (ho letto qualche albo qua e la ai tempi della scuola ma di cui ho ben pochi ricordi) quindi grazie ai voi utenti del forum sto recuperando le storie che mediamente apprezzate di più. Sono riuscito a recuperare questa storia sceneggiata in maniera magistrale da Boselli con disegni splendidi di Marcello, coppia fissa di quel periodo. Dopo il capolavoro del "passato di Carson" non pensavo di trovare un'altra storia di questo livello, ma mi son dovuto ricredere. Amo la caratterizzazione che il Bos riesce a dare a tutti personaggi "ospiti", apprezzo poi molto come sono gestiti Tex, apparentemente non centrale ma ugualmente determinante, e degli altri pards che hanno un ruolo importante nel tessuto della trama. Grandissima per me la scena di Carson alle prese con la gatling, è questa versione di "capelli d'argento" che mi piace di più! La trama parte con un preambolo che si svolge a Manchester dove conosciamo i feniani Shane e Danny, si sposta successivamente a Galvestone, poi in Messico con un intermezzo del passato di Tex ancora fuorilegge che incontra per la prima volta la banda degli irlandesi. Il personaggio di Shane è quello che mi ha colpito maggiormente, prima sembra ambiguo ma alla fine forse l'unico vero idealista fra gli irlandesi. Comunque anche tutti gli altri protagonisti del racconto sono stati diretti bene, non c'è un vero capo e soprattutto il valore dell'amicizia è emerso magnificamente. Oltre a tutti questi personaggi Boselli è riuscito ad aggiungerci anche il mitico Pat con l'escamotage dell'incontro di boxe a Galvestone, ho trovato molto divertenti le battute fra irlandesi ed americani! Clamoroso l'ultimo albo che praticamente contiene tutta la battaglia finale fra Tex e gli Invincibili contro i messicani di Carrasco, praticamente uno scontro di cento pagine con un ritmo serratissimo e sceneggiato e studiato nei minimi dettagli. SPOILER Avevo intuito che Dolores tramasse qualcosa, infatti è grazie a lei che le guardie del tesoro fuggono via, mentre non mi sarei aspettato il tradimento ai danni di Shane da parte di Danny. Soggetto e Sceneggiatura 9,5 Copertine e Disegni 9
  16. Grande Boselli, sempre pieno di idee, instancabile. Addirittura durante l'intervista gli si è accesa la lampadina su un possibile team up fra Cico e Carson! Io non leggo Zagor, quindi mi approccerò allo speciale Tex Willer come mi approcciai con l'ultimo Maxi dei tre fratelli Bill, magari sarebbe utile leggere prima le due saghe sui Comanche a cui Boselli fa riferimento (a proposito qualcuno sa i numeri degli albi)? Il mio hype si focalizza però sulla storia "Montana" che uscirà quest'anno, che si collocherà prima de "il passato di carson" Fra le altre cose si lascia anche aperta una (piccola) porta ad un Tex crepuscolare, chissà...
  17. Penso anche io sarà così. L'idea del teamup non mi fa impazzire (non leggo Zagor) ma mi fido di Boselli!
  18. Rapinare un treno è un soggetto molto classico per un racconto western che rischiava di avere una sviluppo piuttosto banale, ma in questo Texone Nizzi compie una lavoro di buona fattura, un racconto che scorre via veloce e pieno d'azione. Trama ben gestita con alcuni 'colpi di scena' degni di nota. un Tex in gran forma e un Carson discreto ma, lasciatemelo dire, troppo nizziano. Cattivi rappresentati bene, postiglione a parte, non ho visto altri personaggi macchiettistici. Ottima prova di Oritz, mi è piaciuta soprattutto l'ottima sequenza iniziale con i vari primi piani dei protagonisti, il treno ed in generale ottima rappresentazione polverosa del west, un po' meno colpito dai campi lunghi ma si mantiene sempre su livelli alti. Soggetto 6 Sceneggiatura 8 Disegni 9
  19. Una buona storia come esordio di Ranch. Si parla da un soggetto poco originale ma che si sviluppa bene specialmente nella seconda parte con l'inserimento dei Mohave e la diversa caratterizzazione degli evasori. Alcuni passaggi forzati, ma la cosa che non ho digerito è il troppo spiegaziomismo di Tex a Carson, che fa sembrare il primo un saccente poco simpatico e il secondo un po' tontolone. Ecco consiglio a Rauch di ridurre questa deriva nizziana
  20. Un saluto a tutti, ho un po' guardato i vari topic e ho visto che si è ampiamente discusso sulla cronologia di Tex, partendo da "Nueces Valley" (che non ho ancora letto) passando per "il Passato di Tex", "l'Oro dei Pawnee", "il Magnifico fuorilegge" alla serie regolare Tex Willer ecc...fino ad arrivare alle storie della serie regolare, ambientate negli anni '80 dell'ottocento. Mi domandavo se alcune storie della serie regolare possano essere considerate più recenti di altre o contrariamente svoltesi, scusate il modo di dire, più o meno contemporaneamente?
  21. Già letta😂! (Un amico mi ha prestato questi 4 albi, quindi ho letto la storia al contrario.) Senza spoilerare la storia del Maxi (che reputo superiore a questa), auspicavo per Netdahe una conclusione di questo genere.
  22. Ho trovato questa come una storia con ottime potenzialità ma un po' vanificate da un finale troppo veloce e con alcune sottotrame un po' superflue. L'albo che ho preferito è stato il primo dove vengono poste le ottime basi per le due storie che andranno poi ad intrecciarsi. Ho apprezzato molto lo sviluppo della storia di Ramona, mentre speravo in un qualcosa di più epico con Yavakay e Uday. Mediamente buoni i disegni di Sejias.
  23. Per quel poco che ho letto Il passato di Carson Assassini Fiamme sull'Arizona
  24. Appena finito l'albo. Giudizio più che positivo per i disegni di Giolitti, soprattutto per le atmosfere create, qualche perplessità sui 4 pards ma rimaniamo su buoni livelli. Trama classica per un Nizzi in palla, una bella commedia dove scappano molte risate, con un Tex bello in forma e dal pugno caldo, anche se rimane spiazzato nell'ultimo scontro salvandosi (insieme ai pard) in un modo un po grottesco, che poco mi è piaciuto insieme al fatto che i compiti di Kit e Tiger siano molto limitati, anche se l'intervento di Jack è decisivo un paio di volte. Tra gli altri personaggi IMHO la più riuscita è la bella Lola, bella, approfittratrice e scaltra e Ned il postiglione.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.