Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Quando sono terminate le storie sceneggiate "a striscia"?


Diablero
 Share

Recommended Posts

Questa è una risposta che ho postato in un altro topic, ma direi che è un argomento che merita un topic dedicato (sperando che non ce ne sia già uno)

 

------------------

Vediamole una per una.

 

Le strisce pubblicate terminano a pagina 68 del numero 96 ("La caccia"), la storia successiva è di Muzzi:

 

Muzzi: l'inizio de "la caccia" era sicuramente a striscia (c'è ancora la testatina) e il primo "cambio" doveva avvenire a pagina 95 (le tre strisce "uniche" e ripetitive sono un chiarissimo indizio), e infatti l'80-ma striscia è la seconda di pagina 95.  Anche il "cambio" successivo, terza striscia di pagina 12 del 97, è evidentissimo. Idem per quello della striscia 2 di pagina 39.  A pagina 67 il "cambio" non è più tanto chiaro, la striscia di mezzo sembra aggiunta ma dal dialogo non si direbbe. Idem a pagina 94, c'è la striscia finale ma non è chiaro dov'è l'iniziale. Passando al numero 98 il cambio si vede a pagina 10 e fra la 36 e 37, e a pagina 63. A pagina 90 non è tanto evidente e la storia finisce nella prima striscia (segno evidente che era sceneggiata ancora a strisce) a pagina 99. Mia ipotesi: sono 747 strisce (328 per albo x2 + 91 finali) che sarebbero 9 strisce (ricordiamo che le strisce andavano a 3 per 3) + 27 strisce (quelle finali) che sono state o sceneggiate "liberamente" senza più il limite delle 80 strisce, oppure sono state aggiunte per arrivare di precisione al numero 100 (o forse, entrambe le cose)

 

Galep: "Silber Bell" inizia a pagina 99 del 98, e a pagina 17 del 99 addirittura c'è ancora la testatina di "tramonto rosso!" (cancellata nelle ristampe successive). Non corrisponde a 80 strisce precise, probabilmente sempre per arrivare con precisione a fine del 99.  A pagine 43 il secondo "cambio", a pagina 70 dovrebbe esserci il terzo ma non lo vedo (in poche pagine comunque ci sono un sacco di strisce "larghe" che si presterebbero) e in ogni caso il conto non torna con la durata totale (328+46=374 strisce) assolutamente incompatibile con blocchi di tre strisce, secondo me le prime 240 strisce sono state sceneggiate per il formato a striscia, le successive no. (Galep aveva disegnato le ultimissime strisce, quindi era probabilmente quello che aveva disegnato meno tavole per la storia successiva quando fu deciso il cambio, direi quindi che come minimo ne avevano fatte 3 tutti)

 

Successivamente c'è "SuperTex", fatta evidentemente per la pubblicazione in albo. La successiva, "Il giuramento", idem, per me è stata fatta per la pubblicazione in albo gigante.

 

Letteri: la storia "el morisco" inizia evidentemente a striscia, con i cambi ben visibili (fine pag. 31, pag.58 2a striscia, 85 1a striscia, poi pagina 111 o pagina 113, direi la seconda ma non è chiaro, pagina 30 del 102, pag 56 o 60, e da lì non è più chiarissimo, è chiaro che ci sono strisce aggiunte o tolte, ma il finale "a un terzo di pagina" di pagina 107 del 103 fa pensare che tutto sia stato realizzato fino alla fine a striscia (sarebbero 962 strisce, pari a 12 albi netti + 2 strisce aggiunte, direi che la cosa più probabile è che questa storia fosse stata finita ancora con la sceneggiatura "a strisce", troppo precisa come durata come multiplo di 240 strisce...)

 

La storia successiva di Letteri, "Chinatown", conferma l'impressione, ci sono tracce di "strisce" nei primi 2 albi, segno che il supervelocissimo Letteri aveva fatto almeno 15 o 18 strisce già pronte all'epoca del cambio, ancora da pubblicare! Diavolo di un Letteri! :laugh:

 

Nicolò: "Pista di Morte" nel numero 106 (più conosciuta come "Gilas") è a striscia (primo cambio a pagina 109, poi a pagina 27 del 107, pag 54, 80, 107,  pag 24 del 108,  ma poi non coincide con il finale. Ipotesi: avevano 6 strisce pronte, chiusura della storia sceneggiata direttamente in albo gigante (altro indizio, la storia termina a fine pagina).

 

Ticci, "Territorio Apache", inizia nel numero 108 a pagina 45 "a striscia" con una strip aggiunta ad inizio storia e cambio a fine pagina 71 poi a pag 98, pag 14 del 109, forse pag 41, forse 68 e termina a pagina 89, totale 462 strisce. Secondo me ci sono 3 strisce come Galep (ma Ticci era più lento) e poi si prosegue sulla tavola.

 

Insomma, secondo me è vero che si è arrivati con le strisce fino a "Chinatown", ma solo perchè quel diavolo di supervelocista di Letteri era in vantaggio di almeno 15 albi strisce all'epoca del "cambio". Gli altri sono durati meno! Galep aveva solo tre strisce (fino al numero 99), idem Ticci (numero 109), Nicolò ne aveva 6 (numero 108), Muzzi aveva una storia quasi completa con 9 strisce ed è stata pubblicata subito e completata già nel 98.

 

Quindi: prima sceneggiatura "a tavola" già nel numero 98, con Muzzi, poi ancora con Galep (numero 100 e poi numero 103) con in mezzo il velocissimo Letteri ancora a finire le strisce, poi l'ultima a strisce di Nicolò terminata a tavole nel 108, poi quella iniziata a strisce e terminata a tavole di Ticci (massacro) e infine le ultime a striscia di Letteri.

 

Quando sono finite le strisce? "Chinatown", numero 110. Quando sono iniziate le tavole? "Lo straniero", numero 98. 

 

Escluderei che "fra due bandiere" (citata in precedenza) sia mai stata a strisce, Galep aveva già fatto due storie precedenti a tavole.

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

Mister P ha risposto nel thread originario (quello del numero 95), dove però tutti questi discorsi su Chinatown, El Mirisco, il Giuramento, etc sono off-topic...

 

3 hours ago, Mister P said:

Sbagliato sul Giuramento, salvo per il finale (allungato) ha gli interventi redazionali di 80 in 80 strisce (scena del giuramento compresa!).

Non mi pare. Nel 103 ci sono solo 22 strisce di Galep, contando 58 strisce nel 104 si arriva alla seconda di pagina 24, dove non vedo interventi. Contando altre 80 strisce si arriva alla prima di pagina 51, e anche lì zero interventi. La terza striscia "dovrebbe" finire a fine di pagina 77, appunto la scena del giuramento, dove anche lì... non vedo interventi.

In generale anche il tipo di narrazione non presenta i soliti cliffhanger ogni 80 strisce.

Dove li vedi i "raccordi" fra le strisce?

 

3 hours ago, Mister P said:

Anche La caccia è allungata nel finale, ma poi rispetta lo "schema 80".

Sì, questo l'avevo già detto...

 

6 hours ago, Diablero said:

Muzzi: l'inizio de "la caccia" era sicuramente a striscia (c'è ancora la testatina) e il primo "cambio" doveva avvenire a pagina 95 (le tre strisce "uniche" e ripetitive sono un chiarissimo indizio), e infatti l'80-ma striscia è la seconda di pagina 95.  Anche il "cambio" successivo, terza striscia di pagina 12 del 97, è evidentissimo. Idem per quello della striscia 2 di pagina 39.  A pagina 67 il "cambio" non è più tanto chiaro, la striscia di mezzo sembra aggiunta ma dal dialogo non si direbbe. Idem a pagina 94, c'è la striscia finale ma non è chiaro dov'è l'iniziale. Passando al numero 98 il cambio si vede a pagina 10 e fra la 36 e 37, e a pagina 63. A pagina 90 non è tanto evidente e la storia finisce nella prima striscia (segno evidente che era sceneggiata ancora a strisce) a pagina 99. Mia ipotesi: sono 747 strisce (328 per albo x2 + 91 finali) che sarebbero 9 strisce (ricordiamo che le strisce andavano a 3 per 3) + 27 strisce (quelle finali) che sono state o sceneggiate "liberamente" senza più il limite delle 80 strisce, oppure sono state aggiunte per arrivare di precisione al numero 100 (o forse, entrambe le cose)

Ad un certo punto qui avevo sbagliato i conti. Li rifaccio. Le prime 3 strisce rispettano perfettamente la lunghezza di 80 strisce e gli stacchi si vedono benissimo (non basta che ci sia uno spazio vuoto, si "vedono" proprio le linee verticali che una volta erano il bordo del riassunto o del promo del numero successivo) fino alla striscia 2 di pagina 39 del numero 97. Se si arriva alla quarta striscia si arriva anche alla sesta, e la quarta c'è, evidentissima (palo a sinistra della striscia 2 di pagina 66). La quinta fino a fine pagina 92, e la sesta ha il suo bravo stacco finale nella seconda striscia di pagina 10 del numero 98.

Poi c'è la settima striscia? Si, c'è, finisce nella prima striscia di pagina 37 (ho il sospetto che una striscia sia stata tolta), poi pagina 63 fine dell'ottava striscia, la nona striscia dovrebbe finire a pagina 90 ma invece finisce a pagina 99...  dubito molto che siano state sceneggiate solo 8 strisce, come dici anche tu la cosa più probabile è che la storia sia stata allungata per esigenze di impaginazione con il numero cento. (complessivamente "la caccia" dura 747 strisce, dovrebbero essere 720, ci sono 27 strisce aggiunte, sarebbe interessante ricostruire quali sono...)

 

Il fatto che Muzzi sia arrivato fino a fine storia "a strisce" mi ha fatto venire il dubbio che ne avesse fatte altre, ma "la dama di picche" è chiaramente sceneggiata per il gigante, quindi in definitiva direi che quando fu presa la decisione di passare al Gigante Muzzi stava disegnando le ultime tre strisce di queste nove.

 

4 hours ago, Mister P said:

Lo stesso per La sconfitta, probabilmente modificata in corso d'opera.

Secondo me è stata sceneggiata "a tavole" dopo i primi tre albi a strisce, con aggiunte nel mezzo (la striscia in più prima di "tramonto rosso" (che è dopo 81 strisce, non 80)  per esempio) e sapendo già la durata desiderata (sono 374 strisce, tolte 240 delle prime tre strisce ne rimangono 134, circa 45 pagine, tutte abbastanza "compresse" e senza allungamenti del brodo.

 

[a proposito, ho trovato un refuso nella prima edizione di "La sconfitta": "maledizone" nella prima vignetta di pagina 43! :laugh:]

 

4 hours ago, Mister P said:

El Morisco ha due strisce aggiunte nel #101 (una si riconosce subito, l'altra bisogna leggere attentamente per individuarla, eh eh), poi rispetta lo "schema 80".

 

Eddai, sputa l'osso, cosa sono questi misteri!  :angry:

 

4 hours ago, Mister P said:

Chinatown scritta in due tempi potrebbe spiegare la cesura tra la parte "cinese" e quella messicana.

 

Non credo, Letteri doveva già essere in anticipo di 12 albi per "el morisco", diamogliene altri 3 per Chinatown che si vedono le tracce (fino a pagina 60 del 110) , ma per coprire tutta la parte "cinese" servono 672 strisce (per arrivare alla fine della spiegazione di Tex a pagina 94 del 111), cioè 9 albi a striscia, avrebbe dovuto essere in anticipo di VENTUNO ALBI, direi che sia troppo anche per lui! :laugh:

Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore
1 ora fa, Diablero dice:

Non mi pare. Nel 103 ci sono solo 22 strisce di Galep, contando 58 strisce nel 104 si arriva alla seconda di pagina 24, dove non vedo interventi. Contando altre 80 strisce si arriva alla prima di pagina 51, e anche lì zero interventi. La terza striscia "dovrebbe" finire a fine di pagina 77, appunto la scena del giuramento, dove anche lì... non vedo interventi.

In generale anche il tipo di narrazione non presenta i soliti cliffhanger ogni 80 strisce.

Dove li vedi i "raccordi" fra le strisce?

Non ho gli albi sottomano, ma i raccordi si vedono, anche nelle ristampe più recenti. Nella scena del giuramento comunque il raccordo si nota nella striscia centrale opposta al terzo Maledizione!, prima che Tex dica alla (famigerata) lancia di restare piantata (non ricordo le frasi a memoria, uff).

 

1 ora fa, Diablero dice:

Eddai, sputa l'osso, cosa sono questi misteri!  :angry:

Anche qui mi manca il #101 sottomano. Comunque, striscia lunga panoramica con Pablito che giace nel deserto e prima striscia di p. 113 con Eusebio.

 

EDIT: scontro con Tucker quando Tex si avvicina al villaggio Navajo e c'è il cordone sanitario. Il raccordo è nella terza striscia di una pagina pari (vignetta lunga, p. 24?) del #104. Presumo che abbiano aggiunto delle vignette che hanno sballato la conta di 80 in 80 (e io non me ne ero accorto). Sto andando a memoria perché per tutta una serie di motivi non riprendo in mano Il giuramento da 7/8 anni (dio, quanto tempo :blink:).

Link to comment
Share on other sites

E cosa lo riprendi in mano a fare? Tanto il finale è stato riscritto...e comunque io mi chiedo come fate ad essere così attenti anche a queste cose. E' una lode nei vostri confronti, perché andare a cercare il capello per capire se siano state aggiunte strisce e fino a quale albo sono state pensate, è da esperti appassionati.

Link to comment
Share on other sites

On 11/17/2023 at 12:54 AM, Mister P said:

EDIT: scontro con Tucker quando Tex si avvicina al villaggio Navajo e c'è il cordone sanitario. Il raccordo è nella terza striscia di una pagina pari (vignetta lunga, p. 24?) del #104.

No, lo scontro con Tucker va da pagina 47 a pag 48 (il primo, con i complici) e poi da pagina 51 a pagina 55. In ENTRAMBI gli scontri c'è la fine di una pagina pari con la vignetta intera (in generale in questa storia ce ne sono UN SACCO, cosa che caratterizza di più le storie sceneggiate "a tavole" e anche per questo dubitavo fosse nata a striscie). Andando a ritroso dal "cambio" successivo che citi, dovrebbe essere questa:

Tex-104-052.jpg

e non mi convince. È vero che c'è un sacco di spazio ai lati, ma è una cosa comune a un sacco di altre pagine in questo albo. Ed è appunto spazio AI LATI, con Tex sempre centrale (mentre di solito l'aggiunta di una fetta di striscia in più da un lato la sbilancia). inoltre non vedo i segni di ""cesura", le pennellate mi sembrano continue.

Certo, potrebbe essere un lavoro certosino fatto con cura, due prolunghe ai lati lasciando Tex centrale, le pennellate rifatte coprendo quelle precedenti per fare continuità...  ma perchè perderci tanto tempo quando in altre storie il lavoro era stato fatto molto più frettolosamente?

 

Poi, andando avanti di 80 strisce, troviamo queste:
Tex-104-079.jpg

La prima striscia dovrebbe essere l'ultima di un albo, e anche qui non lo vedo, per gli stessi motivi visti prima, e poi la successiva seconda striscia dovrebbe essere o l'inizio di un altro albo (ma allora dove lo mettevano il riassunto puntate precedenti?) o una striscia aggiunta (e non è possibile, è troppo importante per la trama)

 

il fatto che ci siano così tante striscia da un unica vignetta in questa storia per me invece testimonia come in generale sia stata sceneggiata "in grande", sfruttando la nuova libertà del formato gigante, con vignette "panoramiche".

 

Altro aspetto: Galep si pubblicava subito. Erano gli altri che facevano da "tappabuchi". Questa storia è iniziata a giugno 1969, ed è lunga 911 strisce, circa 304 tavole, Galep le disegnava in 12-15 mesi, quindi l'avrebbe iniziata ad inizio 1968.  Sei mesi dopo la pubblicazione dell'ultima striscia (e quindi ancora più tempo dalla decisione), e tre storie disegnate da Galep dopo. (è possibile che sia stata interrotta per permettere a Galep di disegnare "supertex" uscito a febbraio 1969, ma anche se fosse,  "supertex" non basta ad allungare abbastanza i tempi. E credo che invece semplicemente SuperTex sia stata realizzata in largo anticipo aspettando il 100)

Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore
3 ore fa, Diablero dice:

La prima striscia dovrebbe essere l'ultima di un albo, e anche qui non lo vedo, per gli stessi motivi visti prima, e poi la successiva seconda striscia dovrebbe essere o l'inizio di un altro albo (ma allora dove lo mettevano il riassunto puntate precedenti?) o una striscia aggiunta (e non è possibile, è troppo importante per la trama)

Guarda cosa scrivo a proposito nella discussione del cartonato.

 

Comunque vado a recuperare i numeri in garage. Nel Giuramento i segni redazionali li ho visti, ho un account Imgur (che non uso da una vita), fotografo e carico lì.

Edited by Mister P
Link to comment
Share on other sites

23 hours ago, Mister P said:
On 11/18/2023 at 8:18 PM, Diablero said:

La prima striscia dovrebbe essere l'ultima di un albo, e anche qui non lo vedo, per gli stessi motivi visti prima, e poi la successiva seconda striscia dovrebbe essere o l'inizio di un altro albo (ma allora dove lo mettevano il riassunto puntate precedenti?) o una striscia aggiunta (e non è possibile, è troppo importante per la trama)

Guarda cosa scrivo nella discussione del cartonato.

Intendi la tua opinione sul fatto che nelle strisce pubblicate solo direttamente in volume, SOLO su quelle e SOLO sulle ultime, Sergio Bonelli avesse deciso di non mettere più il "prossimamente"?

 

Non mi convince. Primo: perchè fare un cambiamento quando sai già che la serie chiude fra 2 numeri? (fino all'ultima striscia pubblicata, e per le prime ancora da pubblicare, lo spazio per il "prossimamente" si vede). Secondo: perchè le strisce che proseguono, stesso formato stesso prezzo, di Zagor, hanno ancora tranquillamente i prossimamente per tutto il 1967 e 1968 e fino al 1970?

 

Ipotesi alternativa: le ultime 3 storie "sceneggiate a striscia" ciascun disegnatore le ha disegnate sapendo già che non sarebbero state pubblicate a striscia. O meglio, lo sapeva sicuramente quando ha disegnato l'ultima pagina (che era l'ultima pagina delle ultime tre strisce). Quindi, le hanno disegnate direttamente senza lasciare lo spazio. Mentre la testatina, che era la PRIMA cosa che disegnavano, c'era.

 

Aggiungo qui un altro mio post da quel thread:

On 11/18/2023 at 6:12 PM, Diablero said:

Che la decisione di interrompere le strisce sia stata molto repentina mi pare una deduzione sensata, c'erano (in base ai conti fatti in questo thread:

https://texwiller.ch/index.php?/topic/5553-quando-sono-terminate-le-storie-sceneggiate-a-striscia/

...come minimo 36 albi a striscia "sicuri" e identificati ancora da pubblicare e sceneggiati (e disegnati) come tali, comprese storie intere di Muzzi, Letteri e Galep.  Avevano materiale per andare avanti con le strisce per nove mesi, con un passaggio più "morbido" mettendo in cantiere le storie nuove direttamente per gli albi.

 

Perché una decisione così repentina? L'idea che salta subito in mente è che le vendite delle strisce stavano calando troppo, ma poi ci si chiede come mai la Pseudo-Raccoltina Serie Rossa sia andata ancora avanti per anni (è vero, era una ristampa, ma in pratica anche le inedite erano comunque una stampa in più rispetto al gigante, comunque erano due stampe, cambiava solo l'ordine...). io ho il dubbio che "Supertex" c'entri qualcosa, magari ERA prevista da tempo una chiusura più "morbida", ma così avrebbero superato il numero 100. Stampare a colori 110 pagine a caso di un numero a caso non sarebbe stata la stessa cosa, e mettere un inedito in una serie di ristampe avrebbe mandato in confusione i lettori. Può darsi che nel momento in cui Sergio Bonelli ha deciso di pubblicare (per la primissima volta per la casa editrice) un numero centenario celebrativo autoconclusivo a colori, abbia di conseguenza deciso di anticipare di qualche mese un cambiamento che ormai era già nell'aria...

 

...e aggiungo che probabilmente la famiglia di Galep ha ancora tutte le tavole originali e potrebbe tranquillamente chiarire tutti questi misteri...  :rolleyes:

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore

Non riesco a trovare i numeri precedenti, ma ho intravvisto il #106 in garage e lo recupero, ricordo una cesura pure nella sequenza della locanda.

 

(EDIT: se devo essere sincero, la notai per la prima volta nella CSAC, che raramente acquistavo, perché decisi di comprare il volume con il finale della storia)

Edited by Mister P
Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.