• Avvisi

    • TexFanatico

      BUON NATALE   24/12/2017

      BUON NATALE e felici Festività a voi!
TexFanatico

[623/624] Braccato!

Voto alla storia  

41 voti

  1. 1. Voto alla storia

    • 10- 6
      0
    • 9 - 5,5
      1
    • 8 - 5
      3
    • 7 - 4,5
      14
    • 6 - 4
      7
    • 5 - 3,5
      5
    • 4 - 3
      2
    • 3 - 2,5
      2
    • 2 - 2
      0
    • 1 - 1,5
      1


Messaggi consigliati/raccomandati

.... ma temo che anche stavolta la storia finir? nel dimenticatoio molto presto. Mi sa che dovremo attendere ancora per vedere un Faraci scrivere storie più "impegnate", se ciò non accadr? penso che leggere capolavori da parte sua sarà molto difficile.

Dimenticatoio ?!"Impegnate" ?! In che senso è doubt Forse come quei film incensati dalla solita cricca di critici snob e, puntualmente, evitati dal grande pubblico al botteghino ?! :malediz... zzzz Vogliamo un Tex "riflessivo" e "dubbioso" ?! >:azz: Ognuno ha la sua opinione , pero'...... -_nono :shock: P. S.: con questi metri di giudizio anche l'indimenticabile GLB sarebbe fatto a polpette.. :old::angry:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

.... ma temo che anche stavolta la storia finir? nel dimenticatoio molto presto. Mi sa che dovremo attendere ancora per vedere un Faraci scrivere storie più "impegnate", se ciò non accadr? penso che leggere capolavori da parte sua sarà molto difficile.

Dimenticatoio ?!"Impegnate" ?! In che senso è doubt Forse come quei film incensati dalla solita cricca di critici snob e, puntualmente, evitati dal grande pubblico al botteghino ?! :malediz... zzzz Vogliamo un Tex "riflessivo" e "dubbioso" ?! >:azz: Ognuno ha la sua opinione , pero'...... -_nono :shock: P. S.: con questi metri di giudizio anche l'indimenticabile GLB sarebbe fatto a polpette.. :old::angry:
Quando parlo di storie che finiranno nel dimenticatoio, parlo di storie che dimentico appena dopo averle lette, cioè storie che non mi attirano tanto da ricordarmele dopo la lettura; e può essere conseguenza di vari fattori, come la mancanza di personaggi di spessore, o di una sceneggiatura che ti tiene incollato all'albo fino alla fine. Invece quest'albo è un continuo di sparatorie, alcune anche troppo lunghe, il soggetto è classico, se non banale, e poi nient'altro. Questo non mi capita quasi mai con le storie di Boselli, di cui ne ricordo una per una personaggi, comprimari, trama, eccetera.... E' questo che intendo per storie "impegnate" (forse non è il termine giusto, dopotutto), vorrei anche da Faraci che iniziasse ad osare di più con i soggetti, vorrei sceneggiature più complesse, personaggi più di spessore.... lo so che è ancora all'inizio, ma non dimentichiamoci che Boselli ha iniziato con Il passato di Carson!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Concordo che le storie in questi albi sono poco complesse... la trama viene esposta su un piatto d'argento.. ricordo tipo la casa dell'alchimista , fuga da anderville , l' vediamo proprio veri colpi di scena e intrighi su intrighi . Comunque sia è un inedito gradevole , i disegni sono ottimi , niente da ridire , sperando ovviamente in trame più intriganti.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sono felice, sto per sposarmi e quindi non avevo molta voglia di intervernire sul forum riguardo a "Braccato", ma i "soliti" commenti talebani di qualcuno mi hanno francamente stimolato a scrivere due righe, anzi a fare agli illustri forumisti una domanda semplice : desiderate un Tex invincibile, infallibile, immortale ma, al tempo stesso,"umano" o preferite un (scusa Tex) pagliaccio, una sorta di macchietta ridicola che ferito, non, come al solito, di striscio ma al fianco ed alla spalla, riesce a fare cose che "voi umani non avete mai visto" ?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Era già da un po' di tempo che non mi capitava di leggere tanto rapidamente un albo di Tex, il che vuol dire, secondo il mio parametro, che la storia o è una ciofeca o ti prende subito molto!In questo caso si tratta della seconda situazione e penso che questo derivi dalla trama e dalla sceneggiatura si semplice, ma anche con un ritmo teso da film; la sequenza dell'azione immediata (entriamo da subito in presa diretta), condensata nel tempo (due giorni) e nello spazio (pochi km. quadrati nello stesso territorio) fanno si che si possa leggere l'azione quasi in tempo reale, appunto come potrebbe succedere vedendo la stessa avventura su di una pellicola. Il soggetto mi sembra abbastanza originale, a memoria non ricordo niente del genere con Tex solitario e le figure del sergente ed il giovane tontarello, e chi dice che ci viene riproposto il solito sceriffo corrotto ed il proprietario terriero prepotente allora tenga presente anche gli Indiani ribelli, gli allevatori pigliatutto, il giovane pistolero fuorilegge, lo stregone visionario, il biscazziere baro e ladro, il militare pomposo, il killer prezzolato, la dark lady bella ed infida, il signorotto messicano padrone del mondo, i trappers violenti e selvaggi, l'associazione a delinquere di città, ecc. ecc. (cioè, questo è il West ed in questo si deve pescare!). Pochi dialoghi brevi, tanta azione ed un bel paesaggio, buone figure comprimarie ed un Tex al centro di tutto che si destreggia bene ma deve anche essere aiutato, il tutto sotto una pioggia battente che da una configurazione un po' "noir" all'insieme, non mi dispiacciono affatto anche se sono d'accordo con altri nel dire che non si tratta certo di una storia epocale!Si è detto da più parti che Tex ferito da due pallottole e che fa tutto ciò che fa è un po' forzato, ed in effetti è quello che ho pensato anche io durante la lettura, poi pero sono andato a rivedere con calma la parte interessata ed in effetti si potrebbe pensare che le due ferite siano superficiali; infatti Burke dice che non aveva le pallottole in corpo e quindi si potrebbe propendere per due ferite appena sotto pelle, tutto sommato accettabili quindi, anche se quella al fianco gli ha fatto annebbiare la vista... Forse Del Vecchio ha fatto un piccolo errore nel non far proseguire la traiettoria della pallottola oltre la spalla (pag.36) poich? la ferita che si vede nelle vignette seguenti fa pensare sia stato colpito il muscolo laterale. Comunque sono disquisizioni ben sottili, Tex ci ha fatto vedere ben altro nel suo occasionale ruolo di Superman!Per quanto riguarda i disegni, Del Vecchio è molto bravo nel tratteggiare il paesaggio, gli abbigliamenti, le armi con bei primi piani ed anche le figure di contorno (molto azzeccata la caratterizzazione di Rufus); non male nel complesso Tex, ma trovo una discontinuit? nei piani americani e medio-lunghi, alcune vignette non mi convincono affatto (pag.28,32,51,100 ed ultima), mentre lo trovo migliore nei primi e primissimi piani. In conclusione una buona prova, aspetto con ottimismo l'albo di prosieguo.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

letto oggi in meno di 20 minuti, ora alcune considerazioni:la storia è gradevole e scorrevole ma alquanto "frivola" troppo sempliciotta, un Tex che , a mio parere, FINALMENTE si trova in grandi pasticci, da solo contro tutti ma che ferito seriamente sembra un super uomo più arzillo che mai che fa fuori ancora tantissimi avversari, ecco questo è poco realistico e non l ho gradito. per i disegni un buon lavoro a me sono piaciuti, nulla di eccezionale ma belli. per quanto riguarda la lunghezza delle storie sono pienamente d'accordo che le storie migliori sono quelle che si articolano in più di 2 albi, almeno 3. negli ultimi anni sono stati rovinate molte storie promettenti per farles tare in 2 albi...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

letto e piaciuto moltissimo. Faraci fa ancora una volta centro(ormai è una garanzia di estrema qualità)peccato si leggano così poche storie scritte da luisoggetto molto interessante con un Tex che lotta per la soppravvivenza, storia sceneggiata magistralmente con dialoghi veloci , azzeccati , mai pallosi,Tex come sempre fa Faraci , caratterizzato benissimo (io lo vorrei sempre così)tanta azione , belli i personaggi comprimari che sanno farsi subito amare. BRAVISSIMO FARACI ... CONTINUA COS?non ho critiche da fare alla storia, neppure l'assenza dei pards mi ha disturbato(ogni tanto tex può anche essere da solo)discorso Del vecchio: bravissimo!!!!lo è sempre stato ma qui si supera, le scene d'azione , in modo particolare le sparatorie sono rese in maniera slendida, l'impugnatura dei fucili, le posture e i corpi colpiti dalle pallottole sanno di vero (altro che la legnosit? di Font)se la seconda parte si manterr? su questi livelli sarà una storia sopra la media ( come al solito per ciò che riguarda Faraci) ::evvai::

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Insomma, leggendo la maggior parte dei pareri, questa storia l'abbiamo letta tutti in 20 minuti. Curiosa coincidenza. :D

desiderate un Tex invincibile, infallibile, immortale ma, al tempo stesso,"umano" o preferite un (scusa Tex) pagliaccio, una sorta di macchietta ridicola che ferito, non, come al solito, di striscio ma al fianco ed alla spalla, riesce a fare cose che "voi umani non avete mai visto" è

Scusa, ma non capisco proprio il senso di questa domanda. Come fa uno a essere invincibile, infallibile, immortale a essere al tempo stesso umano? E qual'? la differenza tra questo e l'essere macchiette ridicole che, ferite alla spalla, riescono a fare cose "che voi umani non avete mai visto?" La differenza è minima. Io Tex lo vedo come un uomo, non un dio. Normale che resti ferito. Iniziava a essere surreale il fatto che chi fosse con lui o veniva colpito alla spalla o crepasse e Tex, mal che vada, veniva colpito di striscio, in un punto rigorosamente non vitale. Tex è stato messo in difficolt?. Per me va benissimo. Mi va meno bene che riesca, nonostante tutto, ad ammazzare, correre, nuotare e tutto il resto.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sono felice, sto per sposarmi e quindi non avevo molta voglia di intervernire sul forum riguardo a "Braccato", ma i "soliti" commenti talebani di qualcuno mi hanno francamente stimolato a scrivere due righe, anzi a fare agli illustri forumisti una domanda semplice : desiderate un Tex invincibile, infallibile, immortale ma, al tempo stesso,"umano" o preferite un (scusa Tex) pagliaccio, una sorta di macchietta ridicola che ferito, non, come al solito, di striscio ma al fianco ed alla spalla, riesce a fare cose che "voi umani non avete mai visto" ?

Auguroni per il matrimonio ! :trapper:

Quanto al tuo intervento, forse, sarà per la tensione di cui sopra, ma proprio non l'ho capito.... :shock: doubt
Tex "pagliaccio", "macchietta ridicola" che seppur ferito "fa cose che voi umani..." ecc., ecc. :shock:
Ma che stai a d', amigo ?!
Guarda che la storia l'ha scritta Tito Faraci non l'ormai "spompato" Claudio Nizzi !! :old:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Qualche mese fa un forumista di vecchia data per "vivacizzare" il TWF annunciò il suo abbandono per motivi personali... ecco ieri ho fatto quella domanda volutamente provocatoria per la stessa ragione. Il mio intervento, però, derivava sia dai post di Voi colleghi forumisti molto simili fra di loro(lettura veloce, molte perplessit?, assenza dei pards), sia dall'intervento di Paco che mi ha colpito molto(lui che è quasi sempre entusiasta) e soprattutto dalla grossa cavolata(checch? ne dica Anatas) delle due ferite quasi paragonabili a punture di zanzara. L'ossimoro iniziale è voluto ("infallibile, invincibile, immortale", ma umano"), so bene che il nostro eroe DEVE essere tale, però, aggiungo, con un po' di stile, di buon senso e di logica(ecco spiegato "ma umano"). Tito Faraci ha toppato la sceneggiatura in questo punto, una persona anche eccezionale come Tex Willer, che vince e sempre convince,NON può con due ferite d'arma da fuoco comportarsi in quel modo assurdo, sparare a raffica, mettere a segno ogni colpo, scappare, saltare, nuotare e, dopo una nottata di sonno ristoratore e quattro bende del cavolo, rimettersi in pista per dare la giusta paga ai gaglioffi di turno. Niente debolezza da emorragia, niente infezioni, manco due linee di febbre, almeno una feritina che sanguina.... Se ci ragionate su con calma, un pochino mi darete ragione. Ho appena riletto "Snake Bill" in cui Kit Willer, ferito alla spalla, con la metà degli anni di suo padre, pur salvando la vita del genitore, perde i sensi per il dolore e la perdita di sangue. Questa è la mia "onesta" opinione e comunque mi scuso ancora con Tex e con Voi per i due epiteti, volutamente provocatori.@ Capelli : mi sposo davvero, grazie per gli auguri e non sono teso manco un po', sono solo molto felice. Ho imparato a conoscere il Tuo modo un po' integralista di vedere Tex, lo rispetto pur non condividendolo... non ho capito solo cosa c'entra il buon Nizzi....@ Claudio Villa : per una volta anche un Grande ha toppato... spiegatemi perchè nella copertina, uguale ad una vignetta dell'albo,Tex non sanguina ed ha lo Steston in testa. Censura preventiva è Ah, che bei tempi quelli de "L'ultima carica" e "La sconfitta" !

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Qualche mese fa un forumista di vecchia data per "vivacizzare" il TWF annunciò il suo abbandono per motivi personali... ecco ieri ho fatto quella domanda volutamente provocatoria per la stessa ragione. Il mio intervento, però, derivava sia dai post di Voi colleghi forumisti molto simili fra di loro(lettura veloce, molte perplessit?, assenza dei pards), sia dall'intervento di Paco che mi ha colpito molto(lui che è quasi sempre entusiasta) e soprattutto dalla grossa cavolata(checch? ne dica Anatas) delle due ferite quasi paragonabili a punture di zanzara. L'ossimoro iniziale è voluto ("infallibile, invincibile, immortale", ma umano"), so bene che il nostro eroe DEVE essere tale, però, aggiungo, con un po' di stile, di buon senso e di logica(ecco spiegato "ma umano"). Tito Faraci ha toppato la sceneggiatura in questo punto, una persona anche eccezionale come Tex Willer, che vince e sempre convince,NON può con due ferite d'arma da fuoco comportarsi in quel modo assurdo, sparare a raffica, mettere a segno ogni colpo, scappare, saltare, nuotare e, dopo una nottata di sonno ristoratore e quattro bende del cavolo, rimettersi in pista per dare la giusta paga ai gaglioffi di turno. Niente debolezza da emorragia, niente infezioni, manco due linee di febbre, almeno una feritina che sanguina.... Se ci ragionate su con calma, un pochino mi darete ragione. Ho appena riletto "Snake Bill" in cui Kit Willer, ferito alla spalla, con la metà degli anni di suo padre, pur salvando la vita del genitore, perde i sensi per il dolore e la perdita di sangue. Questa è la mia "onesta" opinione e comunque mi scuso ancora con Tex e con Voi per i due epiteti, volutamente provocatori.@ Capelli : mi sposo davvero, grazie per gli auguri e non sono teso manco un po', sono solo molto felice. Ho imparato a conoscere il Tuo modo un po' integralista di vedere Tex, lo rispetto pur non condividendolo... non ho capito solo cosa c'entra il buon Nizzi....@ Claudio Villa : per una volta anche un Grande ha toppato... spiegatemi perchè nella copertina, uguale ad una vignetta dell'albo,Tex non sanguina ed ha lo Steston in testa. Censura preventiva è Ah, che bei tempi quelli de "L'ultima carica" e "La sconfitta" !

sono d'accordo anche io con la tua veduta, avevo capito il tuo post precedente e il voluto ossimoro, come ho già detto la storia è scorrevole ma priva di realismo, azzarderei un piccolo paragone con Dampyr che essendo più di un uomo anche se ferito non risente più di tanto dei colpi, ma Tex è un UOMO.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Tito Faraci ha toppato la sceneggiatura in questo punto, una persona anche eccezionale come Tex Willer, che vince e sempre convince,NON può con due ferite d'arma da fuoco comportarsi in quel modo assurdo, sparare a raffica, mettere a segno ogni colpo, scappare, saltare, nuotare e, dopo una nottata di sonno ristoratore e quattro bende del cavolo, rimettersi in pista per dare la giusta paga ai gaglioffi di turno.

Se permetti, questa è musica per le mie orecchie... ed è proprio quello che mi aspetto da Tex Willer.

Non sempre in modo così eclatante, magari, ma ogni tanto sè.
E dopo anni di storie e storie in cui un autore in particolare ce lo ha mostrato arrendevole, senza nerbo, calabrache e tanto "umano" (ah, come dimenticare il Tex che dopo una nuotatina si riposa stremato sulla riva del fiume, giusto il tempo di farsi beccare dai suoi avversari, oppure quello altrettanto affaticato perchè ha dovuto domare un puledro più del previsto), per il sottoscritto questo Tex che si riappropria del suo status di eroe testardo e duro-a-morire è senza dubbio grasso che cola.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Io personalmente non ho storto il naso nel vedere Tex ripresosi a quel modo nonostante le due ferite: voglio dire, è Tex, il grande Tex Willer, e lo accetto- certo, il realismo del Color di Ruju lo apprezzo di più: l' il Nostro la ferita la sente tutta!Quello che proprio non mi è piaciuto è la semplicit? estrema di tutta la faccenda, la prevedibilit?, il senso di "già visto": spero che le cose mi smentiranno, ma mi sembra già di sapere come si svolger? il secondo albo- l'inseguimento come tema portante, gli agguati a Tex, l'assalto al ranch, la possibile morte dei due "pards occasionali", il duello finale col cattivone. Ma ripeto: spero di sbagliarmi, spero che Faraci possa stupirmi. E poi, come dicevo, le sparatorie: dilatate, noiose, prevedibili. Premetto che le sparatorie di Faraci mi piacciono molto: la mega battaglia di "Sotto scorta" mi aveva entusiasmato; ma qui ci sono troppe vignette inutili: per esempio quelle adibite solo al mostrare il "Tlack" del fucile. Quindi, anche una scena potenzialmente empatica come quella del Tex braccato non mi ha preso più di tanto. Con tutto ciò non voglio dire che Faraci, di colpo, non mi piaccia più. Continuo a pensare, in nome delle sue precedenti belle storie (il solo Maxi mi aveva parzialmente deluso) che sia un buon acquisto per Tex: certo, da questa storia avrei voluto molto di più - sempre sperando che il secondo albo si riprenda!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

@ Texas : grazie per la comprensione. Volevo chiederTi una cosa di Dampyr /non avendolo mai letto) : è un Blade, un Angel o un umano di eccezionali capacità(un Buffy al maschile) ?@ Bouncer : ma cos'è questa campagna anti-Nizzi è Non mi piace molto l'aria che tira riguardo ad un autore che ci ha regalato grandi avventure. Naturalmente anche per te Tex non dorme mai, non si stanca, non va mai a comprare al Trading Post di Kayenta una quindicina di camicie gialle, non pensa mai ad una donna, non può staccare qualche volta ed andare a caccia con suo cognato Sagua... solo sparare, cavalcare, inseguire, arrestare.... a quando un bel Tex versione Borg che si autorigenera dopo essere stato colpito è @ Paco : la storia è quella che ?, anche gli sceneggiatori dopo una valanga di albi, albetti e alboni "possono" essere in crisi di ispirazione, ed obiettivamente non è facile accontentare tutti. Però, suvvia Mario, almeno un lembo di cute che si riapre e sanguina Tito poteva regalarcela.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Prima di tutto, doverosi auguri ad Havasu e alla promessa sposa (texiana? :D ). Havasu non ha tutti i torti, che Tex sia l'eroe, anzi l'Eroe, non esclude che possa almeno lasciarsi sfuggire qualche smorfia di dolore, se non ricordo male perfino Rambo contorceva un tantino il volto mentre si ricuciva con ago e filo :lol: In compenso un po' di sfortuna lo coglie quando viene colpito da una pallottola di rimbalzo, quindi diciamo che le cose un po' si equilibrano ;)Diciamo, in tono scherzoso, che era d'uopo che non solo si salvasse, ma che fosse pronto a saltabeccare sparando a destra e a manca causa mancanza di salvatori sulla scena (niente pard, niente vecchiette di passaggio, niente re magi...). D'altra parte, per invulnerabile che sia, a un certo punto anche lui crolla e deve essere portato come un bambino tra le braccia della tata. Il fatto è che se avesse ceduto un po' prima logica avrebbe voluto che lo sceriffo fedifrago lo crivellasse di colpi e allora bye bye Tex :colt:@Paco: io attendo con ansia il "senso di già visto". Ben venga il duello finale, gli agguati, l'assalto, magari non la morte dei pard ma se proprio è necessario... Il mio Tex (e forse non solo mio) è fatto di semplici ingredienti base, magari con l'aggiunta volta per volta di qualche spezia in più :cowboy:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Cheyenne, ma io in linea di massima non ho nulla contro le storie semplici, e nemmeno contro le storie complesse. Il tutto sta nel capire se la storia (semplice o complessa che sia) ti prende... e a me questa (fin'ora) non prende :D Magari il secondo albo mi soddusfer?... ps- auguri ad Havasu anche da parte mia ::evvai::

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

... ma cos'è questa campagna anti-Nizzi è Non mi piace molto l'aria che tira riguardo ad un autore che ci ha regalato grandi avventure.

... e anche grandi porcherie. Questo andrebbe detto, giusto per amor di verità.

Comunque, non ho nessunissima intenzione di aprire l'ennesima crociata contro Nizzi, soprattutto ora che manca solo la pubblicazione dell'ultima storia per archiviare definitivamente la pratica.

Naturalmente anche per te Tex non dorme mai, non si stanca, non va mai a comprare al Trading Post di Kayenta una quindicina di camicie gialle, non pensa mai ad una donna, non può staccare qualche volta ed andare a caccia con suo cognato Sagua... solo sparare, cavalcare, inseguire, arrestare....

Per cortesia, mi indichi con precisione dove e quando avrei scritto questo?

Perchè altrimenti questo è il classico esempio di post che se la canta e se la suona.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quello che proprio non mi è piaciuto è la semplicit? estrema di tutta la faccenda, la prevedibilit?, il senso di "già visto": spero che le cose mi smentiranno, ma mi sembra già di sapere come si svolger? il secondo albo- l'inseguimento come tema portante, gli agguati a Tex, l'assalto al ranch, la possibile morte dei due "pards occasionali", il duello finale col cattivone

Secondo me finisce che Tex uccide lo sceriffo in duello e il riccone muore nel ranch in fiamme non riuscendo a uscire. Un classico. :DE il sergente Burke muore, magari ucciso dallo sceriffo. Tra lui e Rufus, l'unico che può morire è lui. Rufus è uno non-troppo-sveglio, un ragazzino solo che è scampato miracolosamente dall'eccidio dei suoi genitori. Non può morire. Invece Burke, vecchio ex sergente, anche quando dice :" sono pronto per l'ultima missione" o qualcosa del genere,? già un piccolo segno che sente che potrebbe essere l'"ultima" in tutti i sensi. Ovviamente, spero che tutto ciò non si avveri e che il secondo albo mi sorprenda.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei tornare brevemente sulla questione delle ferite di Tex, punto che mi sembra centrale e dirimente circa il piacere o meno della storia fra gli utenti del Forum. Io non ho mai avuto, per fortuna, ferite d'arma da fuoco e gradirei concludere la mia esistenza terrena senza dover provare una simile esperienza, però ho patito più volte ferite anche serie, rottura d'ossa, lesioni muscolari e varie ed ho tratto mio malgrado da tali incidenti due conclusioni, opposte ma speculari: il dolore e l'emorragia creano indubbiamente debolezza ed affaticamento, ma la scarica adrenalinica, la tensione nervosa e l'eccitazione dei sensi ricorrenti quasi sempre in simili occasioni straordinarie nella vita di una persona normale rendono più facile sopportare il tutto e quasi riescono a tacitare le sensazioni negative che si producono nella mente della stessa. Figuriamoci cosa può accadere ad una persona eccezionale nel fisico e nella mente e soprattutto abituata ad essere ferita e a trovarsi in situazioni limite (ovviamente dimenticandoci di aver a che fare con un fumetto ed immaginando una ipotetica realtà!). Io sono il primo a riconoscere onestamente e realisticamente che quel che riesce a fare Tex dopo essere stato doppiamente ferito è decisamente sopra le righe, non arriverei a dire impossibile ma sicuramente poco probabile, anche prendendo per buona la mia stessa ipotesi che ho proposto nel mio precedente intervento, specialmente riguardo il nuotare e cadere a terra sulle stesse ferite (riguardo al fatto che riesca ad uccidere al primo colpo i suoi nemici, beh, non è certo una novità...). Però, per come si sviluppa la sceneggiatura concepita da Faraci, mi sembra ci sia poca alternativa: Tex in quel frangente è solo, se non ammazza subito un po' di gente questi prima of poi lo beccano, deve scappare perchè è senza cavallo e non può farsi accerchiare, deve saltare nel fiume e quindi nuotare perchè se no avrebbe dovuto scappare a piedi per chissà quanta strada... Faraci poteva farlo colpire solo ad una spalla, ma poi tutti avremmo sbottato:"ecco, la solita ferita di striscio del cavolo!". Forse avrebbe potuto farlo riposare un giorno in più dal sergente ma ne avrebbe risentito l'incedere dell'azione ed il ritmo incalzante della trama che a me sembrano le cose migliori. In conclusione (ed è una delle rarissime volte in cui mi contrappongo ad Havasu) non ci vedo tutta questa negativit? ed impossibilità in questa prima parte di storia, non ci vedo neanche i difetti che lamenta Paco ed infatti, come già detto, l'ho divorata rapidamente e con soddisfazione, il che, per me, è sintomo di buona storia.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Storia da 8 per me. Ottimi disegni. Ottima dinamicit?. Un po' troppo veloce da leggere, ma poco mi importa. E' come nei film d'azione, quello che ti rimane in mente è quel 10 minuti di azione pura e non le filippiche e i preamboli. Spero che la storia si concluda sulla linea di questo numero.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

@ Bouncer : una sonatina mi è parsa che "rimbalzasse" (come il tuo nickname) fuori dal tuo intervento, cioè fra le righe del post ho intravisto una persona a cui piace un Tex fast & furious 24 ore al giorno. Se ho inteso male lo siento mucho.@ Anatas : condivido quello che scrivi, ammetterai, però, che il buon Faraci magari poteva risparmiarci almeno la seconda ferita. Mi trovi d'accordo sull'azione dell'adrenalina, sia nell'essere umano che negli animali, ma considera che in questi ultimi, in caso di shock traumatico, agisce un'elevata quantit? di endorfine, assenti nell'uomo. In sostanza anche persone eccezionali come Kit Willer,Carson, persino Tiger quando sono state ferite pesantemente hanno avuto una reazione più realistica di quella di Tex in "Braccato". Amigos vi saluto, faccio una decina di giorni di ferie prima .... dell'appuntamento con il destino. Grazie ancora a Paco,Cheyenne e Capelli d'argento per gli auguri. A presto !

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

In questo caso si tratta della seconda situazione e penso che questo derivi dalla trama e dalla sceneggiatura si semplice, ma anche con un ritmo teso da film; la sequenza dell'azione immediata (entriamo da subito in presa diretta), condensata nel tempo (due giorni) e nello spazio (pochi km. quadrati nello stesso territorio) fanno si che si possa leggere l'azione quasi in tempo reale, appunto come potrebbe succedere vedendo la stessa avventura su di una pellicola. Il soggetto mi sembra abbastanza originale, a memoria non ricordo niente del genere con Tex solitario e le figure del sergente ed il giovane tontarello, e chi dice che ci viene riproposto il solito sceriffo corrotto ed il proprietario terriero prepotente allora tenga presente anche gli Indiani ribelli, gli allevatori pigliatutto, il giovane pistolero fuorilegge, lo stregone visionario, il biscazziere baro e ladro, il militare pomposo, il killer prezzolato, la dark lady bella ed infida, il signorotto messicano padrone del mondo, i trappers violenti e selvaggi, l'associazione a delinquere di città, ecc. ecc. (cioè, questo è il West ed in questo si deve pescare!). Pochi dialoghi brevi, tanta azione ed un bel paesaggio, buone figure comprimarie ed un Tex al centro di tutto che si destreggia bene ma deve anche essere aiutato, il tutto sotto una pioggia battente che da una configurazione un po' "noir" all'insieme, non mi dispiacciono affatto anche se sono d'accordo con altri nel dire che non si tratta certo di una storia epocale!Si è detto da più parti che Tex ferito da due pallottole e che fa tutto ciò che fa è un po' forzato, ed in effetti è quello che ho pensato anche io durante la lettura, poi pero sono andato a rivedere con calma la parte interessata ed in effetti si potrebbe pensare che le due ferite siano superficiali; infatti Burke dice che non aveva le pallottole in corpo e quindi si potrebbe propendere per due ferite appena sotto pelle, tutto sommato accettabili quindi, anche se quella al fianco gli ha fatto annebbiare la vista... Forse Del Vecchio ha fatto un piccolo errore nel non far proseguire la traiettoria della pallottola oltre la spalla (pag.36) poich? la ferita che si vede nelle vignette seguenti fa pensare sia stato colpito il muscolo laterale. Comunque sono disquisizioni ben sottili, Tex ci ha fatto vedere ben altro nel suo occasionale ruolo di Superman!Per quanto riguarda i disegni, Del Vecchio è molto bravo nel tratteggiare il paesaggio, gli abbigliamenti, le armi con bei primi piani ed anche le figure di contorno (molto azzeccata la caratterizzazione di Rufus); In conclusione una buona prova, aspetto con ottimismo l'albo di prosieguo.

Innanzitutto Auguroni e Felicitazioni ad Havasu!!!Dopodich? visto che Anatas ha scritto più o meno quello che penso anch'io spero mi perdoner? se utilizzo il suo intervento evitando di trascrivere le stesse cose. La storia non è sicuramente di quelle che rimarranno negli annali ma fa trascorrere sicuramente in modo piacevole il tempo impiegato a leggerla. I disegni di Del Vecchio sono buoni anche se il viso di Tex lo trovo ogni tanto un p? diverso dal modello canonico. In conclusione per il momento giudizio positivo all'insieme storia/disegni. Vediamo come va a finire la storia.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.