Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

ggaaco

Allevatore
  • Posts

    407
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

ggaaco last won the day on September 20 2019

ggaaco had the most liked content!

1 Follower

Contact Methods

  • Twitter
    @ggaaco

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Real Name
    andrea

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    200
  • Favorite Pard
    Tex
  • Favorite character
    Mefisto

Recent Profile Visitors

5,187 profile views

ggaaco's Achievements

Rising Star

Rising Star (9/14)

  • Dedicated
  • First Post
  • Collaborator
  • Conversation Starter
  • Week One Done

Recent Badges

45

Reputation

  1. Assodato che per El Diablo sono 4 albi, non è mica detto che siano tutti e 4 di Brindisi, potrebbero anche essere 3 di Brindisi ed 1 di De Angelis compreso nella successiva triade. In fondo anche GLB ai tempi passava da una storia all'altra senza chiudere albetti. Io no. Io no. Prima la citazione è stata erroneamente attribuita a Frankm96
  2. Ma quindi tu stai dicendo che per capire fino in fondo la storia attuale, oltre a rileggere "il mondo perduto", va riletto anche "La valle della luna"?
  3. Hai ragione, di solito scrivo TEX in maiuscolo, mi è sfuggito in minuscolo, si riferiva al fumetto, era un'iperbole. Sappi comunque che sono uno dei pochi che crede nelle nuove generazioni, e non è una paraculata.
  4. Scusami, non è che voglio l'ultima parola, ma credo che tu abbia capito benissimo.
  5. Lascia perdere Tex, lascialo a Noi Sei tu e la tua generazione che deve cambiare le cose, in un modo o nell'altro.
  6. Ammetto, ed è risaputo, che non leggo Nizzi. Ma visto da dove viene la predica, estrema sinistra, me ne faccio altamente un baffo. Se poi l'ha scritto Nizzi ...... Non centra più niente con TEX, credo che la SBE l'abbia già fatto capire.
  7. La Bonelli deve pubblicare le storie da qualche parte, le ha pagate e deve fare cassa. Parlando di valore oggettivo delle storie e di meriti personali, qui siamo alla preistoria; ho gia letto la prima ciofeca sulla regolare del Nizzi 2, la seconda mi sono limitato a guardare i disegni di Mastantuono dall'albo 2, la prossima guarderò i disegni di Ticci, sperando che sia l'ultima sulla regolare. E' già da tempo che non spreco più un centesimo per Nizzi, per fare un esempio al di fuori di TEX, ho preso tutta l'ultima miniserie di Nick Raider, eccetto il numero 1. Arriva per tutti il tempo di riposare.
  8. Questa sensazione è durata lo spazio di un albo. Nel secondo della "Mano rossa" Borden viaggia già a briglia più sciolta. Nel prosieguo, vale il discorso di Monni. Sono fiducioso ed estremamente ottimista.
  9. Io Bocci l'ho amato subito alla sua prima uscita su TEX Magazine nr. 1 2016 Storia solitaria di Carson "Maria Pilar". Poi l'ho sempre apprezzato. Tranne il color novembrino 2016, perchè non acquisto questi Color. Mi sono rifatto con: Magazine storia da 32 pag. 2024 Magazine 75 Regolare 701-702 Finora sono cinque
  10. A parte che, se scarseggia la sceneggiatura, il bel disegno per me non è un motivo valido per l'acquisto. Io penso che non c'entrino le migliaia di albi con sceneggiature migliori. Pesa, enormemente in un appasionato di Tex, che Tex sia descritto come un macellaio scalpatore e Carson un futuro rintronato. Non pesa (e nulla sarebbe cambiato) se anzichè Tex e Carson, i due personaggi si fossero chiamati Billy Smith e John Ross, ma se si tratta dei due principali eroi della serie la cosa infastidisce parecchio. 'Sto qua, chiccavolo si crede. E' la prima volta che si cimenta in Tex e si permette di deciderne il futuro? Ma che decida il futuro di Druuna, non di Tex... Ormai è acclarato che abbiamo due punti di vista completamente diversi, a volte io preferisco dei bei disegni, tu vuoi la quantità. Io preferisco un TEX ben disegnato a decine e decine di pagine che ripetono sempre le stesse cose (o quasi...), la tua passata richiesta di aggiungere qualche pagina ai Romanzi per comprali i la ritengo..... (vedi sopra). Non sono neanche uno che adora TEX immutato nel tempo e sempre al centro della vicenda. Borden stesso ha definito il primo romanzo di Eleuteri Serpieri un unicum nella saga, che esula da ogni cronologia e da ogni caratteristica peculiare di TEX e soci, ed anche che non si ripeterà. Io avrò letto si e no una decina di pagine del famoso romanzo nr. 1, mi sono piaciuti tantissimo i disegni, non ho la più pallida idea di come è stato descritto TEX.
  11. E' già stato detto in precedenza, ed io sono d'accordo. Eleuteri Serpieri si compra per i disegni e non per la sceneggiatura. Non solo per TEX, ma per TEX hai a disposizione un altro migliaio di albi per le sceneggiature.
  12. Credo che quella dei medici di famiglia sia la categoria con l'età media maggiore, dopo quella dei lettori di TEX.
  13. Io i Romanzi li compro per i disegni ed i colori, leggo si e no le sceneggiature, salvo quelli di Tex giovane. Ma dopo un migliaio circa di TEX usciti, come si fa a pretendere 40 pagine in più anche qui, scriveranno altre 40 pagine di cose trite e ritrite.
  14. Può darsi. Nell' introduzione a TexWiller nr. 60 "Il passato di Cochise", Borden afferma testualmente "Per l'occasione abbiamo prestato a questo Cochise più giovane del 1860...", quindi non credo che Lui abbia commesso un errore storico così marchiano, piuttosto penso che retrodata nella storia di TEX l'affare "BASCOM" nel 1860. Puntualizzo nella storia di TEX e non TexWiller, perchè per me, a costo di essere blasfemo, non esistono due o più TEX, regolare o TexWiller o Tex altro, TEX è come la santissima trinità, unico e trino. Se poi tra l'affare Bascom (1860 per la cronologia di TEX) e l'inizio della guerra civile (Aprile 1861) verranno infilate altre 50 storie, a me sta benissimo. E' poi noto che, sempre nella cronologia Texiana, confermato mi sembra anche da Monni qui dentro, l'inizio della guerra di secessione avviene al ritorno di TEX dal Messico e la storia "La banda del rosso" è la prima dopo la fine della guerra, inizio e fine nello stesso albo della regolare il numero 4.
  15. TexWiller non è un trattato sulla storia Americana, tutte queste cose erano già risapute. Il tentativo di conciliare la storia americana, quella con la "S" maiuscola, con le avventure di TexWiller, nei limiti del possibile, è encomiabile da parte di Borden e Lui stesso lo aveva affermato. Qui, praticamente, è come sparare sulla Croce Rossa. Già ribadito, a me interessa la storia di TEX. Poi mi sono anche appassionato alla Storia Americana, grazie a questa serie.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.