Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Angelo1961

Allevatore
  • Posts

    354
  • Joined

  • Last visited

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Fumetti, Milan, biciclette.
  • Real Name
    Angelo

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    60
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    Jim Brandon

Recent Profile Visitors

1,770 profile views

Angelo1961's Achievements

Community Regular

Community Regular (8/14)

  • Reacting Well
  • Very Popular Rare
  • One Year In
  • Dedicated
  • One Month Later

Recent Badges

62

Reputation

  1. Ciro. Uno speciale è speciale non perchè esce fuori serie (altrimenti è solo un normale che esce fuori serie), ma perchè è speciale come storia. Come è un albo a colori con storie di fantasmi, o un albo dedicato a un altro protagonista rispetto al titolare, per esempio il fratello o il nemico principale o perchè fa incontrare due eroi mitici della casa editrice. Se a me, che ho giocato a calcio a bassi livelli, mi facessero giocare una gara in serie A, non diventerei automaticamente un giocatore di serie A. Detto questo, la mia è solo una curiosità, apprezzo che escano albi fuori serie, anzi, ne auspico il più possibile. Secondo me questo è un albo normale, slittato perchè si può inserire fuori continuity, insomma un jolly. Se i miei desideri (che restano tali) si tramutassero in realtà, farei una collana di speciali con storie speciali davvero, una collana di speciali dedicata agli altri personaggi e una collana di speciali con storie fuori continuity, riservando a quella principale il compito di essere in continuity e inserita nella Storia vera. Ps.. Ciro, vedo che abbiamo indicato entrambi sia il pard che il personaggio preferito!
  2. Chi sà, e ne capisce più di me, mi spieghi cos'ha di speciale questo albo. Peraltro confezionato da anni e ancora nel cassetto. Poi, sicuramente mi piacerà, ma non capisco la specialità!
  3. Una buona storia densa di azione. I disegni di Aztori a volte mi sono sembrati confusi, ma il fatto di vedere un similTicci gli fa perdonare qualunque difetto. Non ci sono riferimenti storici e questa è una differenza sostanziale rispetto a Boselli, dove, invece, la "Storia" è un qualcosa che rende ancora più accattivante la "storia" e, anzi, quasi sempre la "Storia" è la base solida su cui poggia la "storia". Preferisco che ci sia tanta "Storia", ma ogni tanto va benissimo anche qualcosa di rapido e veloce. Io gli do una valenza importante. Significa che Ballard ha capito il "valore" di Tex e, anche se così giovane, già lo rispetta. Vede, in nuce, già il Tex "adulto". Insomma, quelle pagine finali sono quasi una medaglia appuntata sul petto del giovinTex. E' come se pensasse: "Ti aiuto per debito di riconoscenza, ma fino a un certo punto, perchè aiutarti a fronteggiare tre soli bischeri così (o, meglio, ne metto fuorigioco solo uno, gli altri te li lascio), sarebbe una mancanza di rispetto nei tuoi confronti". Inoltre, a differenza dei bischeri, Ballard riconosce il debito che ha con Tex, per cui si dimostra uomo di spessore. E questo aumenta, per fatto indotto, anche il valore dell'attestato di cui dicevo prima, perchè è fatto da un uomo di spessore.
  4. Mi tentate sempre di più... Eppure devo resistere... resistere.. resistere... E leggerla tutta a gennaio!
  5. Non sono d'accordo con te in questo caso perchè allora, nel Texwiller avrebbero potuto disegnarci un Tex biondo o con la barbetta. Il personaggio (qualunque sia la sua importanza, principale, ricorrente, raro..), ribadisco un mio credo, deve essere lo stesso in tutte le serie. Se ci sono state interpretaziomni errate in Tex Willer, basta ripristinare da qui in avanti. Come è stato abbondantemente evidenziato, anche nella mensile ci sono interpretazioni "diverse". Ma devono restare eccezioni. L'imprtante è che poi si trovi una linea uniforme. Ps. In Zagor, per esempio, Digging Bill è stato disegnato sia con, che senza capelli... Amen,,, Errare è umano. E' il perseverare che.... Queste sono mancanze di rispetto gravissime. Purtroppo Arkansas Joe non è un personaggio negatvo, ma mi auguro che l'indianoLautaro del 700 di Zagor sia il cattivo, perfido, crudele della storia.
  6. Nel Texone, Milton Faver è semplicemente un ex amico di Ken Willer che ricorda Tex come un giovincello scavezzacollo. E Tex dice che da sempre sognava di vivere un'avventura a fianco del mitico Faver. Particolari in totale divergenza con quanto accade nella nuova serie. Detto questo però, devo ammettere che il Faver visto su Texwiller mi piace molto di più di quello del Texone, per cui, accadessero ancora cose così (e qualcosa l'avevamo già notato in Hutch), le accetterò pur sottolineandole. Diciamo che preferisco che l'eventuale fastidio lo debba provare RI-leggendo una vecchia storia piuttosto che leggendo una nuova. Divergo da te, Jeff, sul fatto che accadano in testate differenti. Io accetterei comunque i cambiamenti, indipendentemente dalla serie mensile, maxi, texoni o texwiller. Per me non c'è un Tex del mensile e un Tex altro. E' sempre lui, lo stesso "zio" (non amico, l'amico per me è solo Zagor e lo è stato Lazarus) che mi accompagna da 50 anni. Penso che vedremo diversità rispetto a qual che siamo abituati nella mensile sia in Cochise che (e abbiamo già notato...) in Mefisto.
  7. Tanto di cappello alla storia che ho finalmente concluso di leggere, un po' meno ai disegni. Spinto dal redazionale, sono andato a rileggermi I rangers di Finnegan e devo dire che non ho ritrovato, in quella storia pubblicata nel 2018, il Milton Faver visto su Tex Willer. Altro carattere e all'apparenza nessun ricordo della storia vissuta assieme a Cortina (non d'Ampezzo....) Anche l'incontro tra Tex e la moglie, di sfuggita, non è stato come tra 2 persone che avevano condiviso molto. Non dimentichiamo che Tex è stato testimone di nozze e che c'ha messo del suo per farli mettere insieme. Ok, anticipo l'eventuale obiezione: la storia del Texone è stata scritta senza sapere gli sviluppi della nuova serie e la storia di Cortina è stata concepita dopo. Concordo, ma proprio sapendo che c'era un "precedente futuro", forse l'avventura del giovane Tex ne doveva tenere conto.
  8. Quasi, quasi mi convincete a rinnegare me stesso e comprarlo nonostante sia di brevi! Iodarin!
  9. Questa discussione mi pare surreale. E dannosa. Perchè si utilizza il prezioso tempo di Boselli per spiegare facezie (per me), mentre potrebbe impiegarlo a partorire nuove storie. Insisto per consigliare ancora una volta di goderei il fumetto per quello che è!
  10. Macchè Zico e Maradona. GLB è Pelè, Boselli è Van Basten... O Crujff se preferite. Forse Di Stefano... Concordo che TW è la miglior serie in Italia (e quindi al mondo.. ) in questo momento con l'unico difetto delle poche pagine!
  11. Questo, ma solo dal MIO punto di vista, te lo posso dire io: perchè Zagor è stato trasformato completamente da quello pensato da Nolitta, cioè da ragazzo delle foreste a semidio predestinato. Il bello (brutto) è che B lo ha fatto manipolando e utilizzando proprio le basi di Nolitta, in modo da giustificare la trasformazione. Gli anacronismi presenti in Tex, sono presenti anche (e di più) in Zagor, ma sono stati amalgamati e non infastidiscono. L'importante è non toccare il personaggio e in Tex non è stato fatto. Quello che gli accade attorno è (quasi) ininfluente, al limite oggetto di curiosità.
  12. Idem!! Ma se sono "utilissime per testare disegnatori e sceneggiatori", come dici tu, per quale scopo un "test" viene fatto pagare ai clienti, cioè noi?
  13. Ho sempre pensato che questa fosse la storia più epica in assoluto nella saga. Una storia splendida con l'unico "difetto" dei disegni. Galep non era ancora "lui", forse perchè costretto a essere veloce. E impreciso, viste le strane capigliature degli indiani. Un mio sogno sarebbe stato vederla ridisegnata da Ticci. Solo un sogno, ovviamente. Irrealizzabile!
  14. Con l'unico difetto di non aver rappresentato i Seminoles in maniera giusta... Ps. Non c'è da preoccuparsi della schizofrenia autore-curatore di Boselli, vero?
  15. Devo ancora cominciare a leggere la quadrupla, ma ribadisco: vedo che troppi appassionati guardano più al dito che alla luna, soffermandosi su buchi, anomalie nizziane facendo (rubando le parole a Pape) disamine tecniche o estetiche. Io ricolgo l'occasione per invitare a leggere con leggerezza guardando alla storia in generale più che nei particolari. A me, in fondo, è piaciuta pure quella di Nizzi anche se, aspettando questa, la mia "top" è Terrore nella savana!
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.