Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

pecos

Sceriffi
  • Posts

    1,027
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    38

Everything posted by pecos

  1. Questa seconda parte della "maratona Mefisto", ed in particolare questo secondo albo, non mi sta entusiasmando particolarmente. Prima di commentare la sceneggiatura vorrei dire una parola sui disegni di Civitelli, tecnicamente ineccepibili come sempre, ma un po' freddi, poco affini a mio avviso alle atmosfere gotiche che ci vengono in mente pensando al Mefisto di Galep (e che i Cestaro avevano saputo ben interpretare nella prima parte, pur in maniera molto diversa). Veniamo alla storia, e attenzione agli SPOILER Come dicevo, questo secondo albo non mi ha entusiamato. Evidentemente si tratta di un albo preparatorio prima del gran finale, ma l'impressione è che Boselli si perda in chiacchiere eccessive, compiaciuto del suo gioco di richiami e rimandi a tutte le storie precedenti e dei ripescaggi di mille personaggi della saga, tutto però a scapito delle emozioni e dell'atmosfera che, sinceramente, sono un po' assenti. Già la scena dell'evasione dal carcere l'ho trovata poco coinvolgente, un paio di guardie ipnotizzate e via, tutto facile facile e alla luce del sole. Per tre quarti dell'albo, per l'appunto, non sembra quasi di essere in una storia di Mefisto; le atmosfere gotiche, i viaggi nell'aldilà, le evocazioni di demoni sono rimpiazzate da un'aura cerebrale in cui si chiacchiera, si spiega, si discute se Yama sia rinsavito o no, se Mefisto sia morto e resuscitato o no... Per me si sfiora quasi il ridicolo quando la prima vera scena "magica" dell'albo vede come protagonista Padma che... va ad avvertire Morisco di preparare la cena perché i nostri sono in arrivo! Altro che apparizioni nelle fiamme di un falò, mostri scimmieschi che compaiono nell'oblò della nave... qui c'è da avvertire il buon Eusebio di mettere la pentola sul fuoco! Quello che manca, se vogliamo, è una "scena-madre" che valorizzi l'albo in sé, e non solo come albo preparatorio per i prossimi due. Altrimenti, letto da solo e con un'attesa di un mese davanti, risulta un po' "meh", si chiude l'albo con l'impressione che non sia successo niente. Si pregusta finalmente un po' di atmosfera "mefistofelica" solo nelle pagine finali dell'albo, ma la scena viene troncata troppo presto, a mio avviso sarebbe stato meglio anticiparla e farla diventare la scena madre dell'albo. Sono solo impressioni personali riguardo ad una storia che finora non mi sta prendendo, ma sono abbastanza sicuro che nel prossimo albo ci sarà un deciso cambio di marcia e ci avvicineremo ad un finale davvero degno della saga.
  2. Sì, credo anch’io. L’ultima parte della storia mi ha dato un po’ la sensazione di essere “tirata via”, non nel senso di scarso impegno da parte degli autori, ma come se le pagine iniziassero a scarseggiare e fosse necessario chiudere.
  3. Fresca storia estiva che si lascia leggere con piacere; tutto sommato meglio del previsto, vista la scarsa considerazione che ho di questa collana. Non mi spingo ad essere entusiasta come i pard Poe e Leo che hanno commentato prima di me, ma ne condivido l'apprezzamento soprattutto per i due personaggi della gazza ladra e del sadico assassino, così come per il ruolo riservato a Kit Willer, protagonista per buona parte della storia. L'aspetto più negativo, per me come per altri che hanno già commentato, è nell'ambientazione: il Mardi Gras di New Orleans è soltanto un misero sfondo per poche tavole alla conclusione della storia e non è per nulla determinante nella narrazione, né gli autori riescono davvero a farci entrare nell'atmosfera unica di questo evento. Di solito metto sempre un voto, in questo caso direi un 7-.
  4. L'ultimo messaggio di Diablero mostra come si possano presentare le proprie tesi anche in maniera pacata. Ne guadagnerebbero tutti, perché molte delle osservazioni che ha fatto sono senza dubbio interessanti anche per chi non le condivide, e mettono in luce nuovi aspetti delle storie di cui non si è discusso prima - non è forse questo il senso del forum di Tex? Rimane il fatto che negli interventi precedenti si sia abbondantemente passato il segno, sia per le gravi offese dirette ad un autore, sia per l'altrettanto grave atteggiamento nei confronti degli altri forumisti, che sono stati trattati più come dei decerebrati che come interlocutori dotati di raziocinio. Se e come prendere provvedimenti in proposito è compito della moderazione, e invito gli utenti ad astenersi dal richiedere sanzioni o ban, e soprattutto a non farlo nelle discussioni sulle storie. La discussione può proseguire, per chi ne ha voglia, con toni pacati e rispettosi. Per quanto mi riguarda, vado a rileggermi "Tra due bandiere".
  5. Domanda: dove va messo nella collezione il numero bis? A logica direi tra il 741 e il 742, ma così va a finire in mezzo a due albi che contengono una storia in continuità, non va bene… Forse la collocazione migliore è davvero lasciarlo in edicola
  6. Siamo al solito copione che si ripropone, periodicamente, da qualche anno a questa parte. Cioè ogni volta che la Bonelli ci mette di fronte all'ennesima uscita extra di Tex, di cui ormai ho perso il conto. E come ogni volta devo leggere i commenti degli "ingenui" per i quali "che problema c'è, se non lo vuoi comprare lascialo in edicola", tanto l'importante è che ci siano sempre più storie da leggere, e pazienza se alcune faranno c..are perché sono scritte male e in fretta. Poi, come ogni volta, comprerò anche questo albo, ormai più per collezionismo che per reale interesse, dato che non mi aspetto poi molto da questa storia. Ma anche per me la corda comincia ad essere al limite della tensione e lì lì per spezzarsi, e temo che verrà presto il momento in cui comincerò a lasciare tutto in edicola fuorché le storie di Boselli.
  7. Però la mia copia del texone puzza L'odore della carta è diverso dal solito, non mi piace
  8. Premetto che, a mio avviso, buchi e incongruenze non ce ne sono; al più, si può dire che la trovata per far liberare Tex non è riuscitissima (secondo me in parte anche per la sua realizzazione grafica). Il terzo albo - come al solito nelle sceneggiature boselliane - è un ingranaggio perfetto in cui tutti i fili narrativi si incastrano alla perfezione. Dal punto di vista tecnico, non c'è una pedina fuori posto. E in questo caso la complessa costruzione e alternanza di scene e personaggi è anche un elemento chiave della storia, perché causa la distrazione di Mefisto che perde il controllo della situazione e proprio per questo viene sconfitto. Tutto bene, quindi? Nì, perché secondo me in tutto questo l'effetto è quello di una frammentazione eccessiva, viene un po' a mancare l'atmosfera horror e soprattutto l'ambientazione del manicomio non è sfruttata al meglio: mi sarei aspettato un finale claustrofobico tra pazzi, demoni e visioni evocati da Mefisto, celle e strumenti di cura/tortura (quelli visti nel primo albo, che poi scompaiono)... Da lettore, mi sono sentito molto più coinvolto dalla lettura delle scene-madri del secondo albo, dalla corsa folle delle carrozze demoniache, che da questo finale al manicomio. A confronto con un secondo albo coinvolgente, che ti tiene col fiato sospeso ad ogni pagina, il terzo albo ha un po' meno mordente. A questo si aggiunge una inevitabile sensazione di conclusione non conclusa, perché sappiamo che la storia continuerà per altri 4 albi ma ci troviamo qui lo stesso a commentarne un finale
  9. Ormai avete già detto tutto a proposito di questa storia, ma lascio anch'io qualche piccola osservazione. 1) Per quanto ne dicano i suoi detrattori e quei lettori che proprio non lo possono soffrire, il buon vecchio Mefisto aveva ancora qualcosa da dire. Questa storia dimostra che uno sceneggiatore ispirato poteva ancora tirare fuori qualcosa che valesse la pena di raccontare, muovendosi tra cliché delle vecchie storie (i pard catturati) e situazioni inedite (l'ambientazione al manicomio). 2) Anch'io condivido i molti giudizi che vedono i primi due albi - ma soprattutto il secondo - superiori al terzo, un po' meno riuscito. Il secondo albo, appunto, è davvero notevole per la gestione del ritmo narrativo per le due scene-madri - la corsa pazza delle carrozze demoniache, e la trappola nella vecchia caserma dei pompieri - che sono davvero coinvolgenti e ti tengono incollato alle pagine. Il terzo albo, pur rimanendo una lettura più che piacevole, è però un po' più farraginoso, e non solo per qualche piccola incertezza di sceneggiatura che è già stata sottolineata (la "trovata" di Borden per far liberare Tex questa volta non è così felice come al solito). Quella che dovrebbe essere la scena-madre del terzo albo risulta eccessivamente frammentata e caotica per l'accavallarsi di scene e personaggi che, se da un lato sono funzionali nell'economia della narrazione a distrarre Mefisto e a fargli perdere la concentrazione necessaria per mantenere il controllo della situazione, dall'altro spezzettano in maniera forse eccessiva il finale. 3) Kit e Tiger. Non al meglio della forma: si fanno abbindolare un po' troppo facilmente una volta arrivati al manicomio, soprattutto dato che si sono convinti (anche in questo caso, un po' troppo facilmente) che ci sia Mefisto dietro la scomparsa di Tex e Carson. 4) Mefisto e Yama. Mi è molto piaciuto come Borden ha ripreso e ha gestito i due grandi nemici di Tex. Mefisto è lucidissimo, ma ha anche un paio di sprazzi di quella follia improvvisa che lo ha sempre accompagnato e che lo ha portato alla rovina in passato. Molti invece hanno parlato di Yama ridotto a macchietta; dissento ed anzi ho trovato azzeccata la scelta di giocare sulla sua mente ottenebrata ed imprigionata dalle "sentinelle di pietra", ed il modo in cui Tex riesce ad approfittarne. Sono curioso di vedere quale sarà l'evoluzione di Yama nella seconda parte della storia... 5) I disegni. Quando ero piccolo - erano gli anni '90 e mi ero letto tutto il Tex di GLB, mentre seguivo l'inedito in edicola mese per mese - chiesi a mio papà perché Mefisto non tornasse più nelle nuove storie. La sua risposta: "Perché nessuno lo sa più disegnare come lo faceva Galep". Ecco, io credo che in fondo qualcosa di vero ci sia in questa affermazione e che il successo di questo personaggio debba comunque tanto anche alla matita di Galleppini, che con "Black Baron" e "Il figlio di Mefisto" ha creato scene ed atmosfere indimenticabili. I Cestaro fanno comunque un egregio lavoro soprattutto per l'atmosfera gotica che sanno creare - in questo sono senza dubbio fra i migliori dello staff di Tex, insieme direi a Carnevale. Un po' meno bene invece nella caratterizzazione dei personaggi, soprattutto quelli secondari, a volte poco distinguibili. In conclusione, se la storia fosse a sé stante e si concludesse qui, ci sarebbe un po' di insoddisfazione per un terzo albo sotto tono rispetto alle grandi cose viste nei primi due. Ma il bello è proprio che non finisce qui, anzi credo che non si possa davvero valutare compiutamente questa storia prima di averne letto anche la seconda parte. Per fortuna non c'è troppo da aspettare
  10. Mi accingo alla lettura del terzo albo, ma prima credo sia doveroso un ringraziamento a Manfredi. Senza la polemica di qualche tempo fa sulla copertina e sul titolo di questo albo, non avremmo avuto il bell'articolo di Borden a rimpiazzare l'inutile paginetta di Frediani. Oltremodo interessante ed anche elegantissimo nel chiudere la polemica. La copertina di Villa è una delle migliori degli ultimi anni. Ci risentiamo più tardi per un commento alla storia
  11. Io approvo senza dubbio le seguenti proposte: e penso che meriterebbero anche le prossime:
  12. Colgo anch'io l'occasione per qualche commento generale sull'annata appena trascorsa, rischiando di ripetere le considerazioni di @Leo che condivido in massima parte. Annata piuttosto sottotono per la serie regolare, anche se è da ricordare per l'esordio ai testi di due nostri forumisti (mi unisco al bentornato al pard @Barbanera, che ieri ho avuto il piacere di rileggere sul forum!). Decisamente ottimo però il numero bis L'agente indiano e soprattutto Alla ricerca delle navi perdute, che ovviamente prende il mio voto sia come miglior storia, che come miglior copertina (La campana nella nebbia), che come miglior personaggio (Tornuak). Venendo alla serie più giovane, Tex Willer, dobbiamo ammettere che è quella che ultimamente regala maggiori soddisfazioni: gli sceneggiatori non ne sbagliano una, e il gruppo di disegnatori è eccelso (tra l'altro, mi pare di poter dire che abbiano tutti uno stile abbastanza simile gli uni con gli altri, rendendo la serie piuttosto omogenea dal punto di vista grafico). Come non votare come miglior storia Sull'alto Missouri e miglior personaggio Ray Clemmons, visto il mio amore per Il passato di Carson di cui questa storia è un più che degno prequel. Miglior copertina: Texas Rangers. Infine, condivido la delusione di Leo per gli albi speciali, che quest'anno di speciale avevano ben poco (a parte di disegni del grande Casertano). Ho votato Mississippi Ring come miglior storia, con un Manfredi che finalmente scrive una buona storia di Tex; per me il Maxi si aggiudica anche l'Oscar per la miglior copertina. Infine, grande difficoltà a scegliere un miglior personaggio per le storie speciali, quindi indico il personaggio della storia che mi è piaciuta di più, il killer Drunky.
  13. Mah, io non posso dire che la mefistolata di Nizzi sia pessima, perché non me la ricordo quasi per nulla: non l'ho mai riletta da quando è uscita in edicola. E questo qualcosa vuol dire... Invece, nell'elenco di @Poe, a mio personalissimo gusto aggiungerei un "imperdibile" a fianco di Black Baron, una storia che ho sempre amato. La sequenza della distruzione della taverna è indimenticabile
  14. Appunto. In tutto questo, in effetti i nostri "fanno davvero poco". Serve un gruppo di uomini formidabile per l'impresa che Tex e pards hanno di fronte: affrontare i ghiacci dell'artico, salvare una spedizione perduta, affrontare una terribile tribù di indigeni cannibali... Invece che affidarsi a un gruppo di anonime comparse, qui Borden sceglie di caratterizzare tutti i membri della spedizione, dagli amici storici alle nuove comparse. Nessuno, a parte Tex, è protagonista perché TUTTI, insieme, affrontano l'impresa che hanno davanti. E poi figurati, se Borden non avesse messo né Brandon né Gros-Jean sai quanti commenti avremmo letto del tipo: "è una storia nel Grande Nord, come ha osato Boselli non mettere gli amici storici!" Borden, la prossima volta inserisci 10 tavole finali in cui vediamo Dallas e Mike in un ranch in Texas a mungere vacche circondati da una torma di ragazzini. Così la loro storia avrà una degna conclusione.
  15. Bravo @Dix Leroy. Così si risponde. (Ah, io concordo in pieno con te sulla questione.)
  16. Ma fa finta di fare fatica perché è un brontolone!
  17. Per quanto io condivida molto poco di quello che ha scritto, fa piacere leggere critiche scritte bene come quelle di @Vecchio Serpente, rispettose ed articolate Rimango dell'idea che molti degli aspetti che non ti sono piaciuti rientrino nella sfera dei gusti personali, e quindi siano in quanto tali poco discutibili. Vorrei rispondere solo su alcuni punti, senza ripetere alcune osservazioni che ha già fatto @Leo prima di me e che come sempre condivido. Non lo so con certezza, ma non faccio fatica a pensare che il meteo in quelle regioni possa essere estremamente variabile. Riguardo al mare che gela e disgela ripetutamente, però, a me non sembra proprio che succeda. Il ghiaccio si sta progressivamente sciogliendo (magari troppo velocemente, questo sì), ho già spiegato questo punto in un commento precedente. Questo è il più CLASSICO dei finali di una storia d'Avventura. I nostri arrivano in un luogo esotico e leggendario, nascosto ed inviolabile per anni e anni, e nel momento di lasciarlo quel luogo ritorna ad essere irraggiungibile, questa volta per sempre. Lo abbiamo visto innumerevoli volte anche su Tex (le terre dell'abisso, la caverna del Signore dell'Abisso, la storia del Monte Rainier...), è classico ed è bello così. Per me si tratta quasi di un finale obbligato, la storia non avrebbe potuto concludersi in maniera diversa. Inoltre, in questo modo Borden si riallaccia alla realtà storica - il relitto della Terror verrà ritrovato ai giorni nostri affondato in quel punto - chiudendo la sua storia alternativa come tra due parentesi. Insomma... Tornuak in quelle terre ci è nato e ci vive, è ovvio che si sappia muovere più abilmente e velocemente di Tex e Tiger che vengono dalle terre calde E a tirare su un ometto di pietra in una pietraia non ci vuole certo un secolo... Beh, ma chi doveva essere a farlo? Non vorrai togliergli almeno questa soddisfazione, poveraccio! Questa di @Leoè l'unica critica che mi sento di condividere. Leggendo la storia avendo ben presente la geografia di quelle terre, sembra davvero che i nostri percorrano distanze enormi in tempi brevissimi.
  18. - La nave è bloccata nel ghiaccio vicino alla costa OVEST dell’Isola di Re Guglielmo, e il braccio di mare che la collega all’isola è completamente ghiacciato (si scioglierà solo alla fine): quindi, dalla nave all’isola si va a piedi. - Il gruppo di Tex arriva dalla terraferma a SUD dell’isola. Il mare tra la terraferma e l’isola è in parte ghiacciato, in parte libero. Per questo il primo tratto viene percorso con le barche; poi, avanzando verso nord e verso l’isola incontrano il mare ghiacciato e proseguono a piedi (portandosi le barche, che useranno come riparo). Arrivati nei pressi dell’isola c’è un breve tratto dove il ghiaccio si sta sciogliendo, quello con i lastroni che vengono superati a salti. Mi sembra che tutto torni…
  19. Bellissimo commento come sempre, @Leo Sulle perplessità che esprimi nella parte finale, anche a me è sembrato che ci fosse un po’ di confusione sulle distanze, che nella realtà dovrebbero essere ben maggiori di quelle percorse in poche ore dai nostri. Sulla questione del mare ghiacciato, anche qui dovrei riprenderla meglio. Ma l’idea di fondo dovrebbe essere che il ghiaccio si sta progressivamente sciogliendo (i blocchi di ghiaccio su cui saltano Tex e Tiger per raggiungere l’isola, e il ghiaccio che intrappola il relitto della Terror). Per rispondere ad un commento precedente, se il presunto errore fosse che la nave si sarebbe dovuta muovere allo scioglimento dei ghiacci negli anni precedenti, bisogna tenere conto che il mare non ghiaccia allo stesso modo ogni anno: direi che sia perfettamente verosimile che il ghiaccio che intrappolava la Terror non si fosse sciolto per tanti anni (che è poi il motivo per cui la spedizione di Franklin è rimasta bloccata per anni nell’Artico senza possibilità di far ritorno).
  20. L’ho detto stamattina che eri in forma, oggi.
  21. Ah! Ma dai, è vero, ho controllato! Per me invece è bella l'idea di una spedizione fatta di tanti personaggi ben riconoscibili (il quartetto dei pards, Jim Brandon, Mike, Dallas e Dawn, i due indiani, Yotimo, i Métis), piuttosto che il solo Tex alla guida di un gruppo di anonime comparse. Questa soluzione permette anche di introdurre la storia e rendere il lettore familiare con lo scenario in modo graduale (penso al primo albo in cui la "compagnia" si arricchisce via via), e di seguire da vicino i vari gruppetti sparsi prima del ricongiungimento finale. Poi è ovvio che in questa situazione non tutti possono avere lo spazio da coprotagonisti. Come ho già scritto, se preferite le avventure il cui la telecamera è sempre fissa su Tex, forse questa storia non fa per voi. Alcune scene che le vedono insieme sono ben riuscite: penso a quella dello scontro con Tornuak. Beh, se in una storia del genere si critica la verosimiglianza di due donne alla guida di una spedizione, mi piacerebbe sapere cosa ne pensi della verosimiglianza di tutto il resto...
  22. Quarto albo assolutamente splendido, magnifica conclusione di una delle storie più belle degli ultimi anni. ‼️SPOILER‼️ Come da tradizione boselliana, dopo i primi albi più lenti ed introduttivi la storia decolla nel terzo albo in un crescendo di azione ed emozioni, che culmina in un finale intenso e coinvolgente. Ancora una volta, non si può fare a meno di sottolineare la maestria dello sceneggiatore nella gestione dei tanti personaggi che affollano i deserti ghiacciati dell'estremo Nord. La sottotrama di Tornuak si va a inserire in maniera perfetta nella trama principale, non c'è davvero una virgola fuori posto nella sceneggiatura. L'ambientazione del tutto inedita ed affascinante - qui il pack ghiacciato e la pietraia dell'Isola di Re Guglielmo si sostituiscono alla tundra degli albi precedenti - consente a Boselli di sbizzarrirsi con le sue trovate, che sono il suo marchio di fabbrica e che rendono la sceneggiatura mai noiosa: è particolarmente riuscita la scena in cui Tex e Tiger raggiungono l'isola saltando sui lastroni di ghiaggio, così come l'utilizzo dei cairn (gli ometti di pietra), che non potevano davvero mancare in una storia come questa, con cui Tornuak indica ai nostri la pista per il villaggio dei Mahaha. Se già dal terzo albo si poteva intuire il legame tra i membri della spedizione perduta e la tribù "dannata" dei Mahaha, qui abbiamo la conferma dalla viva voce di uno dei membri dell'equipaggio del capitano Franklin, l'ice-master James Reid (personaggio storico). L'idea è davvero bella, Boselli mescola abilmente realtà storica e immaginazione, proprio come è giusto che sia in una storia d'Avventura. Anche il finale è quello classicamente più giusto, con la Terror che si inabissa tra le nebbie, come tanti luoghi fantastici che ritornano ad essere irraggiungibili dopo essere stati fugacemente visitati dai nostri eroi. Le ultime due pagine sono stilisticamente curiose; come bene dice @cggiorgi, la storia si conclude effettivamente a pagina 112, le ultime due pagine vanno lette come una scena "extra" dopo i titoli di coda. Avrei una curiosità da chiedere a @borden: sappiamo che il titolo di lavorazione della storia era "Erebus", ma la nave che viene ritrovata dalla spedizione della storia è la Terror, mentre la Erebus viene solo menzionata. Quando hai ideato la storia pensavi di far raggiungere ai nostri l'altra nave, e c'è stato un cambio in corsa dovuto al ritrovamento del relitto della Erebus mentre scrivevi la sceneggiatura? In conclusione ritengo questa storia una delle migliori uscite dalla penna di Boselli degli ultimi anni: per il fascino dell'ambientazione inedita, per l'idea alla base del soggetto, e per la sua bravura nel saper raccontare una bella storia. Da rileggere presto tutta di fila.
  23. Invece si fa proprio così Diablero, si postano esempi a sostegno delle proprie tesi. Così quelli come me che sono interessati ad approfondire qualche aspetto sono contenti. (Tanto lo sappiamo, quando scrivi le tue filippiche non lo fai per i negazionisti - che tanto non li convinci comunque - ma lo fai perché sai che c’è anche un pubblico interessato ai tuoi approfondimenti, giusti o sbagliati che siano )
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.