Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Laramie

Cowboy
  • Posts

    108
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    4

Laramie last won the day on April 21

Laramie had the most liked content!

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Sono fatto di libri, fumetti, cinema e musica in percentuali variabili.
  • Real Name
    Francesco

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    500
  • Favorite Pard
    Tiger Jack
  • Favorite character
    Jim Brandon

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

Laramie's Achievements

Enthusiast

Enthusiast (6/14)

  • One Year In
  • Collaborator
  • Reacting Well
  • Dedicated
  • One Month Later

Recent Badges

72

Reputation

  1. Disamina corretta, ma mi prendo la responsabilità di dire che forse lo spartiacque esiste. Non netto, ma forse c'è. Ci sono due storie di Nizzi che escono a stretto giro e sono entrambe accomunate dal fatto di essere state scritte in parte prima della crisi e in parte dopo. Molte storie del periodo presentano questa caratteristica, ma, a mio avviso, le volte precedenti il "problema" era nascosto meglio, oppure le si potevano considerare dei casi isolati. Le due storie sono "L'uomo senza passato" e "Yucatan", uscite una dietro l'altra. Non brutte storie, a dir la verità. Soprattutto la prima, la quale presenta una parte iniziale da premio Oscar e che rientra (il primo albo, appunto) fra le migliori cose che Nizzi abbia mai scritto. Anche "Yucatan" per i disegni di Marcello, ha un buon inizio, pur con almeno un momento da piccione. Entrambe le storie però si sgonfiano clamorosamente sul finale che perde di pathos e chiude in tono minore una vicenda che aveva tutt'altro respiro. In "L'uomo senza passato" la cosa si nota molto meno perché finisce come sappiamo, mentre in "Yucatan" il crollo è proprio evidente. E questa diventerà la cifra stilistica del Nizzi post-crisi: storie dal soggetto molto promettente che progressivamente si sgonfiano a causa di pessime sceneggiature composte da scene con il copia/incolla. Ripeto: non sono storie brutte (io "L'uomo senza passato" periodicamente me la rileggo), ma sono, secondo me, due storie che, rilette a posteriori, rappresentano un po' il salto dello squalo di un autore che da lì in avanti non riuscirà più a riprendersi anche al netto di alcune storie buone, talvolta anche ottime, che diverranno sempre meno con il passare degli anni fino a raggiungere gli abissi terribili citati da @Leo. Sarebbe un'idea interessante per un topic che potremmo intitolare "Il salto dello squalo di Nizzi", ma ho paura che lì si arriverebbe davvero alle botte.
  2. Vero, ma è il modo di essere di Tex che mi perplime. Un Tex quasi remissivo, lontano anni luce dell'anarchico con tendenze protofasciste dei primi anni e comunque distante da quello "canonico" del Bonelli più maturo. Un Tex 90enne, potremmo dire, che però di anni ne ha sempre 45. E bada che non sto parlando della qualità delle storie ("Nuvola Rossa" è forse la migliore storia del Nizzi post-crisi), ma di come il carattere di Tex si faccia sempre più flemmatico con il progredire della parabola nizziana. Più le storie diventano un collage di situazioni-tipo più il carattere di Tex si perde, a dimostrazione che quando una serie ristagna a farne le spese è soprattutto il protagonista. Considera, che più o meno nel periodo in cui esce questo Texone, il Tex di Boselli fa il diavolo a quattro con gli Apache Mescaleros, quasi come se Nizzi, per distinguersi dal collega, fosse arrivato a esasperare i tratti tipici della propria scrittura.
  3. E infatti più Nizzi ha affinato la sua ricetta culinaria per la storia-tipo di Tex, più a rimetterci è stato proprio Tex! Ma non le storie: il personaggio. Ultimamente sto rileggendo diverse storie, non solo di Nizzi, pubblicate negli anni '90 e '00 e mi sto rendendo conto di come il Tex di Nizzi sia clamorosamente calmo. Non calmo come potrebbe essere uno che ha il polso della situazione e che tiene i nervi saldi, ma come uno che ha la pressione bassa di natura. Il Tex di questa storia ne è un emblema: il Tex di GLB, ma anche di Boselli, non si sarebbe mai dichiarato sconfitto sul finale. Ma neanche quello di Ruju. Il Tex di Faraci sarebbe addirittura uscito dal villaggio sparando ai nemici con le colt in pugno (e non sto esagerando). Oppure penso a "Nuvola Rossa", con Tex quasi inerme alla fine.
  4. Ok, riformulo: Tex propone di spostare donne e bambini da un'altra parte, ed è una mossa intelligente, ma la scelta del posto è dei minatori. E lui cosa può fare? È arrivato nella valle da due giorni, questi vivono lì da una vita, anche io mi sarei fidato Poi magari sbaglierò, ma a una certa è palese che Nizzi ha architettato tutto lo spostamento in funzione della scena madre finale, e in un certo senso ci sta che vengano catturati per esigenze di trama, però ecco, magari spedirli direttamente in bocca al nemico è stato un po' eccessivo... Comunque ok per "Il cavaliere pallido", vedrò di riprenderlo in mano. Ho in mente una sola scena, sempre che non mi stia sbagliando, quella di lui, da poco arrivato nella vallata, che taglia della legna di mattina presto. MñIn generale me lo ricordo come un western atipico, quasi filosofico.
  5. Riletto il Texone dopo più di 15 anni dalla prima e ultima volta (inutile dire che non ricordassi quasi niente). La mia prima reazione appena finito è stata la seguente: "Cara Maud, figlia mia, il fatto che quel sadico criminale di Norman sia tuo fratellastro è IL MENO! Quello è uno che è rimasto a guardare con sorriso sornione mentre i suoi gorilla picchiavano un uomo inerme e poi ha architettato un piano per prendere prigionieri le donne e i bambini del villaggio solo per dimostrare a suo fratello, che a questo punto è pure fratello tuo, che non ce l'ha piccolo, perché è una gara fra maschi nel West di fine '800 e tutto si riduce a quello. Dulcis in fundo, mentre i suoi bifolchi catturano le donne e i bambini, lui ne approfitta per portarti in una capanna a fare le cose zozze e a sognare un figlio con chiare patologie genetiche. E tu ti innamori di lui?!?!?!?!" Sfuriata mansplainingista a parte, in linea di massima il Texone mi è piaciuto, pur con qualche riserva di cui parliamo dopo. Ovviamente, ma non c'è bisogno di dirlo, promozione a pieni voti per i disegni di Ivo Milazzo. La recitazione dei personaggi evidente, ma mai caricaturale, la rappresentante degli interni e l'ariosità degli esterni (non sono poche le vignette senza fondali, a dimostrazione che non sono indispensabili) e l'atmosfera polverosa che si respira per tutto l'albo che fa quasi toccare con mano le miniere, sembra quasi di sentire il sudore degli uomini e il cigolare delle assi di legno delle case. Lato soggetto: niente più e niente meno della classica lotta della piccola comunità contro lo strapotere del prepotente di turno. Un soggetto buono per tutte le stagioni, un po' come le gomme 4x4. Lato sceneggiatura: luci e ombre. Luci: 1) il patriarca della famiglia Maclean: vecchio, malato, tormentato e dolente, ma non domo e capace di sfidare il suo stesso fisico e il suo stesso sangue per ristabilire la giustizia. 2) legato al punto precedente, il conflitto generazionale: il vecchio Howard si fa portatore dei valori del "buon imprenditore", quello dell'impresa quasi artigianale che crea ricchezza onestamente e della quale beneficia la comunità, mentre il figlio Guy dirige un'azienda con sistemi industriali, risponde agli azionisti e punta all'accumulo del capitale senza preoccuparsi dei metodi e senza reinvestirlo. Una contrapposizione molto stereotipata e anche un po' facilona, ma affascinante. 3) le scene da "ordinaria amministrazione", quindi lo sceriffo e il giudice compiacenti, Tex e Carson che che fanno fesso lo sceriffo, le sparatorie, l'ingresso in città con i morti di traverso sulla sella, eccetera. In termini di mestiere, Nizzi ne aveva ancora da vendere. Veniamo però alle note dolenti: 1) la relazione tra Norman e Maud: al di là della tossicità del rapporto che si vede anche senza il binocolo, il passaggio da "lasciatemi!" al "Perché non possiamo volerci bene" è raccontato in maniera frettolosa, maldestra, a dimostrazione che a Nizzi certe sottigliezze psicologiche non venivano bene. La rivelazione della loro parentela è raccontata altrettanto male: Maud e Norman scompaiono per oltre un centinaio di pagine, entrambi fanno una fugace apparizione e poi, dopo altre decine di pagine avviene il colpo di scena. L'impressione è che sia stata una relazione inserita a forza, peraltro senza alcuna influenza sulla trama, per sfruttare la capacità di Milazzo nel delineare gli stati d'animo delle persone con poche pennellate. 2) il piano di mandare lontano le donne e i bambini: la responsabilità non può essere di Tex perché non è lui che lo propone e non è lui che sceglie il posto, peraltro non gli dicono neppure dov'è di preciso (parlano genericamente di una piccola valle poco lontana), ma la scelta di QUEL posto rimane comunque un'idea talmente stupida che mi sono cascate le braccia: di fatto si trova più o meno a metà fra la miniera dei cattivi e la città, casualmente controllata dai cattivi. Queste sono quelle cose che ti portano a sperare nel test psico-attitudinale per ottenere il diritto di voto, bisogna stare molto attenti quando si scrivono certe scene. 3) Tex che commenta amaramente che sono stati battuti. Questi sono errori da penna rossa, Tex ha mille risorse e conosce mille modi per evadere da una cella, non scherziamo. In definitiva un buon Texone che lievita grazie ai disegni (come quasi tutti i Texoni, dopotutto) e che regala 90 minuti di piacevole lettura al netto della banalità del soggetto e dei punti sopra citati. L'impressione è che Nizzi abbia volutamente puntato su un soggetto classico per andare sul sicuro. Non mi ricordo dove ho letto questa cosa che per anni i Texoni hanno presentato storie classiche e semplici per contrastare l'eccezionalità dei disegni, ma per me ha poco senso: ti capita fra le mani un grande maestro e gli scrivi una storia sui furti di vacche o sui minatori? Leggendo le storie di Nizzi più o meno contemporanee pubblicate sul mensile, molte erano su quella falsariga lì, per cui mi viene da pensare che, più che un diktat vero e proprio, fosse proprio lui che prediligeva questo tipo di storie. Vabbuò, comunque una lettura piacevole, pur senza far gridare al miracolo. (preciso che non ho colto le somiglianze con "Il cavaliere pallido" perché è l'ennesimo film che ho visto una volta eoni fa e del quale non ricordo niente. Se mi confermate che merita lo riprenderò in mano)
  6. Riletta di recente questa tripla storia firmata Boselli&Bianchini/Santucci. Bello tutto, testi e disegni. C'è un leggero calo sul finale, effettivamente un po' frettoloso, ma nel complesso è stata una lettura godibilissima, sicuramente una delle storie migliori della centuria 500/600 (oddio, il fatto che quegli anni non abbiano brillato certamente è stato d'aiuto) e la ricordo come una grande boccata d'aria fresca. L'identità del vecchio di mezzanotte è palese ben prima che avvenga la rivelazione, ma fa parte del gioco: è uno stratagemma tipicamente hitchcockiano quello di far intuire il colpevole al lettore/spettatore prima che al protagonista in modo da aumentare la suspance. Certo, il fatto che alla fine Tex vinca sempre smorza un po' questo effetto, ma perlomeno si rimane un po' in apprensione per i comprimari. Comprimari che, come da tradizione boselliana, sono numerosi e ben caratterizzati con alcuni ripescaggi da vecchie storie e agganci dichiarati al periodo glbonelliano della serie. Breve aneddoto personale: ricordo che una decina d'anni fa, forse qualcuno in meno, parlai di questa storia su Facebook assieme ad un lettore e lui la definì "il salto dello squalo" di Boselli perché, a suo dire, da quel momento in poi le storie di Boselli sarebbero state caratterizzate da un numero elevatissimo di personaggi che avrebbero fatto ombra a Tex e dove si sarebbe progressivamente persa la texianità della serie, ovvero tutti quei luoghi comuni come la sigaretta perennemente accesa, il pestaggio dei cattivi, la centralità di Tex, eccetera. Ho ripensato a quello che mi ha detto quel famoso lettore, sempre una decina d'anni fa, forse qualcuno in meno, anche alla luce delle storie uscite negli ultimi anni e anche basandomi su alcune mie riletture delle storie antecedenti a questa (tipo "I lupi rossi") e mi sono detto che per me quel famoso lettore, sempre una decina d'anni fa, forse qualcuno in meno, alla fine aveva torto.
  7. Su questo primo albo purtroppo ho un aneddoto poco felice da raccontare: l'ho usato per battezzare il mio nuovo angolo di lettura così composto: poltrona relax, lampada da terra ad arco e tavolino con camomilla (sono praticamente astemio, skoosate). Ebbene, posso dire di aver dormito benissimo (a scanso di equivoci, sono crollato miseramente altre due volte con due libri diversi, forse questo angolo lettura non è stato una buona idea, mumble mumble) Scherzi a parte, buon inizio di storia con la consueta pletora di personaggi messa in campo da Boselli e la giusta dose di mistero che contribuisce ad arricchire il racconto. I richiami con la prima storia sono evidenti, anche se il rischio del parziale auto-remake per ora mi sembra scongiurato. Il ritmo del racconto è volutamente lento, ma è giusto così per far calare il lettore nell'atmosfera della vicenda. I disegni di Bocci meritano un capitolo a parte: sono belli, bellissimi, fatti magistralmente e nessuno lo nega. Il problema, se così vogliamo chiamarlo, è che sono estremamente densi. Ogni vignetta è un quadro. Aprendo l'albo ho avuto l'impressione di andare a sbattere contro un muro solido e se parlare di illeggibilità è senza dubbio esagerato, è altrettanto vero che la sensazione di soffocamento l'ho percepita. Poi non so se sia un effetto voluto o meno (lo stile di Bocci è questo, prendere o lasciare, ma non è mai stato così massiccio) per contribuire a rendere più opprimente e inquietante la storia, in ogni caso la mia speranza è che per il futuro Bocci si limiti un po'.
  8. Quasi in contemporanea con l'ultimo Maxi di Nizzi, ho deciso di rileggermi il primo, il quale ormai risale a ben 22 anni fa 😱 Il soggetto è praticamente identico: gli allevatori di una piccola località sono tiranneggiati da un profittatore privo di scrupoli che vuole impossessarsi dei loro ranch. La storia in quanto tale è godibile, anche se la durata extra large mette a dura prova l'esilità del soggetto provocando qualche sbadiglio. Con il senno di poi sono ben visibili tutte le storture del Nizzi del periodo, anche se il mestiere c'è ancora e si vede. Tex alterna momenti di calma, quasi come se avesse la pressione bassa (a proposito, ma quanto è quieto il Tex di Nizzi?) a puri scoppi di isteria quando litiga con lo sceriffo. Il cazzottone alla stella di latta prezzolata arriva, ma il Tex di Bonelli gliel'avrebbe rifilata pagine prima. Carson è una pura spalla comica e il suo ruolo è quello di puro supporto senza guizzi di nessun tipo, buono solo per scambiare battute. Kit Willer fa una figura migliore e va bene, ma Tiger Jack letteralmente non pervenuto. Se escludiamo qualche cattivone spedito nei pascoli del cielo, il suo apporto alla vicenda è zero. I cattivi sono dei farabutti qualsiasi, ma il rapporto padre-figlio che si viene a creare tra i due Bascom è molto interessante. Premio "gegno dell'anno" a Bascom padre e a Donovan per inventarsi le cose più strampalate per non compromettersi e poi mandano tutto in vacca ordinando un assalto diretto contro un tribunale, oooooookkk. Bene Mac Coy e Harry Bascom, un po' più defilata Anne Mac Coy, anche se in alcune vignette emerge un caratterino niente male. Miss Herrero vince il premio "bad girl" della storia. Quindi sì, una storia che era già trita e ritrita 20 anni fa, ma che va sempre sul sicuro e alla fine, pur con tutti i suoi difetti e i suoi limiti, posso dire che mi è piaciuta a patto che la si accetti così com'è, ovvero un'avventura western senza pretese se non quella di intrattenere il lettore. Bene Repetto. Stile classico e d'annata che ricorda un po', con le debite distanze, il primo Ticci.
  9. Vi dirò che a me "La città che scotta" è piaciuta un botto. Certo, è una storia di ordinaria amministrazione, niente che non sia già stato visto e rivisto, però oh, considerato le ultime prove di Nizzi (e per "ultime" intendo quelle uscite da fine anni '90 in poi" questa è grasso che cola. Un Tex solido e granitico che gioca al gatto con il topo con i cattivi di turno e che conduce abilmente il suo piano con un unico scivolone che nell'economia del racconto non fa gridare allo scandalo. Tutti e quattro i pards presenti, ognuno con un lavoro da svolgere, un cattivo odioso, la giusta dose di sparatorie. Nessun origlione (o meglio, l'unico che c'è fa anche la figura del fesso, quasi come se Nizzi avesse voluto ironizzare su questo punto), nessun cinturone slacciato dal primo che passa, nessun Carson che fa la figura del vecchio scemo, nessuna pausa pranzo fuori contesto ad ingozzarsi di bistecche e patatine. Io ci ho ritrovato le atmosfere di quei film western di una volta con John Wayne. Mi azzardo a dire che se Nizzi avesse mantenuto più o meno questo livello nel corso degli anni, a quest'ora i forum dedicati a Tex avrebbero molti thread in meno e discussioni molto più corte 🤣 Riguardo a Torti, penso di essere fra i pochissimi che apprezzano il suo tratto, perlomeno per come lo ha declinato sulle pagine di Tex, infatti qui mi è piaciuto un sacco. Un west polveroso, figlio dell'interpretazione di Ticci con qualche spruzzata del Fusco più grottesco. Magari è un'impressione mia, ma le storie che Nizzi ha scritto per Torti sono le migliori tra quelle pubblicate dopo il suo ritorno, o perlomeno sono quelle prive dei proverbiali difetti della sua scrittura. "L'alleato misterioso", su soggetto di Civitelli, è una storia di una sessantina di pagine che diventa prevedibile dopo pochissime scene a causa di un'incauta frase dello sceriffo. Io non so se Serra l'abbia voluta inserire per fornire volontariamente un indizio al lettore prima della fine o se ha pensato che nessuno se ne sarebbe accorto, fatto sta che mi ha bruciato la sorpresa finale. E pazienza. Sceneggiatura in linea con le ultime dell'autore sardo (che ormai risalgono a diversi anni fa), cioè con dialoghi brevi, secchi e maggiore spazio al disegno. Forse, data la brevità del racconto, si poteva fare qualcosa in più. Alla fine è una storia breve che poteva essere senza infamia e senza lode, ma l'effetto spoiler le ha fatto guadagnare un'infamia. Il problema è che non trovo la lode. I disegni della Mandanici belli, ma non ci vivrei.
  10. E vabbè, mi accontenterò, nel caso, di una bella storia. Riguardo alla storia principale che dà il titolo all'albo, boh, è il classico canovaccio nizziano visto 719632574 volte, ma non è detto che sia un male. I disegni di Torti mi piacciono e in altri tempi lo avrei visto bene sul mensile. Diciamo che se nel caso di Serra confido in una bella storia, nel caso di Nizzi SPERO in una bella storia.
  11. Antonio Serra, che per me è un genio assoluto, che si cimenta con il western??? Un Maxi da comprare solo per questo. Chissà se l'"inquietante segreto" cui si fa cenno è legato a qualcosa di fantascientifico...
  12. Osservazione giusta, allora riformulo: alla base c'è un dramma psicologico che sfocia immediatamente nel disturbo psichiatrico 😝 Comunque mi sono accorto che non ho parlato dei disegni di Font, rimedio subito. Personalmente, al netto di qualche sbavatura più che comprensibile, ho trovato il segno di Font galvanizzato da questa storia, evidentemente l'aveva sentita in modo particolare. L'ambientazione canadese, poi, si sposa benissimo con il suo tratto attuale. Ora io non sono assolutamente un esperto di disegno, ma mi viene da pensare che l'ambientazione innevata gli sia più congeniale rispetto a quella tipicamente western dove invece, per rendere al meglio, occorre abbondare con segni e dettagli e più abbondi più incappi nelle sbavature, ecc. Anche in "Fratello di sangue", che era ambientato nella prateria e con molte vignette "spoglie", il suo segno mi era sembrato in netto miglioramento rispetto alle sue prove più recenti. Font fa 78 anni nel 2024, quindi non so per quanto tempo intende disegnare Tex, però credo che affidargli questo tipo di storie sia il modo migliore per chiudere la carriera in bellezza.
  13. Sì sì, ho usato un'espressione un po' colorita per dire che più che con un "dramma psicologico" abbiamo a che fare con dei disturbi psichiatrici 😅 Ecco, Rauch potrebbe essere il famoso "terzo uomo" in pianta stabile con Giusfredi e, spero, Barbieri a fare da special guest. Su Zagor è il miglior autore attualmente presente per distacco, almeno secondo me. Sto leggendo la sua saga su Britannia e le storie successive dell'anno scorso e sono nettamente le migliori storie pubblicate da ANNI a questa parte. Su Tex forse ha bisogno di ancora un po' di rodaggio, ma la strada è quella giusta. (a scanso di equivoci, qualcuno potrebbe rinfacciarmi che ho avuto da questionare con Rauch in occasione della sua storia pubblicata sul Magazine dell'anno scorso "La palude del morto". A parte che poi abbiamo avuto modo di chiarirci di persona a Collezionando 2023, quella disputa ideologica non c'entra nulla con l'opinione, altissima, che ho di lui come sceneggiatore)
  14. Arrivo un po' tardi, as usual, ma arrivo. Dopo aver letto il primo albo ero convinto che avrei massacrato il secondo, invece devo ammettere che, tutto sommato, mi è piaciuto abbastanza. Nota bene: "tutto sommato" vuol dire "al netto di tutte le cose che non funzionano" e ce ne sono parecchie. Però, ehi, siccome il tutto vale sempre di più della somma delle parti, ecco che alla fine sì è rivelata una lettura piacevole. Sicuramente non è fra le storie più riuscite di Ruju e alcuni passaggi estremamente raffazzonati (il modo in Big Frank fugge e la risoluzione della morte della fidanzata di Lagarde) lo dimostrano alla grande. È vero, Boucher alla fine si rivela un banditucolo di mezza tacca, ma meglio così. Io stesso temevo una sua evoluzione sadico/sanguinaria alla Artiglio d'Orso o Wolfman, felice di essere stato smentito. Un piccolo appunto sul presunto "dramma psicologico" di Lagarde evocato da alcuni: regaz, non c'è nessun dramma psicologico! Un dramma psicologico sarebbe "mi è morta la fidanzata e io mi arruolo nelle giubbe rosse per dimenticare e finisco ucciso perché non so elaborare il lutto". Qui abbiamo uno che vede e parla con i morti, l'unica soluzione è chiamare la neuro. L'impressione è che Ruju, avendo dovuto aumentare la produzione sia a fronte del numero di albi sempre maggiore sia in seguito all'abbandono di Faraci ormai qualche anno fa, stia arrivando un po' con il fiato corto e che manchi almeno un terzo autore stabile (non "una tantum" alla Giusfredi o Rauch) che possa dare respiro a lui e a Boselli. Ah, giusto, tra le scene da "maccosa...?" ci infilo anche il Tex scimmia che sale su un albero alto 20 metri e arringa gli indiani dall'alto.
  15. Ci arrivo un po' lungo, ma ci arrivo. E arrivo con un bel "boh". Onestamente questo primo albo non mi ha detto molto. Se le scene di Tex e Carson sono normale amministrazione (fatta bene, sia chiaro), tutta la vicenda di Louis procede stancamente e non mi acchiappa del tutto. Il vero abisso l'ho trovato nella scena del campo Blackfoot con Louis che si finge (?) mezzo indemoniato per far fuggire il vecchio. Boucher mi ricorda alcuni dei personaggi che su Tex speravo di non trovare mai più e che invece Ruju sta ripetendo in continuazione. Non solo Wolfman, non solo Bear Claw, adesso ci si mette pure questo Boucher, spietato all'inverosimile che fa massacrare prigionieri inermi e ringhia e agita il pugno contro gli uomini che gli chiedono cosa fare. Un 6+ di incoraggiamento confidando nella seconda parte.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.