Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Il sassaroli

Cittadino
  • Posts

    263
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

Il sassaroli last won the day on July 5

Il sassaroli had the most liked content!

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Marvel Zagor Magnus
  • Real Name
    Fabio

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    127
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    Pat Mac Ryan

Recent Profile Visitors

1,508 profile views

Il sassaroli's Achievements

Community Regular

Community Regular (8/14)

  • One Year In
  • Very Popular Rare
  • Conversation Starter
  • Collaborator
  • One Month Later

Recent Badges

132

Reputation

  1. Credo che ognuno abbia il "suo" Tex, formatosi con le letture che più lo hanno affascinato da bambino o da ragazzo. Così alcune cose piacciono a qualcuno e meno ad altri oppure risultano per qualcuno poco in linea e per altri perfettamente in linea con la psicologia di Tex. E credo che questo valga sia per i lettori che per gli autori e non solo per Tex.
  2. Letta solo ora. Grande storia: ambientazione esotica, personaggi intriganti, vicenda complessa e avvincente. Un aspetto che qualcuno nelle pagine precedenti ha segnalato poco credibile, cioè la sovrumana resistenza al freddo dei cannibali, invece può essere accettato facilmente ipotizzando una disfunzione ormonale tiroidea. Un ipertiroidismo genetico diffuso a tutto il clan comporterebbe ipermetabolismo con aumentata produzione di calore endogeno (non hanno bisogno di indumenti pesanti), aumentato bisogno proteico e aggressività (giustifica il cannibalismo), magrezza (proprio come Bruzzo li ha disegnati).
  3. Mi ero ripromesso di non prendere questa storia (non per principio ma semplicemente perché luglio e agosto sono mesi in cui escono altre cose interessanti), però visto il dibattito mi sono incuriosito (e poi nell'edicola del campeggio l'unica alternativa sono topolini tedeschi). Beh, i difetti segnalati ci sono tutti, però ci sono anche un paio di aspetti molto positivi: 1) il Nizzi non ha preso la capacità di scrivere dialoghi pungenti né quella di dosare abilmente gli elementi narrativi. Alla fine diventa facile passare sopra al Tex e Carson piccioni, perché la storia funziona, perché c'è pathos, perché questo albo muove lo stato d'animo del lettore. 2) il Ticci, cataratta o patologia corneale che fosse, rimane un maestro assoluto e si mangia a colazione tanti giovani di belle speranze. Il suo tratto non è quello di 20 anni fa (anche se rimane personale, riconoscibilissimo e dinamico) ma riempie gli occhi. È una meraviglia!
  4. Infallibile o meno che sia, Tex ha indiscutibilmente un atteggiamento proattivo nelle storie di GLB come in quelle di Boselli. Nelle vecchie storie di Nizzi che sto leggendo invece le cose accadono "per caso", gli eventi cadono sulla testa a Tex, la soluzione del problema arriva con una botta di fondoschiena. Questo è (per me) parecchio fastidioso.
  5. Che storia sciatta! Un vero peccato che l'ultimo lavoro del grande Letteri non sia valorizzato da una sceneggiatura all'altezza del suo tratto. Al di là della noiosissima trama, dei dialoghi soporiferi, è il ruolo passivo di Tex e Carson nella vicenda che trovo irritante: non un'intuizione, non una decisione volitiva, non un'azione ardimentosa, non un qualsiasi merito ai due pards. Tutti gli snodi della vicenda favorevoli a Tex e Carson avvengono per pura botta di fondoschiena. Alla fine il caso viene chiuso da un pescecane! Per quanto mi riguarda si tratta di una delle peggiori storie mai lette.
  6. Ma quale attacco diretto! Risposta "robusta" ad affermazioni altrettanto "muscolose". Non nei miei confronti, naturalmente, ma verso creativi professionisti. Ci sono storie che possono non piacere, magari perfino può non piacerti nessuna delle storie pubblicate negli ultimi 10 anni ed è sacrosanto, ma dire che Tex è diventato "banale" e "anonimo" è un'enormità! Detto questo, voglio ribadire che non c'è alcun astio nei tuoi confronti, ci mancherebbe. Ti offro una birra virtuale per farmi perdonare b
  7. Ma per piacere... Affermazioni come questa fanno scompisciare dal ridere da quanto suonano false e retoriche.
  8. Intendevo tutto ciò che nella collana Tex Willer sta tra dove finisce il totem misterioso e dove comincia la mano rossa è continuity implant.
  9. Quello che Boselli sta facendo con Tex Willer tecnicamente si chiama continuity implant, ossia l'inserimento nella storia passata del personaggio di eventi ben armonizzati col già raccontato.
  10. A me Villa, piano americano, su fondo bianco piace sempre. Non so bene perché ma è così.
  11. Non è che postereste la pagina incriminata del texone per chi è a letto con l'influenza?
  12. Letta con molto ritardo. Piaciuta? Insomma. Come altri hanno già detto, anch'io ho trovato la caratterizzazione dei personaggi un po' troppo sopra le righe. Forse l'intenzione di Manfredi era quella di rendere antipatici la vedova e il colonnello, ma alla fine li ha resi poco credibili. La cosa migliore? Le scene d'azione che sono originali e questo va riconosciuto, però sono anche complesse e mi sento di dire che Manfredi non è stato ben supportato da Rotundo nella rappresentazione delle stesse. La cosa peggiore? I musi sempre tirati di Tex e Carson e l'assoluta mancanza dell'ironia che caratterizza da sempre il rapporto tra i due. Mi sono sembrati due estranei che tra loro collaborano professionalmente, non due amici.
  13. Il ché può significare due cose: 1) o che il personaggio in questione è un vero parkulo 2) o che ogni sceneggiatore avrebbe bisogno di un editor Quale delle due? P.S. Comunque sullo Zagor+ n.2 è successo di peggio: Zagor cerca un bambino disperso in una palude, lo trova, lo porta in salvo e poi continua a cercarlo!
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.