Jump to content
TWF MAGAZINE N°19 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
Sign in to follow this  
Pedro Galindez

[587/588] L' Artiglio Della Tigre

Voto alla storia  

65 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

Caro Borden, proprio quello che gli "intellettuali" di two non fanno!!Ho letto, su quel forum, le discussioni sulle tue ultime storie, tipo "missouri", che la giudico una delle migliori degli ultimi anni... su quel forum si parla di Tex come se ogni storia fosse la divina commedia... applicano criteri critici pressanti senza godersi la lettura, analizzando il fumetto passo passo, cercando qualsiasi cavillo per(nel caso di Nizzi), demolire l'intera storia:evidentemente ubc fa scuolaSenza contare un trattamento a Nizzi quantomeno irrispettoso... gli manca quel rispetto che ogni amante di Tex per quell'autore che ha mantenuto Tex in vita per anni, da solo, regalando tante ottime storie, alcune a mio parere tra le miglioi della serie!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caro Borden, proprio quello che gli "intellettuali" di two non fanno!!Ho letto, su quel forum, le discussioni sulle tue ultime storie, tipo "missouri", che la giudico una delle migliori degli ultimi anni... su quel forum si parla di Tex come se ogni storia fosse la divina commedia... applicano criteri critici pressanti senza godersi la lettura, analizzando il fumetto passo passo, cercando qualsiasi cavillo per(nel caso di Nizzi), demolire l'intera storia:evidentemente ubc fa scuolaSenza contare un trattamento a Nizzi quantomeno irrispettoso... gli manca quel rispetto che ogni amante di Tex per quell'autore che ha mantenuto Tex in vita per anni, da solo, regalando tante ottime storie, alcune a mio parere tra le miglioi della serie!!

Lo spaccamento di un capello in quattro si ritrova in tutta Internet, ma è legittimo e va bene così. Spesso per l'ho trovato esagerato. Non credo però che QUESTO forum ne sia esente. Non mi piace quando due forum dedicati a uno stesso personaggio diventano, chissà perchè, due "partiti politici" diversi e si odiano tra loro. Accade tra i due forum di Zagor, da cui mi sono totalmente dissociato. Vorrei dunque far notare come questo atteggiamento, in cui ahimè sei caduto anche tu, generalizzando le opinioni di singoli forumisti, sia sbagliato e crei divergenze inesistenti e una forma deteriore di rivalit? (molto "arcitaliana"). Tale livore nei confronti dell'altro forum lo ritrovo QUI più che su TWO. Che significa?BordenScusate l'OT. Non si ripeter?. In quanto alla storia di Nizzi, ribadisco anche qui che è divertente e mi è piaciuta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Okay,Borden, generalizzare non v? mai bene...vogliamo parlare di "posizioni prevalenti"?La "posizione prevalente" di two è quella di cui ti dicevo;e non si tratta, da parte mia, di livore nei confronti dell'altro forum per partito preso:posso anche esser d'accordo su ciò che qualcuno di quel forum scrive!Il "partito preso" è di two nei confronti di Nizzi... okay, non sarà più il Nizzi dei tempi d'oro, ma su two non gli si concedono attenuanti(una per tutte, l'età avanzata:quanti poeti, scrittori, artisti "scadono" un p? in vecchiaia?si potrebbe dire la stessa cosa sull'ultimo Bonelli!)... ciò non toglie che Nizzi, come Bonelli, come Pascoli o Verlaine, possa ancora fare buone cose:ma quelli di two non le vedono, appunto per partito preso... Basta leggere quel che scrivo l'amministratore di quel forum!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

COMMENTO CHE PUO' CONTENERE SPOILERletto oggi l'artiglio della tigre!!!I miei sospetti circa la poca considerazione data dagli autori a questa storia, a trovato prove certe... questa prima parte della storia, purtroppo lo dico con grande delusione, lo trovata al d' sotto della sufficienza :(:( Ma come si può creare una storia finale così per un personaggio come la tigre nera????leggendo l'albo ci si rende conto che la sceneggiatura e i dialoghi sono a dir poco pessimi e poco ampliati,.. la discussione iniziale tra tex e carson sul ritorno della tigre ha dell'incredibile, si ha quasi la sensazione di leggere una "farsa" tra i due rangers, con frasi molto meccaniche e con poco cuore, che creano un atmosfera poco credibile ... la tigre nera è solo l'ombra del personaggio delle prime due avventure, messer zucca pelata f? trasparire poca incisivit? e cattiveria nei suoi discorsi, sopratutto quello iniziale con lohana.. come racconta la storia della sua vita è una minestrella insipida se paragonata a quella della prima storia. insomma il personaggio è lontanissimo 1000 miglia da quello delle precedenti storie. La cattura di carson ha dell'incredibile come può un veterano del suo stampo farsi mettere nel sacco come un piccione??Eppure la storia in sè a mio parere a un buon potenziale,San Francisco, i cinesi, l'oppio, la valle del fiore rosso, il castello ecc.. le buone carte non mancano per un capolavoro ma vengono giocate male... PECCATO!!se questa storia ne avrebbe avuto tre albi invece dei cosidetti due... allora la sceneggiatura e i dialoghi avrebbero riaquistato più punti per la storia in generale e sopratutto per il giudizio finale. Spero nel successivo "il castello nero" anche se ho i miei dubbi, chi parte male finisce peggio, però come si dice la speranza e l'ultima a morire. :):)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Wasted Years

Tale livore nei confronti dell'altro forum lo ritrovo QUI più che su TWO. Che significa?Borden

Livore? Non credo si tratti di livore ma di una presa di posizione tranquilla, tra l'altro, solo di alcuni dei componenti di questo forum, i quali non condividono il modo di vedere le storie di Tex da parte di TWO ed UBC. Comunque la spiegazione del fatto che qua alcuni criticano Two e su Two non si critica il TWF è che molti di noi provengono da l' piuttosto che viceversa, molto semplicemente, ed hanno stabilito di scrivere qua non condividendo le posizioni prevalenti su TWO che è come forum è decisamente più anziano. Personalmente scrivo su entrambi e sono convinto che il fatto che esistano diversi forum sia una ricchezza anzich? il contrario, nonostante non sia esente da difetti, come nulla al mondo può essere. Chiuso OT

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo spaccamento di un capello in quattro si ritrova in tutta Internet, ma è legittimo e va bene così. Spesso per l'ho trovato esagerato. Non credo però che QUESTO forum ne sia esente. Non mi piace quando due forum dedicati a uno stesso personaggio diventano, chissà perchè, due "partiti politici" diversi e si odiano tra loro. Vorrei dunque far notare come questo atteggiamento, in cui ahimè sei caduto anche tu, generalizzando le opinioni di? singoli forumisti, sia sbagliato e crei divergenze inesistenti e una forma deteriore di rivalit? (molto "arcitaliana"). Tale livore nei confronti dell'altro forum lo ritrovo QUI più che su TWO. Che significa?

Non per prendere le difese di Paco Ordonez, pero' credo che in un certo senso abbia ragione. Inanzitutto, non c'e' nessun odio rispetto all'altro forum, c'e' solo amarezza nel sentire i soliti commenti denigratori in quasi tutti i lavori di Nizzi. E molto spesso gratuiti e per partito preso. Che Nizzi non e' piu' quello di una volta lo sa anche mio nipote di sei anni, ma ci sono modi e modi per esprimere un giudizio e una critica. Tutto qua. Questo non e' un forum pro Nizzi o pro Boselli ed etc,,, e' un forum abbastanza obiettivo e libero e se qualche utente esprime un proprio parere su una storia o su un autore sicuramente non viene assalito come succede li' e quando capita che la critica e' irispettosa nei confonti di un autore l'utente colpevole viene subito richiamato. Non credo che la stessa coa succede li'!Sono un fan di Tex e ho scelto di partecipare in questo forum per queste caratteristiche che su TWO non ci sono. Fine OT.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo le mie paure si sono realizzate. Dopo aver letto l'albo di questo mese sono rimasto con l'amaro in bocca, soprattutto perchè la storia ha un buon soggetto di base, tante possibili soluzioni e varietà possibili di ambientazione: il quartiere cinese rappresentato magnificamente da Venturi con ottime inquadrature e ottima dinamicit?, Tom Devlin, il porto di San Francisco, la valle rossa da trovare ed esplorare etc. Ma purtroppo la sceneggiatura è deludente dialoghi fiacchi a volte logorroici e artefatti poco spontanei e articolati, a volte assenti ci sono decine di vignette senza baloons, troppo vuote. Una tigre nera che vuole operare nell'ombra ma che fa commettere omicidi con coltelli con il suo stemma. Purtroppo un' occasione persa che non manca però di buoni momenti la scazzottata con fuochi d'artificio finali è spassosa e fa intravedere il Nizzi di un tempo, una seconda parte decisamente più scorrevole a mio parere. Come detto i disegni sono ottimi e risollevano molto la storia e aiutano a non farla disprezzare del tutto. Poi una copertina stupenda; come la prossima del resto. Un altro punto positivo a mio parere in questa prima parte è l'assenza delle odiate parentesi nei discorsi dei personaggi... le odio! Un 6 nel complesso... Anche il solito spione è presente che in una storia cittadina dove tutto gira intorno ai cinesi alle fumerie e alle case da gioco ci starebbe pure bene se non se ne fosse abusato troppo in passat. Ma qui ci sta bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io invece confermo che questo primo albo mi ha davvero divertito. Anzi a rileggerlo l'ho trovato anche pregevole... ma guarda un p?!!!
Ruffiano? IMPARZIALE?
NO, NO... bravo Nizzi
e bravo Venturi.
avanti così

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tanto per cominciare, una nota polemica ( anche se non interesser? a nessuno ): ci avevo già fatto piu' volte un pensierino ma dopo aver letto l' indecente " commento " dell' amministratore di TWO ho deciso di non partecipare piu' al forum stesso. Mi sono stufato di certi toni ( anche ben sopra le righe ) da " primi della classe " senza averne alcun titolo.

Detto questo, rientro dall' OT e passo a commentare questo primo albo. Che, detto per inciso, non è senz' altro una buona storia ma piu' che sufficiente sè. Lo sviluppo della stessa è un po' " elementare " ma, intanto, Tex e Carson sono, tutto sommato, i due tizzoni d' inferno che conosciamo. Spiritosi alcuni dialoghi tra i due pards, belle le scazzottate con i cinesi ( eccellente la trovata pirotecnica con il vecchio cammello ispirato protagonista ) e con i buttafuori di Craig, evocativa e d' antan la scena di quando i nostri " bussano " alla porta di Craig. Certo, ci sono gli " origlioni " e la cattura di Carson: ritengo, pero', che, almeno in questo caso, non siano poi così stonate queste soluzioni narrative usate, da Nizzi, in maniera meno " goffa " ed irritante rispetto a tante altre sue storie.
Circa il presunto " logorroico spiegazionismo " delle prime pagine, francamente io non l' ho trovato così.
Disegni discreti, a volte ben curati e d' impatto ( vedasi pagg. 47 e 77 ) a volte un po' tirati via ( ad es. a pag. 72 i volti di Tex ).
In definitiva questa prima parte si fa leggere ( non si puo' non notare di come Nizzi si sia sforzato di " ritrovare " la vecchia via ) e lo dico con piacere poich? il sottoscritto, in passato, è stato anche molto duro ( a ragion veduta ) con l' autore modenese. Vedremo come sapr? " gestire " il finale.
Ma criticare per partito preso, questo no.
Hasta lu?go, amigos! :trapper:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tanto per cominciare, una nota polemica ( anche se non interesser? a nessuno ): ci avevo già fatto piu' volte un pensierino ma dopo aver letto l' indecente " commento " dell' amministratore di TWO ho deciso di non partecipare piu' al forum stesso. Mi sono stufato di certi toni ( anche ben sopra le righe ) da " primi della classe " senza averne alcun titolo.

Beh Capelli d'argento, ti capisco benissimo e qui sei sempre il benvenuto!

In definitiva questa prima parte si fa leggere ( non si puo' non notare di come Nizzi si sia sforzato di " ritrovare " la vecchia via ) e lo dico con piacere poich? il sottoscritto, in passato, è stato anche molto duro ( a ragion veduta ) con l' autore modenese. Vedremo come sapr? " gestire " il finale. Ma criticare per partito preso, questo no.

Puro vangelo, amico, puro vangelo!E cio' che rivendico da tempo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Capelli d'argento, mi sembra che tu ti sia sempre ben battuto sul forum di Two!! ben battutoqui non significa che c'era 'na guerra in atto.
Credo sia giusto non abbandonare quel forum da parte tua. Si, Elisi s'è allargato con quelle tremende parole su L'Artiglio Della Tigre, anzi, diciamolo, su Nizzi. Ma del resto qui non si risparmia nessuno, ho letto un post di Boselli sullo straparlare di alcuni e la facile generalizzazione che ne deriva che è condivisibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Consiglio spassionato: non leggete questo albo come fosse una vera storia di Tex, ma come la sua parodia. Vi divertirete come pazzi, ve l'assicuro  E' un concentrato di stronzate che neppure la Mefistolata conteneva, per lo meno non con questo livello di "densit?". Io l'ho trovata spassosissima, ma ripeto, bisogna prenderla dal verso giusto.
 

Consiglio spassionato: non leggete questo commento come fosse quello di una persona seria, ma come quello di un povero cristo a zonzo nel web. Non vi divertirete come pazzi, perchè non c'è nulla da divertirsi.

Ferruccio, condivido ed espando il tuo consiglio!!!!
ma quello che ha scitto 'sta stronzata non è un povero cristo a zonzo per il web, ma semplicemente uno a cui Tex non piace

Ognuno ha i suoi gusti, e ognuno ha il suo autore o disegnatore preferito, ed e' libero di esprimere un proprio parere. Pero' e' il tipo di commento come quello proveniente da TWO che non tollero. Non e' un commento critico quello, ma un vero e proprio assalto all'autore, una mancanza di rispetto assoluto. A me non piace per niente Segura, ma sicuramente non scrivo questo tipo di commenti. Se si deve esprimere il proprio disappunto su una storia lo si fa in maniera diversa, non cosi'. D'altronde non aspettavano altro l'uscita di questa storia per completare quella campagna antinizziana iniziata da tempo. Non e' giusto!
guarda che è stato scritto di molto peggio!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma poi non c'è bisogno di fare sempre riferimento a quello che scrivono gli altri. su Two l'argomento Artiglio della tigre è povero di interventi, nel senso che ce ne sono pochi come numero :generaleN:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Letta!!sinceramente, questa prima parte mi è piaciuta TANTISSIMO!!Venturi, che in passato non mi aveva sempre convinto, l'ho trovato magnifico nel ritrarre San Francisco e sopratutto il quartiere cinese, coi suoi venditori ambulanti e le sue vie fangose(vedete pag.42 e 47 :inch: )... E la storia per me è coinvolgente, la trama fila che è un piacere e gli "spiegazionismi" non interrompono il ritmo della narrazione... Mi ha colpito il fatto che in questa storia la droga è un problema sociale, un cancro che comincia ad espandersi in maniera sempre più incontrollabile;e mi ha colpito molto la figura solo raccontata del figlio morto del sindaco:uno che ricorda tanti boemhien e poeti maledetti di metà e fine ottocento... Anche la Tigre Nera non sfigura affatto, perfida e astuta come sempre(avremo chiara conferma di ciò nel prossimo numero, ne sono certo!!). Ma il pezzo forte della storia sono i due pards, autentici satanassi, autentici anzitutto nei dialoghi:rileggetevi pag.50!!... E che gioia rivederli a scazzottar cinesi(proprio a Chinatown), come nel "Laccio nero" o "La congiura"... O vederli sfondare porte come nulla fosse per pestare poi due gorilla qualunque!!!Sopratutto, riecco Tex e Carson nella loro goliardia, nel loro prendersi in giro(pag.40), in un rapporto di amicizia che si f? più vero, più umano.. In conclusione, e scusate la lungaggine, alla storia non d' un voto in attesa di leggerla tutta... a questi autori e a questo albo un sincero e felice 9...!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io vengo dall' "altro" Forum, mi sono appena iscritto per condividere anche qui la passione per Tex con i vari aficionados. Mi dispiace dovermi allineare a talune delle critiche provenienti dal mio Forum di (diciamo cosi) provenienza, ma trovo la storia piatta, scontata nel suo evolversi e la sceneggiatura ricca di incongruenze, utili solo a far fare brutta figura ai due pards. SPOILERTralasciamo anche il macchinoso dialogo che si sviluppa a bordo della carrozza tra i due pards nelle fasi iniziali, buono solo a ricordare al lettore l'epopea della Tigre Nera, ma che - in quanto tale - sconta tutta la sua artificiosit?, in quel contesto, apparendo chiaramente avulso e forzato. Partiamo dall'inizio: Tom Devlin manda a chiamare Tex e Carson. In questo "classico" schema, i pards vengono convocati in due tipologie di situazioni: o allorquando la situazione è disperata, e le indagini sono a un punto morto, o quando la polizia (o l'esercito, o chicchessia) hanno le mani imbrigliate da formalismi e regolamenti. In questo caso, le indagini sono già a buon - anzi, ottimo - punto: Tom Devlin sa già praticamente chi sia l'avversario (se manda a chiamare Tex dall'Arizona, vuol dire che ha ben piu che un sospetto), ha già ricollegato il problema del traffico d'oppio sia alla Tigre Nera che alle case da gioco. Sa perfettamente degli avvicendamenti di nuovi proprietari in luogo dei precedenti, spariti nel nulla. Praticamente, sa già tutto; tanto che Tex e Carson partono ad indagare già con certezze quasi assolute. Possibile, dunque, che non sappia infiltrare alcuni poliziotti in borghese per procurarsi le prove che portino alla chiusura delle sale? Ok, ma occorreva un pretesto per far intervenire i pards. Bene, ma allora che senso ha farli presentare a Craig qualificandosi inviati "per conto della polizia" (senza mandato, ovviamente)....? A quel punto, non potevano andare direttamente i poliziotti, allora? Boh! La differenza mi sfugge. A pag. 46 Tex si perde il cinese-origliatore (peraltro, è già il secondo della storia...), e ci può anche stare: ma perchè fargli affermare, beffardamente, all'inizio dell'inseguimento: "lo acciuffer?, quant'? vero che mi chiamo Tex?". La cosa suona alquanto ironica, vista la banale conclusione dell'inseguimento stesso (Tex bloccato da un carretto: manco fosse un treno merci ad un passaggio a livello), quando era sufficiente farlo confondere tra la folla dopo 2-3 vicoletti, ed il gioco era fatto, molto più serenamente e senza risvolti grotteschi. Per sintetizzare: che bisogno c'era di quella frase? Boh!A pag. 58 Tex afferma, laconicamente, che crede alla buona fede di Craig: "i segreti importanti, la Tigre nera li tiene per sè!" Detto fatto: in maniera totalmente incongruente, i pards non fiutano alcuna trappola dietro la clamorosa soffiata di Craig. Domanda: la frase di pag. 58, nella sua sicumera, non rende massimamente imprudente, stonato e grottesco il successivo comportamento dei pards che si bevono come niente l'improvvisa soffiata ("me l'ha detto il proprietario del Black Stallion".... e chi sarebbe costui???)? Che bisogno c'era di inserire la suddetta frase, dunque?Andiamo a pag. 47, e troviamo ancora una "sentenza" di Tex: "quel balordo è riuscito a scappare, ma un altro prender? il suo posto". Muy bien! Allora vogliamo.... addrizzare le antenne? Al contrario: pur "atteso", lo spione-origliatore segue i pards (in un luogo semideserto) e fa fuori - per evidente imprudenza di questi ultimi - il cinese cieco. Con un coltello. Torniamo a pag. 46: cosa leggiamo, da parte di Carson, a commento della sentenza di Tex?: "facciano pure, purch? non comincino a volare i coltelli". Scusatemi, ma a me sembra una sorta di presa in giro. A pag. 111, Tex ammette candidamente con sè stesso di "esserci cascato in pieno (sigh)", e spara un'ennesima, immotivata sentenza: la Tigre Nera li vuole vivi! La sorprendente deduzione deriverebbe dal fatto che i colpi non gli sono mai arrivati nemmeno vicini. Ma come, e lo spettacolare tuffo di pag. 103, allora? A che serviva, nell'economia della sceneggiatura?Tralasciamo che uno del gruppo di pellegrini cattura ineffabilmente Carson, che Tex viene buttato già da una rupe (non che scivola accidentalmente: viene buttato giu, quindi esce virtualmente sconfitto dal corpo a corpo con un avversario che non parrebbe per nulla "tosto" ed indomabile), che la Tigre Nera usa tranquillamente coltelli "griffati", che Mike Tracy - pur amico di Tom Devlin, e pur conscio delle difficolt? in cui si dibatte - si guarda bene dal segnalargli che Lin You la sa lunga sul traffico dell'oppio, e - in sole 114 pagine - le stonature, le sequenze inutili, le deduzioni prontamente smentite e una generale predisposizione poco brillante dei pards, appaiono francamente troppe per poter avvicinare la storia alla sufficienza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se rileggi bene Tex cade dalla rupe perchè gli si sbriciola il terreno sotto le mani... e in un dirupo del genere era normale cadere già con una piccola spinta, figurati con un calcio... E comunque non è la prima volta che Tex viene "sconfitto" o "fatto fesso da qualcuno"(ad es."La carovana dell'oro"). I due pards fanno "brutte figure"?.. forse abbiamo letto due storie diverse.. Comunque, come scrisse una volta Borden, un sacco di grandi romanzi sono pieni di "incongruenze",(cit? i promessi sposi)... la questione è solo una:se leggi fumetti pensando a come dovrai "recensirli", cercando il cavillo o le "incongruenze", senza lasciarti prendere dalla storia, senza predisporre il tuo stato d'animo al piacere della lettura, ma al contrariopredisponendoti CONTRO la storia(cercando "incongruenze" e altro manco fossi un detective o uno di ubc)...vuol dire che erano, sono e saranno ben poche le storie di Tex o altro che potrai goderti appieno senza riserve o bocciature..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo con Paco, e fornisco un esempio per tutti: 'Chinatown' !E' la storia con più errori della storia di Tex ( la lista è nella mia piccola recensione della storia, nella sezione apposita, ma anche i miei colleghi ne han fatto notare altri ), ma quant'? bella....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il mio commento e quelli di ieri sera sono più che altro un modo di rilassarmi dalla tensione provocata da una brutta situazione in famiglia, quindi la stessa lettura di Tex, uscito ieri anche da me, è stata meno attenta di altre volte (bench? sia abbastanza usuale per me iniziare con una lettura abbastanza veloce per poi entrare sempre più nei dettagli). Devo dire in ogni caso che sono delusa... di non aver trovato nulla di deludente. O non l'ho trovato per quanto detto sopra, o perchè ho cercato di concentrarmi nel famoso piacere di leggere di cui si è già parlato. Piacere che consente di scusare anche la comparsa di origliatori inavvertiti o persi per strada, al massimo rammaricandosi che non ci sia più il vecchio Tex che sarebbe andato con passo di lupo alla porta aprendola di scatto e piombando addosso al malcapitto spione. Venturi non è Villa, e qui non ci piove, ed essendoci la Tigre Nera, creatura sua, sarebbe stato un tocco da maestro. D'altra parte la Tigre è stata anche disegnata da Civitelli, e con rispetto per quest'ultimo che è e resta un disegnatore coi fiocchi, non è stata la stessa cosa. Ma a me i disegni di Venturi sono comunque piaciuti, certo non sono un'esperta in disegno e quindi ne parlo puramente dal punto di vista personale, non so se ci siano errori, teste enormi o dita multiple, ma nell'insieme mi sono piaciuti. Certo, forse il giorno che farà un corso di tecnica del fumetto e comincer? a guardare con il lanternino vignetta per vignetta e personaggio per personaggio, forse anch'io riuscir? a trovare errori di proporzione, chiaroscuri sbagliati o che so io. Ma oggi, per fortuna, posso limitarmi a leggere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

trovo la storia piatta, scontata nel suo evolversi e la sceneggiatura ricca di incongruenze, utili solo a far fare brutta figura ai due pards.

Caro Tahzay, posto che potrei essere d'accordo con te su alcune " incongruenze " che segnali, sinceramente non riesco a trovare le cosiddette " nizzate " su Tex o Carson. Poi, ti diro' che certe incongruenze sono nei dialoghi ma, allora, mi chiedo: la Redazione che ci sta a fare ? La storia la leggono prima ? :lupod:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se rileggi bene Tex cade dalla rupe perchè gli si sbriciola il terreno sotto le mani... e in un dirupo del genere era normale cadere già con una piccola spinta, figurati con un calcio... E comunque non è la prima volta che Tex viene "sconfitto" o "fatto fesso da qualcuno"(ad es."La carovana dell'oro"). I due pards fanno "brutte figure"?.. forse abbiamo letto due storie diverse..

Il "problema" non è - ovviamente - il terreno che si sbriciola, ma il "come" Tex viene a trovarsi in quella situazione. Ma non è certo questo il problema della storia, difatti ho scritto "tralasciamo anche...". Quanto alle brutte figure .... il "cascare in pieno", senza attenuanti, in un agguato (parole di Tex a pag. 111, non mie), sotto quale categoria lo cataloghi? Comunque, sia ben chiaro che io leggo Tex per il piacere di leggerlo, e non ce l'ho con Nizzi, però non si può fare a meno di rilevare che quest'ultimo non fa molto per smentire i clich? dei suoi "storici" detrattori, a partire dall'utilizzo dei soliti canovacci, ma sopratutto al MODO in cui si sviluppano le varie vicende. Io non faccio lo sceneggiatore, quindi - credetemi - rispetto al massimo il lavoro dei professionisti del settore, però certe cose davvero non le capisco, proprio a livello di scelte di fondo. Gli esempi li ho già riportati nel mio lungo post, ma li ripeto per cercare di comunicare che "cosa" proprio non mi torna, e mi guasta - anche "in diretta" - il cosiddetto piacere della lettura. Ad esempio: io sceneggiatore voglio ricapitolare la storia della Tigre Nera; bene, ho Tom Devlin e Mike Tracy da "sfruttare": magari la faccio raccontare da Tex a uno di loro! Viceversa, sentirla riepilogare a beneficio del pard (!?) è una forzatura troppo lampante, è innaturale. Cosè come, se io sceneggiatore decido già in partenza che Tex non deve acchiappare lo spione, perchè gli faccio dichiarare "lo acciuffer?, quant'? vero che mi chiamo Tex"? Se lo sceneggiatore di Popeye decide che questi le deve buscare da Brutus, non gli fa mangiare un momento prima gli spinaci! Questo non è fare le pulci alla storia: infatti io lettore che leggo quella frase, e conosco il mio "eroe", mi PREDISPONGO naturalmente a qualcosa, ossia immagino: caspita, Tex è SICURO di sè, è sicuro di farcela, è determinatissimo=ce la farà, o comunque solo un evento assolutamente eccezionale può fermarlo. Cosè come, se io sceneggiatore decido per l'eliminazione di un testimone-chiave da parte di Chang, e prevedo che Tex e Carson vengano SORPRESI dall'agguato, non gli faccio dichiarare qualche pagina prima che sono SICURI che un altro spione sarà posto alle loro calcagna, qualunque passo facciano, e che dunque dovranno stare in guardia. N° faccio dichiarare a Carson - a posteriori, beffardamente - che va tutto bene, purch? "non volino coltelli". Se prevedo che si "bevano" il raccontino di Craig, non creo una situazione precedente in cui i pards si dimostrano SICURI che egli non conosca (n° POSSA conoscere) i segreti basilari dell'organizzazione. Oppure, al limite, che so, faccio dichiare a Tex cose del tipo "strano che conosca tutti questi dettagli, potrebbe esserci sotto qualcosa... ma dobbiamo rischiare". Questo fa la differenza fra un eroe messo in difficolt? dagli eventi, e un eroe imprudente e sbadato che si lascia dominare dagli eventi. E vi assicuro che passare dal Tex eroico ed epico di Patagonia a quello scaltro, secco e risoluto (fino al cinismo) di Giochi di Potere ed a questo qui..... beh, lo si percepisce anche alla prima lettura che qualcosa non fila. Non è questione di fare le pluci alla storia: è proprio un retrogusto amaro di fondo, che accompagna e permea la lettura.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ancora non ho visto la storia (ho dato solo una sfogliata al volo). Poster? un commento e non un referto autoptico!

Share this post


Link to post
Share on other sites

In certi commenti noto un'analisi del testo (oltre che dei disegni) talmente pignola da sembrare quasi una vivisezione. E, scusate se mi ripeto, si perde il gioco di insieme. Per esempio, c'è chi lamenta una Tigre Nera meno cattiva mentre racconta la sua storia a Lohana. E grazie! Quella è una donna, un'alleata, lo ama (non ho capito bene se lui la ricambia), mentre l'altra volta ha fatto lo stesso racconto a due che si erano e si sarebbero ulteriormente rivelati nemici implacabili. Vogliamo che usi con entrambi lo stesso tono?C'è chi lamenta che la Tigre faccia usare pugnali con il suo stemma pur non volendo essere riconosciuta. Ma chi non vuole essere riconosciuto è il principe Sumankan, il quale non se ne andr? certo in giro a giocare a Tiger Mask; probabilmente non si aspettava di vedersi piombare Tex e Carson anche l', anche se inconsciamente ci sperava per compiere la sua vendetta. Ci sono lamentele, usuali ormai, sulle piccionaggini di Tex e Carson. Ma personalmente io non voglio due supereroi; preferisco due (anzi, ne prefererirei in realtà quattro) personaggi di valore, capaci di correggere il tiro e riemergere anche dopo errori o sviste di una certa gravit?. Anzi, lo trovo molto più interessante e divertente. E soprattutto più reale. Forse un limite in questa storia comincia proprio ad essere la presenza della Tigre Nera, che ha ormai perso tutto il profumo del mistero. Poich? già dall'inizio è diventata nota la sua identit?, per il lettore viene a mancare la suspence di cercarlo tra individui dall'aria "innocente".

Share this post


Link to post
Share on other sites

personalmente io non voglio due supereroi; preferisco due (anzi, ne  prefererirei in realtà quattro) personaggi di valore, capaci di correggere il tiro e riemergere anche dopo errori o sviste di una certa gravit?. Anzi, lo  trovo molto più interessante e divertente.

Non me ne volere ma Tex è Tex ( di " errori " ne ha sempre fatti pochissimi ) e di divertente, quando i medesimi errori sono " gravi ", io non ci trovo niente. E Nizzi, nel passato ( piu' o meno recente ) ce ne ha propinati in quantit? oltre la norma. In questo albo, forse, come errore ci potrebbe stare l' agguato sub?to, dai nostri, dagli sgherri della Tigre ma, personalmente, lo classifico, comunque, come " piccolo ". Hasta lu?go, Cheyenne. :trapper:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora,Thazay.... che Carson dica la frase sui coltelli è normale, perchè quel buontempone ha sempre voglia di ironizzare, di scerzare(come ha sempre fatto):a meno che, leggendo quella frase, tu non abbia pensato che il vecchio cammello sia un p? vigliacco... ma se l'hai pensato è vuol dire che conosci poco il personaggio!!Poi... non è stata la prima volta che uno dei pards viene catturato o si becca una botta in testa:questo perchè Tex e Carson non sono Batman e Superman;e che Tex sia caduto dalla rupe per un calcio, per un colpo di sfortuna(il terreno sbriciolato) ci può ben stare.. comunque eccoci a parlare di un cavillo inutile, che dura un paio di vignette e che non ha disturbato nulla, quindi cambiamo discorso.. Che Tex e Carson non si accorgano degli spioni è vero solo a metà(pag.45);e in ogni caso, stiamo parlando di componenti della setta Tigre Nera, una delle sette criminali più pericolose d'America, o di poveri cristi qualunque che avrei scoperto anche io se mi avessero seguito?Tazhay, forse hai lo stesso problema di molti (ubc e two):prova ad andare alla Bonelli e chiedigli di scrivere tu Tex, così non ci saranno cose che non ti piacciono, ed evitarai disquisizioni inutili su come la storia doveva essere o non essere, come doveva svilupparsi, quali dovevano essere i dialoghi giusti..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.