Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

james

Allevatore
  • Posts

    431
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    4

james last won the day on June 30 2023

james had the most liked content!

About james

  • Birthday 09/29/1960

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    storia
  • Real Name
    Eugenio

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    7
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    Lena Parker

Recent Profile Visitors

4,297 profile views

james's Achievements

Rising Star

Rising Star (9/14)

  • Dedicated
  • First Post
  • Collaborator
  • Reacting Well
  • Conversation Starter

Recent Badges

42

Reputation

  1. Bene, ottima conclusione della storia! visto che l'appetito vien mangiando, ora spero che Boselli, prima o poi, decida di far agire i nostri eroi anche nel quadro delle guerre Anglo-Zulù oppure della seconda guerra Anglo-Afghana.
  2. Io non rischio di fare alcuna anticipazione; dico solo che so di essere in presenza di una GRANDE AVVENTURA. Qualunque sia il prosieguo, quale che sia il finale (il rischio costante di un finale troppo sintetico ...), quello che ho visto, letto, finora - soprattutto questo albo - mi appaga totalmente. Siamo ai livelli della grande avventura nella tundra e nel circolo polare... Queste sono vere e proprie gemme che, da sole, meriterebbero l'acquisto costante di una collana. Complimenti.
  3. Beh, mica così impossibile. Non si può certo dire che Garibaldi non fosse uomo d'azione e abituato alla vita avventurosa. Pertanto, non mi parrebbe impresa impossibile. Sarebbe soltanto molto, molto impegnativo per Boselli immaginare la storia. In Sud America (difficile, mi pare, perché le imprese del Nizzardo in quelle terre, risalgono agli anni dell'infanzia di Tex ? Oppure negli USA prima della spedizione dei Mille?
  4. Sono stato felicissimo dell'incontro tra Zagor e Tex e sono ancora più contento del fatto che non sia rimasto un evento isolato. Non ci vedo alcun problema, soprattutto quando entrambi i personaggi non ne risultino sminuiti. Non è successo la prima volta e sono certo non accadrà ora.
  5. A Boselli faccio presente che io continuo a volere il ritorno di Lena e Donna. In merito a questa avventura con la Tigre Nera, finora la trovo ottima, interessante e ben disegnata. Non condivido il giudizio di un Carson lavativo. Soprattutto, spero che Carson conservi la sua assoluta assenza di "simpatia" /comprensione, verso la Tigre, da lui giustamente considerato un bieco assassino. Le dubbie woke ante lotterà (bianchi cattivi...colorati oppressi), spero restino confinate a qualche battuta di Tex...
  6. A me questi incontri piacciono. La condizione essenziale è che non venga stravolto nè il mondo di Tex nè quello dell'ospite. Altra condizione, a mio parere, importante (ma non essenziale, direi solo preferibile) è che si lasci perdere la solita rivalità (tipica degli incontri, ad esempio, tra supereroi), tra Tex & C e i vari "ospiti". Ognuno, nella propria serie, è - o era - un fuoriclasse in qualcosa? bene, tale deve restare. Mai e poi mai deve ripetersi quella vergogna de La sfida.
  7. In realtà, se si fa notare che oggi il trucco teatrale per sembrare negro o cinese, è spesso (purtroppo) considerato razzista, si avvia una discussione che può spaziare in molti altri ambiti.
  8. Dunque va vietato ciò che è "oggettivamente sbagliato". Io odio tutti i totalitarismi, dunque il fascismo, il nazionalsocialismo, il comunismo e le teocrazie islamiche. Non so se sono "oggettivamente" sbagliato, certo lo sono per me. Dovrei, perciò, augurarmi che venga vietato qualunque atto, segno, parola, scritto che li giustifichi o, addirittura, li esalti.... Ma non se ne uscirebbe più.
  9. Eh, sì, proprio così, Boselli. La libertà di espressione deve valere anche per ciò che detesto. Troppo facile ammetterla e invocarla per sé, sodali e altri non troppo dissimili. Diverso il tema di ciò che deve essere ammesso in uno stadio. Trovo assurdo vietare un numero, solo perché alcuni gli attribuiscono un significato filo nazista. Sarei favorevole, invece, a vietate tutti (ma proprio tutto), quello che non è attinente lo sport.
  10. Diffido sempre di concetti come "provocazione". Sono il pretesto per limitare la libertà di espressione di qualcuno. Evidentemente, per molti la libertà di parola, vale solo per le "parole gradite". Pertanto, vanno ritenuti del tutto libero atti come il rogo di un libro (non il suo bando, ovviamente). Non c'è alcuna istigazione alla violenza. Semmai, c'è la prevedibilità della violenza altrui, come già visto in molte altre occasioni.
  11. Non mi pare. A parte il fatto che la mania woke è intrinsecamente intollerante, non mi pare che qua dilaghi la voglia di censura. Fortunatamente. Certo, le avvisaglie non mancano.
  12. Non è affatto questione di imperialismo americano. È questione di: 1) provincialismo nostrano, 2) intolleranza è fanatismo (se una cosa mi offende, voglio che venga vietata!), 3) ignoranza e censure a senso unico. Non ci viene affatto imposto. Sono le persone che non condividono o non conoscono l'abc della libertà di espressione, che si fanno propagatori di queste manie censorie.
  13. Fortunatamente, il virus woke non è ancora diffusissimo in Italia, nonostante non manchino anche qua volonterosi epigoni e vettori della malattia.
  14. Bene, non c'è che da essere informati di tale involuzione così che io possa dare un definitivo saluto ad un simile forum.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.