• Avvisi

    • TexFanatico

      BUON NATALE   24/12/2017

      BUON NATALE e felici Festività a voi!
San Antonio Spurs

Nuova collana con il Corriere della Sera

Messaggi consigliati/raccomandati

Innanzitutto Buon anno a tutti i i forumiani (chiedo venia se non è corretto in italiano)  o fruitori del Forum ;)

Ci tengo a ringraziare Marco NK Ematologo per la dritta dei 3 volumi delle copertine di TEX erano anni che agognavo questa iniziativa, spero siano stampate con colorazione buona

Letizia mi fai morire dal ridere ...sei troppo simpatica...e brava scrittrice ho letto un po' dei Tuoi racconti perdonateLa per l'errore :D

Un ultima cosa mi sapreste dire quando usciranno i tre volumi con le tutte copertine.

Buona giornata a tutti     

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">4 ore fa</span>, AQUILAAZZURRA dice:

Innanzitutto Buon anno a tutti i i forumiani (chiedo venia se non è corretto in italiano)  o fruitori del Forum ;)

Ci tengo a ringraziare Marco NK Ematologo per la dritta dei 3 volumi delle copertine di TEX erano anni che agognavo questa iniziativa, spero siano stampate con colorazione buona

Letizia mi fai morire dal ridere ...sei troppo simpatica...e brava scrittrice ho letto un po' dei Tuoi racconti perdonateLa per l'errore :D

Un ultima cosa mi sapreste dire quando usciranno i tre volumi con le tutte copertine.

Buona giornata a tutti     

 

Dei miei racconti si può dire di tutto.

Che non è Tex (ma su questo avrei qualcosa da dire; un Tex cecchino sicuramente non è Tex e il mio Tex non è e non sarà mai un cecchino).

Che a Tex e pard non potrebbe mai accadere mai quello che descrivo nelle mie pagine (ma chi ha stabilito che quelle sono cose impossibili nelle avventure dei pard? Di sicuro non sono possibili nelle storie SBE).

Che sono troppo surreali e magici (forse).

Ma sicuramente non che sono noiosi, che mancano sorprese e colpi di scena, che sono banali.

Si potrà solo dire che mancano i BANG BANG stile Faraci, ma non che mancano le scene di azione "rumorose" (ci sono esplosioni, howitzer, stragi e scalpi strappati).

Insomma, credo proprio che il lettore si possa divertire e, se riesco a farlo divertire di più di quanto riesca Faraci,  dalla gioia mi butto da un aereo senza paracadute.

A condizione, naturalmente, che l'aereo sia fermo in pista.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">13 minuti fa</span>, L`UOMO SERPENTE dice:

Non vedo l´ ora di leggere la nuova collana della Letizia ` Tex a Latte Dolce´....:P

 

Se Garibaldi da Nizza è andato nel Rio Grande do Sul, perché Tex non potrebbe andare dal Rio Grande del Nord a Latti Dozzi?

Devi dirlo a Boden però, non a me.

A me le doppie zeta tolgono l'ispiraZZione.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Letizia dice:

 

Dei miei racconti si può dire di tutto.

Che non è Tex (ma su questo avrei qualcosa da dire; un Tex cecchino sicuramente non è Tex e il mio Tex non è e non sarà mai un cecchino).

Che a Tex e pard non potrebbe mai accadere mai quello che descrivo nelle mie pagine (ma chi ha stabilito che quelle sono cose impossibili nelle avventure dei pard? Di sicuro non sono possibili nelle storie SBE).

Che sono troppo surreali e magici (forse).

Ma sicuramente non che sono noiosi, che mancano sorprese e colpi di scena, che sono banali.

Si potrà solo dire che mancano i BANG BANG stile Faraci, ma non che mancano le scene di azione "rumorose" (ci sono esplosioni, howitzer, stragi e scalpi strappati).

Insomma, credo proprio che il lettore si possa divertire e, se riesco a farlo divertire di più di quanto riesca Faraci,  dalla gioia mi butto da un aereo senza paracadute.

A condizione, naturalmente, che l'aereo sia fermo in pista.

E soprattutto che sia un superleggero alto 1 metro e 50!

Dai, Letizia, al massimo un Piper....

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera a tutti, dopo qualche giorno di tentennamento e indecisione ho acquistato oggi il secondo volume di questa collana avente allegato l'album di figurine.

Sto notando che per 6 euri l'offerta non è malaccio. Rimane il fatto che viene proposta un'ulteriore ristampa di una ristampa a colori avvenuta 11 anni fa però amen. Il formato è accattivante e le grafiche pure tutto sommato.

Devo dire poi che, per quanto riguarda l'allegato, questa volta RCS ha superato Panini! So che potrebbe sembrare un'eresia dire che questo album sia meglio del passato ma a me pare proprio così: la stampa su carta spessa e ruvida da un tono molto meno "dozzinale" rispetto alla classica lucida e i colori spiccano davvero molto. Mi sarebbe piaciuto maggiore spazio (ergo maggiori dimensioni) per le cartoline di Villa però la scelta attuata è più che comprensibile vista la quantità di quest'ultime.

Non ho una grandissima intenzione di proseguire e completare la collana e le relative figurine ma, in una lontana ipotesi, mi consigliereste di attaccare gli adesivi o lasciarli separati dall'album. che di conseguenza rimarrebbe vergine?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">15 ore fa</span>, natural killer dice:

Ciao Lorenzo, io attaccherei le figurine all'album solo nel caso che riuscissi ad averle tutte, altrimenti lo terrei così e conserverei le figurine nei quadranti originali in un portafoto di vecchia memoria (quando le foto si stampavano...)

Si, credo sia l'opzione migliore... 

Con l'album Panini ho terminato le figurine e le ho inserite nell'album poi, tempo dopo, ho avuto da un conoscente l'opzione di prendere l'album cartonato con le figurine a parte che però tengo separate. Per quest'ultima iniziativa non avevo certo voglia di avere 2 cope dell'album!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Contenuto simile

    • Da San Antonio Spurs
      Il grandissimo Giovanni Romanini ha postato su FB questa tavola in lavorazione. A parte lo splendore del cavallo, chi lo monta mi ricorda qualcuno.
      P.S. Ho già ricevuto l'invito a non coltivare l'illusione che un giorno l'artista bolognese possa dedicarsi ufficialmente a Tex.

    • Da San Antonio Spurs
      Qualcuno ha visto la tavola inedita del numero 695 pubblicata oggi dalla Gazzetta dello Sport? Il dinamismo di Ticci, mi piace sempre molto.
    • Da San Antonio Spurs

      Cofferati: “Ecco perché Tex Willer è il mio eroe”
           
              Pubblicato il 24/03/2017 SERGIO COFFERATI   Aurelio Galeppini è stato uno straordinario disegnatore, il suo sodalizio con Gian Luigi Bonelli creò, nel 1948, Tex Willer, la «creatura» che gli diede fama e riconoscimenti nel corso degli anni fino alla sua scomparsa avvenuta nel 1994, poco tempo dopo aver disegnato la copertina del numero 400 del suo fumetto. Nel sorriso dolente di quel Tex a cavallo che saluta, agitando il cappello, i suoi lettori, c’è il congedo di Galep, di cui si sta per celebrare il centenario della nascita. Quel Tex gli assomiglia moltissimo, per una volta è Aurelio e non Aquila della Notte. La produzione grafica di Galeppini dal 1935, primo anno dei suoi lavori, fino al 1948, quando nasce Tex, è copiosa e di gran qualità. Poi arriva il bandito che diventa successivamente un ranger. La longevità del personaggio è fuori dalla norma, anche dopo la scomparsa di G. L. Bonelli e di Galep.  
       
      Le ragioni di questa lunga vita sono molteplici, vanno dalla sempre alta qualità delle storie (merito dovuto agli sceneggiatori), alla grande capacità dei disegnatori (anche quelli occasionali, distolti dai loro personaggi per occuparsi una volta tanto del ranger), alla bella combinazione del gruppo dei suoi pards: l’amico indiano Tiger Jack, il figlio Kit e il vecchio brontolone Kit Carson. Conta ancora di più tuttavia, a mio parere, il suo «profilo sociale», i valori ai quali fa riferimento. Lontana da me l’idea della lettura politica delle sue storie, ma è innegabile il valore simbolico di un uomo di legge bianco che diventa il capo della tribù indiana dei Navajos (non bisogna dimenticare che il tutto nasce alla fine degli Anni 40, quando il rapporto tra etnie diverse viveva problemi non dissimili da quelli del tempo attuale).  
       
      E non è da meno il modo in cui esercita la funzione dell’uomo di legge, sempre schierato con i più deboli. Tutto questo attiene prevalentemente alla storia che di volta in volta viene scritta, ma la storia da sola non basterebbe se l’immagine non fosse evocativa e di pari livello. Lì sta la maestria di Galep nel disegnare le figure di Tex e dei suoi pards, nella precisione dei dettagli, nella plasticità dei cavalli e nel naturalismo dei paesaggi, anche quando sembrano più ispirati dalla Sardegna dell’infanzia che dal lontano West. 

    • Da San Antonio Spurs
      Se qualcuno ha già trattato l'argomento chiedo scusa e lo prego di ripetere la risposta: come e perché fu scelto proprio Claudio Villa per sostituire Galep nelle realizzazioni delle copertine? 
    • Da Mister P
      Settimo girone del sondaggio relativo alle copertine delle strisce e terzo della II serie a striscia di Tex. Stavolta si vota per le copertine dalla striscia numero 31 alla striscia numero 45. Potete esprimere un voto nel sondaggio e indicare due preferenze nel messaggio che postate nella relativa discussione. Buon voto a tutti!



      (Si ringrazia l'utente Anthony Steffen per aver messo cortesemente a disposizione del forum tutte le copertine della seconda serie a striscia, prese dalla sua invidiabile collezione privata ).
  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.