Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

F80T

Allevatore
  • Posts

    320
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    13

F80T last won the day on February 25

F80T had the most liked content!

Profile Information

  • Gender
    Maschile

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    382
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    Dinamite

Recent Profile Visitors

3,429 profile views

F80T's Achievements

Community Regular

Community Regular (8/14)

  • Conversation Starter
  • Dedicated
  • First Post
  • Collaborator
  • Week One Done

Recent Badges

92

Reputation

1

Community Answers

  1. La frequentazione di questo forum mi ha arricchito tantissimo, nella conoscenza delle storie del Tex e del fumetto in generale, facendomi diventare, negli anni, un consumatore più consapevole delle nuvole di carta. Però, così come @Jeff_Weber, anche io ho notato che negli ultimi mesi nel forum si è quasi scatenata una gara a chi trova più pecche nelle storie che vengono via via pubblicate. Ovviamente, tutte le critiche sono legittime e benvenute, ma altrettanto legittimamente intendo esprimere il mio affaticamento per questa continua caccia a cui assisto. Questa storia di @PRuju, per esempio, a me è piaciuta molto e la considero una delle sue più belle. Ha qualche difetto? Certo che sì, qualunque opera letteraria ha dei difetti, a cercarli bene: figuriamoci un'opera di alto artigianato, come un fumetto "popolare". Ma il Carson che si fa facilmente fregare lo troviamo anche in A sud di Nogales. Gli antagonisti monodimensionali io li vedo anche in Trapper. Di indiani ingenui sono pieni gli episodi scritti dal grande GLBonelli. Perché, semplicemente, non prendere il Carson raggirato, l'antagonista monodimensionale e gli indiani ingenui per quello che sono, e cioè degli elementi di una storia? Se la cosa è funzionale alla trama, va bene che Capelli d'Argento prenda una botta in testa e va bene pure che gli indiani non sappiano leggere le tracce. L'importante è che la storia, nel suo complesso, funzioni. E questa, a parer mio, funziona molto bene, anche grazie agli sgorbi evocativi, e per questo bellissimi, di Font.
  2. Ecco le mie tre preferenze. Mi sono lasciato ispirare dai pards che hanno già risposto al sondaggio...
  3. A me pare abbastanza evidente che tra Kit e Daniel vi sia stato un rapido innamoramento. Che non significa che tra i due vi sia stata necessariamente attrazione erotica (anche se mi pare che al lettore venga lasciato ampio spazio per consentirgli di immaginarlo); piuttosto che sia nata una forte intesa spirituale o intellettuale. Non mi sembra, in ogni caso, che una simile esperienza, che mi pare peraltro piuttosto diffusa e ordinaria (si pensi solo al rapporto tra il Maestro e l'allievo, nelle discipline artistiche o scientifiche), incida necessariamente sulla virilità di cui il giovane Willer ha dato già ampiamente prova
  4. L'annunciazione, dipinto realizzato nella seconda parte del XV secolo da Leonardo da Vinci, è caratterizzato da alcuni clamorosi errori prospettici. In particolare, il braccio destro della Vergine Maria è molto più lungo del dovuto, mentre le gambe sono piccole rispetto al busto. Ne risulta che la figura dell'Annunciata appare lontana dal leggio, se guardata nella sua parte superiore; molto vicino allo stesso, se guardata nella sua parte inferiore. Eppure, il quadro è unanimemente considerato un capolavoro, e non - banalmente - grazie alla fama di chi lo ha dipinto, ma per l'emozione che sa trasmettere a chi lo guardi. Però, l'errore prospettico c'è, e se ci si concentra su quello, non si può che svalutare il valore dell'opera. Ecco, mi sembra che in questa discussione - peraltro accartocciatasi in un eterno ritorno di temi e contro-temi già sviluppati, quasi fosse una pessima e lunghissima imitazione delle fughe di Bach - vi sia la tendenza, da parte dei detrattori della storia, a concentrarsi sul particolare negativo, omettendo la visione d'insieme. Per quanto mi riguarda, l'opinione - che rivendico come personale, squisitamente soggettiva e impermeabile a qualsivoglia pedante critica alle singole scene, anche perché è con il n. 382 che ho dato l'avvio alla mia collezione del Tex gigante - è che Nizzi abbia messo in scena una vicenda dal ritmo perfetto, che avvolge e avvince, e che rende l'esperienza della lettura così piacevole, anche per via della maestria del disegnatore che ha animato graficamente i personaggi, da nascondere i difetti messi in evidenza in questa discussione, che pur innegabilmente esistono. Concludo, off topic, dicendo che la lettura attenta del forum mi ha insegnato tanto sul mondo di Tex e del fumetto, e sono grato a coloro vi scrive con passione, tra i quali mi piace ringraziare - specialmente - proprio @Diableroe @Letizia, le cui opinioni su La Tigre Nera proprio non riesco a condividere. Nondimeno, nelle ultime settimane ho fatto fatica a leggere tutto, dovendomi quindi avvalere spesso del sacrosanto diritto a omettere la lettura di alcuni post. Mi rendo conto, però, che mi perdo qualcosa. E allora, il mio sommesso suggerimento è quello di provare un po' tutti a non alimentare i flame, che rendono meno leggibile i vari topic, senza riuscire né a rendere più autorevole l'opinione di chi vi partecipa, né a convertire gli avversari verbali.
  5. Non leggo Zagor e non ho alcun interesse a farlo. Ho comprato questo speciale Tex Willer perché è una storia di Tex Willer e perché avevo già letto Bandera. La lettura di questo topic rende evidente come Presagi di guerra sia interessante solo nella prospettiva dei lettori di Zagor. Perché? La risposta ce la fornisce @Diablero: in questo albo non succede praticamente nulla, ed un lettore di Tex come me vuole, invece, che qualcosa succeda. In conclusione, è una storia di cui ricorderò poco, così come ben poco mi è rimasto di Bandera.
  6. Partirei da Un pittore nel west. Sono solo 14 pagine, ma sceneggiate in maniera lieve ed emozionante da Giusfredi. Vi è tutto il Tex che conosciamo e tutta la maestria di cui Giovanni Ticci è capace. Sicuramente un omaggio ad Aquila della Notte per i 75 anni di vita editoriale, ma soprattutto una meritata vetrina per un gigante delle nuvole parlanti e un grande amico di Tex. Voto: 10 e lode Nella famosa (o famigerata) eptalogia dello scontro (finale?) tra Tex e Mefisto c'è un mondo soprannaturale alla Dragon Ball, con tanto di manuale di istruzione per non rischiare di perdersi tra i vari livelli di stregoneria. Ecco, quello è il soprannaturale che in Tex proprio non mi piace. Ne La valle dell'ombra, invece, ci si ritrova su quello sfumato confine tra realtà e soprannaturale: quello che vediamo può essere la proiezione psichica di un Tex in arresto cardiaco o una realtà che si pone aldilà della sfera sensiente; Lilith può essere solo un sogno, oppure può essere una presenza non più viva, ma comunque reale. E' quella stessa atmosfera rarefatta che si respira nelle scene più emozionanti di Colorado Belle. E, come Colorado Belle è un piccolo capolavoro, questa storia celebrativa è un lavoro di eccelsa fattura. Dei disegni non parlo, perché non ho aggettivi per definire una tale summa di bravura. Voto: forse non 10, ma si viaggia oltre il 9. Approfitto del post per aggiungere la mia voce al coro di auguri di pronta guarigione a @borden!
  7. Francamente mi sorprende questo gorgo di polemiche su Ombre di morte. Viene rinvenuta una storia inedita di Gian Luigi Bonelli, incompleta ma provvista dei disegni di un grande artista come Tarquinio. La storia non è evidentemente pubblicabile sulla serie regolare. Non solo è incompleta, problema a cui si potrebbe rimediare, come in effetti si rimedierà. Ma i disegni, a quanto scrive chi ha visto il volume, non sono in linea con gli standard del Tex di oggi (valutazione che, ovviamente, non attiene alla qualità del disegno, ma solo alle sue caratteristiche). Ancor più, la storia presenta degli elementi che la rendono eccentrica rispetto alla continuity (blanda, ma esistente) che si è venuta a formare in mezzo secolo di storia del ranger. Che si fa? Si rimette tutto nel cassetto? Che spreco! Si corregge e si completa Bonelli, affidando i disegni dell'intera avventura a un altro disegnatore? Scelta possibile, ma che cancella proprio quello che rende straordinario il ritrovamento. Ecco allora che la Bonelli decide di pubblicare in volume speciale, fuori serie, sceneggiatura originale e tavole (cui viene aggiunto il lettering; scelta legittima, ma così come sarebbe stato legittimo - e forse anche filologicamente più corretto - pubblicare le tavole senza lettering). Il volume si rivolge, evidentemente, non alla generalità dei lettori di Tex, ma a un nucleo di appassionati che non vedono l'ora di studiare - o semplicemente gustarsi - come il grande vecchio sceneggiava le storie del nostro eroe preferito. Tale scelta penalizza gli "ordinari" lettori di Tex? Certo che no, visto che si trova regolarmente in edicola tanto la serie ordinaria, tanto Tex Willer, a cui si aggiungono - in questi mesi - il Cartonato di Civitelli, il Maxi, il Color e perfino un Magazine straordinario. E allora perché tutte queste critiche? Non sarebbe stato piuttosto criticabile l'ipotetica scelta di pubblicare sulla serie ordinaria di una storia monca e datata, o - secondo un'altra possibilità - una storia di GLBonelli platealmente adulterata? Attenzione, allora, che il nostro amore per Tex non diventi un amore tossico.
  8. I disegni saranno anche un po' così, ma a me ha dato più soddisfazione leggere questo maxi che non affrontare La cavalcata del destino oppure l'eptalogia di Mefisto. I quattro pards in un western classico, ma con più linee di interazione tra i personaggi che si intersecano tra di loro. E, soprattutto, questa volta fortunatamente non ritorna nessuno
  9. Nella recensione che ha preceduto questa ho stroncato l'albo celebrativo scritto da Boselli e disegnato da Villa, che, a mio parere, è stato uno spreco dell'arte che il copertinista di Tex ha dispensato a piene mani. Mi è dispiaciuto fare una valutazione così dura, perché non solo stimo Boselli come autore e come curatore, ma anche perché tutti possiamo agevolmente apprezzarne l'amore per Tex e la passione che lo anima. Sono, allora, proprio contento di poter valutare quest'ultima storia di Tex Willer favorevolmente, dicendo che è perfetta. Perfetta, si badi, non un capolavoro. Che intendo dire? Che mentre L'agente federale è una storia che rimane fortemente impressa nella mia memoria, quest'ultima rientra tra le tante belle avventure di Tex Willer. Però, mi pare che in questa storia sia tutto giusto: il soggetto interessante, la sceneggiatura avvincente, i tempi calibrati (non mi sembra, in particolare, che l'ultimo albo sia affrettato); con quella chiosa finale che mi ha strappato non un sorriso, ma una sonora risata. Ecco, Boselli ha mostrato come, utilizzando con consapevolezza e maestria i ferri del mestiere, possano venir fuori tre albi a cui non si può muovere alcun appunto. Menzione a parte per i disegni di Gomez, che sono semplicemente straordinari, qui ancor più che nel cartonato.
  10. Tutti i quattro Vangeli raccontano dell'unzione di Betania. Una donna si avvicina a Gesù, rompe un vaso d'alabastro e lo unge con una rilevante quantità di costosissimo olio di nardo. Il gesto ha un significato profetico - anticipa l'unzione funebre di Colui che presto sarebbe stato crocifisso - e teologico - l'olio viene offerto, "sprecato" proprio come presto Gesù avrebbe offerto, "sprecato" la sua vita in Croce -. Ma per chi ha guardato la scena con occhi umani, prosaici, il gesto è stato uno spreco bello e buono: come osserva l'Iscariota, vendendo il profumo si sarebbero potuti ricavare trecento denari, con cui aiutare i poveri. Ecco, passando alle nostre parva res, l'albo n. 755 mi ha richiamato alla mente l'unzione di Betania. Ma, trattandosi di fumetto, e quindi di cosa profana, questa unzione l'ho vista con gli occhi dell'Iscariota. Disegni fenomenali, un'ottima colorazione, l'emozionante sogno di Tex, la beffarda fine del senatore. Tutto sprecato, per una storia tutto sommato inconsistente, che ricorderò solo per l'inopinata risurrezione di Higgins. Risurrezione, sì, perché, per le mille ragioni già illustrate da @Exit, @Diablero, @Leo e ancora altri, Higgins era morto, anzi non poteva non essere morto nel deserto. Risuscitato da @borden, ma per fargli fare cosa? Ripetere stancamente quello che già aveva fatto negli albi passati (cosa che, invero, sta accadendo un po' troppo spesso ai personaggi redivivi). E scappare da Tex, che però nemmeno questa volta riesce a realizzare la vendetta che aveva giurato. Mi duole, mi duole veramente dirlo, ma questa storia è in tutto e per tutto sbagliata.
  11. La storia non è brutta, ma... ma: 1) nell'ottavo centinaio degli albi di Tex, quanti ritorni abbiamo avuto? Senza voler contare personaggi ricorrenti come Montales e Morisco, non sono un po' troppi gli antagonisti che ritornano, a volte senza tante ragioni, dal passato? 2) il duello è un elemento narrativo importante; per questo è sbagliato, a mio giudizio, inserirlo in quasi ogni storia e renderlo, così, ripetitivo. Insomma, prosegue una sequenza di storie della serie regolare che è piuttosto deludente.
  12. Sono capitato tra le pagine di quel forum. Francamente, mi pare che gli utenti che lo frequentano avrebbero preferito che Tex si estinguesse alla morte del suo creatore. Non capisco, però, perché continuino a leggerlo e a parlarne. A proposito di questa storia, e in particolare della frase "io non ho fatto quell'ingenuo giuramento", pronunciata da Kate Warne, qualche utente di quel forum ha accusato Boselli di dare dell'ingenuo a GLBonelli. Ecco, mi sembra che una simile conclusione sia frutto o di ingiustificata acrimonia e malafede nei confronti di chi si assunto il compito di regalarci ancora storie inedite di Tex; oppure una scarsa dimestichezza con la comprensione del testo. Quella frase non è assolutamente rivolta al creatore di Tex; piuttosto essa ci dà la cifra di Kate Warne, donna evidentemente spregiudicata, che considera ingenui gli scrupoli di Tex. Ecco, se esistesse in carne e ossa la Kate di Boselli, probabilmente non si tratterebbe di una donna da avere accanto per la vita; ma il personaggio, invece, è interessantissimo e consente a Boselli di ampliare ancor di più il ventaglio di attori che animano il Texone. Si dice che Boselli ami ile anime grige. In realtà, qui ci propone una tavolozza di personaggi dai colori diversi: dalla persona per bene che non si fa scrupoli a uccidere il nemico; alla carogna che, però, ha ancora incubi notturni. Che poi la storia umana sia stata sempre ricca di persone (uomini ma anche donne) pronte a tutto per raggiungere il loro obiettivo, che hanno spregiudicatamente concesso il loro corpo per gli scopi che si prefiggevano (ricchezza, potere o, come nel caso in esame, informazioni) è dato innegabile. Kate appartiene a questa categoria. Non è come Tex, e proprio per questo la sua presenza è interessante. Venendo al sodo, si tratta di una belllissima opera dello sceneggiatore e del disegnatore, che merita, salvo approfondimento a seconda lettura, un risultato ampiamente positivo, direi 9.5. Splendidi i disegni.
  13. A parte l'improponibile sequenza del processo, che non è credibile nemmeno con il più grande sforzo di sospensione dell'incredulità, la storia è leggibile. Anzi, è preferibile a quella precedente, che tanto mi ha annoiato che non ho avuto nemmeno la voglia di commentarla. Solo che questa storia in due albi va a legarsi a una vecchia storia, di cui altera il finale al solo scopo di riproporne il modello. Un'operazione francamente incomprensibile, visto che il modello di narrazione si sarebbe ben potuto riproporre senza scomodare quei personaggi e quella storia. Ciò rende la valutazione della storia negativa. I disegni, molto ispirati dal tratto di Civitelli, non mi sono parsi malvagi.
  14. Valutazione ampiamente positiva per questo albo. Molto interessante il rapporto che si instaura tra Tiger e Astrid. Viene sviluppato in poche pagine, ma delicate e dense di significato, tenuto conto che l'episodio si allaccia a Furia Rossa. Asciutta, e proprio per questo emozionante, la scena in cui i pards mescolano il sangue. Come è stato già detto, Tex, Tiger e Kit sono già fratelli, ma è bello che vogliano suggellare anche simbolicamente questo legame già esistente tenendo a mente il bene di Piccolo Falco. Font, come è emerso, è stato costretto a un lavoro rapido. Ma se ne è rimasto penalizzato il tratto, a volte molto asciutto, rimane la capacità di far recitare i personaggi in scena, che rende comunque gradevole il comparto grafico. Splendida, per testo e resa visiva, la tavola che riasume un caposaldo della saga, e cioè Furia Rossa
  15. Mi risulta più facile recensire una cattiva storia che una riuscita bene. Quindi, ho ben poco da scrivere su questa appassionante vicenda, valorizzata da una sceneggiatura vivacissima ma equilibrata e disegnata impeccabilmente da De Angelis. Probabilmente si tratta, insieme a l'Agente Federale, della storia più bella pubblicata su Tex Willer; e, pur senza sminuire la splendida Pearl, il racconto più riuscito dell'ultimo biennio. Complimenti a Boselli e a De Angelis! Giusto a chiosa, sulla polemica circa Tex che lascia Querquer alla vendetta di Cochise, la scena non mi ha punto disturbato. Come è stato da più utenti osservato, Tex non era nelle condizioni di intervenire: un autorevole capo indiano, più anziano e suo fratello di sangue, era fermamente intenzionato a fare giustizia dell'assassino del padre, uno schifoso scalpatore di donne e di bambini. Ovviamente, era intenzionato a fare giustizia secondo i suoi parametri culturali, che pretendevano una lenta agonia. E, se anche oggi la cosa ci appare un orrore, una giusta prospettiva storica ci evidenzia che sino al 1828 la legge inglese prevedeva che i traditori venissero sottoposti alla pena dell'hanged, drawn and quartered (trascinati legati a un cavallo sino al patibolo, impiccati, decapitati con la spada e squartati). Più in generale, giustizia e vendetta erano due concetti che - soprattutto lontano dai circoli intellettuali europei - ancora si confondevano. Dunque, Cochise voleva (e doveva, nella sua prospettiva) far soffrire il proprio prigioniero, per retribuirlo delle sofferenze provocate. In questo contesto, cosa avrebbe dovuto fare il giovane Tex, che è uomo giusto, ma che - come mi pare che si possa affermare - intende anch'egli la giustizia come retribuzione per il male fatto? Uccidere egli stesso Querquer, privando il suo amico e protettore di quello che questi riteneva essere un suo diritto? Ergersi su un piedistallo culturale e stigmatizzare le barbare intenzioni del capo Apache? Mi sembra piuttosto ridicolo, tanto più che in alcune occasioni Tex ha inferto ai propri nemici una pena dolorosa e angosciante, sia pure solo sul piano psicologico (penso soprattutto a Fraser e a Brennan). Più seria è l'obiezione di chi afferma che l'Autore avrebbe potuto evitare di porre Tex in quella situazione. Ma, a mio avviso, tale obiezione vale solo se si affermi che la fine di Quarquer, nell'ecosistema culturale in cui opera il nostro eroe, è ingiusta. Se invece accogliamo una concezione retributiva (che non ci appartiene culturalmente come italiani del XXI secolo, ma appartiene al mondo di Tex), ecco allora che non c'è alcun problema se il nostro giovane eroe è presente, pur rattristato, alla fine del criminale.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.