Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Carlo Ambrosini


Doudou Marechal
 Share

Recommended Posts

Immagine postata

Nasce ad Azzano Mella (Brescia, Italia) il 15 aprile 1954. Dopo la maturit? artistica si diploma all'Accademia di Brera e comincia a collaborare, nel 1976, con la Casa editrice Dardo (racconti di guerra), l'Editoriale Corno (gli episodi conclusivi della serie tascabile "Daniel"), l'Ediperiodici e la Mondadori (per la "Storia d'Italia a fumetti" di Enzo Biagi).
Per l'editore Sergio Bonelli comincia a lavorare nel 1980 disegnando alcuni episodi di Ken Parker, su testi di Giancarlo Berardi, a partire dal n. 26 e realizzandone anche quello conclusivo, il n. 56; per la rivista di fumetti Orient Express scrive e disegna nel 1984 Nico Macchia, di ambientazione medievale; dal 1987 disegna alcune storie di Dylan Dog, e nel 1994 scrive per questo personaggio anche la sceneggiatura.
Nel 1992 disegna Videomax per Graziano Origa.
Ancora per la Sergio Bonelli Editore, nel 1997 crea il personaggio di Napoleone: il bimestrale Napoleone nasce in novembre come miniserie sperimentale, ma si afferma immediatamente e viene apprezzato come fumetto di alta qualità. Continua così a uscire regolarmente, su testi quasi sempre di Ambrosini e solo sporadicamente, per ovvi motivi di tempo, anche disegnato dall'autore. Nel luglio del 2005 vede pubblicato il suo unico Texone "Il prezzo della vendetta".

Tratto da: http://www.lfb.it/fff/fumetto/aut/a/ambrosini. htm

Link to comment
Share on other sites

  • 14 years later...

DYD2.jpg

 

Dopo il maestro Montanari e Luigi Piccatto, un'altra colonna di Dylan Dog ci lascia. Ho sempre reputato Carlo Ambrosini un autore molto raffinato ed elegante; uno stile personale e incisivo, dotato di un'ottima fantasia che lo ha portato a sfornare personaggi di spessore della risma di Napoleone  e Jan Dix. Ma il mio cuore è particolarmente legato a quel grande capolavoro malinconico e poetico che è "Il lungo addio", un episodio di Dyd che si è conquistato una fettina di anima e sarà impossibile dimenticare. Che la terra ti sia lieve Carlo, è stato un onore ammirarti e leggerti nei tuoi splendidi albi che hanno accompagnato la mia infanzia, e anche averti avuto fra i miei contatti di Fb per tanti anni. Ci mancherai.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.