Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

ciro

Allevatore
  • Posts

    389
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    4

ciro last won the day on March 30

ciro had the most liked content!

About ciro

  • Birthday 03/21/1966

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    fumetti, fumetti,...
  • Real Name
    Pasquale

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    191
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    Jim Brandon

Recent Profile Visitors

2,812 profile views

ciro's Achievements

Rising Star

Rising Star (9/14)

  • Dedicated
  • First Post
  • Collaborator
  • Conversation Starter
  • Reacting Well

Recent Badges

33

Reputation

  1. Sin da ragazzo, pur apprezzando queste prime storie di Bonelli/Galep mi ha sempre colpito, avendole lette dopo oltre trent'anni dalla loro prima pubblicazione, la estrema sintesi dei testi e l'approssimazione grafica. E ho sempre sperato in una "rivisitazione" nella sceneggiatura e nei disegni. Rileggere la storia della "mano rossa" che diede il titolo al primo gigante , e che si sviluppava in 50 pagine circa , ampliata e risceneggiata e con i bellissimi disegni di Ghion mi ha molto gratificato. Anche io sono andato a rivedermi la vecchia storia di GLB ed ho notato le variazioni apportate da Boselli , tuttavia le ho apprezzate ! Molti hanno criticato il cambio del barbiere, da cinese a messicano; io non ricordavo questo dettaglio e leggendo la nuova storia non mi ha dato alcun fastidio, pienamente congruente con lo svolgimento della storia e rispettosa del periodo storico , aspetto a cui Boselli ha prestato attenzione sin dal primo numero. Tutti ricorderanno l'acconciatura dei capelli e del vestiario del padre di Tesah, consone alle attuali conoscenze dei popoli "rossi". Mi aspetto un analogo trattamento per Freccia Rossa , erroneamente rappresentato da Galep come un capo degli indiani delle pianure, quando sarà presente nelle prossime storie. Anche il contesto ha la sua importanza. Si sta procedendo a raccontare le prime avventure di Tex , integrandole con altre inedite ad inserire nuovi personaggi tenendo conto delle più approfondite conoscenze degli eventi storici, dei contesti degli usi e costumi di quegli anni e cercando di rispettare anche una cronologia storica. Tex, personaggio leggendario che si confronta con l'intera storia del West. Iniziativa che fino ad oggi apprezzo e spero di apprezzare ancora.
  2. Storia di Ruju che mi ha convinto e coinvolto . Buon soggetto ottimamente sceneggiato. La Storia è appunto imperniata sulla "pattuglia scomparsa" di Mounties . Coinvolgente il dramma di La garde , analizzato a tutto tondo da Ruju. Ruju riesce a far convivere l'avventura classica con l'introduzione di aspetti nuovi , come l'introspezione dei personaggi che rende non banale la storia. L'epilogo mi ha soddisfatto. ( in particolare l'ultima pagina). Capitolo disegni: Ortiz è un maestro nella rappresentazione del "contorno" , tuttavia le anatomie umane ed i primi piani diventano sempre più "espressioniste". Alla fine ne scaturisce un lavoro grafico, che io ho apprezzato . Lo si faccia lavorare di meno e gli si dia più tempo per migliorare ovvero curare con più attenzione le anatomie, anche se penso che in parte sia anche voluto dall'autore non so se volontariAMENTE O MENO. STORIA 7 SCENEGGIATURA 8 DISEGNI 7,5
  3. Tex serie gigante in originale dal 200 circa con qualche integrazione TRE stelle dal n. 1 al 199 misto (Tex gigante 2° edizione, TuttoTex (gran parte), Tex trestelle) Texoni tutti originali , Almanacchi e magazine tutti originali , Maxi e "CARTONATI" tutti originali Tex Willer + speciali originali Attualmente leggo e compro solo gli inediti delle varie uscite .
  4. Sensazione che ho avuto anche io. Valdambrini cerca di rifarsi allo stile di Galep nel caratterizzare i volti , ma anche nel disegnare gli abiti ed i drappeggi. Condivido Pard
  5. Anche Giusfredi e Rauch hanno fatto bene ! Altri sceneggiatori non ce ne sono stati e non penso che ce ne saranno, almeno a breve termine. Considerato che di Tex Willer si pubblicano 12 albi da 64 pagine e 2 special da 128 pagine all'anno; 3/4 sceneggiatori sono anche troppi.
  6. Storia di intermezzo, dal soggetto semplice ma ben sceneggiato con continui colpi di scena, non prolissa. Disegni ottimi, forse troppo puliti, ma sempre dinamici. Ottimo anche la caratterizzazione dei vari personaggi. Dall'abbigliamento di Tex e da come si sviluppa la trama, penso che Ruju l'abbia sceneggiata all'inizio della serie e solo la lentezza del disegnatore o la priorità data ad altre storie ne ha tardato la pubblicazione. Condivido la strategia di intervallare storie intricate e di ampio respiro , appannaggio di Boselli, con storie più semplici e veloci curate da altri sceneggiatori.
  7. Continua Bos !, ci sono tanti lettori invece a cui piace questa coralità ed il ritorno di amici e nemici ; ovviamente nell'ambito di idee valide, che sono la spina dorsale di ogni avventura
  8. Storia che si caratterizza per epicità e dinamismo, con tavole che raggiungono un alto lirismo (vedi ultime pagine). Consiglio: non andate a sbirciare l'ultima tavola ! Non entro nel merito per non spoilerare. Mi congratulo con il duo Giusfredi/Font per la ricostruzione filologica di usi e costumi delle varie tribù coinvolte, nonché l'aver "indagato" in un periodo della vita di Tex poco conosciuto. Ammirevole aver ripreso il "Tiger" giovane tratteggiato da Ticci nella bella storia sul suo passato , cui si rimanda e si collega. Il Carson dalle tempie argentate, ... Ho intravisto qualche "citazione" dalla serie "1883" , che tuttavia ben si armonizza. Soggetto: 9 sceneggiatura : 8,5 ( si poteva osare di più nella impostazione delle vignette, troppo classica) disegni: 8 ( Font si difende ancora bene) Copertina: 9,5
  9. Per me potete aggiungere quante pagine volete Non vi critico di sicuro, anzi vi aiuto a formare una "posse" per dal la caccia ai criticoni
  10. Mi sarebbe piaciuto che la serie del piccolo Ranger , che tante similitudini ha con Kit Willer , fosse uno "spin-off" di Tex. Poiché Bonelli aveva deciso di cavalcare l'onda lunga degli eroi fanciulli, perché non fare di Kit Willer l'eroe fanciullo della serie del Piccolo Ranger . Sicuramente con eventuali partecipazioni, ogni tanto, di Tex, Carson e Tiger , avrebbe portato un valore aggiunto ad essa . Non ci avete mai pensato?
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.